COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti

'picchiare' gli oggetti quando il bimbo si fa male
#1
L'altra sera eravamo a cena dei miei suoceri e, mentre giocava, la piccola ha sbattuto la testina sul bordo del tavolo.
Poco male, solo che come al solito lei si è spaventata e ha cominciato a piangere.
Ed ecco che mio suocero si avvicina al tavolo e gli dice "brutto cattivo tavolo!" e gli ha dato qualche pacca con la mano.
Poi dopo un po' la cucciola è inciampata sul tappeto ed è caduta, e di nuovo mia suocera si avvicina al tappeto e dice "cattivo tappeto!" e lo schiaccia coi piedi simulando dei calci.
Osservando queste scene ridicole mi è sceso il latte alle caviglie (perché alle ginocchia è troppo poco) ma non ho detto nulla per non guastare la serata, dato che i suoceri sono piuttosto permalosi.
Ovviamente trovo questa abitudine insensata e per niente educativa, anche perché la piccola l'indomani, dopo aver urtato involontariamente nei piedi di una mia amica, le ha tirato dei calcini Scared
Non l'aveva mai fatto prima ma a questo punto credo che ci sia un nesso con il fantastico 'insegnamento' dei nonni.
Voi che ne pensate?
Esperienze analoghe?
Cita messaggio
Piaciuto da:
#2
Purtroppo si:l'unica é eliminare i suoceri....
10900 Ale 17/07/2010
Cita messaggio
Piaciuto da:
#3
Quoto cancy. Io ci sto provando in tutti i modi, ma nulla!
Cita messaggio
Piaciuto da:
#4
Penso che sia una di quelle abitudini "antiche" e radicate, anch'io ho visto comportamenti analoghi, i miei bambini per fortuna non replicano, anche perchè vedono i nonni così poco che tornati a casa non si ricordano neanche.
Marianna
+ Tommaso 16/12/2008
+ Giulia 11/06/2011
Cita messaggio
Piaciuto da:
#5
non ci avevo mai pensato... e' davvero diseducativo? perche'? non l'ho mai fatto, ma a primo acchito, se fatto per scherzo, non mi pareva troppo nocivo...
Federica, Bianca (13 agosto 2011) e Fabio (24 aprile 2014)
Cita messaggio
Piaciuto da:
#6
Credo che l'istinto dei piccoli di pensare che la causa di cadute o piccoli incidenti sia per lo meno da condividere con l'oggetto d'"inciampo" (tappeto, tavolo, piedi altrui) sia insita in alcuni momenti del loro sviluppo.

Lessi anni fa da qualche parte di una specie di fase 'animista' dei bambini che tendono ad attribuisce anche agli oggetti una sorta di personalità/volontà/intenzionalità.
Fin qui non ci troverei niente di strano.
Già però mi urta un po' quando un atteggiamento che potrebbe essere una fase naturale del bimbo viene invece sollecitato con le modalità standard dall'adulto. Chissà, magari lasciato libero da condizionamenti, avrebbe risolto con un altro sistema il proprio 'conto aperto' con lo spigolo del tavolino.
Ma anche questo credo sia stato un istinto dell'adulto assolutamente ignaro delle (però lievi) conseguenze condizionanti di quel gesto, una semplice questione di coscienza.

Quello che proprio cercherei di chiarire con genitori, suoceri e/o maestri è che proporre al bambino come modalità risolutiva di un 'contenzioso', sia esso con un oggetto d'inciampo o con un altro essere vivente, una botta (dalle mie parti il classico 'tottò') nella forma di uno schiaffo o un calcio o altro, ha delle ricadute sul suo modo di interagire con gli altri.

Sai che proprio pochi giorni prima di venire in montagna, mi è sfuggita non so come una di queste reminescenze della mia infanzia. E mi sono corretta in corsa proprio perché la mia coscienza ha fatto scelte di segno diverso rispetto al trend educativo corrente quando ero bambina io.


Credo che basterebbe condividere mostrando una certa sicurezza di sé e delle proprie convinzioni, questo pensiero.

Un esempio di 'discorsetto' potrebbe essere:

"Io sto cercando i fargli capire che si può reagire ad ogni genere di provocazione, contrasto o presunto torto subito in modi alternativi alla violenza, qualsiasi, a cominciare da un semplice schiaffetto o un urlo invettivo.
A tal scopo io stessa non la rimprovero così, ma la correggo quando necessario in altri modi (esempi, eventualmente) e vedo, come è ovvio per chi ha conoscenze di psicologia, che prende ad esempio le mie reazioni per modellare le sue.
Dal momento che fa necessariamente lo stesso con voi altri adulti di riferimento vorrei che evitassimo insieme comportamenti troppo contraddittori e fuorvianti per un bambino piccolo.
Che ne dite, collaboriamo?"

Se non sono d'accordo proprio per niente, imponetevi.

Altrimentti è molto più probabile che pur manifestando critiche al vostro sistema, convengano che sia meglio adeguarsi per la salute mentale e la serenità del nipotino.
In realtà, spesso criticano comunque con altri le impostazioni e i presunti i risultati discutibili secondo loro, ma di solito se ci vedono risoluti ma disponibili al dialogo, si adeguano. Se non altro per vedere come va a finire!
Em0200 2/10/2007 Tartarughino
Em3600 27/6/2010 Torello
Cita messaggio
Piaciuto da:
#7
(23-08-2012, 05:14 17)Linda Eva Ha scritto:  Credo che basterebbe condividere mostrando una certa sicurezza di sé e delle proprie convinzioni, questo pensiero.

Fatto ieri col marito che si è molto risentito e come si dice dalle mie parti è ancora "unfrato".
Il disgraziato ha suggerito al bimbo di dirimere una questione con un compagnetto d'asilo (che aveva ragione pure) con una testata.Ale si è fatto grandi risate dicendo : PO!PO!
AngryAngryAngryAngry

MA 'STI MARITI POSSIAMO TENERLI SOLO PER LA RIPRODUZIONE??!!
10900 Ale 17/07/2010
Cita messaggio
Piaciuto da:
#8
per inciso. Nonostante il mio ottimo rapporto con i miei suoceri e nonostante siano (soprattutto mia suocera) non predisposti alla 'violenza' nel senso educativo che intendiamo noi, alcune cose simili a questa di cui parliamo le danno così scontate come innoque che a volte mi danno garbatamente dell'esagerata.
Io spiego comunque il mio punto di vista e trovandolo coerentemente logico unito ad altri aspetti, vedo che si adeguano anche senza vederne l'importanza.

Altro paio di maniche i miei genitori.
Tipi diversi e io, credo, pure meno paziente con loro.
Finisco spesso con l'impormi.
Ma cercano di non contraddirmi.
_
oggi ho corretto il post 20 volte: tanto per restare in tema.....sto facendo a pugni con la tastiera!
Em0200 2/10/2007 Tartarughino
Em3600 27/6/2010 Torello
Cita messaggio
Piaciuto da:
#9
Linda... non vorrei sembrarti esagerata, ma la tua frase (ottima, peraltro) sarebbe ascoltata per la prima riga, alla seconda starebbero probabilmente cominciando a pensare cosa preparare per cena ed alla terza si stanno annoiando, e il resto..."stavi dicendo qualcosa"??? Crying

Nei libri che ho letto io si sottolinea diverse volte questo modo di agire. E lo sconsigliano perché "deresponsabilizza" il bambino. L'oggetto è inanimato (sebbene poi si possa salutare il supermercato quando ci passi davanti, l'aereo o si faccia la coccola al vaso del basilico) e si deve imparare a guardare davanti a sé per non colpire l'angolo del tavolo con la fronte. Il tavolo è fermo, tu impari a gestire la tua testa.

Non so, a me è sembrato un discorso logico. Mi capita, su un inciampo, di dire "ostiaccidentialtappeto" ma seguito da "Titti, devi alzare di più i piedi quando passi sui tappeti, hai fatto un bel massaggio al ginocchio?".
Ho subìto anche io l'influenza delle colpe degli oggetti, ovviamente! Ma sto lavorando per liberarmene! 001_smile

Questo in senso verbale. In senso fisico, picchiare l'oggetto, sono decisamente contraria. La violenza non andrebbe mai manifestata, sarebbe difficile per il bambino distinguere e picchiare un oggetto e non un altra creatura...
[Immagine: eNortjKzUjK0MDMxNVCyBlwwFZ8C1Q,,44.png]
[Immagine: eNortjKzUjK0MDMxsVSyBlwwFbYC3Q,,40.png]
Cita messaggio
Piaciuto da:
#10
noi ci limitiamo al brutto, fatto anche su oggetti "bambineschi"; mi spiego: lessi su libricino relativo alla gelosia tra fratelli che non bisogna mai sgridare il bambino che ha picchiato il fratello, ma sgridare la manina. In questo senso se Amelia pizzica il fratello "brutta manina che ha pizzicato Daniele" e così via. Per ora ha funzionato e alcuni dei comportamenti scorretti sono stati abbandonati; per quanto riguarda invece gli oggetti inanimati, colpiti per causa del bambino per errore, la suocera e io di coseguenza ci limitiamo a "guarì guarà guareserà mia nco guareserà ndoma'", filostrocca corredata da bacini e carezzine alla parte "colpita". Qualcosa bisogna pur fare no?
Cita messaggio
Piaciuto da:


Discussioni simili
Discussione Autore Risposte Letto Ultimo messaggio
  oggetti transizionali cancy 7 1.273 30-07-2013, 10:18 10
Ultimo messaggio: cancy
  Ventuno mesi e piccoli oggetti in bocca raffaella 8 1.272 21-12-2012, 01:50 13
Ultimo messaggio: Chiara

Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)