Inappetenza o no? (La profezia)



[box]Antonella, un membro della community, ci manda il seguente guest post dove racconta la sua storia.[/box]

lego, profezia, prophecy, palla di vetro, svezzamento, autosvezzamento
Photo by pasukaru76
Una delle prime cose che mi disse mia suocera una volta nata nostra figlia fu: “Ti auguro che mangi! Perché con suo padre dai 7 mesi in poi è stata una tortura”. Il figlio in questione è il mio compagno, l’uomo che ha assaggiato il primo broccolo (e cavolo, e cavolino di bruxelles, e cipollotto) solo con me. Uomo che, non sufficientemente pago di essere selettivo con le verdure, è vegetariano da circa 20 anni.
Ma torniamo a Emma. Ho avuto la grande fortuna di avere i consigli giusti e la montata lattea a 12 ore dal parto e l’allattamento è partito. La bimba cresceva bene, quindi verso i sei mesi la pediatra mi ha dato la ricettina. Francamente non mi sono posta molto criticamente su questo, sentivo parlare di autosvezzamento, di alimentazione complementare a richiesta, ma ero convinta che la strada “naturale” fosse quella della ricettina.
La mela grattuggiata è finita sul muro (si poi ho spostato il seggiolone), mentre il brodino patata, carota, zucchina, con la farina andava alla grande! Informai la pediatra che non intendevo usare il liofilizzato di coniglio o altri omogeneizzati (mi proponeva quello di agnello…) ma che avrei cucinato e frullato io.
Per 3 settimane un successone! Gran poppata prima di pranzo, piattino di pappa, gran poppata post pranzo. E poi sempre latte materno.
Ad un certo punto, dopo una febbre. BOCCA CHIUSA. SERRATA. URLI E PIANTI APPENA MESSA SUL SEGGIOLONE.

La profezia della suocera si era avverata… L’inappetenza genetica dei 7 mesi si era manifestata!

La prima settimana continuai con il latte materno, ma lei era sempre affamata.
Provai con altro, provai frutti, frullai tutto il frullabile (sempre dietro ricettina), ma niente.
Finché una sera le misi nel piatto un broccolo lesso. Riuscii a sederla e se lo mangiò. Poi un altro, poi un fusillo al sugo e un po’ di ricotta.
Bimba FELICE, sporca dalla testa al pavimento, ma felice.
Il giorno dopo azzardai di nuovo. E ancora e ancora. Finché in breve, magari tagliuzzato, magari imboccata su qualcosa, ecco che mangiò esattamente quello che mangiavamo noi.
Ma la cosa migliore non fu che lei riprendesse a mangiare, ma che a me cadessero le mie convinzioni.
Ha avuto altri periodi di inappentenza, certamente ma non mi hanno spaventata.
Ha cibi che preferisce e altri no, certo!
Ha periodi da ultra schizzinosa (guai prezzemolo, guai semini…) certo!
Ha periodi anti-consistenze (no pastina piccola, no frutta nello yogurt), certo!
Ma passano! Perché mamma e papà hanno capito che il cibo sano è benzina, e che i consumi li regola lei. E la pappa si fa con il sorriso sempre!
(e al ristorante ci fanno i complimenti e gli amici dicono che conviene più regalarle una camicia che invitare a cena nostra figlia!).
Ciao
[box]Avete anche voi storie di profezie auto-avverantisi? Raccontatecelo nei commenti.[/box]

Scopri l’autosvezzamento!

Iscrivendoti alla newsletter riceverai immediatamente l'ebook

Alimentazione complementare e paura del soffocamento
E se si strozza?

In più potrai scegliere tra:

  • Il minicorso sull'autosvezzamento
  • Le ricette della community
  • L'attività settimanale del blog
  • L'attività settimanale del forum

La tua privacy è importante.
Con noi la tua email è al sicuro!

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


There are 10 comments

Dicci come la pensi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *