Allergie e svezzamento



I frutti di mare svezzamento autosvezzamentoRiporto parte di una chiacchierata che facemmo un paio di anni fa con Lucio Piermarini sul tema crostacei, allergie nello svezzamento, alimenti allergenici, cosa mangiare e quando.

AUTOSVEZZAMENTO.IT: In un discussione sulle allergie nello svezzamento leggo: “è imperativo dare l’uovo a un anno perché ho visto mio nipote che un altro po’ ci lasciava le penne e aveva un anno. Se fosse stato introdotto a sei mesi sarebbe stato ancora peggio”. Ho appena riletto il capitolo del suo libro in cui ne parla, ma oltre a dire che la probabilità di incidenza in soggetti senza precedenti di allergie è bassa non sono in grado di fornire numeri.
Insomma qual è la vera probabilità di sviluppare un’allergia senza essere già “a rischio”? È meglio/peggio/uguale avere una reazione allergica grave a 6 mesi, a un anno o più tardi?

LUCIO PIERMARINI: Mi sembra piuttosto illogico sostenere che si debba dare l’uovo a “1 anno” perché un tale bambino ha avuto una reazione grave assumendolo a “1 anno”. La conclusione dovrebbe essere di darlo dopo, a 18 mesi o due anni. E se vediamo un altro bambino che ha una reazione grave a due anni decideremo di darlo a tre? E così via. Questo è stato fatto fino ad oggi e non ha portato alcuna diminuzione delle allergie, anzi. Dopo che si è capito che la tolleranza si sviluppa per via orale, si è cominciato, dati alla mano, a fare marcia indietro e a promuovere l’introduzione precoce di tutti gli alimenti e su tutto ciò ci sono dati sufficienti in letteratura. Non è, però, neanche possibile pretendere che tutto questo sia facilmente accessibile a persone che hanno vissuto esperienze drammaticamente negative e alle quali siano state date spiegazioni diverse, e del tutto analoghe a quelle che noi stessi abbiamo passato come valide per tanto tempo.
Uno shock anafilattico a 6 mesi è sicuramente più impegnativo che a 1 anno; tuttavia, se è vero che dando l’alimento a rischio a sei mesi ho meno probabilità di avere reazioni, non ho dubbi su cosa scegliere, senza preoccuparmi di tabelle di introduzione degli alimenti. In più non va dimenticato che la modalità “autosvezzamento” comporta di non propinare grandi quantità di alimento ma assaggi, e questo tutela contro reazioni violente più probabili con porzioni normali. Una tecnica di terapia delle allergie gravi è proprio quella di somministrare l’alimento incriminato (si fa di solito con alimenti molto diffusi e spesso “invisibili” come il latte e l’uovo) in dosi successive a partire da briciole e aumentando poco per volta.

AUTOSVEZZAMENTO.ITAbbiamo parlato di uova, latte, pomodori… ma abbiamo lasciato fuori i crostacei e i frutti di mare che per taluni sono il peggio del peggio se si parla di bambini.
Anche i frutti di mare vanno nel reparto “allergenici” per cui da usare con cautela, ma senza preoccuparsene se non se ne ha ragione, o c’è un qualche pericolo in più?

LUCIO PIERMARINI: Come spero abbia visto, stando a quanto dice la letteratura, non bisogna badarci più, a nessun allergene, se non al contrario nel senso di darli tutti, il prima possibile e senza eccezioni.
Ci dobbiamo fidare? Premesso che tutto ciò che vuol chiamarsi scientifico è confutabile, io, come pediatra, non ho altra strada che quella di leggermi i lavori scientifici, sentire i commenti di parti e controparti, e scegliere da che parte stare. Non sempre mi è possibile fare una scelta convinta; allora resto un po’ alla finestra sperando di non incappare nella situazione critica, e, se avviene, condivido le mie perplessità con i genitori. In questo caso specifico c’è il dato di fatto dell’aumento delle allergie nel mondo sviluppato, della migliore comprensione dei meccanismi di maturazione della tolleranza, e delle sperimentazioni controllate (clinical trial), in precedenza mai fatte, che dimostrano un vantaggio del contatto precoce, tanto più se in allattamento naturale. Da tutto ciò la mia tranquillità nel proporre un autosvezzamento libero da restrizioni.
Ai genitori, possiamo metterci a raccontare vent’anni di odissee sperimentali? Dopo due minuti cominciano a guardare un angolo del soffitto e dopo cinque si ricordano di un appuntamento urgentissimo con l’agenzia delle entrate. Conseguentemente (e astutamente, potrebbe sibilare qualcuno) ho preferito, avvantaggiandomi delle frequenti occasioni di incontro con le mamme nei corsi di “accompagnamento dalla nascita”, basarmi su una comprensione logica del problema, passo passo, accessibile ai “laici”, e assumendomi la responsabilità di quanto di “scientifico” fosse indispensabile aggiungere, lasciando al grado di fiducia nei miei confronti il compito di certificarmi come attendibile. Comunque, per chi vuole, le fonti sono facilmente accessibili, ma deve saper bene a cosa va incontro, visto che ci confondiamo anche noi.

Ulteriori approfondimenti sullo svezzamento sono disponibili in questa presentazione  ricca di umorismo e di riferimenti scientifici per chi fosse interessato a saperne di più.

Scopri l'auto-svezzamento

Iscrivendoti alla newsletter riceverai immediatamente l'ebook

Alimentazione complementare e paura del soffocamento
E se si strozza?

In più potrai scegliere tra:

  • Il minicorso sull'autosvezzamento
  • Le ricette della community
  • L'attività settimanale del blog
  • L'attività settimanale del forum


La tua privacy è importante.
Con noi la tua email è al sicuro!


COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


33 comments

  1. Laura says:

    Buongiorno, chiedo una cosa: mi sembra che nessuno abbia parlato del miele, che mi risulta essere un alimento pericoloso se inserito prima dell’anno/anno e mezzo perché può causare botulino.
    È corretto? Se è così, il miele è quindi l’unico alimento assolutamente da evitare?
    A parte il fatto che a bimbi di pochi mesi non si dovrebbero dare alimenti così zuccherini, può succedere, come è capitato a me: prima dell’anno la nonna ha dato a mia figlia un assaggio di miele finché ero al lavoro

  2. andrea_ says:

    Veroga , ciao, direi che basta evitare uova e latticini come comunque avresti fatto. In ogni caso molto probabilmente il pediatra ti consiglierà una dieta di desensibilizzazione per il bimbo, così da reinserire questi alimenti nella dieta il prima possibile (assumendo che poi risulti effettivamente intollerante)

  3. Veroga says:

    Io allatto al seno, e la mia bimba di sei mesi ha mostrato intolleranza a latte e uova, tanto che il pediatra mi ha tolto dalla dieta tutto ciò che é vaccino e tutti i formaggi. Volendo fare l autosvezzamento, come devo procedere?

  4. Daniela Re says:

    molto variata e sana. Detto questo, io non sono un medico, non so perché gli sia stato dato un farmaco piuttosto che un altro, non voglio sicuramente mettere in dubbio le loro competenze e mi fido di quel che mi viene detto. Certo è che con tutte le varietà di pesce che esistono sicuramente cercherò di evitare di dargli proprio crostacei. Mio figlio è stato svezzato tradizionalmente e ha sempre mangiato qualsiasi cosa gli proponessi ad eccezione dell’insalata, ogni giorno però ciò che ritenevo potesse assaggiare glielo proponevo e molto gradualmente è arrivato ad assaggiare quasi tutti i cibi. Io sono convinta che il bambino debba decidere lui quando è pronto per mangiare altro oltre al latte è il suo istinto che glielo dice, ma dall’altra parte c’è anche l’istinto della mamma, che sa quando quanto e cosa proporre al bambino. Per il momento il mio istinto m i dice di evitare certi alimenti, per cui se gli dico che certe cose mamma non vuole che le mangi non fa una piega e mi ascolta, mangia volentieri altre cose. Questa è la MIA esperienza personale.

  5. Daniela Re says:

    Premetto che c’era mio marito al pronto soccorso, io ero a casa con i nostri gemelli dimessi proprio il giorno che siamo dovuti correre al pronto soccorso. Io non so di preciso cosa abbia mangiato perché ovviamente se ero in ospedale non potevo occuparmi del pranzo. Mi han riferito abbia mangiato del merluzzo che era in una confezione surgelata di grigliata di pesce: solitamente io non compro cibi pronti e l’alimentazione di mio figlio è molto varisa+

  6. Tata Babela says:

    spaghetti allo scoglio giusto domenica scorsa, a 13mesi. L’unica cosa e’ che al ristorante usano molto piu sale, quindi non ne ha mangiati tantissimi (di solito si pappa anche 60 gr di fusilli o penne a casa… ) ha bevuto di piu, e poi ha assaggiato la frittura. Evviva il piatto unico, si mangia dal piatto della mamma!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *