E se si strozza? Riflesso faringeo e soffocamento



“Aiuto! Si strozza!!”

La paura che il bambino si strozzi con qualche pezzetto di cibo è sempre la prima preoccupazione di chi sente parlare di bambini che non mangiano pappe, ma cibo solido nel senso stretto del termine. Ci sono anche molti genitori che – nonostante credano nell’autosvezzamento – più di altri faticano a lasciarsi alle spalle le paure legate ad una determinata maniera di pensare ai bambini.

Ispirati da un articolo dedicato al Baby-led weaning, guardiamo da vicino il rischio di soffocamento e impariamo a riconoscere quando dobbiamo preoccuparci e quando invece non è necessario, imparando a capire e a fidarci delle capacità innate di nostro figlio.

La paura che un bambino non sia in grado di gestire cibo solido è comprensibilmente molto diffusa se si pensa che è credenza comune che per passare dal latte al cibo normale è necessario passare attraverso le pappe, o meglio cibi ridotti in purea o omogeneizzati. La realtà è che un bambino che si dimostra pronto ad iniziare lo svezzamento, se gli si dà la possibilità di provare e fare pratica, è in grado di gestire il cibo in bocca esattamente come noi adulti (N.B. discorso che NON vale, invece, per bambini introdotti ai solidi precocemente). Noi tutti possediamo un riflesso, chiamato riflesso faringeo, che è la risposta del nostro corpo contro il soffocamento.

Tuttavia, molto spesso, l’attivazione del riflesso faringeo ci spaventa, vedere nostro figlio che diventa rosso in viso e tossisce mentre mangia ci terrorizza e ci confonde: si starà strozzando?

Il riflesso faringeo

È il naturale meccanismo anti-soffocamento: una contrazione muscolare che protegge la gola evitando che un qualsiasi corpo estraneo che arriva a toccare il palato molle o la parte mucosa alla base della lingua vi penetri, rigettandolo attraverso un conato, colpi di tosse o anche vomito.

Gill Rapley, autrice del libro Baby-led weaning, suggerisce che, nei bambini in età di svezzamento, il punto in cui questo riflesso si attiva sia più vicino alla parte anteriore della bocca che non negli adulti. Questo significa quindi che il meccanismo di protezione delle vie respiratorie da rischio di soffocamento è ancora più accurato nei bambini? Difficile a dirsi. In letteratura sono riuscita a rintracciare un solo documento, datato 2001 (in verità è una summa di studi fatti antecedentemente), che accenna a questo fatto.
Questo documento parla però di due cose importanti. Traduco, riassumendo, i punti salienti:

Il riflesso faringeo comincia a perdere d’intensità a partire dai 6 mesi, quando coinvolge i 2/3 posteriori della lingua, senza però scomparire del tutto. L’area di stimolazione diminuisce gradualmente fino a interessare il quarto posteriore della lingua

Tra i 6 e i 9 mesi la funzione motoria orale è pronta dal punto di vista dello sviluppo per l’introduzione di cibi solidi e semi solidi. Nei bambini più piccoli a cui venissero offerti cibi solidi o semi solidi l’anatomia orale, le risposte dei loro riflessi e la conseguente funzione motoria orale indicano come essi siano prematuri dal punto di vista dello sviluppo e come ciò possa incrementare il rischio di aspirazione

In soldoni, un bambino che non è pronto allo svezzamento, è a maggior rischio di soffocamento.

È fondamentale mettere in luce altri aspetti, che la stessa Rapley sottolinea: è importante che il bambino sia

  • in controllo di ciò che finisce nella sua bocca
  • capace di mantenersi seduto in posizione eretta durante il pasto
  • messo in condizione di sperimentare con consistenze diverse

Un bambino lasciato libero di fare esperienza, toccare, maneggiare, assaggiare, annusare il cibo in tutta libertà, oltre ad imparare sin da subito a gestire il cibo in bocca, comprende presto cosa è commestibile e cosa no, e potrà essere meno interessato a portare alla bocca oggetti non commestibili perché ha esaurito già quel tipo di curiosità del mondo.

La mia esperienza personale e quella di altri genitori testimoniano che, con l’alimentazione complementare, gli episodi di conati si fanno sempre più rari grazie al fatto che il bambino impara a gestire il cibo destreggiandosi sempre meglio.
Il riflesso faringeo è lo stesso che provoca conati di vomito ai bambini che, abituati a consistenze omogenee, fanno fatica a gestire texture diverse. Il bambino svezzato in questo modo non ha imparato il complesso meccanismo di gestione del cibo che comprende la masticazione (anche se rudimentale quando ancora non ci sono i molari) e la deglutizione secondo la modalità che conosciamo noi adulti, e si trova a doverlo fare più avanti: quasi un secondo svezzamento, ma stavolta dalle puree.

Tanto per chiarire meglio di cosa stiamo parlando, nel video qui sotto vedete Miss C, 6 mesi e mezzo, che ci dimostra il suo riflesso faringeo.

 

Come intervenire? Non intervenire!
Se vediamo che nostro figlio è in difficoltà con un pezzo di cibo, non dobbiamo cercare mai di intervenire infilandogli le dita in bocca per estrarre il cibo allo scopo di aiutarlo: è molto pericoloso perché rischiamo di spingere il corpo estraneo più in fondo. Diamo al bambino la fiducia e il tempo di fare da solo, con qualche spinta o colpo di tosse il pezzo di cibo ritornerà al suo posto.
Il nostro compito è di essere sempre vigili e non lasciare mai il piccolo mangiare senza supervisione.
Dopo un episodio di questo tipo in genere il bambino continua a mangiare tutto contento, come se niente fosse.

L’ostruzione parziale o totale

Un bambino “si strozza” e rischia il soffocamento quando un corpo estraneo blocca le vie aeree, quindi se un pezzo di cibo ostruisce la trachea. Il piccolo può diventare cianotico e mostrare evidente difficoltà a respirare; non riesce ad espellere il corpo estraneo dalla gola e, con gli occhi spalancati non emette suoni.

Qui sì che bisogna intervenire! Per non soccombere al panico, in questi casi è molto importante saper cosa fare; ogni genitore, e non solo, dovrebbe imparare come operare le manovre di disostruzione pediatrica, che sono l’unica maniera per salvare la vita a una persona a rischio di asfissia. La Croce Rossa Italiana, grazie all’iniziativa del Dott. Marco Squicciarini, mette a disposizione dei corsi di disostruzione pediatrica, spesso gratuiti, in tutta Italia e video illustrativi per raggiungere anche chi non può frequentare questi corsi: partecipate, se potete, e diffondete tra i genitori e gli operatori per l’infanzia quanto è importante che tutti coloro che si relazionano con i bambini sappiano cosa fare e come reagire.

Come ben sintetizza l’abstract di questo articolo pubblicato su NCBI, i bambini fino a 3 anni sono vittime frequenti di soffocamento per una serie di concause(*): la loro tendenza ad esplorare il mondo usando la bocca, la mancanza dei molari e quindi la ridotta abilità nel masticare i cibi, la scarsa o assente (nei più piccoli) capacità di riconoscere gli oggetti edibili da quelli che non lo sono (punto su cui però ho personalmente alcune perplessità, vedi sopra) e la tendenza a svolgere altre attività mentre mangiano.

Ma gli incidenti di soffocamento sono prevedibili.
Come? Ne parliamo nell’articolo sulla prevenzione.

[hr]

Ringrazio Gill Rapley e Marco Squicciarini per aver suggerito spunti di riflessioni e letture per le mie “ricerche” per comporre questo articolo.

[wps_custom_form id=0]

Iscriviti alla newsletter e ricevi SUBITO l’ebook sul soffocamento, “E SE SI STROZZA?”

Con noi i tuoi dati sono SEMPRE al sicuro e non verranno condivisi con NESSUNO.

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


70 comments

  1. Rosanna Caccavo says:

    no…. però nell’ebook ci sono dei link importanti, da questo punto di vista. Non sostituiscono un corso ma sono un’ottima informazione

  2. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Ada Moreschi, probabilmente lasciare fare (entro limiti che solo tu puoi valutare) è la cosa migliore. Dopo tutto è il bambino è grandicello… mi domando se non lo faccia anche un po’ “apposta” se vede che reagisci. /A.

  3. Ada Moreschi says:

    Questo post arriva a fagiuolo, come si suol dire, è da un mese che si strozza con tutto (ultimo un pezzo di caco mela ieri) ed ha 16 mesi. Io non sono mai intervenuta nemmeno a 6 mesi, ora lo sto a guardare perdendo anni di vita…. Starà esplorando la sua laringe? Col caco mela si è proprio disostruito da solo, ha tirato una specie di colpo di tosse e il pezzo è volato lontano… Io lo lascio fare, no? Cerco di prevenire ricordandogli di masticare bene, ma poi, quando incomincia a tossire, annaspare, lacrimare, diventare rosso, trattengo il fiato e aspetto… Voi cosa fareste?

  4. Chiara Ranallo says:

    Eh lo so con il senno di poi…ma in quei momenti non è semplice.. Kmq non so era diventata rossa rossa.. In genere lascio fare a lei…

  5. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Elisa Montiglio, per sapere, hai dovuto pagare qualcosa per frequentare il corso? /Andrea

  6. Elisa Montiglio says:

    io avevo tanta paura e mi è passata davanti la vita più volte all’inizio. poi ho frequentsto un corso di disostruzione pediatrica presso la CRI della mia città e mi sono sentita più sicura. lo consiglio a tutti. assolutamente mai dita in bocca, si rischia di spingere più a fondo il pezzo.

  7. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Chiara Ranallo, il dito in gola proprio non lo consiglierei… se c’è qualcosa che pensi che stia andando di traverso rischi di mandarlo ancora più giù. Meglio fare come dicono quelli della Croce Rossa con le pacche sulle spalle.
    Ma poi siamo sicuri che era di traverso? Hai fatto il confronto con il video nel post? /Andrea

  8. Chiara Ranallo says:

    A me ieri sera si stava soffocando con un pezzo di patata al forno un po più croccante.. Non riusciva a cacciarlo ed era tutta rossa…
    Dito in gola e ha cacciato il pezzo

  9. Alessandra says:

    Mah io sono stata ripresa dalle vecchiette per strada perché mio figlio trieenne camminava due passi dietro (o davanti) a me senza tenerlo per mano. Per me era importante che imparasse. Altrettanto fautrice dell’andata a scuola da soli opportunamente addestrati e semmai in gruppo. Ma non riesco a trovare altri genitori che vogliano fare il gruppo. Per me un buon compromesso sarebbe il piedibus: c”è un adulto di riferimento ma il rapporto non è 1:1 e i bambini imparano la responsabilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.