Autosvezzamento e il rientro a lavoro, la parola ai genitori



Carta e penna autosvezzamento

Tra le tante ansie che attanagliano i genitori dei bambini autosvezzanti (e non) c’è lo spauracchio del rientro a lavoro.

  • Come farà con la nonna che si fa venire le ansie?
  • Le educatrici del nido non mi danno retta.
  • Prende ancora tantissimo latte e il biberon gli fa schifo.
  • … (spazio per il TUO problema)

La lista potrebbe essere lunghissima, ma credo che ci siamo capiti. In sostanza accanto alla comprensibile ansia da separazione che accompagna il rientro a lavoro, per alcuni si aggiunge anche la preoccupazione di come far mangiare il proprio piccolo quando non ci sono i genitori a disposizione per alcune ore del giorno.

Nell’arco dei mesi ho letto molte storie di genitori che sono dovuti tornare a lavoro prima di quando lo desiderassero, ma ho anche notato che i problemi che all’inizio sembrano insormontabili piano piano si risolvono da soli ed emerge un nuovo equilibrio sufficientemente soddisfacente sia per i genitori che per il bambino (e per la nonna o l’asilo o chi per loro).

Per quanto mi riguarda, noi siamo stati fortunati in quanto non abbiamo parenti nelle vicinanze, nel nostro asilo è previsto solo un menù uguale per tutti (se vuoi le pappe te le devi portare…) e il latte non la faceva già più da padrone quando le bambine sono andate all’asilo, così il problema non si è proprio posto.

Tuttavia mi rendo conto che non è per tutti così e che le problematiche, e le possibili soluzioni, sono tantissime.

È anche vero però che spesso i problemi ce li creiamo dove, forse, non esistono, e montagne in apparenza insormontabili, con il senno di poi, si rivelano solo dei dossi

Questo spazio è dedicato a raccogliere le storie di genitori che sono tornati a lavoro. Scrivete nei commenti quali problemi avete dovuto affrontare e come li avete risolti, chi vi ha aiutato e chi vi ha remato contro. L’importante è mettersi nei panni di chi ci deve ancora passare in modo da offrire sia sostegno che suggerimenti così da far trovare a tutti i genitori la soluzione che fa per loro.

Iscriviti alla newsletter e ricevi SUBITO l’ebook sul soffocamento, “E SE SI STROZZA?”

Con noi i tuoi dati sono SEMPRE al sicuro e non verranno condivisi con NESSUNO.

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


218 comments

  1. Cosentino Pietra says:

    Non posso… Faccio le guardie mediche, il contratto è da libero professionista che collabora con la Asl… Lavoro da quando la bimba aveva 2 mesi ma solo il giorno. Tra un mese mi toccheranno le notti, finora mi hanno coperta i colleghi…

  2. Francesca Feroldi says:

    Mi sembra che per alcune categorie di lavoratrici ci sia la possibilità di chiedere l’esenzione ai turni notturni fino ai tre anni del bambino, che diventano otto se la mamma è single/separata

  3. Francesca Amini says:

    Cosentino Pietra prova col bicchierino…ce ne sono di appositi. Ovviamente non dovrai proporglielo tu ma chi starà con lui/lei la notte. Da te vuole la tetta ;)

  4. Francesca Amini says:

    Pietra…prova con il bicchierino. Ovviamente non devi essere tu a proporglielo ma chi starà con lui/lei di notte…

  5. Cosentino Pietra says:

    E x la notte come farò che tra un po’ devo fare le notti in turno? Mai accettato il biberon e di notte ciuccia ogni 5 ore… Sos -help -consigli mamme!!!!

  6. Cosentino Pietra says:

    Io tra un mese inizio i turni di notte! Problema… Dalle 19:30 alle 9 del mattino dopo,(quando rientro a casa )cosa ciuccia che non vuole manco vederlo il biberon? Sos !

  7. Cosentino Pietra says:

    Stesso problema! La mia rifiuta il biberon! Cosa dargli la mattina quando non ci sono??? Tra un mese torno al lavoro… :-(

  8. Isadora Longo says:

    La mia Miriam ha 7 mesi e l’allatto prima di uscire, poi mangia quando ha fame quello che mangiano i nonni e quando rientro dopo 5 ore l’allatto, nelle ore di assenza non ci sono , ergo non chiede il latte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.