“Anche io ingozzavo mio figlio (ma ora non più)”



Svezzamento alimentazione forzata
Se il bambino non (ti) mangia, l’imbuto non è mai la soluzione

18 luglio 2013

Qualche giorno fa in un post sulla pagina Facebook una mamma raccontava, a proposito di “bambini inappetenti”:

A pranzo da mia suocera: mentre mia figlia mangia da sola le sue verdure intervallando con pezzetti di pollo, la nonna dice: “Vorrei che venisse la vicina a vedere come si mangia…”
N.B. la vicina ha un bimbo della stessa età (10 mesi) e per farlo mangiare lo inclinano all’indietro e gli buttano la cucchiaiata in bocca…

Tra i vari commenti sconcertati ne arriva uno diverso. Scrive Maria, che risponde così:

Ahimè ho passato mesi a fare come la vicina con i papponi che mio figlio disgustava palesemente. Ma per me era improponibile dargli altro. Poi, grazie anche e soprattutto a una mia amica la cui figlia si stava autosvezzando, ho cominciato prima di tutto ad ascoltare il mio bambino e a capire cosa mi stava chiedendo. Ci ho messo un po’ a “sbloccarmi” mentalmente dall’idea della pappa pesata, ma poi ai suoi dieci mesi ho capito che non era mio figlio ad essere inappetente e capriccioso, ma ero io a non vedere e non capire… da allora a volte mangia anche più di me e a volte non mangia proprio, ma io lo so, adesso, che è in grado di gestirsi da solo…

Per poi continuare più un dettaglio:

Parto con una premessa: ho avuto un parto cesareo dopo un induzione fatta perché dopo 12 giorni dalla dpp ancora nulla si era smosso. I miei sogni di un parto naturalissimo in acqua già erano svaniti e il pensiero “di non essere riuscita” a partorire mi ha devastata non poco.

Ho allattato solo tre mesi. Io probabilmente non ne ero capace.
Nessuno mi ha aiutata.
Francesco, a detta della pediatra, aveva il reflusso. Poppava spessissimo, ma pochissimo e cresceva poco. Da qui la pediatra iniziò a farmi fare le doppie pesate che erano un incubo. Appurato che ciucciava poco siamo passati al latte artificiale. Ancora adesso piango…
Allattare per me era ed è la manifestazione più grande dell’amore per mio figlio e pensare che non ero stata in grado di farlo mi deprimeva.

A 4 mesi inizio lo svezzamento. Adesso inorridisco ma allora 4 mesi mi sembravano perfetti. La mia rovina è stata quell’allattamento non riuscito e le mie doppie pesate.
Ho iniziato a pesare tutto… doveva essere preciso al grammo, e logicamente Francesco doveva abbuffarsi di tutto quello che preparavo perché “le tabelle” dicevano questo. Ma ha sempre rifiutato tutto.
Dal primo giorno.
Dal primo cucchiaino.
Usavo ogni metodo: aeroplani, cartoni, musiche, teatrini, cellulari, urla, pianti, minacce… Stavo li anche due ore davanti a lui, così piccolo in un seggiolino reclinato così grande che mi guardava con due occhioni che mi dicevano “basta ti prego”. Per non parlare delle litigate con marito e nonni… sfogavo con tutti la mia frustrazione, la mia debolezza la mia insicurezza e la paura di “non riuscire a farlo crescere”, come era successo con il parto e l’allattamento.

Poi ho incontrato (virtualmente, in un forum di mamme) una ragazza la cui figlia si è autosvezzata. Mi disse che probabilmente Francesco non era un bambino inappentende, ma semplicemente uno che non gradiva i papponi. E mi ha detto anche che non c’erano grammi, bilance e tutto il resto da seguire. L’unica cosa da fare era ascoltare lui.
Mi ha consigliato di leggere “Il mio bambino non mi mangia” del “mio” pediatra Gonzales e da lì ho guardato mio figlio, l’ho visto interessarsi al mio cibo, alle mie posate, al tavolo… Ho eliminato così il seggiolino e ho comprato un alzasedia. Cucinavo per tutti le stesse cose e finalmente ho smesso di imporre e ho iniziato a proporre.

Ci ho messo un pochino eh, contavo ancora i fusilli che gli mettevo nel piatto, ma la cosa è andata sempre meglio. Adesso ha 24 mesi… mangia autonomamente da un po’, si regola lui quanto mangiare e soprattutto quando perché capita a volte che (come me) non abbia fame. Se guardo indietro so di aver fatto passare un incubo durato sei mesi a mio figlio e per questo mi odio. Ora sto cercando il secondo bambino che grazie al fratello avrà vita più facile!

Ho voluto pubblicare la storia di Maria perché la trovo profondamente toccante. Parla di speranza e della capacità di cambiare, di uscire dai propri circoli viziosi e ritrovare una serenità che sembrava irraggiungibile. Inoltre la storia di Maria mostra tutti quei meccanismi contro i quali qui in questo sito ogni giorno cerchiamo di lottare. Li avete riconosciuti?

Se avete assistito o vissuto situazioni simili, raccontatecele nei commenti.


Aggiornamento gennaio 2016

[box]Maria aggiorna in prima persona la sua storia 2,5 anni dopo.[/box]

Quando guardo Francesco non posso fare a meno di correre indietro nel tempo. Chiudo gli occhi e vedo lui, a 4 mesi e mezzo, in quel seggiolone, davanti a quel piatto pieno e io davanti a lui. Davanti a lui che piango e urlo e cerco di ingannarlo per fargli aprire la bocca in ogni modo. Poi apro gli occhi e lui è lì, a quasi 5 anni, seduto sulla sua sedia e davanti quel Piatto pieno non c’è più. Ora sceglie cosa mangiare e soprattutto quanto mangiare.

A tavola ridiamo, scherziamo. Si, ci sono settimane in cui mangia veramente molto meno del solito ma ora lo so, lui è così. Perché poi ci saranno settimane in cui la spesa nel frigo durerà 2 giorni…. Va be, lo ammetto, a volte ancora mi preoccupo e un “Francesco mangia, dai ancora un pezzo”, esce dalla mia bocca. Ma lui lo sa che sono fatta così e sapientemente mi dice, “mamma, mangio quello che mi sento”. Allora non posso fare altro che chiedere scusa e dirgli che ha ragione.

Ora i figli sono due. Con noi c’è anche Federico che ha quasi due anni. Con lui ho avuto un favoloso vbac (parto naturale dopo un cesareo) e tutt’oggi allatto felicemente mille mila volte al giorno. Ha iniziato a mangiare a sei mesi e mezzo e non ho mai, mai, mai insistito una volta. Per questo da grande dovrò spiegargli che se la mamma è, forse, stata appena appena un po’ più brava di quello che era con Francesco, beh, lo deve proprio a lui. Al fratello che ha permesso di migliorarmi e che ha iniziato a insegnarmi come essere, da subito. Solo che mamma ci ha messo un po’ a capire.

Loro hanno un rapporto diverso col cibo: Francesco molto selettivo, complicato. Osserva colori, forme e consistenze e poi decide se assaggiare o meno. Federico…beh a Federico non interessa nulla, è sufficiente sia commestibile. Inizia a mangiare con la forchetta, rigorosamente da solo da praticamente sempre, per poi finire con le mani…gioca, guarda, mischia cibo e acqua ma poi decide che vale la pena mangiare tutto.

Ecco, questo rapporto così nettamente differente è senza dubbio frutto del mio approccio, sbagliato con uno e più corretto con l’altro, con lo svezzamento dei miei figli. Ma penso anche che prima di ogni cosa sia dato dalla consapevolezza che ho adesso e non avevo prima e dal riconoscere un neonato come persona consenziente degna di assoluto rispetto in quanto essere umano con gusti, tempi, modi e sentimenti che gli appartengono assolutamente come appartengono ad un adulto. L’unica differenza è che loro non sanno parlare, ma se ci fermiamo ad osservarli, possiamo accorgerci che ci stanno già dicendo tutto.

[box]Incredibile come le cose possano cambiare così radicalmente. Delle volte le difficoltà che i nostri figli ci presentano sembrano degli ostacoli insormontabili, quando invece basta cambiare la nostra prospettiva e ci rendiamo conto che sono solo dei sassolini.

Raccontateci nei commenti la vostra esperienza – e quella dei vostri figli. In che modo avete cambiato modo di approcciarvi?[/box]

Scopri l’autosvezzamento!

Iscrivendoti alla newsletter riceverai immediatamente l'ebook

Alimentazione complementare e paura del soffocamento
E se si strozza?

In più potrai scegliere tra:

  • Il minicorso sull'autosvezzamento
  • Le ricette della community
  • L'attività settimanale del blog
  • L'attività settimanale del forum

La tua privacy è importante.
Con noi la tua email è al sicuro!

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


13 comments

  1. imma says:

    Leggo questo racconto e penso “è la mia stessa storia..” ho una bimba di quasi quattro mesi che purtroppo non sono riuscita ad allattare, la pediatra mi hai subito indirizzato verso il latte artificiale in quanto la bimba non prendeva peso
    Inizia così l’incubo del peso e della crescita, il conto dei grammi ingeriti e delle ore tra una poppate e l’altra. La piccola mangia poco e cresce la mia ossessione per la bilancia, la obbligo (per quanto possibile) ad igerire la quantità di latte indicata dalla pediatra… ora la mia ansia cresce ancora di più perché so che a breve la dottoressa mi dirà di cominciare con gli omogeneizzati e mi chiedo come dovrò comportarmi? Impormi anche in questo caso? Obbligarla a mangiare come ho fatto fino ad ora?

  2. celeste says:

    Buonasera a tutti…
    Ho le lacrime agli occhi per ciò che ho letto….secondo me,non me ne volete,ma la colpa di tutto sta nei pediatri….
    Bastava che il pediatra spiegasse come avere più latte,senza fare doppie pesate e aumentare così lo stress di madre e figlio…..
    La mia piccola ha 5 mesi e 4giorni…da quando è nata abbiamo cambiato 6 pediatri e ancora non riusciamo a trovarne uno “giusto”….
    Questo perché ho imparato ad ascoltare la mia piccola….vi racconto brevemente… Nei suoi primi 10 giorni Giada aveva preso più di 1/2 kg….andiamo a visita e la pediatra mi dice che non andava bene,che non doveva mangiare quando voleva lei ma che dovevo farla mangiare 20 minuti ogni 3 ore per darle delle regole…questo perché avevo tutti contro(suocera,vicini,gente estranea che si faceva i fatti miei) solo perché dando il latte materno a richiesta io non le davo orari ma la lasciavo mangiare quanto e quando voleva…..torniamo a visita dopo un mese e Giada aveva preso solo 580 gr….un mese d inferno….lei piangeva tutto il giorno e io provavo mille modi per distrarla….quando finalmente era ora della poppata lei dormiva sfinita…..nella 2 visita visto che non prendeva peso la pediatra aveva subito proposto il latte artificiale…..io ho trascorso tutta la gravidanza con la voglia di allattare e di instaurare quel rapporto unico mamma/figlia…ho pregato mio marito di darmi 2settimane di tempo….se Giada non si riprendeva avrei fatto come volevano loro……Giada come dicevo ha oramai 5 mesi e 4 giorni…..facendo una media del suo peso prende circa 1.400kg al mese solo col mio latte…..mio marito mi ha ascoltata,io ho ascoltato lei….e ora dovreste vederla…..ho incontrato(su un sito)una ostetrica che mi ha supportata x telefono e mi ha parlato anche di autosvezzamento.it…..non vedo l’ora di vederle afferrare fusilli e coscette di pollo….e autosvezzarla ascoltando lei e nessun altro….
    A volte penso solo che le mamme abbiano bisogno di qualcuno che sia sincero di cuore e che dica dawero cosa fare per il bene dei piccoli e anche nostro che li amiamo…..è per questo che continuiamo a cambiare pediatra…..
    Grazie per la possibilità di sfogarmi….buona serata a tutti

  3. Erika says:

    Anche io sto vivendo esattamente la stessa situazione. Mia figlia non mangia le pappe, per fortuna, ma ha sempre mangiato quello che mangiamo noi, tritato. Non è mai stata una gran mangiona e quando allattavo era una che ciucciava poco e spesso- e cresceva poco. Abbiamo provato con l’auto svezzamento a 6 mesi perché ci sembrava pronta e volenterosa di mangiare come noi ma poi abbiamo ceduto al tritato perché non prendendo lei il latte (era in una fase di rifiuto totale del latte) non potevamo accettare che mangiasse solo due fusili a pasto… Poi è arrivato il nido e la piccola si è abituata a mangiare sempre cibo “da grandi” ma imboccata con il cucchiaino. Ora ha 9 mesi e da una settimana ci fa capire chiaramente di non volere più essere imboccata con il cucchiaino ma di volere mangiare da sola. Quindi abbiamo modificato i nostri menù a tavola per proporle cibo che lei possa prendere in mano e portare in bocca da sola… Se la cava alla grande anche se ogni tanto se stanca e allora aspetta che le mettiamo noi in bocca ( con la mano, senza cucchiaino) i pezzetti di cibo. Abbiamo però paura del rientro al nido dopo le feste, lì l’aspetta il cibo tritato e il cucchiaino… Come se la caverà?

  4. miodime says:

    autosvezzamento o no, penso che il messaggio principale che i genitori dovrebbero imparare è che devono ascoltare e osservare i loro bimbi. la mia bimba di ora otto mesi gradualmente ha iniziato a rifiutare la pappa, io mi facevo mille paranoie oddio che cos’ha saranno i dentini, questo, quello o fa soltanto capricci. un giorno non appena mi ha vista con la ciotola in mano mi ha tirato un urlo e ho detto hey qui c’è qualcosa che non va. e mi sono resa conto che magari ero io che mi imponevo troppo. per quello stesso pasto, il contenuto della ciotola di plastica l’ho messo in una di vetro, la mia bimba poteva vedere cosa c’era dentro, ho spalmato un po’ di pappa sui bordi che lei si è messa subito in bocca e le ho dato il cucchiaio per sperimentare. da quella volta non ha più rifiutato la pappa!

  5. Carlotta says:

    Qualche giorno fa un collega di lavoro mi raccontava la storia di un’amica (che lui definiva ganzissima per questo metodo di “fregare” il proprio figlio) che per far mangiare le pappe al piccolo gli faceva vedere il ciuccio , poi quando apriva la bocca gli infilava il cucchiaino e per non fargliela sputare gli rimetteva il ciuccio. Mi sono sentita male. Di solito non amo mettere bocca, perchè credo che ogni genitore debba trovare lo stile genitoriale che più lo rappresenta e che riesce a metterlo in una situazione serena. Ma in questo caso mi sono sentita di dirgli: “posso consigliarti di provare a parlare alla tua amica di autosvezzamento?” mettendola come proposta per dare un aiuto a risolvere il famoso falso problema del bambino che non mangia. mi sono sentita rispondere che lei non è una persona che accetta consigli e soprattutto andrà per la sua strada (che rimane per lui ganzissima). Ultimamente trovo tante mamme che neanche ti considerano quando dici la parola autosvezzamento… peccato…

    • andrea_ says:

      @Carlotta magaril il collega non ha figlio (piccoli) e comunque bisogna poter parlare la stessa lingua… da come la descrivi tu, uno parlava in grco antico, l’altro in un dialetto del Sudafrica… Ci credo che non vi capivate :)

  6. LauraFracassi says:

    ” ho smesso di imporre ed ho iniziato a proporre” Questa frase dovrebbe diventare lo slogan del sito! Toccante, il coraggio di una mamma che è stata capace di cambiare e di crescere….insieme e grazie a suo figlio! Grazie Maria!

  7. LauraGargiulo says:

    mi sono commossa…quanto è vero che bisogna guardare i nostri figli e non ascoltare nessun altro. certo, è difficile soprattutto quando è il tuo primo bambino, in cui di un po’ di consigli ne avresti bisogno, ma l’ignoranza e la perseveranza (e non c’è cosa peggiore che perseverare nell’ignoranza) possono avere la meglio. io dico, menomale che c’è internet e i libri per informarsi, menomale che l’ho fatto, menomale che ho conosciuto Gloria :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *