Contattaci



 

Sei un genitore?

Se hai un dubbio o una domanda sull’autosvezzamento puoi contattarci tramite la pagina Facebook oppure accedendo al nostro Forum; in questo modo avrai la possibilità di ricevere un numero maggiore di risposte dalla nostra attivissima community di genitori.

Per qualunque altro quesito o se preferisci mantenere l’anonimato, puoi contattarci tramite il modulo sottostante.

Per inviarci le tue foto e i tuoi filmati, puoi utilizzare direttamente il seguente indirizzo email:

info@autosvezzamento.it

Risponderemo a tutti il prima possibile.

 

Sei un’azienda?

Se hai un’attività o rappresenti una ditta e sei interessato a inserire la tua pubblicità su Autosvezzamento.it, contattaci utilizzando il modulo sottostante oppure scrivici direttamente a

info@autosvezzamento.it
Grazie!

 


COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


24 comments

  1. Tamara says:

    Buonasera, sono la mamma di Filippo di 7 mesi.
    Filippo è partito con uno svezzamento classico in quanto, pur essendo io molto attratta dall’autosvezzamento, non ho ricevuto dalla mia pediatra il minimo appoggio e dunque per paura ho optato per uno svezzamento classico.
    Inizialmente è andata bene,ma da qualche settimana Filippo rifiuta le pappe o ne mangia poche, ma spesso noto che risulta interessato dal cibo che mangiamo noi.
    Mi piacerebbe passare all’autosvezzamento ma non saprei come fare a questo punto, inoltre Filippo alcuni giorni a settimana pranza al nido, e possibile conciliare le due cose?
    Lui attualmente fa due pasti di latte (artificiale): uno la mattina presto e uno a merenda, a metà mattina.
    Grazie

  2. Valentina says:

    Buongiorno, avrei bisogno di qualche consiglio. Mia figlia ha 7 mesi e mezzo, dal sesto mese ho cercato di introdurre cibi solidi a integrazione del latte materno ma lei rifiuta qualsiasi cosa. Ho provato di tutto, dalle classiche pappe e frutta grattugiata al nostro cibo, se provo a imboccarla chiude la bocca o esce la lingua, da sola al massimo ciuccia un po’ di pane o frutta ma poi li butta. Se qualcosa le arriva in bocca cerca di spuntarla e a volte vomita. Non mi sembra molto interessata al cibo, anzi ha quasi un’avversione che non mi spiego visto che mai e’ stata forzata a mangiare ed è sempre stata vicino a noi durante i pasti. All’inizio pensavo che semplicemente non fosse pronta e che con il tempo si sarebbe avvicinata da sola al cibo ma è passato un po’ di tempo e non vedo cambiamenti.
    La pediatra consiglia di “affamarla”: non darle il seno e costringerla per fame a mangiare ma io non condivido e sono sicura che ci sarà un altro modo, solo che non riesco a trovarlo. Non so cosa fare e non so come gestire il mio rientro in ufficio tra pochi giorni.
    Vi ringrazio.
    Valentina

    • Andrea says:

      ciao Valentina,

      onestamente quello di “affamare” la bambina non mi sembra una buona tecnica.
      Ti consiglio di non provare a introdurre niente… Lascia che sia lei ad avvicinarsi al cibo e non viceversa e dai tempo al tempo.
      Magari tirati il tuo latte e congelalo in caso servisse.

      Inoltre quante ore starai via e con chi rimarrà la bimba? Niente pausa allattamento (che è un tuo diritto)?

      Ciao,

      • Valentina says:

        Ciao Andrea, Emilia rimarrà con la nonna. Ho comprato il tiralatte per lasciarle le scorte e stiamo iniziando a fare le prove (finora non ha mai preso il biberon). Con l’allattamento ho diritto a due ore di permesso che vuol dire uscire alle 16 anziché alle 18 ma, considerando i tempi di percorrenza per raggiungere l’ufficio, si tratta di lasciarla dalle 8 alle 17 circa.
        Dici che è un comportamento normale il suo? Grazie tante Valentina —

        • Andrea says:

          Certo che è normale. Lei mica lo sa che devi tornare a lavoro (né le interessa particolarmente…) Inoltre, quando la mamma non c’è le dinamiche cambiano radicalmente, per cui quello che succede con te non è necessariamente indicativo di quello che succederà quando non ci sei.
          Piuttosto lavora sulla nonna, così da prepararla adeguatamente :D

        • Valentina says:

          Dovrò lavorare su entrambe le nonne, visto che da febbraio si alterneranno. Loro mi creano un po’ di ansia, continuano a dirmi che se non mangia altro oltre al latte avrà carenze, che non è normale che non riesca/voglia inghiottire e che potrebbe essere patologico, che non sta crescendo adeguatamente ecc….ecc…
          Io però ho fiducia in lei e credo che quando sarà pronta per mangiare ce lo farà capire.
          Grazie ancora e una buona giornata —

        • Valentina says:

          Ciao amico,

          Ho trovato un sacco di cose interessanti che potrebbero piacerti, Ti prego di dare un’occhiata

          riguardati, Valentina Ricotta

  3. Gloria says:

    Ciao sono la mamma di un bimbo di 6 mesi e mezzo allattato esclusivamente al seno fino al sesto mese compiuto. Quando ho iniziato a dargli le pappe si è subito capito che lui non le vuole. Mi sono pertanto avvicinarsi nata al tema As e ne condivido i principi. Io vorrei seguire questa strada ma la mia paura è che lui non mangi abbastanza quando io dovrò a breve tornare a lavorare e stare lontana almeno 6 ore. Inoltre non so se le nonne, che per ora si occuperanno di lui siano pronte a seguire certi comportamenti….
    Sono angosciata, suggerimenti?
    Grazie mille
    Gloria

  4. elena says:

    Buonasera, è da diverso tempo che seguo il vostro sito e mi informo sul tema dell’autosvezzamento che vorrei seguire per la mia bambina di 4 mesi, non appena sarà pronta. Mi sono iscritta alla newsletter ma non ho ancora ricevuto nulla, nemmeno l’ebook. Potreste verificare?
    Grazie.

    • Andrea says:

      Ciao Elena,

      Sicura che l’iscrizione sia andata a buon fine? Prova a iscriverti di nuovo e vedi cisa succede.

      Se fallisce, scrivimi in privato che risolviamo.

  5. Manu says:

    Buongiorno a tutti, vorrei chiedere delle informazioni. È da qualche giorno che leggo il vostro sito per informarmi un po’ meglio sulla questione “autosvezzamento”. Ho un bimbo di 8 mesi,che sta seduto da solo bello dritto ed è molto interessato a tutto quello che succede a tavola…Ho cominciato a svezzarlo a 4mesi e mezzo con la classica frutta omogeneizzata e nel giro di poco siamo passati prima al brodo vegetale e poi al minestrone con dentro le varie farine e omogeneizzati. Già da un mesetto abbondante al posto delle farine usiamo pastine di varie misure e forme (anche il riso) della mellin e il mio bimbo mangia tutto e con gusto!! Il punto è che comunque tutto quello che mangia lo faccio appositamente per lui,mentre leggo nel vostro sito che dovrebbe mangiare quello che mangiamo noi!! Ho provato a dargli qualcosa a pezzettini,ma o sono troppo grandi e li sputa o sono troppo piccoli e ci gioca. Anche quando è interessato al nostro cibo,se si tratta di qualcosa di morbido (tipo il gelato) allora lo mangia,altrimenti lo studia,se lo rigira nelle manine,lo fissa e ci gioca. Non mangiando le cose a pezzettini e non potendo tornare indietro e dargli il latte, continuo a preparargli le pappe con pastina sempre più grossa,ma di base c’è comunque il minestrone frullato. Altro nostro problema è che mio marito lavora fino a tardi,spesso mangiamo la sera anche alle 22 e il bimbo a quell’ora è già a letto: c’è occasione di sedersi a tavola insieme solo la domenica!! A pranzo poi lavoriamo entrambi e chi ci tiene il bambino non mangia il piatto di pasta,piuttosto che la bistecca…al massimo uno yogurt!! Potete spiegarmi in maniera pratica come faccio a passare dallo svezzamento tradizionale all’autosvezzamento? Grazie dell’aiuto. Manuela

    • Andrea says:

      Ciao Manuela,

      mi pare da quanto dici che il tuo bambino sia già bello che svezzato, per cui nel tuo caso si parla di passare da un’alimentazione “baby a una “normale”.
      Non mi dici quanto latte prende, ma da quanto dici mi sembra che sia poco.
      Quello che ti consiglierei è semplicemente di mettervi a tavola insieme (tu e il bambino…). Il papà mangerà da solo più tardi, magari mentre si guarda la televisione :D) Dopo tutto se la situazione non cambierà a breve scadenza mica vorrai che il bimbo mangi da solo fino ai 18 anni ;).
      Così piano piano il bambino imparerà a conoscere quello che è il cibo “da grandi”. OK, ci giocherà, lo prenderà in mano, lo butterà per terra, ma tutto ciò fa parte della sperimentazione.
      Per voi potete preparare piatti più semplici… che so, un minestrone o un piatto di pasta, delle polpettine morbide, formaggi, ecc. così: 1) il bambino vede che effettivamente anche voi mangiate (l’aspetto conviviale è fondamentale) 2) Vedendovi che mangiate le stesse cose vorrà imitarvi.

      Vedrai che è più facile a farsi che a dirsi. Ti consiglio però di non temporeggiare perché più il bambino cresce e più rischi che diventi diffidente verso nuovi cibi (succede a tutti), per cui potresti trovare più difficile fare il passaggio.

      Forse questo ti aiuta: http://www.autosvezzamento.it/as-in-pratica/passare-dallo-svezzamento-tradizionale-allautosvezzamento/

  6. vivianame84 says:

    Ciao sono la mamma di Emma 8 mesi 1/2 e felicemente autosvezzante dai 6 mesi 1/2 circa.
    Da 3 settimane rifiuta il seno, forse a causa di una mia negativa reazione ai suoi numerosi morsi, o forse per la dentizione, non saprei. Fatto sta che tirarsi il latte con scarsissimi risultati è frustrante e da un paio di giorni ci ho rinunciato, così come ho rinunciato a tentare di farla riattaccare viste le crisi di pianto, sue e mie.
    Il fatto è che le abbiamo provate tutte, vomita i latti artificiali ( e vorrei vedere, fannoschifo e in più sospetto un‘intolleranza alla caseina, oltre al fatto che bere latte animale non umano è innaturale, ma abbiamo voluto cmq provare!!) E quelli vegetali non li vuole, nemmeno quelli naturali, oltre a quelli formulati.
    Forse è piacciono troppo pranzo e cena ^_^
    Ha subito infatti manifestato molto interesse e apprezzamento x il ciBo solido e noi la abbiamo assecondato lasciando che mangiasse quanto voleva ( cioè tanto, fa fuori piatti interi di ogni cosa, verdura carne pesce cereali)
    Ora rifiuta anche ogni tipo di liquidi, quindi tendo a preparare cose più liquide x pranzo e cena alternando a cose più solide. A colazione viole solo frutta, ma poca, e biscotti o gallette di riso.
    Oggi le ho proposto del formaggio di capra e ha gradito.. ma yogurt non ne vuole… la colazione mi sembra poco sostanziosa e il pasto pre nanna che prima era a base del mio latte ora lo salta proprio perché non so cosa darle!!
    Vorrei avere un vs parere in merito, il pediatra con molta noncuranza ha detto di aspettare 2 settimane e proporle sempre il latte che prima o poi cederà.
    Io vorrei sapere se può crescere bene senza latte e derivati (la soia non la vuole e nemmeno tofu) e che dieta posso proporle X essere sicura che s nutra adeguatamente. A chi mi posso rivolgere?un nutrizionista forse?
    Anche se Emma gioca e ride, la notte non riposa bene e non cresce, e io sono veramente un Po in crisi!!!
    Grazie x la vs attenzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *