Differenze tra svezzamento “tradizionale” e autosvezzamento

differenza svezzamento autosvezzamento

Già diverse volte ho provato a quantificare le differenze tra svezzamento “tradizionale” e autosvezzamento (vedi in fondo a questo articolo per i vari link), ma nonostante tutti i miei sforzi, questo è pur sempre uno degli argomenti più ostici da trattare.

Tempo fa c’è stata una domanda sulla pagina Facebook che ha generato un’interessante discussione e mi sembra utile preservarne i punti salienti in quanto altri la troveranno utile per chiarirsi un po’ le idee.

La domanda

ho già dato un’occhiata al sito, ma non mi è ben chiara la differenza che c’è tra svezzamento normale e autosvezzamento. D’accordo, con l’autosvezzamento non si mangiano le pappe, ma i pezzi, ma poi? Tutto lì?

Le risposte

Qui di seguito trovate alcune tra le risposte a mio avviso più interessanti. in grassetto metto in evidenza le frasi per me chiave.

P. dice: Autosvezzamento per me, oltre alla natura del cibo proposto, significa lasciare che sia il bambino a dettare le sue necessità, in termini di tempi, quantità e qualità.
L’adulto diviene supporto per competenze ancora immature, ed esempio.

M. aggiunge: Lo svezzamento tradizionale è fine a se stesso, cerca di togliere il latte il più in fretta possibile sostituendo i pasti, nell’autosvezzamento è il bimbo che decide cosa e quanto mangiare e anche se preferisce ancora il latte o meno, crea un buon rapporto col mangiare che diventa occasione di sperimentare e imparare invece che uno stress. Inoltre non è necessario preparare pasti separati.

P. ipotizza: Lo svezzamento tradizionale dovrai farlo 2 volte. Primo per togliere il latte e il secondo per togliere le pappe a cui è abituato. Con l’autosvezzamento il latte non si toglie, l’alimentazione è complementare a richiesta. Quindi il bimbo arriva a mangiare come il resto della famiglia!

V. racconta: aggiungo che noi lo abbiamo scelto per essere genitori facilitatori e non impositori. Per poter essere tranquilla anche quando usciamo a mangiare senza preparare qualcosa da far scaldare. Per evitare di anticipare passaggi. Per educarci tutti ad uno stile sano di alimentazione. Per stare tutti bene.

I. suggerisce: Svezzi senza bilancino o dosi. Se non mangia soprattutto i primi mesi no problem che c’è il latte. Cucini meno cose perché tutti mangiano più o meno uguale. Stimoli l’autonomia del bambino. Insomma no stress e magari meglio (se prima mangiavi da fast food per pigrizia)

S. esclama: e perché mangiare insieme, con bimbi felici e attivi è la cosa più bella del mondo!

S. la sa lunga: Credo che la differenza più importante stia nel fatto che nell’autosvezzamento viene assecondata tutta una serie di cose proprie del bambino: i suoi tempi, i suoi gusti, le sue preferenze, e perché no anche i suoi passi indietro, i suoi tentennamenti, i suoi “capricci”. Si da tempo al tempo, si da fiducia al bambino e fidati, i risultati si vedono, eccome, dopo un po’. Un bambino che è stato rispettato nel suo naturale approccio col cibo sarà un bambino che affronterà sempre con molta naturalezza il momento del pasto, che sia un mangione o no, perché non tutti sono mangioni, è questo il bello… viene rispettata l’individualità di ogni bimbo.

A. aggiunge: Nell’autosvezzamento il bimbo impara a conoscere il cibo con quanti più sensi possibili, in primis quello del tatto. Perciò, oltre ad assaggiarlo, lo maneggia, lo schiaccia con le mani, è lui a portarselo alla bocca e per tutto questo è importante fornirgli qualcosa alla sua portata.

V. ha capito tutto: autosvezzamento è lasciare che il bambino sperimenti e gestisca l’approccio al cibo “solido” secondo le proprie esigenze e i propri tempi di crescita, condividendo l’esperienza dei pasti con tutta la famiglia. Pappe vs pezzi è un’aberrazione che genera incomprensioni e ansie di gestione.

Infine M. dice di essere una voce fuori dal coro: Bah. Io ho seguito la tabella dello svezzamento tradizionale (interpretandola) e francamente non mi ritrovo in molte vostre descrizioni – né per questo ritengo di essere una “autosvezzatrice” -. Ho sempre assecondato mio figlio. Mai forzato a mangiare quello che non si sente (e se non mangia – capitato quasi mai – la pappa propongo il latte senza farmi alcun problema). Il latte a 11 mesi non l’ho ancora tolto e ritengo che vada bene così. Sarà lui a decidere quando non ne avrà più bisogno. Quando alle pappe, lo ripeto per l’ennesima volta, è un falso mito che facciano schifo. Ad oggi mangia di tutto e assaggia tutto. Prima la pappa (ormai grossolana) /pastina condita o altro e poi assaggia il cibo dei grandi. gradualmente sta passando alle consistenze dei grandi senza particolari intoppi.

D’accordo, probabilmente M. è stata fortunata in quanto suo figlio si è conformato alle aspettative del genitore, tuttavia quello che descrive non è proprio il messaggio che vorremmo far passare?

Aggiungete le vostre considerazioni tra i commenti, così chi viene dopo di voi imparerà dalle vostre esperienze (Facebook è bello, ma lì i post durato un giorno e poi sono persi per sempre).


Chiaramente questo argomento è stato già trattato molte volte. Se volete chiarirvi le idee vi suggerisco di leggere i seguenti articoli:

L’autosvezzamento è un processo orizzontale

Io non svezzo nessuno. I bambini si svezzano da soli

Il bambino comincia l’autosvezzamento, NON il genitore

Introduco un pasto alla volta?

E moltissimi altri. Sfogliate i tantissimi articoli del sito, magari utilizzando la casella di ricerca che trovate in alto. Così troverete moltissime risposte, anche a domande a cui non avevate ancora pensato.

 

 

Iscriviti alla newsletter e ricevi SUBITO

la NUOVA EDIZIONE dell’ebook sul soffocamento, “E SE SI STROZZA?”

Con noi i tuoi dati sono SEMPRE al sicuro e non verranno condivisi con NESSUNO.

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


SE LO MORDI, LO SCRIVI
Il diario dove registrare
giorno per giorno il VOSTRO autosvezzamento.
se lo mordi lo scrivi


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


5 comments

  1. S. says:

    Per me autosvezzamento é uscire dagli schemi e provare a superare i miei limiti. Ho deciso di seguire l’autosvezzamento perché mi è piaciuta l’idea di dare a mio figlio i cibi di famiglia piuttosto che le pappe, perché mi piace l’idea che l’autosvezzamento funga da educatore alimentare per il bambino e per i genitori; perché sono d’accordo che il latte non sia un “vizio” da togliere. Ma… quanto avrei voluto avere delle ricette. Quanto mi sarebbe piaciuto sapere di dover dare X fusilli di N cm2 conditi con Y broccoli e Z g di grana grattugiato. L’ansia delle carenze o dei surplus nutrizionali è sempre dietro l’angolo. Seguire una piramide alimentare non é facile, visto che se ne trovano tantissime. Una volta la pasta è alla base della piramide, un’altra alla cima. Insomma, per me, che ho sempre amato avere il controllo su tutto, è una grande sfida. Mio figlio mi ha insegnato e mi sta insegnando tanto, ma è un attimo ricadere nelle paranoie. Meno male che esiste questo sito, che per me è piattaforma di costanti ricerche.

  2. letizia says:

    Per me “auto svezzamento” é sinonimo di SERENITÀ… Daniel non é un mangione (almeno per il momento) e se non mi fossi documentata e mi fossi affidata alla tradizione per me sarebbe stato un inferno! Invece così ci sediamo a tavola tutti insieme, lui mangia un po’ dal cucchiaino e un po’ dalle mie mani poi quando si stanca lo prendo in braccio per un po’ di titta poi a volte se vede che io continuo a mangiare ricomincia ad aprire la boccuccia come un uccellino! Il tutto con estrema serenità, nel pieno rispetto dei suoi tempi, gusti e preferenze!

  3. Alessandra says:

    Loris non ha mai rubato nei piatti ma ha sempre apprezzato le pappe. Ha imparato a deglutire bene a 8 mesi e a masticare a 11. Io gli facevo vedere la pasta, i mandarini, i pezzetti di polenta. ..ma lui niente, ha cominciato a mangiare come noi quando ha imparato a masticare. Anche questo immagino abbia significato rispettare la sua volontà. Adesso mangia come noi ma in entrambi i periodi non l’ho mai forzato se non aveva voglia…

  4. Francesca says:

    Il mio bimbo a 5 mesi e 1/2 gioiva quando lo sedevo sul seggiolone e si lanciava verso i nostri piatti. Per me fare autosvezzamento ha significato questo, incorraggiare il suo entusiasmo verso il cibo, condividere con lui i pasti e quello che era sulla nostra tavola, lasciarlo libero di sperimentare con le mani quanto voleva ( certo all’inizio fanno un gran casino ) ma adesso che ha 13 mesi oltre a mangiare con entusiasmo tutto è molto autonomo. Soprattutto nella masticazione e ha imparato che quando ha un pezzo grosso lo deve sputare e dare a mamma. Insegnare a gestire il cibo mi è sempre sembrata una misura molto molto più sicura e preventiva che dare tutto frullato. Abbiate fiducia delle capacità dei vostri figli, vi stupiranno !

  5. Francesca Gasperuzzo says:

    Il mio bimbo a 5 mesi e 1/2 gioiva quando lo sedevo sul seggiolone e si lanciava verso i nostri piatti. Per me fare autosvezzamento ha significato questo, incorraggiare il suo entusiasmo verso il cibo, condividere con lui i pasti e quello che era sulla nostra tavola, lasciarlo libero di sperimentare con le mani quanto voleva ( certo all’inizio fanno un gran casino ) ma adesso che ha 13 mesi oltre a mangiare con entusiasmo tutto è molto autonomo. Soprattutto nella masticazione e ha imparato che quando ha un pezzo grosso lo deve sputare e dare a mamma. Insegnare a gestire il cibo mi è sempre sembrata una misura molto molto più sicura e preventiva che dare tutto frullato. Abbiate fiducia delle capacità dei vostri figli, vi stupiranno !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.