Lo stupidario dell’allattamento (e non solo)



labirinto allattamento

Premessa

Ammetto che in gravidanza avevo preso sottogamba l’argomento allattamento perché davo per assolto che il bambino sapesse già cosa fare (il bambino sì, ma non la mamma) e avevo sottovalutato la fragilità emotiva che mi avrebbe colpito dopo il parto. Mi sono resa conto, con il bimbo in braccio, di essere totalmente impreparata. Dopo il primo mese un po’ vacillante in cui una miriade di consigli discordanti da professionisti del settore avevano contribuito alla mia confusione, ai miei errori, alla mia crisi e al pericolo di far naufragare un allattamento già avviato ho deciso di far da me ed informarmi per bene sul tema.
Girando in internet ho trovato il numero della Leche League (mi ricordo ancora quella telefonata di un’ora seduta sul letto fra pianti e singhiozzi con una fantastica consulente che mi rispondeva dalla villeggiatura. Era agosto). Era tutto ok. Mio figlio era ok ed io ero ok. Non c’era niente di rotto o non funzionante, solo qualche lacuna da riempire. Ho eliminato di punto in bianco le aggiunte e mi sono fatta giorni, settimane e mesi interi a letto con mio figlio attaccato al seno a fare nient’altro che allattare e studiare il manuale della LLL. Ho letto libri su libri, partecipato ad incontri, chiesto e parlato tanto. E allatto tutt’ora felicemente (il bimbo ha quasi 15 mesi). È un gesto stupendo, intimo e un legame tenero e speciale. A volte penso che se mi fossi lasciata convincere dai consigli “esperti” avrei perso tutto questo. E mi rendo conto quanto sia fondamentale la consapevolezza e la preparazione.

.

Il mio campionario di “perle di saggezza”…

Ostetrica al corso pre-parto del consultorio e io prendevo anche gli appunti mentre parlava!:
– “Vi consiglio di comprare un paio di quei brik di latte artificiale già pronto perché tanto non vi verrà il latte in ospedale e a casa nei primi giorni entrerete in crisi. Senza star lì a dannarvi dategli il biberon e via…”
– “Non accarezzate e non toccate il bambino mentre lo allattate perché si infastidisce e poi non poppa più.”
– “Ci sono gruppi di sostegno all’allattamento al seno se volete. Ma sono dei fanatici che pretendono di farvi allattare a tutti i costi anche se non avete latte”.
– “A qualcuna di voi potrebbe capitare la sfortuna di avere uno di quei bambini che si attacca poco e spesso. È stressante. Pensate che ci sono bambini che si attaccano anche ogni ora!” e il mio bimbo era proprio così. Nei primi giorni cercavo di rifilargli quell’odioso latte in brik nonostante dall’ospedale mi avessero dimessa con la nota “allattamento ben avviato” e nessun’altra spiegazione. Quelle parole mi avevano indotto in errore pensando che il mio bimbo non fosse “normale”. All’epoca ero davvero ingenua.

Pediatra al corso post-parto:
– “Che bella fascia! È un bel modo per tenere il bimbo al sicuro. Ma ora è arrivato il momento di staccarsi da lui e abituarlo a fare a meno della presenza costante della mamma.” Detta quando mio figlio aveva 20 giorni.
– “È consigliabile allattare a richiesta ma non va bene allattare troppo spesso. Bisogna dare il tempo al bambino di digerire. Quindi aspettate almeno un’oretta fra una poppata e l’altra. Se il bimbo piange consolatelo e aspettate l’ora della poppata. Potreste rovinargli lo stomachino delicato.” E questo geniale consiglio mi ha procurato numerosi ingorghi.
– “Vi consiglio un bellissimo libro che si chiama ‘Io mi svezzo da solo’. Ci sono degli ottimi spunti.” Peccato che quando il mio bimbo aveva quattro mesi mi ha consigliato omogeneizzati e pappe frullate che ormai era arrivata l’ora di svezzarlo… temo che non l’avesse nemmeno aperto quel libro…
– “Dopo i primi giorni i bambini vanno separati dalla madre perché così imparano l’autonomia. Se non avete altre stanze in cui mettere il bimbo sistemate un paravento intorno alla culla così il bimbo può avere la sua intimità.”

Pediatra di base alla visita dei 7 giorni dopo aver chiesto consigli sull’allattamento:
“Ma guardi. Io non ne so nulla di allattamento. Deve chiedere a chi è più competente. Chieda all’ostetrica del consultorio.” (Non una stupidata, NdR)

Ostetrica del consultorio, dopo la doppia pesata:
“Non ha preso nemmeno un grammo di latte. È chiaro che non hai il latte. Senti come piange forte, sta morendo di fame. Devi correre subito in farmacia a prendere questa marca qui di latte in polvere (era scritta nel libretto sanitario del piccolo). Non vorrai mica farlo morire di fame?” Peccato che la bilancia avesse le pile scariche e non segnava il peso giusto!

Pediatra di base al telefono parlando di un sospetto reflusso:
“Per risolvere il reflusso deve interrompere l’allattamento e dare il latte artificiale antireflusso”, ed è stata l’unica cosa che mio figlio vomitava regolarmente.

Pediatra di base al telefono parlando della cacca verde fluo di mio figlio:
“Signora non deve mangiare zucchine o verdura verde.”
“Guardi che non ho mangiato verdura verde.”
“Beh, in ogni caso interrompa l’allattamento.” Peccato che la cacca verde era causata dall’antibiotico inutilmente prescritto al mio bimbo di due mesi senza integrazione di fermenti.

Pediatra di base alla visita dei 6 mesi:
“Bene ora può eliminare una poppata per sostituirla con il brodino anche se penso che non lo gradirà perché non sa di nulla. Al limite ci metta sopra del parmigiano.” Un classico.

Illustre psicologo al termine di un incontro per mamme, durante il quale allattavo mio figlio (di 6 mesi):
“Ho notato che lei ha tenuto per troppo tempo suo figlio al seno. Si rende conto che quando rientrerà a lavoro gli creerà un trauma? È bene che lo abitui fin da ora a fare a meno del suo contatto. Lei è troppo presente.” Ma che bella idea! Per evitargli un trauma a 9 mesi perché non anticiparglielo a 6? Geniale…

Pediatra di base alla visita dei 12 mesi mentre mi illustra un depliant della famosa marca arancione con un menu settimanale tipo:
“Adesso può iniziare a variare l’alimentazione di suo figlio e cominciare ad introdurre dei cibi solidi. Vede, qui c’è scritto che può iniziare a dare i legumi, l’uovo e il latte.”
“Ma guardi che mio figlio mangia di tutto da mesi ormai.”
“Ah si? Ovviamente adeguatamente frullato.”
“No no mangia quello che mangio io come lo mangio io.”
La sua faccia: Blink

“E che latte gli sta dando ora?”
“Il mio!”
“Ma come il suo? È grande ormai per il suo latte ha bisogno di qualcosa di alternativo. Gli dà mai dei latti alternativi?”
“Beh quando ne ha voglia assaggia volentieri il latte di soia o quello di riso.”
Di nuovo la faccia: Blink

“No. Io direi che ora gli può dare il latte di crescita numero 2 e togliere il seno”, ed armeggia dentro il mobiletto da cui estrae due brik della marca blu. Scaduti. Ma perché, pur avendo ammesso la sua ignoranza in fatto di allattamento e nutrizione si ostina a dare consigli? Non potrebbe occuparsi solo di eventuali patologie ed affini?


Aggiornamento di Andrea – 02/08/15

Certe cose non si possono inventare… ecco alcuni stralci di una mail che ho ricevuto (il grassetto è mio):

Sono una madre di una bambina di 3 mesi circa , allattata esclusivamente al seno.
Ieri con la pediatra che mi ha consigliato di iniziare già a 4mesi uno svezzamento progressivo. Dovrei iniziare con 30gr di omogenizzato di pera o mela prima della poppata delle12 e poi dopo 10giorni fare lo stesso intorno alle 20.
Mi consigliava questo perché la bimba accetta solo il mio seno, non vuole ciuccio ne’ biberon e il rischio è che a 6 mesi non voglia proprio un cucchiaino in bocca. Da un lato capisco il suo punto di vista, ma dall’altro lato penso che sia davvero presto iniziare lo svezzamento a 4 mesi.

Di tutto il messaggio la cosa più importante – e peggiore – è verso la fine, quanto leggiamo che questa “pediatra” è riuscita a far sentire SBAGLIATA la madre che fa una cosa naturalissima come allattare la figlia la quale, non essendo stupida, il ciuccio e il biberon li rispedisce al mittente. E invece questa “pediatra” cosa fa? Le dice che è SBAGLIATO e che bisogna correre ai ripari, altrimenti c’è il rischio che a 6 mesi il cucchiaino non lo voglia proprio (come se questo potesse essere un problema…) E LA MADRE COMINCIA A CREDERCI!!

Io certe volte davvero dispero…

 

Iscriviti alla newsletter e ricevi SUBITO l’ebook sul soffocamento, “E SE SI STROZZA?”

Con noi i tuoi dati sono SEMPRE al sicuro e non verranno condivisi con NESSUNO.

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


289 comments

  1. Manuela Andrea Serra says:

    mi sembrano cose dell’altro mondo!! Mai sentito niente del genere sull’allattamento, né dalle ostetriche, né dai pediatri…

  2. Laura Capra says:

    È allucinante! A dir poco! Per fortuna lei è stata testarda, si è informata ed è rimasta fedele alla sua linea di pensiero.

  3. Francesca Feroldi says:

    io sono stata fortunatissima. intanto mi sono informata ancora in gravidanza col sito della LLL e approdando a un forum di mamme e ostetriche davvero davvero davvero valido, quindi sono arrivata informata al momento del parto; in clinica lo staff, nonostante avessi un figlio prematuro di poco più di 2 kg, mi tranquillizzò dicendomi “per i primi 10 giorni il bambino trae tutto il nutrimento dal colostro, non servono aggiunte o glucosate a meno che non abbia valori del sangue alterati, quindi stai serena finchè arriva la montata” e mi hanno aiutata ad attaccarlo bene lasciandomelo in rooming in; la pediatra di base mi ha sempre sostenuto nell’allattamento, anzi dovetti chiederle piangendo di darmi un LA in modo che mio marito potesse una notte a settimana tenerlo lui perchè mio figlio NON DORMIVA e io stavo uscendo di testa. alle visite chiedeva che latte davo e registrava “LM” sul libretto anche alla visita dei 2 anni dicendomi anzi “brava che continui, sei contenta?”

  4. Fabiana Bernarducci says:

    Purtroppo sono degli strascichi di una vecchia tendenza culturale, guidata da quello che la scienza e le conoscenze di un tempo potevano dare: l’ istinto era considerato una guida poco affidabile e quindi il rapporto madre- bambino e’ stato medicalizzato e ridotto ai termini del comportamentismo. Fortuna per i bambini che tutto cio’ sta sfumando. Io ho avuto la fortuna di imbattermi in professionisti con mentalita’ e cultura moderna! E poi basta non dare mai niente per scontato e sapersi documentare.

  5. Federica Tamburlini says:

    IDEM come Ilaria! sarò stata fortunata ma nel mio caso sono stati tutti meravigliosi: pediatra di base, osteriche in ospedale, ostetriche libere professioniste, ostetriche del consultorio e pediatra del consultorio! nessuno mi ha neanche mai parlato di latte artificiale e per lo svezzamento da subito ci hanno detto assaggiare un po’di tutto, quello che mangiate voi và benissimo

  6. Rossella Mangone says:

    non ho parole!!! che i pediatri non fossero preparati in materia di allattamento, ed sfortunatamente autosvezzamento, lo sapevo già! ma che addirittura al corso pre parto dicano cose del genere….io forse sarò stata fortuna ma già al corso pre parto ho trovato un’ostetrica splendida che ci ha spiegato l’importanza dell’allattamento, le possibili insidie che avremmo potuto incontrare e soprattutto a chi rivolgerci in caso di necessita’! e soprattutto ci aveva anticipato il discorso AS. al consultorio ho trovato infermiere fantastiche che mi hanno aiutata tanto nell’allattamento. non ho potuto contare sul pediatra per l’AS ma ho comunque fatto di testa mia. e quando ho detto al pediatra cosa mangiava e come mangiava il mio bimbo…non vi dico la faccia! la risposta è stata: “signora faccia un po come vuole, io gli schemi da seguire glieli do lo stesso”. fortunatamente il mio piccolo è sempre cresciuto bene e quindi non mi ha mai detto nulla in fatto di allattamento!

  7. Cristina Parri says:

    Aggiungo uno dei miei – tanti – aneddoti. Al bilancio di salute del 4o mese il ped rileva un aumento di peso in 2 mesi di soli 650g. “bisogna integrare con LA o cominciare il divezzamento xké la curva di crescita è calata” e io “ma come dottore, io di latte ne ho tanto, il bimbo di notte e fra le poppate dorme tranquillo, di giorno non è agitato, bagna e sporca tanti pannolini” e lui: “si vede che il bimbo si è semplicemente adattato e non sente più lo stimolo della fame” O.o

  8. Marta Dorigo says:

    Nessun commento riguardo l’allattamento – la generazione femminile prima della mia aveva perso il latte molto presto, ma: la mia famiglia “guarda che non puoi abituare tua figlia a stare sempre con te, che’ poi finisce che non si stacca piu’ e diventa piagnona” – la bimba aveva la veneranda eta’ di 5 mesi. Ma stenderei un velo sulle preoccupazioni riguardo l’autosvezzamento…. (che sta andando benissimo cmq) ;-)

  9. Chiara Krawczyk says:

    la settimana stessa che è nato mi sono sentita dire: “dagli il ciuccio che è una consolazione” (anche se è allattato al seno);

Rispondi a Stefania Santini A Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.