Svezzamento tradizionale e autosvezzamento a confronto

Si parla spesso di autosvezzamento e di svezzamento “tradizionale”, ma che differenza c’è tra questi due approcci?

Abbiamo già parlato ampiamente di alimentazione complementare e di alimentazione a richiesta e abbiamo accennato ai controsensi relativi alle tabelle di introduzione degli alimenti. Ma come descrivere in modo breve e incisivo la differenze sostanziali di approccio tra svezzamento “tradizionale” e autosvezzamento senza dover fare necessariamente una conferenza?

Vediamo allora di fare un confronto tra lo svezzamento tradizionale e l’autosvezzamento.

Svezzamento tradizionale

  1. Viene iniziato secondo le indicazioni del pediatra, della mamma o comunque di un’altra persona.
  2. Si tende a introdurre un pasto completo alla volta e a eliminare la poppata corrispondente il più velocemente possibile seguendo un calendario prestabilito.
  3. Il bambino di solito mangia separatamente dal resto della famiglia
  4. Si tendono a privilegiare pappe, omogeneizzati e baby food in generale (spesso perché si inizia troppo presto, per cui non si hanno alternative). Il fatto che le pappe siano preparate a casa o acquistate già pronte, poco importa.
  5. La gradualità è dalle pappe ai pezzetti, ai pezzetti più grandi al cibo “normale”.

Autosvezzamento

  1. È un processo che inizia solo quando lo decide il bambino e non qualcun altro.
  2. Si comincia con piccoli assaggi, effettuati con la famiglia a tavola. Il latte non viene sostituito seguendo il calendario, ma seguendo il naturale sviluppo del bambino.
  3. I pasti vengono sempre condivisi per cui il bambino non mangia da solo.
  4. Siccome abbiamo atteso che il bambino fosse pronto, non c’è nessun bisogno di affidarsi a cibi speciali preparati solo per lui. Invece possiamo condividere la tavola e quello che c’è: tutti in famiglia mangiano le stesse cose
  5. La gradualità la vediamo nel passaggio da micro assaggi ad assaggi sempre più consistenti fino a veri e propri pasti.

Per riassumere il tutto usiamo una metafora: lo svezzamento è un po’ come il part-time, ovvero:

Lo svezzamento tradizionale è VERTICALE

Nello svezzamento tradizionale si sostituisce una poppata con un pasto più o meno completo, poi se ne sostituiscono due e così via. L’introduzione dei cibi è fatta subito in profondità, ovvero in modo verticale, a determinati orari del giorno stabiliti a priori. Non è il cibo che complementa il latte; se siamo fortunati e il cibo non viene imposto come unica fonte di nutrimento, è il latte a complementare il cibo.


L’autosvezzamento è ORIZZONTALE

Se si fa autosvezzamento non si sostituisce a priori nessuna poppata in quanto il bambino si avvicina al cibo solido in modo graduale, partendo da piccoli assaggi durante tutti i pasti consumati dalla famiglia nell’arco della giornata. In questo caso il cibo fa da complemento al latte perché le poppate non si abbandonano se non molto gradualmente e in modo più o meno equilibrato. Insomma in modo orizzontale.


Se ci si sofferma un attimo a pensare, procedere in modo orizzontale non è certo una novità;

  • il bambino non impara forse a camminare in modo orizzontale?
  • Il bambino non impara forse a parlare in modo orizzontale?

Lo stesso vale per ogni altra tappa evolutiva di ogni bambino.

Provate a dire a vostro figlio che può provare a camminare solo dalle 12 alle 14 e che durante questo lasso di tempo gattonare non è permesso (altrimenti non imparerà mai a camminare…). Poi ditegli che solo dopo qualche settimana potrà cominciare a provare dalle 18 alle 20; dopo tutto dobbiamo fare le cose per gradi per farlo abituare, no? Chissà se il bambino apprezzerà questo approccio verticale al camminare…

E la via di mezzo com’è, obliqua? Temo che la via di mezzo sia un’illusione, ma questo è un altro discorso :)

Invece se volete approfondire il tema “autosvezzamento pro e contro“, seguite il link.

[wps_custom_form id=0]

Iscriviti alla newsletter e ricevi SUBITO

la NUOVA EDIZIONE dell’ebook sul soffocamento, “E SE SI STROZZA?”

Con noi i tuoi dati sono SEMPRE al sicuro e non verranno condivisi con NESSUNO.

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


SE LO MORDI, LO SCRIVI
Il diario dove registrare
giorno per giorno il VOSTRO autosvezzamento.
se lo mordi lo scrivi


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


131 comments

  1. Alessandra Bin says:

    Non me la sento a lasciarlo scegliere quello e quanto vuole mangiare… Io non allatto più al seno quindi non potrei integrare eventuali carenze… E poi caratterialmente ho bisogno di qualche “regola” per sentirmi più sicura e quindi trasmettere sicurezza anche a lui… Senza però sposare la rigidità dello svezzamento tradizionale

  2. Eliana Balsamo says:

    Io ho iniziato con le classiche pappine di farine di vario tipo con omo e passati di verdure preparati da me. E si è iniziato con il pranzo. Quindi ho seguito la tabella diciamo dello svezzamento suggerito dai pediatri. E gradualmente cibi più solidi. Quando ho visto mio figlio pronto ho iniziato con altri cibi in pezzetti….e lì ho sposato senza rendermene conto l autosvezzamento. Quindi abbiamo assaggiato tutti i cibi esclusione per funghi molluschi e crostacei per una questione di timore verso certi alimenti ma il mio nn ha ancora due anni. Diciamo che dall età di circa 14/15 mesi mangia insieme a noi quello che preparo per tutti. Da due mesi a questa parte mangia da solo e ha rifiutato il biberon che si usava x la colazione. ..ora si fa latte e biscotti. Certo…non è bravo al 100% nel mangiare da solo ma siamo ad un ottimo livello. Diciamo che dopo i primi mesi di svezzamento il mio istinto di madre e il suo crescere pian piano a tavola han fatto sì che lasciassimo le guide o determinate regole. Questa è la mia esperienza. :-)

  3. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Alessandra Bin, cosa intendi con “non riesco a lasciare completamente libero il mio bambino”? Cos’è che ti blocca? /Andrea

  4. Alessandra Bin says:

    Non credo che l’autosvezzamento sia per tutti… Ci sono mamme e mamme e non è una questione di merito. Io ad esempio non do le pappe ma non riesco a lasciare completamente libero il mio bambino… Abbiamo trovato un buon equilibrio tra noi due e sono contenta di come stiamo procedendo perchè io sono serena e a lui piace il momento della pappa! Cmq mi aiuta leggere le esperienze e i consigli di chi invece ha sposato a pieno la teoria dell’autosvezzamento!

  5. Simona Troni says:

    Grazie mi serviva proprio questo post. Mamma in ansia per bimba di 11 mesi che mangia veramente poco e non prende peso. Grazie Andrea

Rispondi a Angelica Pisanu Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.