Quando iniziare a lavare i denti e andare dal dentista

Dopo aver parlato sviscerato l’argomento integrazione di fluoro, questa settimana Guido Benedetti, dentista specializzato in odontostomatologia preventiva, risponde ad altre due domande chiave.

Quando cominciare a lavare i denti dei bambini?

Da prima che spuntino i denti.

Durante l’allattamento si possono massaggiare le gengive del bambino dopo la poppata con una garzina inumidita avvolta stretta attorno al dito del genitore. Soprattutto quando stanno per spuntare i denti si potrà così alleviargli un po’ di fastidio. Lo spazzolino deve essere introdotto il prima possibile (nelle mani del genitore e magari anche per gioco in quelle del bambino) e non oltre i tre anni; si consiglia di muoverlo dalla gengiva verso i denti e, fino ai tre anni, di usarlo senza dentifricio. Dai quattro ai cinque anni si raccomanda ai genitori di supervisionare i bambini durante lo spazzolamento (che deve avvenire almeno due volte al giorno), magari anche di aiutarli (soprattutto per i denti in fondo alla bocca) e di far usare una minima quantità di dentifricio. A sei anni in particolare bisogna fare attenzione: nascono i primi molari permanenti in fondo alla bocca e, anche qui, una bella spazzolata da parte del genitore non fa mai male.

 

A che età la prima visita dal dentista?

Qual è l’età giusta per la prima visita dal pediatra? Il concetto è il medesimo. I medici non possono essere solamente coloro che ci rendono un po’ di salute quando l’abbiamo perduta ma devono accompagnarci nella nostra crescita e aiutarci a non perderla. Basta con il dentista “tappa buchi” (ma è a noi dentisti che piace tapparli); così come il pediatra, anche il dentista o l’igienista dentale, devono essere consultati il prima possibile (e loro devono essere disponibili a farlo), anche quando va tutto bene, anche quando non ci sono ancora i denti (se non altro per parlare di prevenzione, NdR), perché solo in questo modo potranno aiutare e accompagnare per il meglio il genitore nella crescita dei denti e della bocca del suo bambino e costruire assieme una strategia preventiva adeguata.

Per questo, nel mio libro Mamma che denti!, scrivo di portare il bambino da un dentista o da un igienista dentale anche subito dopo la nascita del primo dentino. Ovviamente ciò è possibile se si è tra i pochi fortunati che possono permettersi un dentista privato, in considerazione di quanto poco servizio pubblico esista in Italia oggi e di quanto poco si parli di denti al di fuori dello studio odontoiatrico (quando, invece, si potrebbe cominciare a parlarne già dai corsi pre-parto).

——–

Approfondimenti e una panoramica più ampia sulla cura dei denti dei bambini sono disponibili in Mamma che denti! (link affiliato)

Iscriviti alla newsletter e ricevi SUBITO l’ebook sul soffocamento, “E SE SI STROZZA?”

Con noi i tuoi dati sono SEMPRE al sicuro e non verranno condivisi con NESSUNO.

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


35 comments

  1. Sarah Faltoni Thaler says:

    Io l’ho preso e vuoi contare le mie fatture dal dentista? :( L’unica è una corretta igiene orale fin da piccolissimi

  2. Sarah Faltoni Thaler says:

    Ho iniziato al quarto mese con il primo dentino! Prima era più facile, ora ogni tanto a 11 mesi ci mette di mezzo la lingua ma sta imparando a fare pian piano da sola, è il nostro rito pre nanna!

  3. Franci EdoFrencis says:

    Niente fluoro…mai preso e mai avuta una carie…e la pediatra l’ha sconsigliato x tutti grandi e piccini…nn é dimostrato che faccia bene

  4. Giulia Sandrin says:

    (il fluoro io lo prendevo e avevo la carie già sui denti da latte… poi quelli permanenti quasi tutti otturati! il fluoro aiuta, però se la qualità del dente è scarsa, la carie no te la leva nessuno) alla mia bimba ho iniziato a spazzolare i dentini quando aveva circa 8 mesi (se non ricordo male), con uno spazzolino morbidissimo con setole in silicone. verso i 18 mesi sono passata allo spazzolino a setole per bambini sempre senza dentifricio e poco dopo ho iniziato a mettere un velo di dentifricio apposito per bambini. adesso inizia a spazzolarli lei, poi dopo qualche minuto prendo lo spazzolino io e finisco di lavarglieli bene, andando fino in fondo. li laviamo mattino e sera. lei è contenta di lavarseli e non fa storie.

  5. Barbara D'Agostino says:

    E anche…integrazione di fluoro? Io sono convinta ma dove mi giro dicono tutti che e’ solo un business! Io e mio fratello l’abbiamo preso, e mai avuto una carie…

  6. alexaleaia says:

    Anch’io aggiungevo lo zucchero nel latte con la cioccolata (e ci mettevo pure tonnellate di nesquik o ovomaltina, perché coprissero l’infame sapore del latte), ma fino a 18 anni non ho mai avuto una carie, e ancora, erano del tipo *oh, qui c’è una macchiolina che potrebbe diventare una carie* e vai di trapano … e neanche più da allora che ho cambiato dentista.
    Ciucci, invece, no, li sputavo.
    Ricordo che da piccoli ci si lavava i denti da soli, ma da quando esattamente, non ho idea. La mia Cucciola, dai 18 mesi crica, adora spazzolarsi i denti (e li spazzola anche a me, o quantomeno tiene lo spazzolino, e io guido la sua mano), ma bisogna almeno fare finta di mettere il dentifricio, e da quando ne abbiamo comprato uno diverso l’interessa nettamente meno.
    Ha messo i primi 16 denti molto in fretta, dai 6 mesi all’anno. Adesso compie 22 mesi e mi chiedo se non le stia crescendo uno nuovo, perché sbava e fa cacche acide che le fanno infiammare il sederino, oltre ad essere nervosa parecchio…

    • alexaleaia says:

      … Le cola anche il naso che sembra acqua da fontana …Alla Cucciola  il dolce non piace più di tanto: ieri avevo cucinato un bello e goloso strudel, ma lei, dopo aver reclamato ardentemente *patasugo*, scartato la pasta al sugo a beneficio di polpo, patate e spinaci, se ha assaggiato volentieri il dolce, dal primo boccone si è rifiutata. (e anche stamattina a colazione voleva *patasugo*)… 
      Quello che mi dispiace è che, non potendo bere latte *vero*, perché allergica al latte vaccino, beve latte di riso, che è ben più dolce.

  7. riguardo al lavare i denti, il grande (4 anni) li lava da solo sotto la nostra supervisione e qualche volta lo aiutiamo noi (se ci è sembrato troppo superficiale). so che anche a scuola glieli fanno lavare e gli insegnano a farlo, lo trovo molto positivo. il piccolo (13 mesi) è nella fase che vuole prendere tutto e quindi afferra lo spazzolino e in effetti cerca di lavarseli da solo, imitando i miei movimenti, ma ovviamente non riesce. poi morde lo spazzolino e infine ci si pettina i capelli. non ha ancora ben capito la differenza fra spazzolino da denti e pettine/spazzola x capelli! :-D se provo a spazzolarglieli io serra le labbra. allora lo lascio in mano a lui, e quando lo infila in bocca cerco di guidarlo in modo da spazzolare almeno per mezzo secondo… a volte si riesce a volte no… ma credo che la prima cosa a quest’età sia dargli un’abitudine, più che pulire alla perfezione, giusto? 
    anche il mio pediatra consiglia solo acqua (e un po’ di colluttorio per sciacquare lo spazzolino) e dentifricio dopo i 3 anni. per quanto riguarda il dentista invece dice di aspettare, lui controlla i denti ad ogni visita del bilancio di salute e se è il caso prescrive la visita specialistica. immagino che questo sia il protocollo della ASL, lo stesso vale per oculista, dermatologo (nei), ecc.
    come spesso capita a noi genitori ‘di oggi’ ci si sente dire dai nostri genitori frasi come ‘da così piccoli già gli lavate i denti, e perchè?’ oppure: ‘tu sei stata svezzata con il ciuccio bagnato nel miele!’… io infatti avevo i denti da latte tutti cariati, non dimenticherò mai quelle sedute dal dentista a 6-7 anni con estrazione di molare (una tortura che non augurerei al mio peggior nemico), e non mangiavo niente se non c’erano dentro almeno 3 o 4 cucchiaini di zucchero. aggiungevo zucchero persino nel latte col nesquik. certe volte penso che certi post dovrebbero leggerli più i nonni dei genitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *