Svezzamento anticipato con il latte artificiale?

È da un po’ che rimugino su questo post e ho fatto fatica a comporre qualcosa che mi soddisfacesse davvero perché di base tutto mi sembra così palese che trovo difficile argomentare con qualcosa che vada oltre a un misero “è ovvio!”.

La voglia di scrivere a proposito dello svezzamento dei bambini che prendono latte artificiale nasce dal fatto che leggo spesso qui e là che sono ancora in tanti (troppi) a suggerire che il bambino allattato artificialmente debba iniziare lo svezzamento prima degli altri.

Siccome il bambino prende il biberon, allora è bene cominciare lo svezzamento un po’ prima, facciamo ai 4 mesi, signora mia, così ci togliamo di mezzo il prima possibile ‘sto latte artificiale che puzza e costa un botto. E poi è o non è “artificiale”? Allora via, per carità, che si sa che lo producono solo per fare i soldi e meglio se lo togliamo e iniziamo con le pappe, così gli inizia a dare anche un po’ di latte di mucca che quello almeno è naturale.

Del fatto che dare latte vaccino come sostituto del latte materno non sia una buona idea ne abbiamo già parlato, e non aggiungerò altro. Invece mi voglio concentrare sull’altra porzione di frase: “iniziamo con le pappe”.

Spesso vedo tanta fretta di eliminare il latte artificiale dalla vita del bambino, quasi che il latte artificiale fosse un veleno malefico da cui scappare a gambe levate. Ma io, che obietto a gran voce, vi chiedo: perché? Quale sarebbe la causa di tanta fretta? Chi mi sa giustificare con oggettività un consiglio di questo tipo?
Anche le linee guida non fanno distinzione tra latte artificiale e materno ai fini di quando sia meglio iniziare lo svezzamento, come abbiamo già sottolineato in diverse occasioni.

I bambini che prendono latte artificiale non sono lattanti di serie B e hanno diritto a uno svezzamento rispettoso dei loro tempi tanto quanto ce l’hanno quelli allattati al seno.

Se il latte materno non è disponibile, non è in alcun modo necessario ricorrere ad uno svezzamento precoce per togliersi di torno il latte artificiale. Se fino a quel momento il latte artificiale ha nutrito, fatto sopravvivere e crescere il nostro bambino, non c’è alcun motivo di sacrificare i tempi del bambino stesso e il suo sereno avvicinamento ai solidi affrettando un processo che, con il biberon, si può svolgere nella stessa identica maniera che con l’allattamento al seno.

Il latte artificiale non è brutto e cattivo a priori, ma nasce con uno scopo e svolge la sua attività in maniera più che discreta. Il problema è semmai nell’uso che se ne fa, ma queste sono un altro paio di maniche e la lotta contro il suo abuso, a scapito dell’allattamento al seno, non va confusa con una guerra aprioristica che non tiene conto del soggetto di tutto questo – il bambino – e finisce per sacrificare proprio il suo benessere.

Che si segua l’autosvezzamento o si faccia svezzamento “tradizionale” non fa differenza alcuna: sappiamo che lo svezzamento è un processo non lineare, non prevedibile e fatto di alti e bassi, che può instaurarsi con facilità e in tempi brevi o richiedere molti mesi. Sono tantissimi i bambini che non sono pronti a sostituire completamente il latte anche ben oltre l’anno di età, figuriamoci a 4 mesi!

Se il bambino non è pronto a effettuare il passaggio verso l’alimentazione solida o non è pronto ad abbandonare il latte, l’alternativa qual è? Forzarlo a mangiare i solidi e insistere per fargli compiere un passo che non vuole compiere? Per non parlare dell’ansia da prestazione e da mancato raggiungimento di obiettivi irrealistici da parte di chi se ne prende cura.
Prendiamocela comoda, piuttosto! :-D

Anticipare lo svezzamento, magari anche a 4 mesi, e l’idea di finirlo il prima possibile non sono obiettivi da perseguire, ma da far dimenticare.

Quindi niente lattanti di serie A e di serie B, ma svezzamento libero e felice per tutti!

 

Iscriviti alla newsletter e ricevi SUBITO

la NUOVA EDIZIONE dell’ebook sul soffocamento, “E SE SI STROZZA?”

Con noi i tuoi dati sono SEMPRE al sicuro e non verranno condivisi con NESSUNO.

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


SE LO MORDI, LO SCRIVI
Il diario dove registrare
giorno per giorno il VOSTRO autosvezzamento.
se lo mordi lo scrivi


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


168 comments

  1. Irene Ciulli says:

    Per moi allattamento a richiesta con LA, un’esperieza bellissima, piena di cura e attenzione. Quando l’allattamento sl seno è “naufragato”

  2. Serena Lorenzi says:

    Ma nessuna di voi teme che il proprio bambino così piccolo (6 mesi sono pochi!!) si strozzi con dei pezzetti di cibo?

  3. Francesca Feroldi says:

    Qui c è un errore di fondo, cioè che la mamma in questione è convinta che allo scoccare dei 6 mesi si sostituisca il latte, qualunque sia, col cibo: questo è un errore che viene amplificato dall ignoranza di molti pediatri che proibiscono ai genitori di integrare cibo non finito col latte, appunto tramite un approccio medicalizzato allo svezzamento.
    In realtà, come da direttive oms, fino all anno di età l alimento principale resta il latte, e il cibo lo integra secondo richiesta del bambino. Ci sono bimbi che già a 8 mesi rifiutano il latte, altri che arrivano ben oltre l anno con assaggi di briciole di cibo solido, preferendo il latte

  4. Jessica Fibbia says:

    Scusa Virginia credo che in questo caso sarebbe meglio non infierire su chi ha già sensi di colpa per non essere riuscita ad allattare… la pensavo anch’io come te ma ho capito che non è vero che tutte le mamme hanno il latte con la mia quarta figlia che non sono riuscita ad allattare, per problemi vari, dopo tre bambini allattati serenamente fino dopo l’anno… mi sono rassegnata davvero a malincuore e anch’io volevo abbandonare al più presto il latte artificiale per darle alimenti “vivi” e non polverina da ricostituire ma tutti medici nutrizionisti etc mi hanno sconsigliato di sostituirlo almeno fino all’anno. Ho iniziato lo svezzamento con succhi freschi vegetali verso i 5 mesi poi piano piano ho proseguito e ora che la bambina ha quasi un anno mangia in maniera equilibrata e biberon di latte solo la mattina.

  5. Virginia Ventura says:

    Premetto senza polemica , che mi sembra tanto strano che tante mamme abbiamo “problemi ” nell’allatrare, voglio dire che essendo la cosa più nsturale dovrebbe insorgere un problema serio per poter dire “non ho latte” , credo che spesso sbrigativamente per mancanza di informazione al primo “intoppo” di passa al LA, detto questo che sia tetta o LA nn va tolto prima dei 6 mesi

  6. Jennifer Engillsdòttir says:

    La formula artificiale, nonostante non sia latte materno, è comunque il cibo che più si avvicina a questo, dunque va dato in maniera esclusiva fino al sesto mese e finchè il bimbo vuole solo quello. Introdurre pappe prima del tempo è solo nocivo. Dovete pensare all alimentazione come ad un investimento a lungo termine. Nell intestino del bimbo risiede il centro del suo sistema immunitario e dunque compromettere questo con alimenti non adatti compromette anche la sua salute, anche futura. E poi lo svezzamento precoce veniva fatto decenni fa quando i neonati venivano alimentati con latte vaccino che mancava di vitamine, da lì l introduzione di frutta onde evitare malattie come lo scorbuto. Questa pratica oggigiorno rimane inutile e dannosa, anche perchè le formule sono addizionate a dovere dei nutrienti necessari.

  7. Sarah Faltoni Thaler says:

    ah, ho fatto misto fino ai 3 mesi e mezzo purtroppo, anch’io avevo gli stessi timori ed ero tentata ad iniziare prima, ma su questa pagina mi hanno rincuorata e indicato la via ;)

  8. Aurora Rosanna says:

    Ma nn é l as a prolungare l uso del latte ma il nn essere pronto il bimbo . Il latte artificiale è sempre un alimenti specifico per bambini . Lascia he sia lui a decidere come e quando .

  9. Sarah Faltoni Thaler says:

    Noi anche LA, esclusivo fino al 6 mese, poi associato a micro assaggi. ha incominciato a non volerlo più autonomamente verso i 10 mesi un anno che mangiava praticamente pranzo merenda e cena, e solo mattina e sera latte. Poi verso i 15 mesi basta anche mattina e sera così senza bah. ancora oggi non beve tanto latte, forse due cucchiai la mattina, ma raramente, spesso beve acqua o spremute….

  10. Maria Piccolo says:

    Anche se il latte è artificiale perche toglierlo?? È pur sempre un alimento importante per la crescita del bambino! Io seguendo il consiglio della pediatra causa reflusso ho anticipato lo svezzamento a 4 mesi e mezzo con svezzamento tradizionale ma in ogni caso il latte non lo tolsi! Incominciai a proporgli il cibo a pezzetti a 6 mesi e mezzo!Scoperto l’autosvezzamento e resa conto che la mia piccola riusciva a gestire i pezzetti ho iniziato a farle mangiare cio che mangiamo noi! Ma in ogni caso il latte restava quello! Ora ha quasi 14 mesi mangia come noi e beve latte vaccino 330gr mattina e 330gr la sera!è stato sconfortante non aver potuto allattare per più di 3 mesi ma sono riuscita a ricreare lo stesso il nostro momento speciale! Lei trova conforto tra le mie braccia e si addormenta serena subito dopo aver finito il suo bibe! Non far si che il tuo piccolo non possa avere questo piacere! Ci sarà il tempo di mangiare quando lo deciderà lui! Tornassi indietro anche se la mia piccola ha un bel rapporto con il cibo non avrei mai iniziato con lo svezzamento tradizionale! Anche se lei prese molto bene la cosa! Mangiava di gusto qualsiasi cosa le proponevo ma come tutt’ora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *