Svezzamento biunivoco



autosvezzamento
I bambini ci svezzano

“Tranquilla, penso che i nostri figli ci svezzino con calma rispettando i nostri tempi!”
Sul forum mi ha colpito questa frase perché rispecchia un mio pensiero.

Ci sono molte frasi e riflessioni di tanti autori riguardanti il fatto che i nostri figli non sono figli nostri (anche una bellissima di Gibran) e che dobbiamo crescerli liberi e senza condizionamenti e via discorrendo.
Ho letto, però, solo pochi accenni riguardanti quello che accade ai genitori in tal proposito.

Chi decide di mettere al mondo dei figli, come a me pare ovvio, lo fa per amore (futuro) loro, per amore del mondo, ma anche per amore proprio.
È naturale che nei primi anni un genitore si senta investito di responsabilità nei confronti del suo cucciolo che deve proteggere e lasciare che impari al tempo stesso. Gli esseri umani sono mammiferi e quindi riconoscono – o almeno dovrebbero – i pericoli, le persone che non sono adatte ai propri figli, e provano uno spontaneo amore per le proprie creature. Le accudiscono, le vedono meravigliose e danno loro tutto quello che posseggono.
Perciò credo che sia normale a un certo punto che si sentano “dipendenti” emotivamente e fisicamente dai propri figli.
E forse proprio per questo dovrebbero pensare che imparare piano piano le cose del mondo, imparare a mangiare, camminare, parlare sia un modo per il bambino di andare avanti ma anche per i genitori di imparare a stare senza di lui.
È una fortuna che la natura faccia accadere tutto questo lentamente, perché così avranno la possibilità di prendere tanto struggimento con calma, insieme al sentire tanto incredibile e profondo orgoglio e all’essere forte sostegno.

Perché, diciamolo, sapere che i figli non avranno (giustamente) più bisogno dei genitori, ci fa un po’ immalinconire.

La fine dell’allattamento per la mamma.

Lo staccarsi dalle grandi mani per imparare a camminare.

Mangiare senza aiuto.

Decidere le proprie cose.

Dire al papà di non accompagnarlo fino all’ingresso della scuola, ma di lasciarlo un po’ distante.

È fondamentale che i genitori lascino spazio ai figli per potersi anche abituare al fatto che non serviranno più gli uni agli altri in una sorta di corrispondenza biunivoca.
Resteranno legati per sempre, con forte emotività, ma al tempo stesso saranno persone distinte. Gli uni avranno dato tutto ciò che sarà stato loro possibile e gli altri avranno preso tutto ciò che sarà stato loro possibile per formare un proprio volere, le proprie idee e la propria persona.

Quando due genitori decidono di avere un figlio è perché forse l’amore ha oscurato la pazzia di tanta scelta.
Se sapessero con anticipo e consapevolezza che stanno dando via libera alla natura di creare per loro, tramite la madre, ciò che ameranno di più al mondo, che li farà piangere di gioia e ridere di felicità per poi lasciarli a subire tanta malinconica tristezza… forse deciderebbero di non farlo. Ma per fortuna, a un certo punto, si perde il senso delle cose e zac! È fatto.
E c’è da chiedersi come si possa decidere di avere un secondo figlio! Dei martiri familiari: la madre ancora più che il padre, ma fra tutti e due… che pazzi!

E così si trovano a svezzarsi dai propri figli, pian piano, guidati sapientemente da loro (a cui non importa un meraviglioso nulla di tutto ciò!).
Mi sembra inutile sottolineare che svezzarsi dai figli sia fondamentale per non avere problemi nel futuro. Riconoscere l’autonomia dei propri figli lasciandoli scegliere cosa mangiare o quando andare in bagno, o quando alzarsi da soli e camminare li aiuterà a capire che dovranno lasciarli scegliere se decidere di finire la scuola e lavorare invece che andare all’università. Che non sarà compito loro giudicare come svezzeranno i loro figli un giorno. Che non dovranno aspettarsi che saranno lì a soddisfare i propri bisogni di genitori prima e di nonni poi.
E il tutto sarà possibile proprio in virtù di quell’amore infinito e impronunciabile che provano per loro.
E del rispetto che avranno imparato a portare gli uni agli altri lasciandosi liberi.
È così che deve essere.
Comincia tutto ora.

Uno svezzamento biunivoco.

(per fortuna sono ancora piccoli e abbiamo un po’ di tempo ancora per tenerli stretti e per sentire che il loro respiro si fa più profondo quando andiamo a dormire accanto a loro mentre si girano nel sonno per starci più vicino)

Scopri l’autosvezzamento!

Iscrivendoti alla newsletter riceverai immediatamente l'ebook

Alimentazione complementare e paura del soffocamento
E se si strozza?

In più potrai scegliere tra:

  • Il minicorso sull'autosvezzamento
  • Le ricette della community
  • L'attività settimanale del blog
  • L'attività settimanale del forum

La tua privacy è importante.
Con noi la tua email è al sicuro!

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


105 comments

  1. Maria Cristina Poggini says:

    Francesco, io non credo alle mamme svogliate. Le mamme fanno delle scelte avendo sempre a obiettivo il benessere dei figli e della loro famiglia (tolgo dalla lista i casi di cronaca. Lì c’è la patologia, ma qui parliamo di mamme normali che amano i figli).
    Io ho allattato a lungo mio figlio e per un periodo davo anche il biberon. Quindi posso fare il confronto a buon titolo.
    Bè allattare al seno è semplice e poco faticoso. Non devi fare niente, solo stare seduta o stravaccata (a piacere) e lasciare che il pargolo si serva da se. Ero libera! Potevo fare quello che volevo e andare dove volevo. Bastava prendere un pannolino di ricambio e il mio bambino con me. Nient’altro. Dovunque fossi potevo sempre soddisfare con facilità i bisogni del mio bimbo. Fame, sete, sonno, consolazione, ecc. il seno era sempre disponibile, con il latte giusto alla giusta temperatura. Funzionava per qualsiasi cosa!
    Invece quando dovevo gestire il biberon era un casino! L’acqua calda l’acqua fredda, il biberon, i ricambi sterilizzati, la polvere, le borse, i barattoli, un sacco di roba…. E quando piangeva non riuscivo a consolarlo, a volte funzionava il ciuccio e a volte no. E poi alzati dal letto in piena notte, dondola il bimbo urlante, che non ti da il tempo di preparare il bibe. E poi rilava tutto e sterilizza, e riscalda e raffredda. Oddio impazzivo!
    Le mamme che scelgono il biberon, non è certo per pigrizia!
    Fidati!
    Te lo garantisco!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *