(Auto)svezzamento e la via di mezzo: un’alternativa a monte



autosvezzamento prospettiva

Se avete intenzione di leggere solo UN articolo sull’autosvezzamento, assicuratevi che sia questo. Non perché riveli chissà quale segreto o fornisca chissà quale suggerimento, ma perché offre la chiave di lettura per garantire che abbiamo DAVVERO capito cosa sia l’autosvezzamento.
Buona lettura.

Quanto sto per scrivere me l’ha insegnato nel tempo mio figlio: è dalla sua quotidiana osservazione che ho imparato a fidarmi delle sue competenze innate ed istintive. All’epoca in cui ho cominciato l’avventura dell’autosvezzamento ero ben informata grazie a letture e forum e in teoria sapevo come procedere, ma ora mi rendo conto che non avevo compreso appieno gli aspetti che cercherò di esporre perché ero troppo condizionata da una visione dei bambini come tabulae rasae da plasmare in toto. Col senno di poi mi rendo conto che non è così assurdo pensare che un poppante sia più competente di noi su alcuni aspetti, perché la sua è una competenza istintiva, connaturata nel suo stesso corpo e non ostacolata da sovrastrutture culturali.

Spesso ho l’impressione che le mamme che si accingono allo svezzamento del figlio si aspettino che esso debba concludersi ad x mesi (il più delle volte con x<9); il fatto che sia tutto così rigidamente dettato dalle tabelle pediatriche fa sì che credano si debba seguire un ruolino di marcia; in una società che vive di uno stile di vita concitato si scandiscono anche ritmi che dovrebbero essere dettati solo dalla natura e dall’istinto.

Per quanto riguarda il gattonare, la lallazione, il camminare, il parlare, ecc, abbiamo meno difficoltà ad ammettere che il bambino si sviluppi secondo i suoi tempi entro macrointervalli. Per il cibo no… non riusciamo ad ammettere che anche per quello ogni bambino raggiungerà l’obiettivo, per cui la natura l’ha sapientemente ed esattamente progettato in millenni di evoluzione, con i suoi tempi… vogliamo dettare noi il ritmo.

Ed ecco allora che alcune mamme sono disposte a “giocare sporco” pur di ottenere il risultato. Fino a 3 mesi prima erano assolutamente convinte che il bambino andasse abituato (io direi addestrato) al cucchiaino a 4 mesi con la mela grattugiata, che andassero inseriti i liofilizzati a 5 mesi e gli omogeneizzati a 6 e così via… Ora, di fronte a un bimbo che reclama il suo bisogno di rispettare i suoi tempi, si ricordano di quelle “mamme freak” che avevano accennato a quella cosa strana di far mangiare il bambino con e come loro e si sentono disposte a buttarsi per questa strada alternativa perché tanto peggio di così non potrebbe andare, visto che “a 7 mesi suonati” devono ancora fare i conti con il faccino disgustato del loro bimbo che gira la testa da una parte di fronte al suo “buonissimo pappone”.

In pratica l’autosvezzamento visto come alternativa di ripiego, come ultima spiaggia pur di riuscire a svezzare sto bambino entro i famosi x mesi.

No, non è così che funziona.

L’alimentazione complementare a richiesta è sì un’alternativa allo svezzamento a base di brodi vegetali ed omogeneizzati, ma non è un’alternativa a valle, cioè un’alternativa per raggiungere uno scopo. Molto probabilmente se il bambino non si sente pronto entro i famosi x mesi, non c’è metodologia che tenga per convincerlo e, anzi, ad insistere con un qualsiasi metodo si rischia di aumentare il suo diniego e il suo rifiuto per quest’attività a base di cucchiaini che non è più un bel gioco da fare con la mamma ma è la famosa tortura inferta a Baby dal boia* alle 12 in punto.

L’alimentazione complementare a richiesta è invece l’alternativa a monte.

Lo dice il nome stesso. Quel ”a richiesta” ci ricorda che il tutto parte da Baby. È lui che, quando si sente fisicamente pronto e psicofisicamente incuriosito, stabilisce di lasciarsi adescare da questa simpatica novità ed è sempre lui che stabilisce fino a quando limitarsi ad esplorare assaggiando e quand’è che il cibo non è più un gioco ma diventa una cosa seria da reclamare quando si ha fame.

Si tratta quindi di un ribaltamento di prospettiva.

Chi sa di essere pronto (e lo sa di un sapere atavico) è Baby, chi sa di aver fame è Baby, chi sa quanta fame ha è Baby, chi sa di quali principi nutritivi ha bisogno è sempre Baby. Non la mamma, non i pediatri, non le amiche della mamma e nemmeno le nonne, ai cui tempi forse è partita tutta questa standardizzazione e insensata medicalizzazione di una cosa vecchia come il mondo. Non c’è bisogno di una via di mezzo nello svezzamento; l’autosvezzamento non è un ripiego.

Bisogna “solo” fidarsi di lui.


Tutti i post che esplorano la “via di mezzo” sono disponibili qui.


*Riferimento a un capitolo di “Io mi svezzo da solo” di Lucio Piermarini

Iscriviti alla newsletter e ricevi SUBITO l’ebook sul soffocamento, “E SE SI STROZZA?”

Con noi i tuoi dati sono SEMPRE al sicuro e non verranno condivisi con NESSUNO.

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


44 comments

  1. Georgia Joaninha Foresta says:

    Per noi idem solo che ancora si fatica e ogni sera mi addormento guardando mio figlio che a 8 mesi cena magari solo il latte e mi domando se sto facendo la cosa giusta! Però di una cosa sono certa non potevo farlo piangere disperato per fargli fare qualcosa di piacevole come mangiare! … quando assaggia quelle 4 cose e dopo gli brillano gli occhi nel vedere la sua bottiglina di latte sono felice e commossa della sua gioia. Non ho potuto allattare ma almeno non l’ho ingozzato a tradimento…. Non so se la motivazione sia giusta ma credo che la crescita sia naturale….!

  2. Melissa Trentin says:

    Molto bello! Per noi l’autosvezzamento è iniziato proprio dal rifiuto delle pappe. Ma non per raggiungere obiettivi di peso/tempi ecc. ma con l’unico obiettivo di raggiungere la GIOIA! Per questo ringrazio Andrea e Gloria per avermi prima guarito emotivamente, per poi intraprendere questa avventura con la soddisfazione di tutti!

  3. Valentina Pasta says:

    Eh. Perché mettersi in discussione è difficile. Credere di sapere cosa vuole il proprio figlio è invenzione di vecchia data e ardua da rimuovere.

  4. Daniela Bighi says:

    Il punto è che spesso nel gruppo ci sono mamme il cui bimbo (x un fortunato caso,nn x l’autosvezzamento) mangia tutto,qndi chi si approccia a questo “metodo” x la prima volta è portato a pensare che sia un metodo x far mangiare i bambini,e nn per far rilassare i genitori

  5. Valentina De Martini says:

    Già. La parte più significativa del post è quella legata al rispetto dei tempi del bambino… È proprio vero che siamo disposti ad accettare ritardi in molti campi, ma non nel cibo. Senti tante madri che svezzano felicemente e facilmente i loro pargoletti, e ti chiedi come mai la tua non ne voglia sapere di pappette e brodi. Poi scopri che, piuttosto, si mangia un pezzetto di cavolfiore bollito e una strisciolina di pollo…

  6. Paolo Vinciguerra says:

    Io sono del parere che non si “passi” all’autosvezzamento ma che invece sia una cosa del tutto naturale che i nostri figli ad un certo punto si interessino a quello che mangiamo noi..noi genitori dobbiamo solo saper interpretare i loro segnali

  7. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Certo che sì, Loredana Solimine, ma cosa cambia se il bambino ha 6 mesi, 16 mesi o 26 mesi? Il problema se presenterà comunque. /Andrea

Rispondi a Cristina Federici Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.