COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti

Ora il pediatra sa...
#1
...e concorda!!

Oggi avevo il controllo dei 6 mesi di Sebastiano e ovviamente mi ha chiesto lumi sullo svezzamento, e io ho rispoto la verità!!001_smile

"Pensavo di dargli quello che mangiamo noi..."

E lei ha detto "Ok"

Scared

Poi pero' ha aggiunto:
"Di lei mi fido, credo abbia criterio nel fare le cose, quindi vado tranquilla che saprà ben decidere con intelligenza"

Ecco mi ha sviolinato 001_rolleyes

Ovvio mi ha fatto molto piacere, anche se non credo che poi ci voglia tutto sto criterio per fare autosvezzamento.. o forse si?

Che dite?
Cita messaggio
Piaciuto da:
#2
beh.... sono tante le persone che a casa mangiano davvero male (intendo roba pronta, fritta e rifritta...) secondo me il tuo pediatra intendeva questo... l'autosvezzamento non è per tutti, non è certo per chi non mangia sano
Alessia + Emma (01.11.06) + Tobia (01.05.10)
Cita messaggio
Piaciuto da:
#3
Hai visto... tanti problemi e poi invece...
Forse c'è ancora speranza per (alcuni di) questi pediatriSmile
(18-04-2011, 10:57 22)aleberto Ha scritto:  l'autosvezzamento non è per tutti, non è certo per chi non mangia sano

L'autosvezzamento È per tutti; se poi i genitori mangiano porcate non credo che saranno due omogeneizzati a risolvere la situazione.
Cita messaggio
Piaciuto da:
#4
(18-04-2011, 10:57 22)aleberto Ha scritto:  beh.... sono tante le persone che a casa mangiano davvero male (intendo roba pronta, fritta e rifritta...) secondo me il tuo pediatra intendeva questo... l'autosvezzamento non è per tutti, non è certo per chi non mangia sano

Su questo non credo...
Se mangi porcate, boh, che tu le mangi a partire dai 6 mesi o dai 12, non mi pare sta gran differenza...
Cita messaggio
Piaciuto da:
#5
(18-04-2011, 10:58 22)arkadian Ha scritto:  Hai visto... tanti problemi e poi invece...
Forse c'è ancora speranza per (alcuni di) questi pediatriSmile
(18-04-2011, 10:57 22)aleberto Ha scritto:  l'autosvezzamento non è per tutti, non è certo per chi non mangia sano

L'autosvezzamento È per tutti; se poi i genitori mangiano porcate non credo che saranno due omogeneizzati a risolvere la situazione.

ti do ragione che non si risolve certo molto a far brodini senza sale e utilizzare omogeneizzati per qualche mese quando poi al compimento dell'anno del bambino o poco più si passa all'alimentazione del resto della famiglia che è fatta di porcate (come era quel post di poco tempo fa? Dagli omogeneizzati alle patatine???), però per come la vedo io l'autosvezzamento dovrebbe anche essere un'opportunità per tutta la famiglia di interrogarsi sulla sana alimentazione, se la sana alimentazione non c'è (e non si parla di eccezioni, quelle ci sono in tutte le famiglie e non vanno certo demonizzate, ma appunto di regole, regole di cattiva alimentazione) ecco che non mi sento di dire che l'autosvezzamento sia la via migliore per svezzare un bambino, Paola Negri, sottolinea questo aspetto e sinceramente mi pare anche Piermarini.
Alessia + Emma (01.11.06) + Tobia (01.05.10)
Cita messaggio
Piaciuto da:
#6
all'ultimo controllo io ho ottenuto un "mi raccomando, continuiamo così (svezzamento tradizionale), perché i bambini entro l'anno si allergizzano facilmente quindi non le dia nulla fuori dallo schema che le ho dato".
Come già detto, vista la rissa per le vaccinazioni ho preferito vivere, e sorvolare. Però è frustrante anche perché il mio compagno è andato un po' in crisi e ora si chiede se non abbiamo fatto male a darle al contrario ogni sorta di allergene entro gli otto mesi. che poi...mica abbiamo fatto in tempo a darglieli tutti...
Eva & Alice Heart
[Immagine: as1cHpQ-O6k0015NjM4NTJkYnwwMDAyMjNkfEFsa...KSBoYQ.gif]
Cita messaggio
Piaciuto da:
#7
(19-04-2011, 12:35 00)aleberto Ha scritto:  ti do ragione che non si risolve certo molto a far brodini senza sale e utilizzare omogeneizzati per qualche mese quando poi al compimento dell'anno del bambino o poco più si passa all'alimentazione del resto della famiglia che è fatta di porcate (come era quel post di poco tempo fa? Dagli omogeneizzati alle patatine???), però per come la vedo io l'autosvezzamento dovrebbe anche essere un'opportunità per tutta la famiglia di interrogarsi sulla sana alimentazione, se la sana alimentazione non c'è (e non si parla di eccezioni, quelle ci sono in tutte le famiglie e non vanno certo demonizzate, ma appunto di regole, regole di cattiva alimentazione) ecco che non mi sento di dire che l'autosvezzamento sia la via migliore per svezzare un bambino, Paola Negri, sottolinea questo aspetto e sinceramente mi pare anche Piermarini.

Ma infatti. Per questo dico sempre che l'enfasi dovrebbe essere sull'educare i genitori e non un corso di cucina su come si fa il brodino o come lo si compra già fatto...
Cita messaggio
Piaciuto da:
#8
(18-04-2011, 10:58 22)arkadian Ha scritto:  
(18-04-2011, 10:57 22)aleberto Ha scritto:  l'autosvezzamento non è per tutti, non è certo per chi non mangia sano

L'autosvezzamento È per tutti; se poi i genitori mangiano porcate non credo che saranno due omogeneizzati a risolvere la situazione.

(18-04-2011, 11:03 23)Acciderbolino Ha scritto:  Se mangi porcate, boh, che tu le mangi a partire dai 6 mesi o dai 12, non mi pare sta gran differenza...
Sono d'accordo con Arkadian e Acciderbolino!!!!

(19-04-2011, 12:35 00)aleberto Ha scritto:  però per come la vedo io l'autosvezzamento dovrebbe anche essere un'opportunità per tutta la famiglia di interrogarsi sulla sana alimentazione, se la sana alimentazione non c'è (e non si parla di eccezioni, quelle ci sono in tutte le famiglie e non vanno certo demonizzate, ma appunto di regole, regole di cattiva alimentazione)
E sono d'accordo anche con questo.

Però, con queta affermazione, no!
(19-04-2011, 12:35 00)aleberto Ha scritto:  ecco che non mi sento di dire che l'autosvezzamento sia la via migliore per svezzare un bambino, Paola Negri, sottolinea questo aspetto e sinceramente mi pare anche Piermarini.

Io, da Piermariniana, non sono affatto d'accordo con questa idea che leggo e sento spesso che l'autosvezzamento non sia per tutti, ma solo per chi ha una cucina "sana" parola che poi assume significati diversi a seconda dei criteri di chi parla.

Ovviamente, ogni abitudine, di qualunque tipo, che non rispetti norme igieniche o di sicurezza, può essere dannosa per i bambini piccoli, in ogni settore della vita quotidiana, ed dovrebbe essere quindi una conseguenza dell'ntelligenza e dell'istinto di protezione del genitore adottare nella casa e nella cucina le misure più adatte a non mettere in pericolo la salute dei propri figli:
chi di noi metterebbe in tavola carne andata a male o cibi abbondantemente scaduti? Chi lascerebba coltelli sul tappeto in cameretta del bambino?
Chi, potendo, non cucinerebbe la pasta in modo che non sia "troppo saporita"?
Inoltre, se un bambino come un adulto è indisposto, per esempio di stomaco, chi gli farebbe mangiare risotto ai funghi e salsicce invece che in bianco, o pomodorino e basilico al massimo?

L'autosvezzamento non è solo l'introduzione dei cibi solidi, ma l'opportunità per un bambino di avvicinarsi al cibo, al piacere e il gusto del mangiare secondo i suoi tempi e nel rispetto del suo sviluppo e della sua personalità: dovrebbe essere la via per tutti a prescindere!

Prendiamo l'esempio del sale:
in nessuna pagina del libro di Piermarini c'è scritto chei bambini debbano mangiare "sciocco", "sciapo", insipido.....a meno che abbiano raggiunto come per tutto il resto i requisiti che dimostrino che sono pronti a mangiare.
Anzi, evidenzia esplicitamente che il sale non fa male a loro nelle stesse quantità in cui non fa male a noi.
Noi adulti, se non abbiamo problemi di ipertensione o ritenzione liquidi, non vediamo la ragione di limitare il sale "giusto" nelle pietanze.
Al momento della stesura del suop libro, sostiene che non esistono studi che siano in grado di dimostrare la maggiore predisposizione alle malattie cardiovascolari da adulti di bambini che abbiano mangiato "sale" fin dallo svezzamento, anzi esistono, al contrario, prove (mi sembra un esperimento) che non c'è alcuna relazione.

Secondo me l'unico problema vero che può creare è nella formazione del gusto personale: abituare al troppo saporito può innescare l'abitudine all'eccesso che potrebbe a lungo andare essere una complicazione in età adulta.
Riguarda l'educazione alimentare, l'educare all'apprezzamento del gusto naturale dei cibi, non la salutarietà o meno di una cucuna rispetto ad un'altra.

Chiaramente l'eccesso non è positivo per nessuno e se combinato a troppi grassi, a corposi soffritti di uso abituale, troppi dolci, frequenti fritti e/o l'abituale ricorso a cibi pronti e industriali (per il fatto principale che contengono additivi vari, grassi idrogenati....cioé "chimica") può essere sintomo di una cucuna non sana.

Lo stesso Piermarini, invita ad evitare di rifare l'esperimento dello studio di cui sopra con i propri figli sottoponendoli a cure di sale!!!!

Cosa vuol dire?
Secondo me che se in una ricetta ci vanno 2/3 cucchiaini di sale meglio optare per 2, così come 1 cucchiaio d'olio invece di 2, e cuocere preferibilmente al forno piuttosto che fritto....è una questione di moderazione ragionevole.
Questo è un consiglio, così come lo è mettere in tavola sempre anche portate di frutta e verdura (anche se il bambino non è propenso e magari neanche uno dei genitori: il bambino, per curiosità, probilmente prima o poi assaggerà e maturerà, a differenza del genitore refrattario!).

Insomma, ferma restando l'osservazione della prima frase che ho grassettato, la seconda a me non risulta.....ma mi piacerebbe sentire il parere diretto dell'interessato!

E, aggiungo, è proprio per guidare alcuni casi di evidente "ignoranza" nelle abitudini alimentari (a volte in alcuni dubbi che abbiamo anche tutti noi!) che anche i pediatri si dovrebbero svegliare ed aggiornare....altrimenti, nella maggioranza dei casi, come abbiamo visto anche noi, non serve a niente che parlino di alimentazione se non a sviare dalla (o ignorarla) "giusta strada maestra dell'autosvezzamento".
Em0200 2/10/2007 Tartarughino
Em3600 27/6/2010 Torello
Cita messaggio
Piaciuto da:
#9
(26-04-2011, 12:43 12)Linda Eva Ha scritto:  L'autosvezzamento ...dovrebbe essere la via per tutti a prescindere!

Cito solo questo breve passaggio dall'interessantissimo intervento di Linda Eva. Indubbiamente l'AS dovrebbe essere l'approccio predefinito e non l'eccezione da usarsi solo se i prerequisiti x, y e z sono rispettati.

È interessante notare come leggendo gli interventi di alcuni membri del forum, si nota spesso tra le righe una sorta di velata autocritica che si rifà viva non appena vedono che qualcosa non va come da manuale (qualunque sia il manuale in esame). Sembra sempre che un genitore tenda subito a colpevolizzarsi non appena nota che i risultati ottenuti (o ancora in divenire) dopo aver effettuato determinate scelte (e che magari non sono state sanzionate dal pediatra o dai genitori, dalla vicina o da chi per loro) non si conformano ai parametri di "figlio ideale", temendo così di aver preso la strada sbagliata. Però mi chiedo, se si segue un percorso che segue il normale percorso evolutivo del bambino cosa c'è da preoccuparsi? Possibile mai che il ciclostile di un pediatra offra un'alternativa migliore??
Cita messaggio
Piaciuto da:
#10
d'accordissimo con Arkadian! infatti basta modelli che altro non sono che idealizzazioni della realtà, fidiamoci dei nostri figli e apprezziamo la loro individualità: è quella la loro particolarità, non il conformismo forzato e a volte esasperato. qual è il fine? che mangino con soddisfazione, con amore per il cibo, che imparino a conoscere i proprio gusti, che apprezzino quel cibo anche se non piace tanto al papà...che sappiano regolarsi sulle quantità, che non ci siano conflitti a tavola...ecco per far sì che queste cose avvengano non basta secondo me qualche mese ( dai 6 ai 12 mesi) di autosvezzamento, per far sì che il tutto appaia come per magia, è un processo lungo che dura tutta l'infanzia e anche l'adolescenza, un processo che grazie all'autosvezzamento ha messo bene le radici, quelle forti che danno stabilità, e che con questo presupposto ha adesso tutta la piena libertà di svilupparsi in maniera sana e direi "normale"!
l'autosvezzamento è secondo me un punto di partenza, non l'arrivo.
[Immagine: as1cF58003D0015MDAwOGQ0fDEyOWp8SWwgbWlvI...NvIGhh.gif]
Cita messaggio
Piaciuto da:


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)