COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti

penso e ripenso...
#1
Ho bisogno del vostro aiuto x dipanare una matassa di pensieri aggrovigliati che mi girano da un po nella testa.
Allattamento a richiesta e "ad oltranza" cosleeping, attenzione puntata verso i bisogni del bambino....
Mi sono documentata molto su questi temi e ho deciso di comportarmi cosi con il mio bambino perché non saprei Come fare altrimenti, mi ritrovo peró con un bambino che non riesce a dormire ne di giorno ne di notte se non avvinghiato a me e i tentativi di ridurrebbe le poppate non fanno altro che farlo arrabbiare. Ora io vedo figli di amiche non cresciuti come il mio che dormono sereni tutta la notte, che di pomeriggio li metti nel lettino e si addormentano da soli, che mentre le loro mamme fanno cose loro si intrattengono da soli allora mi faccio delle domande e i conti non tornano ....
Inoltre parlando con una psicoterapeuta, persona che stimo moltissimo, questa mi chiede perché non penso a far dormire Pietro nella sua cameretta e i dubbi si sono quintuplicati circa il fatto che stia davvero facendo tutto x il suo bene e che invece lo stia rendendo estremamente dipendente.
Spero di essere stata chiara
Mamma di Pietro nato a luglio 2011
Cita messaggio
Piaciuto da:
#2
Sei stata chiarissima. E' una questione che molte di noi hanno affrontato.
Io ti pongo la domanda che una specialista ha posto ad una mamma che esponeva il tuo medesimo dubbio. Eravamo ad una conferenza sul sonno e la domanda ha anticipato la mia di un nanoscondo. Per me è stato determinante per dipanare molti dubbi.
"spesso chiedo alle mamme se sono sicure di volere che i loro figli dormano nel loro lettino e diventino più autonomi e la risposta è sempre <certo che sì>. Chissà però perchè dopo la mia domanda le cose cominciano a cambiare. E tu, vuoi che dorma da solo?"


Quando tornai dalla conferenza il mio compagno mi disse che LaPiccola si era addormenta con modalità completamente differente. Dormì tutta la notte. La paura di spezzare una routine difficile ma - a suo modo - sicura mi bloccava. Troppa paura. Ci sono stati poi dei ritorni e delle prove ma siamo passati da una routine di due snervanti ore con tiraemolla e il goccetto d'acqua e la coccola e mi sono dimenticata una cosa e mi scappa la pipì e andiamo nel lettone a: "mamma ho sonno, mi porti a letto". Così laviamo i denti, la porto a letto, fa cinque minuti di un gioco sull'ipad (se papà è tornato, sennò no), beve un biberon di latte, si gira e si addormenta. Tempo massimo 40 minuti. E dorme quasi sempre tutta notte. Quasi, eh!
Diversa da altre mamme ma buona per me. E soprattutto, ho imparato che quando altre mamme mi dicono rose e fiori io penso sempre quale spina mi stanno nascondendo. E se per caso non sia stata fatta qualche forzatura sul bambino. Ho scelto libri e "non metodi" credendoci molto: credo che il risultato promesso arriverà!
[Immagine: eNortjKzUjK0MDMxNVCyBlwwFZ8C1Q,,44.png]
[Immagine: eNortjKzUjK0MDMxsVSyBlwwFbYC3Q,,40.png]
Cita messaggio
Piaciuto da:
#3
(10-03-2013, 12:52 00)Valina Ha scritto:  E soprattutto, ho imparato che quando altre mamme mi dicono rose e fiori io penso sempre quale spina mi stanno nascondendo. E se per caso non sia stata fatta qualche forzatura sul bambino.

Anche io mi faccio molte domande dato che il primo si addormenta sul divano con noi e dobbiamo poi portarlo a letto di peso e la seconda si sveglia n volte a notte... E senti "io lo metto a letto e vado via e si addormenta da solo", "non viene mai nel lettone","dorme tutta la notte da quando ha 3 mesi"..... Poi scopri che il bambino non va nel lettone perchè la mamma passa ore attaccata al lettino per riaddormentarlo quando si sveglia... Che il bimbo chiede di andare nel letto con i genitori ma non viene mai accontentato..
Insomma, dipende anche molto da cosa bimbo e genitori si adattano a fare e a sopportare, ma non pensare che tutti siano in un castello dorato. Conosco mamme che piuttosto di esprimere un disagio (presente e risaputo) si taglierebbero un braccio.
Alessandro 28/07/2006
Viola 19/12/2011
Cita messaggio
Piaciuto da:
#4
io vorrei "solo" avere la certezza che ciò che sto facendo sia il bene per Lui (so di chiedere troppo), poco importa se dorme da solo o nel lettone, se prende ancora la tetta o no io vorrei saperlo sereno ed il fatto che ad es al pomeriggio dorma aggrappato ai miei capelli e appena io mi sposto lui si svegli, qualche dubbio me lo fa venire.
inoltre le parole della psicoterapeuta qualche pulce nell'orecchio me l'ha messa e appena avrò tempo glelo chiederò e vi farò sapere, se la questione fosse "fai così e non cosà" perchè sei molto stanca e hai bisogno dei tuoi spazi allora chi se ne frega!!!!!
Mamma di Pietro nato a luglio 2011
Cita messaggio
Piaciuto da:
#5
Come dice Valina, sono dubbi che ognuna di noi credo si sia posta. Io verso l'anno e mezzo di giuggino stavo seriamente scoppiando, richiesta di tetta continua, testate, dieci risvegli a notte...ma come noto sono fasi e per fortuna passano (...il famoso mantra...). Io adesso inizio a vedere i frutti di tanto "dare", giuggino sta facendo conquiste di autonomia continue e naturalmente, senza alcuna imposizione esterna. Sa giocare da solo per mezz'ora con le costruzioni o i puzzle, si addormenta insieme a noi nel lettone, gli basta qualche libro da leggere insieme nel letto e le nostre mani da stringere per addormentarsi, tira tutta notte e semmai si sveglia gli basta sentite che ci siamo accanto a lui, dal pisolo pomeridiano si sveglia dopo un paio d'ore venendomi direttamente a cercare in cucina...tutte conquiste fatte da LUI. Devo ammettere che lo stettamento, pensandoci a posteriori, è avvenuto al momento giusto, gli ha fatto fare molti balzi in avanti riguardo all'autonomia e al sonno. Questo mi ha dato molto da riflettere, perché forse la mia paura di pianti infiniti e di n risvegli notturni senza tetta rapida non mi avrebbe mai consentito di trovare IO altre modalità...ci ha pensato lui e mi ha stupito, come sempre.
Credo che siccome i nostri bimbi sono in continua evoluzione non è facile stargli dietro, quello che credevamo adatto un mese fa magari oggi non va più bene. Io ho cercato sempre di farmi guidare da lui, e per il resto procedo per tentativi, osservando la sua serenità. Se a te Pietro sembra sereno non dare ascolto ad altri se non alla tua vocina di mamma, se sei stanca tu è un conto, se altri ti instillano i dubbi riguardo a una presunta obbligatoria autonomia a un anno e mezzo (???) lascia perdere e continua a fare come faresti.

[Immagine: age.png]



[Immagine: age.png]
[/url]
Cita messaggio
Piaciuto da:
#6
Hai letto l'articolo di Jasper Juul postato da Mamitta?
Nessuno può dirti se stai facendo bene o male. Io la vedo così: se ti stai facendo la domanda così intensamente forse qualcosa da sistemare ce lo hai. Avere individuato cosa ti mette a disagio è giá una buona cosa. Quindi parlarne e provare altre modalità può aiutare a trovare soluzioni. Nessuno ha le risposte definitive.
Siamo solo mamme!
[Immagine: eNortjKzUjK0MDMxNVCyBlwwFZ8C1Q,,44.png]
[Immagine: eNortjKzUjK0MDMxsVSyBlwwFbYC3Q,,40.png]
Cita messaggio
Piaciuto da:
#7
io ho sempre creduto nel farli dormire nella loro cameretta, quindi in caso di risvegli è capitato che passassi ore nella cameretta per farli riaddormentare. Non sono però stata rigida in questo, nel senso che c'è stato un periodo, quando Amelia era piccina (sui 7-8 mesi), durante il quale per riaddormentarsi doveva stare di traverso sulla mia pancia, quindi nel lettone e io l'ho assecondata. Si è poi scoperto che i risvegli erano dovuti a mal di pancia e quindi la posizione l'agevolava: se non l'avessi ascolt,ml ghtata mi sarei sentita in colpa dopo! Con Daniele ho avuto problemi di addormentamento, ma se andavamo nel lettone era solo peggio, quindi si, due ore in cameretta pure per lui per un periodo. Loro però si sono sbloccati da soli! Daniele semplicemente con la crescita, Amelia con la risoluzione dell'intolleranza.
Cita messaggio
Piaciuto da:
#8
Ho due figlie e sono l'opposto una dell'altra!
Con la prima ho ascoltato troppo gli altri e la paura del vizio era così radicata in me che non mi permetteva di vedere bene i bisogni suoi! Mai nel lettone e quelle 2 volte che è successo mi sentivo come aver fallito e che tutto dopo sarebbe cambiato. Ho passato ore in cameretta a tenerle la manina, perchè alla fine la mia vocina di mamma cercava di dirmi qualcosa! Allattavo a richiesta pensavo, ma il ciuccio mi permetteva di allungare gli orari. Svezzamento sempre controllato da me!
Ora ha 4 anni e mezzo ed è una bimba estremamente timida, insicura, spesso paurosa. Estremamente sensibile ed intelligente, tanto da non chiedermi anche quando ne ha bisogno, tanto da nascondere le emozioni e mascherarle con altre richieste (piango perchè ho fame... e non perchè volevo che mi comprassi il gioco!). E io devo avere un cuore aperto per accoglierla e capirla. Solo che la maggior parte degli altri non ci riesce!
E al contrario mi domando: è solo il suo carattere oppure se avessi avuto la consapevolezza di ora sarebbe diverso?

MummyMara
Sisterina (20 dic 2011)
Sisterella (11 sett 2008)
Cita messaggio
Piaciuto da:
#9
MummyMara, sembra la descrizione del mio primo figlio! E nemmeno io so dire se è carattere o se il mio comportamento ha influito troppo... io allattavo e lo facevo dormire nel lettone, ma mi sono messa parecchio a "muso duro" per l'idea che il bimbo dovesse comportarsi in un certo modo, essere ubbidiente, perchè "se la pianta cresce storta poi non la raddrizzi più" (motto dei miei genitori). E ora è sveglio e intelligente, ma pauroso, ostinato ai limiti massimi e soprattutto non sa esprimere la stanchezza, la frustrazione (e a volte anche la gioia!) se non mettendosi contro di noi... Colpa nostra? Boh............... Però, Gisella, ti posso dire per certo che la domanda "sto facendo il meglio per lui/lei" sarà eterna... e nessuno ti dà la risposta (o molti te la vogliono dare ma chi conosce veramente la situazione siete solo voi)
Alessandro 28/07/2006
Viola 19/12/2011
Cita messaggio
Piaciuto da:
#10
Probabilmente il farci tante domande, il mettersi in discussione come madri e come genitori dà poi qualità al nostro agire, anche se poi risulta sbagliato! Abbiamo sbagliato per amore e non per colpa degli altri, dei libri, dei metodi, dello psicologo di turno! E probabilmente (lo spero) si può rimediare!
Se pensiamo a noi ed al nostro vissuto di bimbi.... di sicuro mia mamma faceva il meglio che poteva, sicuramente meno libera di come lo sarebbe ora, sicuramente con meno conoscenze (cesareo e neanche hanno permesso che provasse ad allattarmi) però io ora sono così e sto qui a scrivere di queste cose, in questo modo!
....opsss Sisterina disperata vuole tetta! Quale miglior conclusione del mio intervento!

MummyMara
Sisterina (20 dic 2011)
Sisterella (11 sett 2008)
Cita messaggio
Piaciuto da:


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)