COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti

pesticidi e sostanze nella pasta: allora?
#1
http://www.ilpost.it/2011/12/01/plasmon-e-barilla-litigano-sui-giornali/

illuminatemi.. allora sta benedetta pasta comune è pericolosa?
ho poco tempo per indagare in rete la veridicità delle informazioni e voi che siete dei luminari saprete indirizzarmi...

io uso i piccolini barilla, li tengo per quando ho fretta per cucinare velocamemente...
ma per la maggior parte uso pasta comune, barilla, de cecco, oppure la coop...

ad esempio ho preso i biscotti coop al posto dei plasmon, ma preferisce di gran lunga i plasmon...
Mamma di Serena dal 09/03/11 3240 x 51 cm e Davide dal 04/02/13 3840 x 54 cm
[Immagine: rtNip1.png]
Cita messaggio
Piaciuto da:
#2
ho aperto stamattina una discussione su genitori e dintorni ma ancora non mi hanno risposto.. anche a me non e' chiara questa cosa..
pulce - 21.05.2011
Cita messaggio
Piaciuto da:
#3
Sul sito del ministero della salute la Direttiva 2006/125/CE a cui sembra attenersi plasmon è ancora "in attesa di recepimento" che credo voglia dire non è ancora legge italiana.Mi chiedo sempre perchè i livelli dei pestici&co non siano uguali (al ribasso)per adulti e bambini.Comunque nello specifico avrà ragione Barilla perchè non ha mai detto (nè si sono mai visti nelle pubblicità)che i suoi sono alimenti per l'età 0-3 anni ma ha sempre sottolineato di rivolgersi alla FAMIGLIA.Credo semplicemente che sia l'ennesima prova del ridursi del mercato dell'omo.E poi facendo il conto dei residui di pesticidi sul singolo biscotto in rapporto alla quantità mangiata i conti come sono?(perchè se di macine un unenne ne mangia per es 3 e di plasmon 10 tornano in pari i pesticidi?)
10900 Ale 17/07/2010
Cita messaggio
Piaciuto da:
#4
(02-12-2011, 12:59 00)cancy Ha scritto:  Sul sito del ministero della salute la Direttiva 2006/125/CE a cui sembra attenersi plasmon è ancora "in attesa di recepimento" che credo voglia dire non è ancora legge italiana.Mi chiedo sempre perchè i livelli dei pestici&co non siano uguali (al ribasso)per adulti e bambini.Comunque nello specifico avrà ragione Barilla perchè non ha mai detto (nè si sono mai visti nelle pubblicità)che i suoi sono alimenti per l'età 0-3 anni ma ha sempre sottolineato di rivolgersi alla FAMIGLIA.Credo semplicemente che sia l'ennesima prova del ridursi del mercato dell'omo.E poi facendo il conto dei residui di pesticidi sul singolo biscotto in rapporto alla quantità mangiata i conti come sono?(perchè se di macine un unenne ne mangia per es 3 e di plasmon 10 tornano in pari i pesticidi?)

appunto.. se la barilla conferma che la sua pasta non è per bambini tra 0 e 3 anni.. vuol dire che è realmente dannosa per l'apparato digerente di un bambino??
pulce - 21.05.2011
Cita messaggio
Piaciuto da:
#5
Allora la scelta è fra mangiare plasmon a vita o tutto il resto....
Mamma mia che mondo terribile!! Mi sto facendo certe paranoie Sad
E' tutto inquinato! Non so se avete visto l'ultima puntata di Report ..da piangere! I cellulari sono molto più pericolosi di quello che ci hanno fatto credere, per non parlare di computer, cordless, forno a microonde e tutti gli apparecchi che emanano onde radio Sad.
E io che ho sempre fatto ascoltare la musica a Mario col cellulare. Pare che è pericoloso anche così...bisognerebbe togliere la rete...
Casa mia è un concentrato di radiazioni.

Come pasta io uso Amato e Divella e quest'ultima è fatta prevalentemente con grano estero Sad. Ogni tanto faccio la pasta io... ma la farina? E' fatta con grano italiano? Ne dubito... E il livello di pesticidi? Come lo controllo?

Ma poi la plasmon, sarà così immune dall'inquinamento? Coltivano grano su Marte?
Dovunque cadi...cadi male
Cita messaggio
Piaciuto da:
#6
(02-12-2011, 10:50 10)giulieee Ha scritto:  Allora la scelta è fra mangiare plasmon a vita o tutto il resto....

a vita no.. ma credo che almeno per il primo anno di vita bisogna fare attenzione, l'apparato digerente è più delicato no?
non dico di mangiare plasmon ma di mangiare cose sane
il fatto è che io non sono esperta in materia, quindi non ho idea di che cosa vogliano dire questi pesticidi: cercando su internet, come al solito, c'è chi dice una cosa e chi il contrario..
quindi? non dobbiamo dare la pasta industriale ai nostri figli?
pulce - 21.05.2011
Cita messaggio
Piaciuto da:
#7
Ho chiesto a un paio di contatti che ho, ma non mi hanno saputo dire niente. In sostanza bisogna aspettare. Una cosa è certa, come la giri, puzza; ma allora che fai non campi più?
BM 06-09
C (ex PA) 20-10-11
Cita messaggio
Piaciuto da:
#8
nell'altro post che ha aperto Daisy, ha pure risposto la barilla, ribadendo che non hanno mai detto di riferirsi a piccoli sotto i 3 anni...

arkadian, no infatti, campi eccome, con i pesticidi che sono ormai ovunque, perchè anche la mela biologica può subire dei trattamenti, che rientrano nei parametri del biologico... per non pensare all'inquinamento che c'è nell'aria che si posa su tutto...

però se barilla ha pochi pesticidi, quelle sottomarca che sono?
Mamma di Serena dal 09/03/11 3240 x 51 cm e Davide dal 04/02/13 3840 x 54 cm
[Immagine: rtNip1.png]
Cita messaggio
Piaciuto da:
#9
innanzitutto già nella discussione con Vania certi punto che riguardavano la legge italiana pensavo di averli chiariti. ma in sostanza le cose stanno così: cercate l'alimento "puro", "incontaminato", sicuro al 100%? bene mi dispiace dirvelo ma non c'è. nè che si chiami barilla nè che si chiami plasmon. questo perchè siamo tutti sullo stesso mondo, esistono tantissime fonti di inquinamento e così via...quello che si può fare è cercare prodotti "meno" pericolosi. La scelta non è tra le più semplici perchè per esempio se compro pasta fatta con grano italiano mica è detto che questo sia più sicuro! potrebbe avere grossi quantitativi di pesticidi, oppure può essere stato innaffiato con acqua inquinata ecc ecc oppure potrebbe in effetti risultare migliore del grano importato e ve lo dice una che usa farina italiana per fare i dolci nella propria azienda, ma principalemente se scelgo grano italiano è perchè è un problema socio-etico- economico che mi interessa, ovvero cerco di fare qualcosa contro le multinazionali che fanno cartello sulle produzioni agricole. così come le analisi di laboratorio che vengono fatte e di cui si vantava la plasmon nel paragone con barilla...pensate che sono obiettivi? cascate male...le analisi dei laboratori privati vengono pagate da chi le commissiona e secondo voi se io ho un cliente a cui devo fare delle analisi su un prodotto e su questo prodotto viene riscontrato un problema che fa mi metto a divulgare questi "dati negativi" all'esterno? no, perchè sennò perderei il cliente. quindi qua le situazioni sono due: il buon produttore se sa che un suo prodotto presenta dei problemi(perchè cmq può capitare) non lo immette sul mercato e cerca di "aggiustare il tiro" nelle prossime produzioni, il produttore disonesto fa finta di nulla, fa "aggiustare" i risultati delle analisi e lo immette lo stesso sul mercato. allla fine di tutto è sempre il consumatore che deve barcamenarsi negli acquisti senza una tutela certa al 100%, ma purtroppo la situazione è questa e io onestamente non vedo svolte.
quello che vi posso dire è che io personalmente cerco di usare ortaggi di produzione dei vari orti di famiglia (che almeno non hanno pesticidi, semmai si sono beccati qualche pioggia acida), non compro frutta e vedura al supermercato se non di rado e in caso di bisogno vado al mercato dei contadini, così almeno è frutta di stagione, a km 0 e più ricca di vitamine. compro carne di marchigiana o da macellai che hanno carne proveninte da bestiame locale perchè la maggior parte delle volte conosco gli stessi allevatori e so che hanno mucche e pecore tenute bene, dunque sane, che non hano avuto bisogno di prendere grossi quantitati di antibiotici, che mangiavano foraggio ecc ecc, mangio carne di polli allevati da mia suocera, ecc ecc
per la pasta compro De Cecco di solito perchè ho avuto la fortuna che una delle mie più care amiche faceva le analisi microbiologiche alla pasta de cecco e mi ha sempre detto che era l'unica azienda che aveva sempre analisi perfette senza nessuan "manipolazione". inoltre sono una delle poche fortunate che ha visitato l'azienda che si trova in un posto fra i più incontaminati in italia, così come l'acqua che usano è praticamente fantastica. E' vero che usano grani esteri, ma vengono macinati subitissimo e sono davvero di ottima qualità. Cerco di comprare prodotti bio (anche se non è che la cosa mi faccia "essere" più tutelata semmai lo "spero" e mi appello all'onestà dei produttori Big Grin) e quando li trovo, compro prodotti biodinamici che sono gli unici che mi danno fiducia e in cui credo perchè uno non si metterebbe mai a fare il biodinamico se non avesse dietro una forte motivazione etica visto che sono davvero complicati e diciamocelo una vera scocciatura fare un'agricoltura di questo tipo.
E' vero che alla fine essendo il mio settore lavorativo quello alimentare, sono fortunata, però secondo me delle accortezze negli acquisti li può avere chiunque e a volte il semplice buon senso ci tutela molto più delle leggi.
[Immagine: as1cF58003D0015MDAwOGQ0fDEyOWp8SWwgbWlvI...NvIGhh.gif]
Cita messaggio
Piaciuto da:
#10
Thumbup1
esattamente come la penso io. Devo dire che a me la barilla non ha mai dato tanta fiducia piu' della plasmon, e devo dire che a me l'idea dei Piccolini in generale mi fa un po' vomitare..Tongue_smilie A me il tutto sembra una bella campagna sull'onda di quella della fimp di cui parlavamo poco fa. Mi sa che in tempi di crisi le persone, per me giustamente, si chiedono perche' somministrare a piccoli dotati di tutti i denti pastina plasmon...Bored
I miei comportamenti sono simili a quelli di rossanalib, con l'aggravante di vivere in una regione in cui e' stata fatta carne di macello dell'ambiente (la Campania).
Facciamo parte di un GAS e cerchiamo di prendere ortofruttucoli di stagione (gia' un buon parametro, secondo un contadino che ci riforniva) e a km zero.
La pasta la prendiamo in pastifici locali artigianali... e incrociamo le ditaSad

(02-12-2011, 04:21 16)rossanalib Ha scritto:  innanzitutto già nella discussione con Vania certi punto che riguardavano la legge italiana pensavo di averli chiariti. ma in sostanza le cose stanno così: cercate l'alimento "puro", "incontaminato", sicuro al 100%? bene mi dispiace dirvelo ma non c'è. nè che si chiami barilla nè che si chiami plasmon. questo perchè siamo tutti sullo stesso mondo, esistono tantissime fonti di inquinamento e così via...quello che si può fare è cercare prodotti "meno" pericolosi. La scelta non è tra le più semplici perchè per esempio se compro pasta fatta con grano italiano mica è detto che questo sia più sicuro! potrebbe avere grossi quantitativi di pesticidi, oppure può essere stato innaffiato con acqua inquinata ecc ecc oppure potrebbe in effetti risultare migliore del grano importato e ve lo dice una che usa farina italiana per fare i dolci nella propria azienda, ma principalemente se scelgo grano italiano è perchè è un problema socio-etico- economico che mi interessa, ovvero cerco di fare qualcosa contro le multinazionali che fanno cartello sulle produzioni agricole. così come le analisi di laboratorio che vengono fatte e di cui si vantava la plasmon nel paragone con barilla...pensate che sono obiettivi? cascate male...le analisi dei laboratori privati vengono pagate da chi le commissiona e secondo voi se io ho un cliente a cui devo fare delle analisi su un prodotto e su questo prodotto viene riscontrato un problema che fa mi metto a divulgare questi "dati negativi" all'esterno? no, perchè sennò perderei il cliente. quindi qua le situazioni sono due: il buon produttore se sa che un suo prodotto presenta dei problemi(perchè cmq può capitare) non lo immette sul mercato e cerca di "aggiustare il tiro" nelle prossime produzioni, il produttore disonesto fa finta di nulla, fa "aggiustare" i risultati delle analisi e lo immette lo stesso sul mercato. allla fine di tutto è sempre il consumatore che deve barcamenarsi negli acquisti senza una tutela certa al 100%, ma purtroppo la situazione è questa e io onestamente non vedo svolte.
quello che vi posso dire è che io personalmente cerco di usare ortaggi di produzione dei vari orti di famiglia (che almeno non hanno pesticidi, semmai si sono beccati qualche pioggia acida), non compro frutta e vedura al supermercato se non di rado e in caso di bisogno vado al mercato dei contadini, così almeno è frutta di stagione, a km 0 e più ricca di vitamine. compro carne di marchigiana o da macellai che hanno carne proveninte da bestiame locale perchè la maggior parte delle volte conosco gli stessi allevatori e so che hanno mucche e pecore tenute bene, dunque sane, che non hano avuto bisogno di prendere grossi quantitati di antibiotici, che mangiavano foraggio ecc ecc, mangio carne di polli allevati da mia suocera, ecc ecc
per la pasta compro De Cecco di solito perchè ho avuto la fortuna che una delle mie più care amiche faceva le analisi microbiologiche alla pasta de cecco e mi ha sempre detto che era l'unica azienda che aveva sempre analisi perfette senza nessuan "manipolazione". inoltre sono una delle poche fortunate che ha visitato l'azienda che si trova in un posto fra i più incontaminati in italia, così come l'acqua che usano è praticamente fantastica. E' vero che usano grani esteri, ma vengono macinati subitissimo e sono davvero di ottima qualità. Cerco di comprare prodotti bio (anche se non è che la cosa mi faccia "essere" più tutelata semmai lo "spero" e mi appello all'onestà dei produttori Big Grin) e quando li trovo, compro prodotti biodinamici che sono gli unici che mi danno fiducia e in cui credo perchè uno non si metterebbe mai a fare il biodinamico se non avesse dietro una forte motivazione etica visto che sono davvero complicati e diciamocelo una vera scocciatura fare un'agricoltura di questo tipo.
E' vero che alla fine essendo il mio settore lavorativo quello alimentare, sono fortunata, però secondo me delle accortezze negli acquisti li può avere chiunque e a volte il semplice buon senso ci tutela molto più delle leggi.

Alessandra + Daniele Giaime (7/10/2004) + Giorgia Diana (15/06/2010)
Cita messaggio
Piaciuto da:


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)