Dai genitori per i genitori

6.5 mesi fusilli sugo zucchine e philadelphia autosvezzamento

Iscriviti alla newsletter e ricevi SUBITO l’ebook sul soffocamento, “E SE SI STROZZA?”

Con noi i tuoi dati sono SEMPRE al sicuro e non verranno condivisi con NESSUNO.

Questo sito è realizzato dai genitori per i genitori, perché il cibo è un fatto di famiglia e lo svezzamento, e la prima infanzia in generale, sono un momento normale nello sviluppo e nella crescita di un bambino, non una malattia da curare.

La community dà supporto e voce alle mamme e ai papà durante la (ri)scoperta del modo più semplice e sereno di introdurre i cibi solidi nella dieta dei bambini.

BENVENUTO!

Vuoi una mano per orientarti in questo sito? Clicca qui.

 

849 comments

  1. Mara says:

    Buongiorno, dovendo ritardare l’autosvezzamento più in là del sesto mese perché il bambino non è pronto Efsa conati di vomito, come vi ponete con la carenza di ferro, zinco e vit B che dopo il sesto mese bisogna introdurre è di cui il latte materno è privo?

    • Andrea says:

      Mara,
      premesso che uno non ritarda niente in quanto è il bambino che inizia quando inizia, non bisogna vedere queste cose come una cambiale in scadenza che se non la paghi entro il termine dovuto ti arrivano gli ufficiali dell’autosvezzamento a casa. :D
      Nella peggiore delle ipotesi potrà comunque prendere un’integrazione che è la cosa più facile, anzi, l’unica possibile da farsi.

  2. Antonio says:

    Ho provato l’autosvezzamento con la prima figlia… insuccesso. Adesso con la seconda pratico lo svezzamento normale e funziona alla grande. Due soggetti diversi? Può darsi; spero solo di non sentirmi definire genitore incapace.

    • L. P. says:

      Caro Antonio
      Qualsiasi commento necessita di una precisazione di cosa lei intende per insuccesso. Dal nostro punto di vista, fondato sulla fisiologia dell’appetito, significherebbe che se non si fosse forzata l’introduzione dei solidi la bambina avrebbe preso solo latte per tutta la vita o, in sua assenza, si sarebbe lasciata andare fino all’inedia. Azzardando una interpretazione, probabilmente si doveva solo aspettare, considerando che la variabilità normale della comparsa di interesse si estende fino all’anno di età.

  3. Cris says:

    Per i nonni l’autosvezzamento è davvero difficile da accettare, come coniugate la vostra scelta di svezzarli in questo modo con la necessità di affidare loro i bambini?
    Mi chiedo se vada bene lasciare loro pasti come yogurt, frutta schiacciata e latte materno conservato (per la loro tranquillità) oppure insistere perché anche loro diano i cibi solidi..considerate che la bimba ha 6 mesi e mezzo e sta appena iniziando gli assaggi..tra un mesetto dovrò lasciarla ai nonni o a una baby Sitter e secondo me farà già dei pasti

    • Wanessa says:

      E non c’è male in questo anche se non hanno denti la gengiva fa il suo lavoro (detto da una spericoliate dentista infantile) è solo fare una cottura di QUALSIASI alimenti che tu possa schiacciarlo con la lingua nel palato, schiatti solamente con la forchetta e MAI frullati o omogenizzate dari ogni singolo alimenti separato così il bimbo sentirà le texture e sapore singolarmente quando si frulla ad esempio altro che il bambino non sentì il gusto di ogni cosa quindi crescendo quando dovrà mangiare separato non lo mangerà e altro che causa problemi alla formazione della mandibola e i denti quindi tranquilla

  4. Carmela Massari says:

    Salve, ho un bimbo di 16 mesi e grandi difficoltà con la sua alimentazione. Premetto che è coppa mia, lui all’inizio dello svezzamento, avvenuto al 6 mese compiuto, era più propenso ai cibi solidi, io invece che sono una fifona l’ho portato allo svezzamento tradizionale, morale lui ha rifiutato il cibo, siamo arrivati i primi cucchiaini dopo l’anno, pra siamo ancora alle pappine e non vuole pasta di qualunque formato neanche la sabbiolina.
    Vi è da dure che mangia creckers e biscotti masticandoli benissimo.
    Come devo procedere è ora che mangi anche altro.
    Vi prego aiutatemi.

  5. Maria says:

    Ho trovato questo sito di ritorno da un incontro organizzato in consultorio sullo svezzamento, in cui la premessa è stata “se siete al primo figlio parliamo dello svezzamento tradizionale, se siete al secondo parliamo dell’autosvezzamento perché è più comodo per voi, così non dovete preparare cose diverse per il bambino più grande e quello più piccolo…”
    E la differenza fisiologica tra un primo e un secondo figlio quale sarebbe?!??!
    Quindi: eccomi qua, e grazie per l’ottimo lavoro di divulgazione!

    • Cris says:

      Buongiorno a tutti, la mia bimba ha 6 mesi e mezzo ma non sta ancora seduta, posso ugualmente darle cibi solidi o no? Il riflesso di estrusione sembra scomparso e tutti i giorni sembra interessata al cibo in tavola..
      Inoltre c’è un modo per reperire il libro “autosvezzamento per tutti”??
      Grazie!

Rispondi a Sabrina MisSabry Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *