Paura da autosvezzamento: la parola ai genitori



All'inizio l'autosvezzamento può far pauraCosì come i bambini spesso hanno una paura irrazionale del buio, i genitori ancora più spesso hanno paura che facendo autosvezzamento chissà cosa potrebbe accadere ai loro figli; così, sovente a malincuore, decidono di non deviare dalla strada maestra dello svezzamento a pappine e tabelle. Questo è un atteggiamento più che comprensibile, specialmente se ti hanno sempre detto che lo svezzamento si fa solo in un determinato modo e lo hai sempre visto fare così. Se poi aggiungiamo che il bambino potrebbe cominciare a tossire non appena si trova un qualcosa di solido in bocca, ecco che la frittata è fatta.

Tuttavia quel genitore sente istintivamente che l’autosvezzamento è una strada migliore sia per lui che per il bambino, ma non riuscendo a liberarsi da questi timori si trova in una situazione di stallo in quanto non sa bene come superare questo ostacolo.

Cercando di trovare una soluzione, magari cerca su internet “autosvezzamento” e si imbatte su questo sito dove legge che tanti genitori danno allegramente ai loro figli pezzi giganteschi: cosce di tacchino intere a bimbi di neanche 6 mesi; bisteccone da prendere con le mani e sbranare; panini imbottiti che neanche un adulto riuscirebbe a mordere, tanto sono ripieni, ecc.
OK, forse esagero un po’, ma probabilmente il genitore insicuro che non sa bene come procedere pensa che questo sia quello che succede con i bambini degli altri (dopo tutto non è forse vero che “il bambino del vicino è sempre più vorace”?). Poco importa se il paninone imbottito era un pezzetto di pane con un po’ di humus sopra, la coscia di tacchino 5 g di coscia di pollo sfilettata e il bisteccone un micro pezzo di spezzatino stracotto…

All’inizio la paura di sbagliare può bloccare anche i più impavidi; come facciamo a superarla? Questo post è dedicato a raccogliere le esperienze di chi ci è già passato. I commenti sono riservati alle esperienze personali legate all’inizio dello svezzamento e a come i genitori hanno gestito le prime fasi “timorose” (se le hanno passate).

Le esperienze degli altri genitori sono fondamentali per rendersi conto che non si è soli e che se hai paura di qualcosa, stai pur certo che qualcuno prima di te ci sarà passato.

[hr]

Nel frattempo ricordiamo che si possono fare anche altre letture sull’argomento. Qui di seguito metto i link ad alcuni post che mi sembrano significativi. Una lista completa la trovate cliccando sulla tag autosvezzamento.

Scopri l'auto-svezzamento

Iscrivendoti alla newsletter riceverai immediatamente l'ebook

Alimentazione complementare e paura del soffocamento
E se si strozza?

In più potrai scegliere tra:

  • Il minicorso sull'autosvezzamento
  • Le ricette della community
  • L'attività settimanale del blog
  • L'attività settimanale del forum


La tua privacy è importante.
Con noi la tua email è al sicuro!


COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


177 comments

  1. Chiara Parenzan says:

    Salve a tutti,
    vorrei intraprendere la strada dell’autosvezzamento ma come molte mamme sono spaventata all’idea di vederlo ingozzarsi.
    Mio figlio ha 6 mesi e mezzo e da qualche giorno ho cominciato gia’a dargli un broccolo, del riso compattato in pallina cosicché potesse prenderlo in mano, dei fusilli, una carota ( che paura la carota!) ed una pera al vapore (quella praticamente l’ha solo succhiata perche gli scivolava dalle mani).
    Ma ogni volta che vedo che prende un pezzetto lo guardo preoccupata e dentro di me penso..”sputalo sputalo”.In piu’non vedo l’ora che non abbia piu’voglia di assaggiare le cose.. Lui e’molto incuriosito ed interessato al cibo e io ho paura di rinunciare per la paura che lui si strozzi.
    Mio padre e’ morto soffocato da un’arancia e devo dire che la cosa mi influenza un po’.
    Ho guardato i video del “gagging” e anche i video per la disostruzione nel lattante… ma tra il guardare un video e dire che sarei capace di farlo ce ne passa.
    Ho anche paura di trasmettere ansia a mio figlio se lo guardo tutte le volte come se si dovesse strozzare… e non posso affidare il compito a qualcun altro perche vivo all’estero e qui siamo solo io e mio marito.
    Insomma non so cosa vorrei sentirmi dire…forse che la mia paura si puo’superare e che non devo per forza andare di pappine…
    Ma quanto e’veramente alta la probabilità che si soffochi?

  2. Stefania says:

    Buongiorno a tutti, vi chiedo un consiglio, il mio bimbo ha 13 mesi da quando ha iniziato lo svezzamento (7 mesi circa) non ha mai gradito granchè le pappe ma alternava periodi in cui mangiava di più e altri di meno, io comunque allatto ancora e molto, nel frattempo da un paio di mesi ha anche iniziato ad assaggiare il nostro cibo che sembra apprezzare di più, anche se per lo più sono ancora assaggi e non veri e propri pasti, a parte biscotti, crecker, pane e qualche frutta che sembra gradire molto e consumarne in maggiore quantità, mio marito comunque si ostina a proporre sempre un po’ di pappa perchè secondo lui dando il mio latte e qualche assaggio che fa non si nutrirebbe abbastanza io invece vorrei abbandonare del tutto la pappa, che tanto mangia poco o niente,inoltre non vuole assolutamente stare nel seggiolone ma in braccio a me dove alla fine assaggia tutto dal mio piatto, ma quando tocca del mangiare che non è asciutto lo lascia perdere…secondo voi come devo comportarmi? Continuare comunque proporre la pappa? Farlo sperimentare dal mio piatto quindi mangiare ormai in simbiosi? Grazie!!

  3. Jessica says:

    Buongiorno a tutti :) Leonardo ha 6 mesi e mezzo ed abbiamo già cominciato a sperimentare con zucchine, patate e carote al vapore, pane e crosta di pizza integrale e ai cereali, banana e sembra gradire molto autosvezzarsi. Volevo aspettare ancora un po’ visto che non sta ancora seduto da solo (se seduto sulle mie gambe sta seduto benissimo tenendosi a un mio dito), ma da quando ha provato la crosta della mia pizza integrale mi dispiace non accontentarlo visto il suo interesse ed entusiasmo. Sto sbagliando? Dovrei interrompere e aspettare che riesca a stare seduto da solo? Grazie :)

  4. Serena says:

    Buonasera a tutti , io penso di avere un grandissimo problema, io sono letteralmente terrorizzata dal pericolo soffocamento, io non so se sia un vero e proprio blocco psicologico legato al mio passato o cos’altro, ma so che non riesco a sbloccarmi. . Chi può aiutarmi ?a chi posso rivolgermi? Il mio bimbo ha 14 mesi e non gli ho ancora dato pezzi da mangiare… mangia tutto sempre accompagnato da brodo ,anche la pasta ancora sono alle stelline, la carne gliela trito col tritacarne e la metto nel brodo…. io mi vergogno anche un po ma mi devo fare coraggio e parlarne con qualcuno perché non voglio limitare il mio bimbo…. grazie mille a chi mi vorrà consigliare

      • serena says:

        Ciao Andrea, prima di scrivere sono andata a leggere quasi tutto il blog , con tutti i commenti , ormai avevo gli occhi che mi bruciavano!!! Vedo che però , anche chi ha le mie paure , alla fine poi il pane lo dà o i biscotti… io leggo di mamme che danno di tutto , se penso al fusillo ad esempio, mi dico, ma com’è possibile che non vada di traverso? Non è proprio quella la consistenza che fa paura? Se il bimbo , che ha 6 dentini, due sopra e quattro sotto, non mastica e lo manda giù ? Non lo so, sono veramente un caso patologico…. credo che da sola non riuscirò a sbloccarmi e leggere le altre esperienze mi rende ancora più frustrata …

        • Andrea says:

          E quando comincerà a camminare come farà a non cadere e rompersi la testa? E quando comincerà a correre? E a saltare? Lo so che non aiuta, ma già vedi che la tua è una paura (anche se comprensibile) irrazionale. Magari lascia il bambino con qualcun altro durante i pasti ;)

        • serena says:

          Andrea hai ragione, ho deciso infatti di farlo mangiare, da domani, con mia zia che non ha queste paure ovviamente …. è l’unica soluzione , anche se comuqnue andrò a parlarne con qualcuno … p.s il bimbo cammina già e la cosa paradossale è che su questo aspetto non ho mai avuto timori, lo lascio fare, cade , si rialza, non lo limito anzi lo incito..anche oggi ha dato una bella testata , ma un piantino, si rialza e via… ed io non ho assolutamente apprensioni….

  5. Stephanie says:

    Con il mio primo bimbo ho fatto svezzamento tradizionale, lui era molto contento delle pappe, cercavo di variarle il più possibile, e non interessato al nostro cibo…e io ero terrorizzata dai pezzi! Dai 10 mesi abbiamo iniziato con il pane e a separare i gusti e a 13 mesi mangiava tutto a pezzi tranquillamente.
    Il mio secondo bimbo (7 mesi), sebbene gradisca le pappe, è molto interessato al nostro cibo e vorrebbe assaggiarlo a tutti i costi. Ma dopo che ha staccato un grosso pezzo di anguria (e gliel’ho tolto dalla bocca anche se sbagliato, ma non sono riuscita a trattenermi) e mi è quasi venuto un infarto non ho il coraggio di dargli cose da gestire da solo a parte un po’ di pane. Ho fatto i corsi di distruzione 3 anni fa e sicuramente vorrei rifarli, ma sono totalmente terrorizzata. Tuttavia, non voglio soffocare questo suo desiderio, mi sembra proprio sbagliato. Vorrei proseguire con le pappe e affiancare autosvezzamento. Sto cercando di trovare coraggio da queste pagine!

    • Andrea says:

      Stephanie, a che pro “proseguire con le pappe”? L’AUTOsvezzamento prevede l’AUTOdeterminazione del bambino :)

      Vedrai che il coraggio arriverà, anche perché la parte più difficile è l’inizio :)

      Il 02/09/16 11:06, Stephanie ha scritto:

  6. Jessie32 says:

    Anch’io come Laura comincio a pormi il problema di quando tornerò al lavoro. Mio figlio ha quasi sei mesi e a breve comincerò a offrirgli cibi solidi sul serio (finora gli ho lasciato puntare i suoi primi due dentini su crostini, pane vecchio e ossa di pollo). Lo allatto ancora al seno (5 volte in media al giorno), ma fra due mesi rientrerò al lavoro e il piccolo resterà almeno 7-8 ore di fila con i nonni perchè lavoro lontano da casa. Dubito farà già pasti completi, per cui mi sto chiedendo se sia il caso di cominciare a fare scorte di latte, usando il tiralatte, operazione che peraltro non mi è mai piaciuta! Esperienze simili? Consigli? Grazie!

  7. Laura says:

    Ciao a tutti, su consiglio di una cara amica sto leggendo il libro ” io mi svezzo da solo” e da quando Lorenzo ha iniziato a mostrare interesse verso il nostro cibo (5 mesi e mezzo circa) ha giá assaggiato molti piatti. Noi non lo abbiamo mai forzato convinti che pian piano gli assaggi sarebbero diventati pasti ma invece l’interesse iniziale é diminuito e oggi, che ha 8 mesi, é molto meno interessato di prima, mangia poco o niente e praticamente poppa con la frequenza di un bimbo di tre mesi!!
    Lo allatto esclusivamente al seno e non sarei troppo preoccupata se non fosse che tra un mese e mezzo devo rientrare a lavoro :-(
    Ma com’è possibile che ora sia meno interessato al cibo di prima?
    Provo a fargli fare tutto da solo ma svuota il piatto e lo lancia per terra..i pezzetti che restano sul tavolo li schiaccia con le mani e se li spalma ovunque fuorché in bocca : -/
    Unico neo è che non gli do i pezzettoni, proprio non ci riesco sono terrorizzata…trito o schiaccio…anche perché gli va sempre qualcosa x traverso!
    Come mai ha perso interesse secondo voi? Help ….

    • Andrea says:

      Non ha perso l’interesse, ma semplicemente queste cose vanno avanti e indietro… È normale così, stai tranquilla.
      Quante ore starai via quando tornerai a lavoro? In ogni caso, mancano ancora 6 settimane, che per un bambino sono tantissime.

  8. Francesca says:

    salve, il mio piccolo ha fatto sei mesi da pochi giorni, ma credo di non essere pronta per l’autosvezzamento. forse perché lui non ha perso il riflesso di estrusione, ma la roba frullata o schiacciata non la butta giù e quella intera si vede benissimo che non ha chiaro cosa farci. mi rendo conto di non aver comunque maturato la giusta sicurezza a riguardo

    • Andrea says:

      Ciao Francesca, ma chi dev’essere pronto per l’autosvezzamento, tu o il bambino?
      Mi sembra chiaro da quello che dici che il bambino ancora non ha raggiunto le competenze necessarie, quindi per il momento semplicemente rilassati e dai tempo al tempo :)

  9. Anonimo says:

    Ciao!!
    Noi siamo agli inizi (Michelangelo fa 6 mesi il 24 Agosto), per ora non gli ho dato molto anche perché c’è qui la suocera e preferirei iniziare senza avere pressioni esterne.
    La mia domanda è questa: ho letto alcuni commenti a questo articolo e ho letto molti che suggeriscono di dare pezzi piccoli o sminuzzati…io però leggendo il sito avevo intuito che per imparare a conoscere le consistenze e a maneggiare bene il cibo il bimbo non dovrebbe essere imboccato, m fare da sé, ed è una cosa che in effetti aveva senso per me…
    Io ammetto che ho un po’ di ansia…ma spero che poi cominciando mi passi in fretta…come concilio le due cose? Per adesso ho provato a dargli cose spappolabili (una fettna di pera molto matura, una di prugna) ed è molto divertente perché lui le spappola tutte tra le dita ma non riesce a mettersele in bocca perché troppo molli! (con la pera ne ha messo in bocca un pezzettino…) …però, appunto, imboccarlo io non mi sembra la strada giusta per noi…

    • Andrea says:

      Ci sono cose un po’ più solide, tipo i fusilli, che sono facili da afferrare e non si spappolano subito.:) Quella di spappolare il cibo è una cosa comune in bambini di questa età perché non sanno ancora dosare la forza che ci mettono. Però anche queste sono esperienze :)

        • Cristiana says:

          oooh, scusa!! Mi sono accorta solo ora che non avevo scritto il nome!! Sono un po’ fusa !!

        • Andrea says:

          Hahaha… Non ti preoccupare.

          Personalmente io seguirei le inclinazioni del bambino; non c’è un “giusto” o uno “sbagliato”. Noi con la prima abbiamo imboccato un pochino (a lei non importava particolarmente) se c’erano cose tipo zuppe. Con la seconda invece praticamente zero in quanto a lei non piaceva. In ogni caso l’importante è essere pronti a cogliere cambiamenti nel bambino. Magari fino a ieri voleva essere imboccato, ma da domani non lo vuole più e noi dobbiamo essere pronti a farci da parte :)

  10. Fabiana says:

    Noi abbiamo cominciato con cautela, il nostro bimbo ci ha aiutati molto perché al secondo cucchiaino di qualcosa di poco masticoso (zucca molto cotta, passato di verdure) cominciava a lamentarsi per avere cibo smordicchiabile. Ed abbiamo sempre assecondato la cosa. Abbiamo fatto un corso di distruzione ed è stato fondamentale per entrambi per darci la sicurezza che, in caso di bisogno, non saremmo rimasti inermi. Il resto è stato lavoro su noi stessi, nel cercare di scindere le nostre paure da lui: mi sono “costretta” a non intervenire se non ce ne fosse stato reale motivo, non è sempre stato facile ma mi ha permesso di guardare i suoi progressi meravigliandomi sempre delle sue strategie per gestirsi da solo. Dopotutto, non è diverso da quello che cerchiamo di fare con tutte le sue altre attività: seguirlo e “tenerlo d’occhio” senza immobilizzato con “no” superflui o gesti che riflettano una nostra preoccupazione più che un pericolo reale. Quando proprio mi sono sentita sopraffatta dal timore che si soffocasse (per esempio vedendolo mettere in bocca 4-5 bocconi tutti insieme) l’ho guardato negli occhi, gli ho detto “mastica” e gli ho spiegato che mi sentivo un po’ tesa ma, se lui se la sentiva, io mi strafidavo.
    E se eravamo troppo tesi, io o il papà, sceglievano cibi che ci dessero più tranquillità. A 10 mesi, lui ora mangia tutto senza problemi e sa gestirsi con autonomia. Una continua scoperta gioia per noi e per lui!

  11. Amican says:

    Con la mia Olivia ho iniziato verso i 6 mesi con la focaccia (pezzi grossi da tenere in mano), spicchi di mandarino, pasta grossa tipo penne o fusilli intera perché le cose piccole non le sapeva afferrare. Le prime volte sembrava che i pezzi le andassero di traverso ma li rivomitava subito e ricominciava. Penso che debbano proprio imparare a gestire il cibo consistente. Ma lo faceva von molta naturalezza ed ha smesso quasi subito. Ci vuole sangue freddo e fiducia in lei.

  12. Silvia says:

    Ecco la mia esperienza: innanzitutto ho scoperto questo sistema tramite il libro di Gill Rapley, baby led weaning. Abito negli stati uniti e non mi é neanche passato per la testa che in Italia esistesse una cosa del genere, anche perché tutte le mamme che conosco lì fanno ho anno fatto le pappe tradizionali. Ho letto il libro, ho cercato informazioni su internet, e un giorno ho trovato un consiglio importantissimo, guardare qualche video su YouTube sul “baby led weaning progression “, “gag reflex vs chocking”, “gag reflex” in generale. Ho passato un paio d’ore a guardare questi bambini che con un conatino di vomito riportavano fuori i pezzi di cibo troppo grandi, ho letto le testimonianze di altri genitori e gli avvisi di non mettere le dita in bocca al bambino (cosa che tra l’altro funziona anche nelle manovre di disostruzione, a meno che il cibo non sia visibile, fuori dalle viee aeree… Ero un’operatrice 118 quando ero ancora in Italia)… I somma mi sono fatta coraggio e il giorno dopo, da sola, ho offerto a mia figlia un pezzo di pera matura. Non volevo farlo davanti ad altra gente, incluso mio marito, perché non volevo pressioni e non volevo distrarmi e non volevo che mio marito si spaventasse e mi convincesse a lasciar perdere. Mia figlia aveva 5 mesi e mezzo. Ha staccato un pezzo di pera che é andata a toccare il riglesso faringeo e con due conatini l’ha sputata. Nel giro di tre giorni (la sedevo con me a tutti e tre i pasti, anche perché era l’unico modo che avevo per riuscire a mangiare anche io qualcosa) ha capito quanto in fondo poteva spingere il cibo con la lingua senza avere conati e per un po’ di tempo staccava i pezzi e li sputava quasi subito. Tutto bene, era una pratica eccezionale. Dopo qualche settimana le ho provato a dare dei “Puffs” non so se li vendono in Italia ma sono dei biscottini di riso credo, poco più grandi dei cereali cheerios che si squagliano in bocca (alcune mamme iniziano direttamente coi cheerios, anche quelli si squagliano ma ci mettono un po’ di più) e grazie a quelli ha imparato praticamente a masticare, oltre a sviluppare una presa con le mani molto creativa. Non potendo aprire il pugno a quell’etá per mangiare da dentro, si aiutava con l’altra mano facendosela strisciare sotto il palmo di quella chiusa, riuscendo così ad aprirla e contemporaneamente spalettare il contenuto dritto nella sua bocca. Tutto questo con il mio sguardo stupito e ammirato XD insomma, adesso ha 9 mesi e mangia da sempre da sola e si sceglie i suoi preferiti, o lascia quello che non le vá. Sono felicissima di aver adottato questo sistema e lo consiglio sempre a tutte le mamme. Mia figlia ha un’autonomia spaventosa e una coordinazione occhio mano eccellente, ha anche iniziato a usare la presa a pinza verso gli 8 mesi e qualche cosa. Vá matta per la pasta, pizza, carne, frutta, ieri si é sbafata una torta agli spinaci, piselli, mais, cipolla, uova. Adora i cereali (fiocchi d’avena/oatmeal) con uvetta secca e passato di prugna. Le mele saltate in padella con olio di cocco e cannella da quando aveva 6 mesi. In bocca al lupo a tutte!

  13. alessiaenoemi says:

    andrea_ alessiaenoemi
    Sì sì l’ho letto l’ebook… ma vorrei che ci fosse qui con me qualcuno di voi ad osservare… la carota era cotta…
    leggendo qualche commento ho capito che si tratta di farsi coraggio. spero tanto di riuscirci, perchè se penso alle pappe sto male.

  14. andrea_ says:

    alessiaenoemi , ciao :)
    Io comincerei evitando la carota cruda che ha una consistenza molto dura e difficile da spezzettare. 
    Hai letto l’ebook sul soffocamento (quello della newsletter)?

  15. alessiaenoemi says:

    Ciao a tutti. Noemi ha sette mesi e mezzo e abbiamo iniziato timidamente con l’autosvezzamento a sei mesi, perché quando era a tavola con noi voleva sempre assaggiare qualcosa. ho iniziato con un po’ di difficoltà perché i nonni mi hanno fatto un sacco di storie, e il padre all’inizio non mi sosteneva a dovere nella ricerca di informazioni o nella scelta dei cibi da proporre o da evitare. Poi piano piano abbiamo iniziato con broccoli, carote, fusilli, pezzi di pane, ma solo a cena, perché a pranzo sono da sola e…HO UNA PAURA FOLLE!! Soprattutto dopo l’altra sera che con un pezzo di carota ci è mancato poco (secondo me) che si strozzasse. Ha smesso di respirare per qualche secondo, è diventata tutta rossa e mi guardava fissa con gli occhi spalancati. Vi giuro che se ripenso a quella scena ho i brividi. Non ho avuto più il coraggio di darle niente in mano, a parte il pane e il biscotto la mattina. Ho paura di sbagliare le dimensioni e le consistenze, insomma ho paura che si strozzi e di non essere in grado di salvarla. Eppure non mi rassegno a farle le pappe….aiuto!

  16. Gabriella Ferrara says:

    @jennifer Rinaldi era un’accortezza che mi aveva suggerito il pediatra (pediatra a favore dell’autosvezzamento)per non irritare troppo l’intestino. Non l’ho fatto sempre. :P

  17. Paola Cucurnia says:

    Il mio Christian ad esempio, all’inizio, forse per curiosità, infilava il grissino tutto in gola e quindi gli venivano i conati. Ho iniziato quindi a dargli cose più grosse(lo so sembra un controsenso) tipo il pane comune intero. Ha imparato così a gestire tranquillamente i pezzi che si staccavano . Ora che ha 14mesi riesce a mangiarli tranquillamente!

  18. Marta Totaro says:

    Crackers e tarallini. All’inizio glieli davo a pezzetti. Da un po’ (ha compiuto 10 mesi) li afferra da sola e stacca a morsi un pezzo per volta.

  19. Gabriella Ferrara says:

    I bimbi credo sappiamo gestire molto bene il cibo in bocca. Grissini e crackers glieli ho sempre dati. (6 mesi)

  20. Gabriella Ferrara says:

    Dai 5 mesi e mezzo ho iniziato a mettere la bimba a tavola con noi. Le mettevo nel piattino tutto quello che c’era a tavola a pezzetti piccoli. Inizialmente assaporava, non mangiava realmente. Mi preoccupavo solo di mette poco sale, ma questo fa bene anche a noi. Evitavo bucce dei legumi, zuccheri, cioccolato. È tutto molto graduale, ma molto semplice e naturale. :)

  21. Clio Bellicini says:

    Ma ha quanti mesi sarebbe giusto iniziare??e gli date di tutto?nn è che le nostre cose più saporite siano troppo per i piccoli??vi chiedo questo perché ho un po paura il mio primo gli frullavo tutto perché vomitava subito se aveva pezzi in bocca ora ha 4 anni e se nn gli taglio la carne a pezzi piccoli la sputa ho sbagliato lo so anche io l’ho rovinato e nn vorrei fare lo stesso sbaglio con il secondo..grazie a chi mi risponderà!!!

  22. Sara Vidali says:

    Grissini ok,i cracker all’inizio(6 mesi)li succhiava finché si spopolavano ora sto un po più attenta perché forse ritenendosi già più esperta(ne ha 9 di mesi adesso!)vorrebbe mandarli giù senza succhiarli…

  23. Ambra Carissimo says:

    Assolutamente si..specialmente quando non è ancora pronto da mangiare o mentre aspettiamo la pizza in pizzeria..altrimenti si mangerebbe il tavolo o direttamente il cameriere.. :-D

  24. Micòl Della Torre says:

    I grissini sono stati tra le primissime cose, forse proprio per scoprire il cibo tra i 5 e i 6 mesi. Ora ne ha 7 e devo stare più attenta perché si caccia in bocca tutto. Ma i grissini sono facili da impugnare e facili da mordere!

  25. Antonella Giaquinto says:

    Io li ho sempre dati fin da subito quasi, fai dagli 8/9 mesi che riusciva a tenere bene in mano le cose ad oggi che ha 18 mesi!!!

  26. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Antonella chiede:
    Buongiorno mamme
    Date in mano ai vostri bimbi crackers e grissini???senza paura di soffocamento?

  27. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Ilaria Di Trani, dubito che abbia detto di frullare, a meno che non fosse un lapsus. Lui dice sempre di sminuzzare, ma MAi frullare. /Andrea

  28. Ilaria Di Trani says:

    Comunque Piermarini a un convegno diceva di frullare le nostre cose all’inizio. Magari tutte frullate no, meglio sminuzzare ma comunque non é che se dei genitori decidono di non dare subito in mano cose intere fanno meno AS

  29. Michela Cinque says:

    E poi la fase frullato dura poco, perché se una mamma inizia a sentirsi più sicura passa alla svelta ai pezzetti sempre più grandi.

  30. Michela Cinque says:

    A parte che se frulli la carne la consistenza non sarà mai da passato di verdure… Io penso che frullare sia un inizio psicologico per una mamma che non riesce a dare un fusillo intero al proprio bimbo. Ricordo ancora il cuore a mille quando gli ho dato la prima patata schiacciata. Penso che non sarei mai riuscita a dargli qualcosa di intero (a parte il fatto che non voleva toccare niente lui, vabbè). I frullati potrebbero essere un esperimento, diciamo, più per la mamma.

  31. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Alessia Fracchia, se lo mangiate tutti così va benissimo, dopo tutto chi non mangia una vellutata di tanto in tanto? Ma non è che mangiate TUTTO frullato, no? :D Se una sera mangiate una cosa frullata mica è un problema. Mangiare SEMPRE frullato invece potrebbe non essere ottimale dal punto di vista del bambino. /A.

  32. Alessia Fracchia says:

    Andrea, a me ad esempio il minestrone con i pezzetti fa schifo, quindi se cucino io, frullo ;-) Questo per dire che secondo me, dipende anche un po’ a cosa si mangia in famiglia (detto ciò a due anni e mezzo, i passati il pupo non li vuole neanche vedere e si fa allegramente la scarpetta con il pane)

  33. Valentina Rizzo Corallo says:

    Andrea mi hai fatto sorridere..il mio cucciolo di 11 mesi si affoga sempre con l’acqua!! Ma proprio SEMPRE!! U0001f602U0001f602U0001f602

  34. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Hhmmm… non so quanto sia una buona idea frullare. OK, sminuzzare, ma frullare altera completamente la consistenza. inoltre una cosa liquida viene gestita in modo completamente diverso da una più o meno solida, di fatti non è che si possa concludere che siccome “accetta” le pappe allora possiamo passare ai solidi. Le cose non sono necessariamente consequenziali. Di fatti in quanto mangiano solidi tranquillamente, ma si strozzano con l’acqua’ :D /Andrea

  35. andrea_ says:

    tania77 , perché dovrebbe saltare le poppate a sei mesi? Fino all’anno il latte dovrebbe essere l’alimento principale e i soliti un “di più”.
    Se dici che mangia già abbastanza probabilmente prenderà meno latte, anche se le poppate sono rimaste uguali in numero.
    Ti consiglio di dimenticare di parole come “vizio” in questo contesto. Probabilmente le usa chi fa svezzamento “medicalizzato”, ma noi sappiamo che l’allattamento certo non è un vizio, no? ;)

  36. tania77 says:

    Ciao a tutti,
    sono la mamma di una bimba di 6 mesi. La mia piccola mangia di tutto e in buone quantità ma, fin’ora non ha mai saltato neanche una poppata…non capisco! Magia ancora troppo poco o è solo un vizio e quindi dovrei forzare un pò per toglierla io?
    Grazie

  37. SerenaSabetta says:

    Ciao! Sono mamma di Marco, 5 mesi e mezzo… ho scoperto l’autosvezzamento dopo la sua nascita, e ormai ci siamo quasi… non perchè si avvicina il 6° mese, ma perchè lo vedo pronto e curioso! sta seduto, non ha più il riflesso di emissione già da molto (confermato dalla pediatra)… è sempre stato con noi a tavola, ormai non è solo curioso quand oci vede mangiare, ma è su di giri, eccitato e se non gli facciamo assaggiare si lamenta rumorosamente! ovviamente per ora gli “assaggi” erano solo di sapore, non gli ho fatto mandare giù nulla… Però, c’è un però…. Ogni volta che vede la banana impazzisce, oggi ho deciso di fargliela assaggiare ma… non ho resistito! l’ho schiacciata e data col cucchiaino! già così ha fatto i “conati” che dite essere normali, infatti non ho fatto nulla e se l’è cavata benissimo, (sputacchiando praticamente tutto) ma ragazzi avevo il cuore in gola!! Non credo ce la farò mai a dargli qualcosa di solido nè tantomeno in mano! Ho chiesto alla croce rossa ma x ora non hanno pianificato nessun corso di disostruzione pediatrica… 
    Vorrà dire che, visto l’imminente arrivo della stagione fredda, tutta la famiglia si convertirà a vellutate, minestre, passati di verdura, purè & co, che tanto sono buoni e fanno pure bene! ^__^

  38. andrea_ says:

    Themaggiolino , ciao :)
    La cosa migliore è sicuramente sospendere pappe e pappette, he tanto non ti fanno arrivare da nessuna parte. Nel frattempo dai un’occhiata al sito… lungo il menu blu trovi tutti lgi articoli informativi.
     magari comincia da qui:
    http://www.autosvezzamento.it/autosvezzamento-cioe/cos-e-l-autosvezzamento/
    e qui:
    http://www.autosvezzamento.it/per-cominciare/svezzamento-verticale-o-orizzontale/
    Ma ricorda… l’autosvezzamento non è una ricetta per avere un bambino mangione, ma piuttosto serve ad assicurare la serenità del genitore che sa che può fidarsi del proprio figlio.

  39. Themaggiolino says:

    Ciao sono la mamma di uno splendido bambino di 6 mesi e mezzo ormai sono settimane che su indicazione del pediatra tento disperatamente di dare farine al mio piccino ma sembra più una tortura che un piacere … Oggi ad esempio farina di riso e brodo vegetale con un cucchiaio di verdura passata ed è stata la disperazione allora ho detto basta mi sento male a vederlo patire in quella maniera, dovrebbe essere contento e invece gli fa proprio schifo … Ecco che sono finita su questo sito … Non avevo sentito parlare prima dell’ auto svezzamento … Non so neppure se sarò in grado … Vorrei qualche voce di conforto… E capire secondo voi ora come dovrei fare sono davvero scoraggiata non so da dove prendere grazie Daniela

  40. Alice Massa says:

    Grazie del sostegno Emilia Malagò come credo anche tutte le altre mamme io non ho grossi problemi ad aspettare i suoi segnali ma se provo anche ad accennare la cosa in famiglia la risposta più strana è stata ke il mio latte a 6 mesi non è più buono invece quella più ricorrente è stata “allora la svezzerai a 10 mesi!”… “Ci vuole calma e sangue freddo”

  41. Emilia Malagò says:

    Alice Massa….dal tuo racconto sembra proprio che non sia ancora molto interessata! Se si avventa sul tuo piatto ma non mette in bocca direi che è più interessata a giocare! Siedila con voi a tavola e lasciala giocare con le mani….vedrai che quando lo vorrà lei, comincerà ad assaggiare! E nel frattempo….c’è la tetta!! Se ti può consolare: la maggior parte dei bambini non è pronto a 6 mesi ma molto più tardi…spesso noi mamme abbiamo fretta!!! Lascia perdere parenti e amici….loro ci hanno cresciute in maniera completamente diversa e per loro è spiazzante vedere cose così diverse!!!

  42. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Fosca Lante, non devi fare niente eccetto metterle davanti UN boccone alla volta. L’effetto criceto è un classico :D /Andrea

  43. Fosca Lante says:

    anche io tanta paura quando le do in mano qualcosa…vedo che mette troppa roba in bocca. così al momento (ha 6 mesi) gli assaggi glieli faccio fare io..oggi fagiolini e stracchino

  44. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Alice Massa, mi sembra che tu sappia tutto quello che c’è da sapere :) /Andrea

  45. Cinzia Gallina says:

    la miglior scelta che abbia fatto … vedere il mio secondogenito mangiare cose “da grandi” da solo e sporcarsi tutto è appagante per me, per chi mangia con noi ma soprattutto il suo WOW riempie il cuore …

  46. Alice Massa says:

    Anche io sto cercando di aspettare i segnali della mia bimba, contro il parere di nonni e nonni bis ovviamente, ma non so se riesco a interpretarli correttamente!! Nel senso ke se la bimba sta nel suo seggiolone pensa a ciucciarsi i piedi piuttosto ke il cibo ke c’è sulla tavola ma se me la prendo sulle gambe si avventa sul mio piatto…quindi?! È pronta o no?! Se gli propongo qualche assaggio tira fuori la lingua e fa le facce schifate e dopo qualche ciucciata si gira dall’altra parte e non ne vuole più sapere niente… Help!!

  47. Maria Piccolo says:

    Io la manovra l’ho dovuta usare ma per la carta! Stavo morendo dentro ma in quel momento ti viene fuori una forza assurda! Che neanche sai di avere! Vedere il tuo piccolo che ti guarda con gli occhi spalancati e la bocca aperta per riuscire a respirare è terribile! Come vedi può succedere con qualunque cosa! Il cartone che le diedi in mano era quello delle fiale della fisiologica quindi bello grande ma in un secondo di distrazione lo aveva strappato e messo in bocca e voleva ingoiarlo! Aveva intorno ai 7 mesi quanto accadde! Il mio consiglio è quello di essere rilassata il più possibile non trasmettere ansia al tuo piccolo! Dai pezzi grandi in modo che possa regolarsi da solo! È stai sempre pronta per agire! Ma se vedi che tossisce perche non riesce ad ingoiare o mette un boccone troppo grande (per te) non allarmarti subito! Ti sorprenderai vedendolo gestire da solo il cibo! Sono riuscita a farlo capire a mia suocera e ti dico non è poco! Appena metteva un pezzetto troppo grande( secondo lei) si agitava urlava mi chiamava e le metteva le mani in bocca per toglierle il pezzo! (Scene da panico!!) io con molta calma le dicevo di non alterarsi e di lasciarla fare! Quando si è accorta e sorpresa che riusciva si è calmata ora la lascia mangiare tranquilla! Anzi ora la vorrebbe ingozzare tranquilla!

  48. Emilia Malagò says:

    Diciamo che all’inizio, appena gli dai qualcosa e lui se la mette in bocca stai con gli occhi puntati, le antenne sollevate e, mentre fai un mantra per stare tranquilla, sorridi per non trasmettere a lui le tue paure e il tuo omino del cervello ripassa le manovre di disostruzione n volte, pregando tutti i santi di non doverle mai usare!!!
    Poi, man mano, passa il tempo e vedi che è sempre più facile, sempre più bravo, sempre più indipendente e impari a fidarti! Esattamente come quando all’inizio cammina e cade in continuazione e poi non lo fa più!!
    Io ti dico che comunque il mio ha 17 mesi e non ho mai usato manovre di disostruzione di nessun tipo!!!

  49. Sara Dudley-Hart says:

    Prova ad iniziare con cose che riesca a prendere lei con le manine ma che siano sicure, tipo alberelli di broccoli ben cotti, mela intera (mordine via un pezzo per farci la “maniglia”) cosi è difficile che ne stacchi un pezzo ma piu che altro la rosicchia, riso appiccicoso, ecc… La cosa piu periccolosa è tenere il cibo in mano tu perchè non ti fidi a lasciar fare. Se è pappetta ok, se no devono assolutamente fare loro cosi si regolano sul quanto e come metterlo in bocca e imparano prima.

  50. Cristina Barbieri says:

    Ciao,proprio ieri ho mandato un email al ns caro Andrea che era stra lunga, altro che la tua e tutta piena di ansie.Dicevo che proprio l’altra volta gli ho fatto assaggiare un pezzettino di albicocca ed ha iniziato a tossire mentre io ho smesso di respirare! ho aspettato due sec e poi l’ho girato, messo sulle ginocchia dandogli dei colpetti fino a quando ha vomitato.. Oggi gli ho fatto succhiare un pezzetto di anguria. Sono sincera, tutte le volte era lui che voleva prendere il cibo e mangiarlo, io, in ptc oggi, non gli permettevo di prendere con le sue manine l’anguria ma la tenevo salda alle mie, poi m sn distratta un secondo elui è riuscito a prenderne un pezzettino e subito ha tossito.. Per poco ma l’ha fatto.. Tralasciando i commenti della madre di mio marito:”ma cosa fa? Ma non va bene!”, sono terrorizzata anch’io ma credo che ormai, prima o poi mi dovrò rassegnare.. Mancano 8 gg al suo sesto mese, sta iniziando anche a stare seduto ed è interessato al cibo..perciò i segnali sono tanti..cmq anch’io pongo le stesse domande:” voi altre mamme, come avete fatto ed in ptc qual’e stata la prima cosa che hanno messo in bocca? E cos’è successo?”grazie.

  51. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Elisa Martini, ma il riflesso è bello… senza di quello sì che saremmo potenzialmente nei guai :) /Andrea

  52. Elisa Bartesaghi says:

    Vedrai che dopo poche settimane la paura lascerà spazio al piacere di vedere i progressi della tua piccola..e ti stupirà constatare quanto bravi possono essere i nostri cuccioli! Il mio piccolo Sebastiano ( 7 mesi) in brevissimo tempo ha imparato a mangiare qualsiasi cosa..fusilli in tutte le salse, verdure a bastoncini, pezzi da pane, focaccia, pizza..tutta la frutta…insomma tutto quello che mangiamo noi! È davvero un piacere vederlo mangiare!

  53. Perla Pani says:

    Ehhh cara ti capisco io sono nella tua stessa identica situazione. Ho cominciato quando eravamo soli a fargli assaggiare frutta e roba molliccia. Roba consistente inizialmente solo il week che c’era il papà e poi piano piano vedendolo la paura si affievolisce!

  54. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Elisa racconta e chiede:
    Buonasera a tutti! Io e sveva stiamo muovendo i primi passi ( ha fatto sei mesi lunedi ) nel mondo del l’autosvezzamento. Lei è prontissima ( altrimenti avrei aspettato, ben volentieri

  55. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Arzavena Palomba, ma non c’è mica una ricetta… fai un po’ prove e vedi cosa funziona meglio PER VOI.Mi immagino delle striscette tipo straccetti (se da voi si mangiano). /A.

  56. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Arzavena Palomba, ma non c’è mica una ricetta… fai un po’ prove e vedi cosa funziona meglio PER VOI.Mi immagino delle striscette tipo straccetti (se da voi si mangiano). /A.

  57. Simona La Rocca says:

    Io la carne continuavo a sminuzzarla, lei metteva in bocca tre o quattro pezzi li appallottolava insieme e dopo dieci minuti se li toglieva di bocca… qualche giorno fa, ispirata da uno dei video pubblicati qui, le ho fatto una bella striscia di carne, e lei si è staccata i suoi pezzetti e l’ha mangiata!

  58. Luisa Pivetta says:

    Un’altro scoglio per me è stata la carne… come può riuscire a masticarla se a 11 mesi è ancora senza denti? Per questo la riducevo sempre in poltiglia, e lei puntualmente la sputava. Finchè, la scorsa settimana, le ho dato un pezzo bello grosso per distrarla mentre ne sminuzzavo altra per lei, e prima che me ne accorgessi lei non solo l’aveva fatto a pezzi, ma se l’era pure mangiato tutto!!!

  59. Luisa Pivetta says:

    guarda, io inizialmente le davo solo o pezzi minuscoli, oppure pezzi enormi che ero sicura che non sarebbe mai riuscita a ingoiare, ma solo a ciucciare. Poi un fatidico giorno, è riuscita con le gengive a staccare un pezzo di pangrì… mi sono pietrificata. Lei invece ha iniziato una stranissima manovra, masticandolo a bocca spalancata e cercando di tenerlo tra le gengive arricciando la lingua…. uno spettacolo esilarante!!! ^_^ Dopo qualche istante, vedendo che non riusciva a rompere il pezzo, lo ha sputato. Da quel momento ero molto tranquilla, se il pezzo era grande lo sputava, se riusciva a masticarlo insisteva, e poi lo mandava giù.

  60. Mariarosa Schiavina says:

    Io ho fatto ugale a te fino verso i 9 mesi fatti i 10 non so se lui mi ha fatto capire,o se io ero piu sicura ho iniziato a dargli il pane,la pizza la pesca interi,pero per esempio la carne la taglio ancora i maccheroni li taglio in due insomma si inizia piano piano non e una gara contro il tempo avra una vita per mangiare

  61. Letizia Balistreri says:

    Ti consiglio di non fare niente, a un certo punto la tua bimba ti farà capire che puoi fidarti di lei e tutto cambierà.
    La mamma sei tu e se ritieni opportuno fare così va bene, serena tu e serena lei, l’ importante che siano cibi sani e magari se si allunga verso il tuo piatto le fai assaggiare qualcosa.

  62. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    M. racconta e chiede:
    Ciao a tutti!!mia figlia di 8 mesi oltre ha poppare tantissimo LM mangia tutto ciò che gli metto davanti al piatto.sono felicissima di questo.ma io ho un difetto qualsiasi cosa gli dia la frullo o faccio pezzettini piccolissimi xké ho troppa paura che si strozzi. Ufff non riesco proprio! !!
    Ho già letto l’ebook sul soffocamento (quello della newsletter)
    Ho fatto anche un corso di disostruzione, ma niente…

  63. Francesca80 says:

    Ciao a tutti, volevo raccontare la mia esperienza. Fino a 1 mese fa mi veniva il tremolio solo al pensiero di dare anche un biscottino a mia figlia di 8 mesi. Mi sono forzata e gliel ho lasciato in mano mentre avevo il cuore in gola. Lei non l ha coucciato ma l ha direttamente messo tra le gengive, ha staccato in bel pezzo, masticato e mandato giù. Da quel momento le ho proposto anche crosta del pane, bordo pizza, il cucciolone ecc fino a che ho cucinato questi tanto agognati fusilli al sugo. La prima volta c ha giocato piucchealtro, la seconda volta è andata meglio mentre la terza ha finito il piatto. È stupefacente!! Il fusillo lo divido in 3 parti e mangia tranquillamente. ✌✌✌

  64. SaraFornetti says:

    Ciao a tutti….so che ho gia scritto ma non riesco a vincere le mie paure,e credetemi non e da me…io ho una bimba 6 mesi e mezzo sono superconvinta x l autosvezzamento in modo assoluto ma non so come fare x farmi passare la paura dello strozzo….ho letto un sacco di cose e mi sento davvero una stupida e rimando sempre il momento di iniziare x davvero…x ora le ho dato qualche zucchina e carota bollita e pane ma appena le si stacca un pezzo grosso,anche se lei lo gestisce,io vado in panico a vederle quel pezzettone in bocca….come devo fare?!mi passera mai?!mi sto un po demoralizzando

  65. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Gilah Ciccolari Micaldi, sì, come ben sai mettere il dito in bocca NON è una buona idea perché potresti davvero spingerlo più in basso.
    Comunque mi sembra che tua figlia sappia ciò che vuole. :D Hai letto i commenti al post? /Andrea

  66. Gilah Ciccolari Micaldi says:

    Si e’ infilato in gola ed e’ diventata tutta rossa e sembrava nn respirasse. Glielo ho tolto io cn un dito ( anche se sbagliato). Pero adesso che le schiaccio le cose che le do da mangiare si incavola e vuole quelle dei nostri piatti x cui meglio che io superi questa cosa!!!! GraZie al cielo c e’ il sui papo che e’ coraggioso e la segue nelle pappe senza paure!!!

  67. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Gilah, cosa intendi per “andato di traverso”? Ha fatto dei conati? Ha vomitato? Se sì, non le è andato di traverso, ma era “semplicemente” andato in fondo alla lingua un po’ “a sorpresa” ed ha attivato il riflesso gastroesofageo che ha fatto il suo dovere. Facci sapere :) /Andrea

  68. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Glilah, spaventata, chiede:
    Ciao a tutti, ho bisogno di un consiglio! Maya 6 e mezzo mesi ha iniziato con l approccio al cibo da poche settimane, purtroppo pero l altro giorno mi sono presa uno spavento perche le e’ andato per traverso un pezzo di pane. Io in questo momento ho un blocco e le schiaccio il cibo. Come posso superare la paura? Mi sn spaventata tantissimo!!!

  69. Gloria_ says:

    Quando si inizia con i cibo complementari è normale che ci sia un cambiamento in numero e consistenza delle cacche, del resto l’intestino si trova per la prima volta ad avere a che fare con le fibre e deve trovare un nuovo ritmo. Se lui è tranquillo e non si lamenta, non mi preoccuperei in nessun modo,
    Per quanto riguarda il latte di capra onestamente non ti so dire dire. Il problema del latte vaccino è principalmente legato al suo uso come sostituto del latte materno o artificiale, cioè non deve svolgere un ruolo importante nella dieta del bambino, ma può essere usato sporadicamente come ingrediente per cucinare né più né meno di altri alimenti che non assumiamo quotidianamente. Idem per i latticini: se usati con moderazione possono andare. Credo che questo discorso si possa applicare anche al latte di capra, bisognerebbe approfondire per saperne di più :)

  70. Inblues says:

    Ciao e complimenti per il sito. Il mio bimbo ha 5 mesi e mezzo e 2 settimane fa ho cominciato a dargli la frutta ( prugne, banana, albicocca, anguria, melone) e zucchine cotte, ed è passato da 2-3 scariche giornaliere e 1 ogni 3 giorni. Può essere che a lui faccia effetto opposto la frutta?? Infatti ho smesso per 2 giorni ed è tornato alle solite scariche

    • Inblues says:

      Può essere che il suo intestino non sia ancora pronto e si blocchi? Io mangio tanta frutta e verdura, e ci tengo che la mangi anche lui. Come posso fare? Un’altro dubbio: si parla sempre di come il latte ed i formaggi vaccini non siano molto indicati prima dell’anno. E quelli di capra invece? Grazie

  71. Elena Benazzo says:

    fidarti di lei e ricordarti che nel periodo finestra hanno un importantissimo riflesso che li porta ai conati e a rimandare su ciò che prende la strada sbagliata. è molto più “rischioso” imparare a mangiare 12/18 mesi quando il periodo finestra è concluso. Pensaci un attimo fino a quando potrai darle pappe? Fino a 3 anni? Fino a 10? In qualunque momento smetterai dovrà imparare quello che ora fa per istinto.

  72. Selene Poffa says:

    Abbiamo provato a schiacciarli… Era schifatissima! Ho paura che solo il latte non le basti più… Stasera proverò a farle pezzettini minuscoli e vedremo..

  73. Fede Riot says:

    io spezzettavo tutto, poi piano piano mi sono tranquillizzata. ti capisco, anche io ero terrorizzata :) ti tranquillizzerai con i TUOI tempi, inutile pensare ai corsi (cioè, i corsi sono indispensabili! ma non sempre tranquillizzano) o forzarsi, se trasmetti ansia è peggio.

  74. Enrico E Giovanna Ferrari says:

    io al mio bimbo gli davo chi sia la pasta che mangiamo noi a pazzettini piccoli o altrimenti gli davo la pasta x i bimbi con i nostri sughi ed ora mangia di tutto e di più

  75. Simonetta De Gregorio says:

    … prova a frullare tutto quello che mangiate voi (nei limiti del consesso per età! Non hanno ancora l’apparato digerente sviluppato bene a quell’età!), se non le piacciono le pappe! Non forzarla nemmeno se non mastica…. tutto ha i suoi tempi! Lunghi o corti che siano….

  76. Selene Poffa says:

    Vittoria ha fatto 6 mesi il 23… Mette in bocca tutto quello che le passa per le mani, è abbastanza brava ad afferrare le cose… Se provo ad imboccarla io non ne vuole sapere! L’unica cosa con cui apriva la bocca era la mousse di ricotta e prosciutto che ho fatto qualche giorno fa.. Però poi dovevo lasciarle in mano il cucchiaino e finiva di ripulirlo da sola… Ho provato anche con una merenda al cacao della marca arancione ma nulla! Io leggo i post, le varie cose sull’argomento e sono convinta al 100% che sia la cosa giusta… Ma poi arriva l’ora di pranzo, lei vede la pasta, si scaraventa sui nostri piatti, io la lascio fare… Ma appena stacca un pezzo di pasta o carne… Panico e le tiro tutto fuori…

  77. Simona Mazza says:

    anche io mi sentivo morire a ogni pasto.. sono molto ansiosa e entravo nel panico. ho tenuto duro, sempre cn il sorriso per nn farle percepire la mia ansia. a cena c era mio marito e a pranzo a volte mia mamma quindi non sempre ero sola. Cmq lasciala esplorare per qualche settimana e poi ti stupirà… vedrai come imparerà in fretta e l ansia sparisce. ora è una gioia vederla mangiare! :-)

  78. Chiara Vanni says:

    Io di solito sminuzzo, perchè quando ha fame Riccardo si agita tutto ma vuole essere imboccato. Invece lascio che faccia da solo con pane o biscotti, perchè li ciuccia fino a fargli raggiungere la consistenza giusta e poi riesce a gestirli.
    Ho provato a dargli pasta intera, ma ci gioca e basta.

  79. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Maria E Giuseppe Mistrazzoso, diciamo che ti/lo limiti… Inoltre la domanda è: dai i pezzi piccoli per far contenta te o il bambino? Non c’è niente di male nello spezzettare, ma non necessariamente aiuta e comunque alternerei sempre con cose più grosse sempre per dare più scelta possibile. Poi chiaramente non puoi dare un pezzo grosso di carne, ma della verdura o della pasta, sì.
    /Andrea

  80. Laura Fracassi says:

    trova una persona meno spaventata di te che ti faccia compagnia e ti faccia vedere che il pericolo non c’è (dovremmo inventare il consulente di autosvezzamento che va a domicilio!!!).

  81. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Selene, ma quanto ha adesso la bimba? Potrebbe essere ancora un po’ prestino per lei, comunque anche io credo che se la vedi proprio smaniare puoi provare a sminuzzare parecchio e aiutare te a superare la paura. Ma prova, davvero, respira :) e lasciare a disposizione del cibo da prendere con le manine. Prima potrebbe essere una fetta pane, pian piano diventeranno questi agognati fusilli al pesto :) insomma, non forzarti, ma non ti far nemmeno tirare indietro da una paura superabile (lei, crescendo, ti dimostrerà che sa fare da sola ed è abilissima, ma bisogna dagliene l’opportunità!) /gloria

  82. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Maria E Giuseppe Mistrazzoso, non so quanto aiutino i pezzi piccoli… quelli sono quelli che aumentano la possibilità di avere un conato (anche perché il bambino va imboccato), mentre mi pare di capire che la piccola Vittoria mangi allegramente da sola.
    Il problema è della madre, non della figlia :D /Andrea

  83. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Selene (impaurita) chiede:
    Ciao a tutti! Ho bisogno di nuovo di qualche consiglio… Vittoria ha 6 mesi.. Abbiamo cominciato a 5 con svezzamento tradizionale… Le pappine le fanno schifissimo! Avventa le manine ciccione nei nostri piatto (ha fatto anche cadere una fondina del servizio nuovo! )…
    Così mi ero decisa per l’autosvezzamento… Problema! Ho il terrore che si soffochi! Ma sono proprio terrorizzata… Non ci sono manovre pediatriche che tengano… Così avevo deciso, dopo 2 o 3 giorni, di riproporle le pappe… Neanche mezzo cucchiaino! Mentre i fusilli al pesto… Gnam! Ma proprio no ci riesco… Ho il cuore in gola per tutto il pasto! È ingorda… Cosa devo fare?!?! Help meeee!!!

  84. La Manu says:

    fai una cosa, respira profondamente, e fatti il corso della CRI per la disostruzione delle vie aeree nel lattante, armati di santa pazienza e fidati di tuo figlio, ci siamo evoluti per millenni, se i tempi sono maturi anche lui, come chi l’ha preceduto, masticherà e ingoierà senza problemi, se così non fosse ci saremmo estinti da secoli ;)

  85. Filippo Crostella says:

    Ominciamo a distinguere tra soffocamento e ingestione non adeguata. Il primo caso è fortunatamente raro ma possibile. Se hai paura del soffocamento devi imparare la manovra per disostruire le vie aeree, trovi molti video su internet oppure ti rivolgo ad un consultorio pubblico. Nel secondo caso si tratta di strozzarsi con il cibo, molto frequente tra i piccoli, che risulta in un riflesso di espulsione del cibo con un bel colpo di tosse. A volte ne basta uno, a volte due, a volte nessuno perché il bambino rigurgita semplicemente il cibo. Può fare facce strane, cambiare colore, ma in nessun caso va in ipossia, ovvero mancanza di ossigeno. Quando succede, non devi fare altro che aspettare che la bocca si liberi. Mai introdurre mani in bocca, mai sobbalzare dalla sedia. È normale e capita anche a noi adulti ma con meno frequenza perché mangiare, così come altre cose diventa un automatismo motorio. Se sei tu che senti di non farcela (la bimba no, lei ce la fa) allora prenditi il tuo tempo. Continua a sminuzzare e frullare, non succede niente. Non sei né peggio né meglio di tante mamme. Solo un po’ paurosa. Prendi fiducia in te stessa e quando ti senti pronta lanciati!

  86. Romina Neri says:

    perchè non provi con i biscotti plasmon? si sciolgono appena sono in bocca…tu sarai più serena e vedrai che comncerà a capire come gestisce i suoi bocconi…il mio bimbo ha 9 mesi e fa colazione con briciole di fette biscottate con marmellata e ricotta….i passi si vedono eccome!!!

  87. Erika Suzzi Gamberini says:

    Sono sempre più disperata…! In questo blog bimbi di 9 mesi
    Che mangiano cereali, frutta…
    Uff!!! Qualcuno mi fa una tabella anti soffocamento? Con cosa iniziò?

  88. Mariarosaria Marasciulo says:

    Erika ma che psicologo! Vai per gradi! E falla giocare col cibo…ti stupirai di vedere cosa è in grado di fare tua figlia! :)

  89. Erika Suzzi Gamberini says:

    Cioè riassumendo… Da niente a un fusillo?? Oddio!!!
    Sarah grazie ma se una ha quest’ansia non è che la soluzione e’ “non aver ansia”…

  90. Sarah Faltoni Thaler says:

    Posso dire una cosa? Magari puó essere una stupidata…ma solo io non ho mai avuto paura? Cioè, mi sono sempre sentita un po’ degenere, ho cominciato piano con piccoli pezzi guardandola attentamente e facendola provare, questo ha creato in lei una tale calma che ha sempre gestito benissimo qualsiasi forma e consistenza. Avranno aiutato i dentini, ma ora a 11 mesi le lascio panini e pezzi di frutta e li mastica senza problemi. Siamo le uniche? Io purtroppo non riesco a capire le mamme che stanno in ansiaperchè di carattere sono tranquillissima, ma secondo me se si è rilassati anche il bambino ne trarrà giovamento ;)

  91. Laura Fracassi says:

    io credo anche che a volte ci si spaventi perchè si inizia nel modo sbagliato. So che tutti consigliano di iniziare con mela e pera e con pezzetti di piccoli di questi frutti ma, a mio parere, sono le cose che fanno strozzare di più perchè se non sono maturissime non si spappolano e rimangono compatte in gola. se ci pensi un fusillo (intero o tagliato in 3) è molto più morbido e si “sfarina” meglio in bocca a forza di ciucciarlo….solo ci sembra meno adatto per prassi sociale. E poi puoi sempre iniziare con vie di mezzo (messe a tavola per tutti) come risotti, minestroni con ditalini, farro ecc. Ma mio figlio, ad esempio, si strozzava più con la minestrina media grandezza che con i fusilli perchè quella non riusciva a gestirla in bocca e gli andava giù senza che riuscisse a controllarla e masticarla.

  92. Erika Suzzi Gamberini says:

    Filippo un fusillo cotto e spezzato in tre segmenti sono tre segmenti grandi come un cece… diciamo… e io non ce la posso fare! Lei è diventata viola con un pezzo di pera grande 2mm per due mm!!

  93. Erika Suzzi Gamberini says:

    Mariarosaria sei coraggiosa!! Io non ce la posso fare a lasciarle un fagiolino… forse devo andare dallo psicologo! Che dite?

  94. Erika Suzzi Gamberini says:

    Grazie ragazzi! Volevo chiedere ad Andrea: perché perdere il riflesso di estrusione e’ un male??

  95. Mariarosaria Marasciulo says:

    Ciao erika! Anche io ho una bimba di nove mesi e ti capisco benissimo! Avevo le tue stesse paure all’inizio…però vedevo che lei era troppo interessata al cibo. Già dai sei mesi mi strattonava e si innervosiva quando mi vedeva mangiare qualsiasi cosa perchè voleva assaggiarlo a tutti i costi :) All’inizio sminuzzavo tutto, poi mi sono fatta coraggio e le ho messo davanti dei fagiolini lessi interi… non aveva neanche sette mesi..ci ha giocato un pò, poi li ha ciucciati e alla fine li ha mangiati tutti! adesso mangia di tutto e quando qualcosa le va di traverso tossisce e lo butta fuori! Certo devi essere attenta ma FIDATI DI LEI …ti stupirà!

  96. Julieta D'Onofrio says:

    Se vai nel panico tu andrà nel panico lei, e ne ho la certezza assoluta visto che mia figlia si strozzava con la saliva a 2-3 mesi. Mi angosciavo così tanto a sentirla tossire che lei si spaventava e diventava viola. È “guarita” quando ho iniziato a sorriderle.
    Per superare le ansie la tenevo in braccio mentre sperimentava col cibo, così non mi vedeva se mi spaventavo, ma soprattutto da lì è un attimo metterla pancia sotto e colpire tra le scapole. Magari così ti sentirai più sicura anche tu :)

  97. ZiaKiara Schiocchet says:

    Come dice Andrea ci siamo passati tutti! Nel mio caso quella più “tranquilla” ero io! Tutti a levargli il cibo di bocca al minimo accenno di tosse, io che mi arrabbiavo e ripetevo “lasciate che faccia, sa fare da solo!” è solo questione di dargli un po’ di fiducia!

  98. Filippo Crostella says:

    Cara Erika, quello che stai provando è assolutamente “normale”, la paura che il nostro piccolo-piccola possa soffocare a causa del cibo che noi gli diamo appartiene credo alla quasi totalità dei genitori. Si tratta di trasformare la paura in attenzione, in controllo vigile cercando di tenere a bada il più possibile la componente di ansia che -ripeto- è assolutamente normale…come si fa? oh, bella domanda. potresti cominciare, questo è quello da cui siamo partiti io e mia moglie, da lasciare a lei la possibilità di manipolare il cibo che metterà poi nella sua bocca. esempio: prendi un fusillo cotto, lo dividi in tre segmenti e lo metti davanti a lei (sempre che ovviamente lei sia interessata…). lo affererà maldestramente, cercherà di stringerlo e poi lo porterà alla bocca, lo terrà qualche secondo senza masticare e poi dopo una breve masticazione (soprattutto ad opera del palato…) deglutirà. ecco qui arriva il momento della prova. probabilmente all’inizio (forse ma non è detto) darà un colpo di tosse, magari invece lo butterà giù senza battere ciglio, forse farà una faccia strana, forse invece sorriderà compiaciuta della sua conquista. in ogni caso tu sorridile e anche se dovesse strozzarsi (strozzarsi non soffocare che è un altra cosa…) falle capire che sono cose che succedono (anche a noi) e rassicurala facendola provare ancora (e non interrompendo la prova). La verità è si impara solo facendo le cose, per cui si impara a controllare il riflesso di estrusione solo quando si ha del cibo da ingoiare in bocca…ci sono bambini che con la storia del “tutto frullato” arrivano ai tre anni che si strozzano praticamente con tutto perchè per tre anni hanno imparato a deglutire solo liquidi!…la dimensione del cibo deve essere appropriata alle loro reali capacità di gestire il cibo, più piccolo magari agli inizi e poi via via più grande per arrivare alle nostre dimensioni (quando avrà i denti sarà lei a dimensionare il cibo a morsi!)…. per cui continua su questa strada, falla provare, dimensionando il giusto, dalle da bere ogni tanto mentre mangia per “facilitare” il boccone successivo, e sorridile. anche quando tossisce e ti guarda con l’aria di chi sta chiedendo “che cavolo succede mamma?!?!?!”….

  99. Elena Chianucci says:

    Avevo la tua solita paura tra l’altro giustificata. Infatti i primi dieci giorni in cui il piccolino ha iniziato a interagire con il cibo io e mio marito gli abbiamo passati con il terrore.. Il cibo spesso gli andava di traverso,ma prontamente con un colpo di tosse lui lo ributtava fuori. Ti posso assicurare che a distanza di un mese ciò non accade quasi piú. Noi ci siamo rilassati e lui ha affinato le sue abilità di deglutizione!! Non sei la sola ad avere paura ma se non diamo la possibilità ai piccolini di provare non ci riusciranno mai!! In bocca al lupo!!

  100. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Erika, chiaramente ti devi rilassare (facile a dirsi…) altrimenti non si va da nessuna parte. Considera che ci siamo passati più o meno tutti. Se la cosa ti dà davvero pensiero, prova a sminuzzare, piuttosto che dare le cose intere, e vai più per gradi. Il riflesso di estrusione oramai è probabilmente andato, quindi stai doppiamente attenta, ma se le dai occasione di sperimentare vedrai che poi ti “sblocchi”.
    Invece di darle TU niente, lascia che sia LEI a gestire quello che vuole… ma, di nuovo, non ti far vedere troppo ansiosa, altrimenti è peggio. /Andrea

  101. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Erika chiede: Ciao, ho bisogno di un consiglio. Ho letto tutti gli articoli sul tema nel vostro sito ma non trovo la soluzione al mio problema. Mia figlia ha ormai 9 mesi e, dopo aver fallito (a 7 mesi circa) con lo svezzamento “normale” (ho provato per due mesi ma non ha mai mangiato niente! due cucchiaini di mela grattugiata ogni tanto…)ho optato per quello naturale… il problema è chesono terrorizzata dal fatto che si Strozzi col cibo… per cui non riesco a darle niente! Come si può offrire a una bimba un fusillo (come scrivete) se non ha mai deglutito niente che non sia il mio latte? Ho provato a darle una fettina di pera ed ha cominciato a tossire fino a diventare viola! Non so proprio come fare…

  102. Maria Teresa Titti Giliberto says:

    piano piano dando fiducia a mia figlia, è talmente testarda che mi sono dovuta adeguare ai suoi tempi ritmi e farle mangiare le nostre cose perchè fin dai 4 mesi provava interesse così dopo l’inizio a 5 mesi con lo svezzamento classico dato che non ne voleva mi sono info nel frattempo preparavo omogenizzati io perchè tutto ciò che era confezionato per la sua età non l’ha mai voluto. e dopo soli 2 mesi, che già assaggiava le nostre cose, sono venuta a conoscenza prima di “io mi svezzo da solo” e poi del forum così è stato sempre più facile per me e per lei o per lei e per me uguale siamo tutti felici. purtroppo ogni tanto è difficile con gli orari, anche se cmq a tavola con noi, se non dorme, c’è sempre anche quando ha dovuto mangiare prima.

  103. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Ilaria Guarniero, mi sa che alla carota non avevo pensato (forse perché neanche io la mangio cruda), però devo dire che sì, mi sa che il dottore ha ragione.
    Stella Maris, che paure hai?
    Andrea

  104. Ilaria Guarniero says:

    Semplicemente facendo pezzi e porzioni proporzionati alle dimensioni di bocca e stomaco del piccolo e fidandomi molto di lui! L’unica cosa che ho evitato inizialmente è stata la carota cruda, che a detta del suo pediatra (pro allattamento esclusivo e prolungato, e pro autosvezzamento) può essere insidiosa anche per un adulto

  105. maria teresa says:

    mamma di bimba a 9 mesi iscritta al forum di AS e su fb, con tantissima paura sul soffocamento che piano piano sto superando dando fiducia alla mia piccola che vedo come mastica e come si diverte quando le dico “mastica mastica” imitandomi e facendomi notare che lo fa :-) ma ancora ci sono mille miei ostacoli…..

  106. cinzia is says:

    Ehm.. Leggere le varie risposte mi ha fatto capire cio che sapevo gia cioe dargli quello che mangio io..
    Niente di nuovo.
    Io vorrei sapere se qualcosa va evitata, quanto e quando deve mangiare, se deve saltare poppate al seno o no (ma credo di no giusto?)
    nn ho.una pediatra a cui io possa chiedere qst cose..la risposta la immagino…

  107. Valentina says:

    ciao Cinzia, credo che leggere le altre risposte, guardare “Cos’è” e i vari Thread o i diari alimentari sul forum ti chiarirà le idee in un baleno!

  108. cinzia is says:

    mio figlio ha 5 mesi e mangia solo latte mio.. finora gli ho fatto leccare e succhiare frutta fresca ma x poco.. dopo aver letto i vostri post penso che domani gli metto in mano mezza albicocca.. comunque… vedo in lui curiosita x i nostri piatti da un mese circa ma ho letto che il sistema digerente e’ piu’ sviluppaton dopo i cinque mesi quindi solo ora penso a cosa dargli.. in realta nn so cosa prevede AS all inizio.. lo svezz tradizionale prevede pappe con creme lio o omo… ma con as come si inizia
    ? solo assaggi?
    ma nn si dice che crescendo ai bambini il solo latte nn basta piu’? e che sosranza puo’ dare un assaggio?
    mi incuriosisce tantissimp as e vorrei che mio figlio facesse esperienze alimentari vive e forti.. ma qualcuno puo’ darmi qualche info o dirmi dove le posso trovare?

  109. Valentina says:

    Per me è stato un po’ il contrario. Io pensavo che le cose preparate apposta per i bambini non fossero adeguate e mi chiedevo sempre “ma come facevano quando le pappe e gli omogeneizzati non c’erano?”. E pensavo che forse mia figlia avrebbe affrontato tutto da sola, ma ovviamente qualche dubbio c’era. Poi verso i 4 mesi e mezzo ha cominciato a sbracciarsi verso il mio spuntino quotidiano fatto di yogurt e cereali. E così, senza pensarci, le ho passato il cucchiaio (con tanto di ripresa video!) che ha apprezzato tantissimo. Poco dopo ho scoperto per caso il libro del Dott. Piermarini e ho cominciato a vedere che c’era qualcosa di vero nelle mie intuizioni. Così pian piano tutto ha preso forma. Inoltre noi siamo molto ben disposti verso tutto quello che di più naturale, spontaneo e a volte anche facile ci sia!
    E così giorno dopo giorno si è migliorata l’alimentazione di tutta la famiglia, e si è presa fiducia nella piccola.
    A volte ci sono stati dubbi e tentennamenti, quindi magari abbiamo evitato per qualche giorno alcune preparazioni prima di renderci conto di quanto non fosse sciocco. Oppure a volte per agevolare la nonna, abbiamo acconsentito a che si preparasse della pasta molto piccola purché condita con sughi sani fatti in casa e che anche i nonni mangiassero ugualmente. Paura del soffocamento poca, a tratti direi, giusto in occasione di cambi di dimensione improvvisi o foglie di insalata traditrici. A tutt’oggi ci sono molti cibi che non mangia volentieri o che evita del tutto. Ma se va bene a lei, va bene anche per noi. Io la trippa mica la mangio!!! E’ sempre stata vispa, curiosa, sana: questo valenva più di qualsiasi altra cosa.
    E come diceva Giulia più sopra: mai dovuto applicare metodi orribili (non lo avrei fatto nemmeno se avessi scelto di procedere con le pappe), soffro ancora adesso nel vedere coercizione sui bambini in una fase che dovrebbe essere anche divertente.
    That’s all, folks!

  110. Raffaella says:

    Paura del soffocamento io non ne avevo tantissima all inizio, mentre il mio compagno era terrorizzato, in realta lo e tutt ora che lilla ha quasi sedici mesi. Il mio timore era invece legato al fatto che lilla non volesse mangiare, che dimostrasse pochissimo interesse per il cibo. Sono stata fortunata ad aver incontrato il forum, le mamme autosvezzanti che mi hanno aiutata a capire che non dovevo fare altro che rispettare i tempo di lilla, facendomi scivolare addosso le critIche e i giudizi della pediatra, degli amici e dei parenti. Non e stato sempre facile, mi sono dimenticata di scrivere che nel frattempo lilla e sempre stata allattata al seno, a richiesta e che e sempre cresciuta regolarmente, pero sapendo di bambini molto piu piccoli di lei che o si mangiavano felici piatti di sbobba tradizionale o si avventavano sui piatti dei genitori pur di arraffare uno spaghetto in bianco, beh, vedere lilla che non si smuoveva neanche di fronte agli internazionalmente rinomati ravioli del nonno mi dava una certa ansia.
    Siamo arrivati ai sedici mesi e lilla continua a fare tantissima tetta, non e di certo una gran mangiatrice di solidi ma sta a tavola volentieri, assaggia tutto, dal riso in bianco alle cozze con curiosita, si riempie di gioia alla vista delle ciliegie, ogni tanto di sera andiamo in gelateria e degusta con evidente piacere il suo piccolo cono, insomma sono grata al forum e soprattutto a lilla che non si e mai piegata, che ha seguito e segue il suo ritmo nell avvicinamento al cibo.

  111. maggie4444 says:

    La mia bimba ha quasi 11 mesi, è prematura (nata di 1365g) ma supervispa, abbiamo iniziato un pochino più tardi, causa prematurità, anche se lei mostrava già interesse per il nostro cibo, oltre a stare seduta da sola e avere ottima manualità. La paura è passata lasciandola fare, di settimana in settimana ha fatto immensi progressi e ora, dopo circa 4 mesi e mezzo dall’inizio posso davvero dire che è tutto davvero molto più semplice di quanto possa apparire inizialmente, è un successone! ad ogni passaggio (aumento delle quantità, pezzi sempre più grandini, velocità delle manine nel gestire i pezzetti, curiosità di provare cose nuove) io e mio marito ci guardavamo stupiti e dicevamo – è veramente proprio come avevamo letto nei libri! Siamo felicissimi di aver intrapreso questa strada, grazie anche alla pupa che ha rifiutato categoricamente le pappine (noi eravamo convinti che as fosse il nostro modo, ma la paura o meglio l’insicurezza era tanta)… evviva l’as!!! Anche se non ho mai scritto (causa mancanza di tempo) ho letto tante volte il forum in cerca di consigli e ogni volta che leggevo il motto – stai manza! mi chiedevo come facevate :) ora capisco benissimo e lo dico anch’io ad altre mamme.

  112. Maggie Cieslak says:

    @ Silvia Graziano, secondo la mia esperienza è solo questione di tempo, la mia piccola all’inizio non sapeva mandar giù quasi nulla, ma ben presto ha capito come fare e ora si spazzola mucchi di pezzettini di ogni cosa ;)

  113. Maggie Cieslak says:

    la paura è passata lasciandola fare, di settimana in settimana ha fatto immensi progressi e ora, dopo circa 4 mesi e mezzo dall’inizio posso davvero dire che è tutto davvero molto più semplice di quanto possa apparire inizialmente, è un successone! ad ogni passaggio (aumento delle quantità, pezzi sempre più grandini, velocità delle manine nel gestire i pezzetti, curiosità di provare cose nuove) io e mio marito ci guardavamo stupiti e dicevamo – è veramente proprio come avevamo letto nei libri! Siamo felicissimi di aver intrapreso questa strada, grazie anche alla pupa che ha rifiutato categoricamente le pappine (noi eravamo convinti che as fosse il nostro modo, ma la paura o meglio l’insicurezza era tanta)… evviva l’as!!!

  114. Giulia Tenuta says:

    Concordo quasi su tutto. Solo a volte mi sembra che la paura del soffocamento sia più una scusa usata da chi non condivide l’autosvezzamento ed ha paura – più che altro – a non uniformarsi. Mi è capiatato di conoscere mamme che, razionalmente, dicono di condividere l’AS, ma in pratica preferiscono la brodaglia informe infilata forzosamente nelle boccucce dei pargoli.
    Ecco la mia esperienza: i primissimi tempi avevo un moderato timore, accompaganato da una vivace emozione per la nuova avventura che io e il mio piccolo stavamo affrontando. Mario ha cominciato a togliermi il cibo di mano verso i 5 mesi e mezzo. Io ho iniziato a tenerlo sulle mie gambe e tagliuzzavo, schiacciavo e, ansiosa, osservavo attentamente come deglutiva.
    Poi un giorno, mi pare avesse circa sette mesi, ha ingoiato una fettona di kiwi intera, così…senza masticarla! Io ho girato la testa dall’altra parte, mentre mentalmente ripetevo le manovre per la disostruzione pediatrica. Ma lui aveva semplicemente deglutito. E ancora una volta mi aveva stupito. Da allora non ho più temuto nulla.
    A 10 mesi già mangiava da solo. A 11 mesi mangiava spaghetti e chicchi d’uva. A diciotto mesi rosicchiva le olive lasciando il nocciolo. Da qualche mese – ora ha due anni – sgranoccia mandorle. Mangia come un adulto. Andare al ristorante con lui è un piacere. Ha un garbo incredibile, forse innato, forse perchè nessuno gli ha mai impedito di toccare il suo cibo.
    Quando vedo bimbi legati al seggiolone con le mani bloccate dalle mani di un genitore e imboccati fra le lacrime… mi sento male e davvero ringrazio il forum e la mia curiosità che non mi ha ancorato alla massa.

  115. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Silvia Reale, grazie commento. NOn dimenticare di lasciarlo anche sul blog (ah, e aggiuAgi le età approssimative) :D /A

  116. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Silvia Graziano, allora il post capita a fagiolo. Speriamo ti aiuti a dissipare i dubbi :) /A.

  117. Silvia Graziano says:

    Ecco, appunto! Perché Carolina ha cinque mesi e mezzo, una voglia matta di assaggiare tutto quello che mangiamo (davvero, quando sta in braccio a me tira il piatto e ci mette le mani dentro, e se non ci riesce si arrabbia tantissimo!)…io le ho proposto la frutta, la carne da ciucciare, anche le zucchine ma lei stacca i pezzi con le gengive, li mastica, poi non capisce esattamente come buttarli giú e se li tiene sulla lingua in fondo o inizia a far rumori come se dovesse rimettere! Insomma, non mi sento sicurissima…..

  118. Svezzamento naturale says:

    I dubbi son passati quando ho deciso di ascoltare mio figlio invece delle ansie mie o di chi mi stava intorno! (già postato sul blog =P)

  119. Jenny says:

    Mamma di un pupo di quasi 14 mesi. Dopo essermi largamento documentata sull’autosvezzamento (libri, forum ecc.) ho comunque avuto delle remore e delle paure, proprio come avete scritto nel post.
    Anche se mi impegnavo a preparare le pappette con cose fatte in casa (riso, verdure di stagione cotte e passate ecc.) non riuscivo a staccarmi del tutto dall’idea dello svezzamento “tradizionale”.
    Come ho fatto il passo decisivo che mi ha portato sulla strada dell’autosvezzamento? Molte semplice: ho ascoltato mio figlio.
    Le mie pappe preparate con tanto amore, che gli mettevo davanti quando noi mangiavamo (magari le stesse cose non sminuzzate, ma comunque cercavo di propinargliele) finivano sempre in terra per cui, stanca ed esasperata, ho smesso di preparargliele e lui, fino a quasi 8 mesi, ha preso quasi esclusivamente il latte materno (unica eccezione: si ciucciava dei pezzi di mela a merenda, visto che comunque la mela era la mia merenda).
    Un bel giorno, alla soglia degli otto mesi, lui ha PRETESO di assaggiare una zuppa di farro, cavolo cappuccio, zucca e fagioli che avevo fatto per me e mio marito e da lì ha iniziato ad assaggiare le nostre cose (ovviamente preparavo ricette sane che andassero bene per tutti e che si concigliassero con la mia idea di introduzione cibi – nel senso che per convinzioni mie ho aspettato un pochino a dargli la carne-).
    Per cui il mio consiglio è di ascoltare i nostri bambini che sono assolutamente competenti e ne sanno più di tutti i pediatri dell’universo, delle nonne preoccupate per la denutrizione e delle mamme che si fanno prendere dall’ansia!
    Se avessi ascoltato gli altri avrei forzato coi papponi, invece ho ascoltato lui ed ho un bimbo di 14 mesi che mangia volentieri in compagnia e che non ha per niente bisogno di essere imboccato.
    Fidiamoci di loro!

  120. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Nausica Pellizzon e Roberta Pinchetti, non dimenticate di postare anche sul blog :)/Andrea

  121. Ombretta says:

    Mamma alla prima figlia,poca esperienza in bambini,fobia del soffocamento. La pediatra mi parla di AS e io e mio marito siamo entusiasti però la mia paura rimane la possibilità di soffocare! Evito cibi che possano spezzarsi in grossi tocchi come mele,carote crude;cibi che possono formare dei grossi boli impossibili da inghiottire come il pan carrè o il pane con troppa mollica. Ho iniziato facendo piccole porzioni che la bimba prendeva con le mani. Ora che fa caldo e siamo più liberi dai vestiti,e quindi più facilmente pulibili,le dò soprattutto la frutta (pesche,albicocche,meloni,banana,anguria) intera e lei si diverte un mondo a farsi impacchi e maschere alle vitamine! Comunque la prima volta che le è capitato un pezzo grosso di pane il conato di vomito e la tosse l’anno liberata e io mi sono resa conto che era in grado di “difendersi”. Sto sempre molto attenta e non la lascio mai sola quando mangia,così posso intervenire in caso di bisogno. Fin da subito ho notato la capacità di masticare anche senza denti e se all’inizio ingoiava quasi il cibo intero piano piano ha capito che era meglio farselo girare un po’ in bocca prima di mandarlo giù!
    Credo che la paura non passerà mai ma si impara a gestire le ansie dando ogni volta maggior fiducia ai piccoli. Del resto se ci penso sarà così per tante cose che dovrà affrontare nella vita: i genitori saranno spesso in ansia.

    • Cristina says:

      Mamma di una pupa di 2 anni e mezzo e con una di 3 mesi; con la prima abbiamo cominciato presto lo svezzamento, era stufa del bibe (avevo latte, me lo tiravo e glielo davo perchè non si attaccava), continuava a far capire chiaramente che non lo gradiva tanto…AL 4 mese (poco prima) abbiamo iniziato a proporle yogurt, e quanto ne mangiava! Diciamo che il suo è stato uno svezzamento inizialmente poco auto, ma poi quando vedevo che curiosava nei nostri piatti, beh…a 6 mesi mangiava pizza, con pomodoro e mozzarella :D non è una gran mangiona secondo i canoni “standard”, ma mangia, quello che le piace pure di gusto (e non schifezze, ma per dire il minestrone lo adora, i formaggi pure, il latte no invece, ma fa niente! carne neanche tanto, ma quanto pesce, e mica i merluzzetti fritti, mangia trota lessa, orate al forno e via dicendo, insalata, pane e olio, direi che ci siamo! :)).
      Tra poco tocca alla seconda, e la ped stessa mi ha detto che questa volta si va diretti con l’autosvezzamento! da un lato sono serena, dall’altro un po’ quella “sicurezza” delle pappine mi dava tranquillità…anche se mi ripeto sempre che hanno avuto vita breve con la prima :-) quindi pronti via, vedremo come andrà, mi farò ancora più “cultura” qua e sul forum!
      Ciao!
      Cri

  122. Roberta Pinchetti says:

    Ogni giorno ci sono dubbi..ma guardando il mio piccolo riesco a capire quale sia la cosa giusta!!!inizialmente ho letto, riletto libri, post, cercato persone che avevano già iniziato e poi un giorno mi sono buttata!!pezzettini piccoli e paura di soffocamento..pian piano mi sono resa conto che gestiva bene il cibo in bocca quindi i pezzi sono diventati sempre più grossi..la paura soffocamento e’ sempre presente ma quello non ha nulla a che vedere con l’autosvezzamento!!ora Filippo ha 4 dentini e azzanna qualsiasi cosa senza pero essere capace di staccare piccoli pezzi tanto che ogni tanto strappa dei Bocconi enormi..prima o poi imparerà..intanto un po’ di pratica..purtroppo non ha ancora imparato a mangiare solo con le sue manine!!prende i pezzetti ma li chiude nella manina e non riesce a metterli in bocca..finiscono immancabilmente in testa o per terra!!:-))

  123. Nausica Pellizzon says:

    Non ho mai comprato nessuna pappa a nessuno dei 2. Hanno sempre mangiato quello che mangiavaomo noi, solo lo sminuzzavo. Comunque x scelta abbiamo deciso di seguire il metodo di introdurre un alimento alla volta. Abbiamo cominciato dalle zucchine e via di seguito. Naturalmente ogni pasto era accompagnato da antipasto e/o dessert di latte di mamma!

  124. Nausica Pellizzon says:

    A me non è mai passata! Quando Jacopo a 2 anni si stava soffocando con 1 nocciolina mi è tornata quasi di più di prima: ora, anche se non lo do a vedere, tengo sempre un terzo occhio e orecchio dalla sua parte, anche se sto attenta con gli altri 2 occhi e orecchi al più piccolo. Non sono ossessionata, ma sto sempre molto attenta e mi sono assicurata che all’asilo sappiano fare le manovre di sostruzione pediatriche. A questo scopo consiglio a tutti di visitare il sito della Cri www. manovredisostruzionepediatriche.it, può salvare la vita di un bambino!

  125. Andrea says:

    Personalmente posso dire di non aver avuto problemi, ma il mio è un caso fortunato… Prima della venuta di BM non ero mai entrato in stretto contatto con lattanti/bambini, per cui non sapevo cosa aspettarmi. Inoltre dove siamo noi (UK) le linee guida relative allo svezzamento che ti dà il sistema sanitario sono molto positive e incoraggianti e molto vicine all’autosvezzamento, per cui il passaggio è stato facile.
    Per chi è interessato, le trovate qui:

    Non che non ci siano genitori apprensivi anche qui, ma non conoscevo/conosco per cui non mi hanno influenzato.

    Insomma, certe volte l’isolamento aiuta:)

    • laurag says:

      premetto che ho lavorato 13 anni con i bambini e questo ha sicuramente aiutato. Ha aiutato anche che a parlarmi di as sia stata un’ostetrica di cui mi fido molto. Le mie paure iniziali devo dire che non erano legate tanto al soffocamento o la poca crescita quanto alla possibilità che i cibi “adulti” potessero creare reazioni non visibili e gravi. Per spiegarmi meglio una delle mie paure era che i reni non riuscissero a drenare nel modo giusto e gli venisse un blocco renale senza che me ne accorgessi, oppure che il fegato e l’intestino si affaticassero troppo. E tutto questo io non potevo controllarlo!!! Ma poi ho visto che il pediatra non riscontrava niente di anomalo e che il bambino stava visibilmente bene e quindi mi sono tranquillizzata.
      Quello che mi ha aiutato nel decidere di fare as è stato il credere fortemente che bisogna educare i bambini al coraggio delle esperienze e non alla paura, alla troppa cautela. A mio figlio voglio offrire più esperienze formative possibili, fargli assaporare la vita in tutti gli aspetti anche rischiando qualcosa, se necessario, perchè credo che non ci sia crescita altrimenti!

      • maru75 says:

        non credo che aspettare fino a 1 anno per fargli provare tutto a livello di cibo possa precludere al bambino la possibilità di avere coraggio nell’affrontare le esperienze nuove in generale…
        i miei figli sono coraggiosi e si buttano nelle nuove esperienze (quando vogliono!) anche se non hanno fatto l’autosvezzamento!

  126. Gioia says:

    fresco fresco questo articolo?? Ecco aspetto i commenti perchè mattia ha 4 mesi e mezzo….come tutte le cose il difficile è superare “quel portone” poi si va in discesa libera…e io sono 2 anni e mezzo che sto davanti a quel portone :-D e leggo su questo forum, ma è il coraggio ad iniziare che manca (lo sai Gloria vero che ti continuerò a stressare nei prossimi mesi) almeno finchè non supererò sto benedetto portone…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *