Paura da autosvezzamento: la parola ai genitori

All'inizio l'autosvezzamento può far pauraCosì come i bambini spesso hanno una paura irrazionale del buio, i genitori ancora più spesso hanno paura che facendo autosvezzamento chissà cosa potrebbe accadere ai loro figli; così, sovente a malincuore, decidono di non deviare dalla strada maestra dello svezzamento a pappine e tabelle. Questo è un atteggiamento più che comprensibile, specialmente se ti hanno sempre detto che lo svezzamento si fa solo in un determinato modo e lo hai sempre visto fare così. Se poi aggiungiamo che il bambino potrebbe cominciare a tossire non appena si trova un qualcosa di solido in bocca, ecco che la frittata è fatta.

Tuttavia quel genitore sente istintivamente che l’autosvezzamento è una strada migliore sia per lui che per il bambino, ma non riuscendo a liberarsi da questi timori si trova in una situazione di stallo in quanto non sa bene come superare questo ostacolo.

Cercando di trovare una soluzione, magari cerca su internet “autosvezzamento” e si imbatte su questo sito dove legge che tanti genitori danno allegramente ai loro figli pezzi giganteschi: cosce di tacchino intere a bimbi di neanche 6 mesi; bisteccone da prendere con le mani e sbranare; panini imbottiti che neanche un adulto riuscirebbe a mordere, tanto sono ripieni, ecc.
OK, forse esagero un po’, ma probabilmente il genitore insicuro che non sa bene come procedere pensa che questo sia quello che succede con i bambini degli altri (dopo tutto non è forse vero che “il bambino del vicino è sempre più vorace”?). Poco importa se il paninone imbottito era un pezzetto di pane con un po’ di humus sopra, la coscia di tacchino 5 g di coscia di pollo sfilettata e il bisteccone un micro pezzo di spezzatino stracotto…

All’inizio la paura di sbagliare può bloccare anche i più impavidi; come facciamo a superarla? Questo post è dedicato a raccogliere le esperienze di chi ci è già passato. I commenti sono riservati alle esperienze personali legate all’inizio dello svezzamento e a come i genitori hanno gestito le prime fasi “timorose” (se le hanno passate).

Le esperienze degli altri genitori sono fondamentali per rendersi conto che non si è soli e che se hai paura di qualcosa, stai pur certo che qualcuno prima di te ci sarà passato.

[hr]

Nel frattempo ricordiamo che si possono fare anche altre letture sull’argomento. Qui di seguito metto i link ad alcuni post che mi sembrano significativi. Una lista completa la trovate cliccando sulla tag autosvezzamento.

[wps_custom_form id=0]

Iscriviti alla newsletter e ricevi SUBITO

la NUOVA EDIZIONE dell’ebook sul soffocamento, “E SE SI STROZZA?”

Con noi i tuoi dati sono SEMPRE al sicuro e non verranno condivisi con NESSUNO.

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


SE LO MORDI, LO SCRIVI
Il diario dove registrare
giorno per giorno il VOSTRO autosvezzamento.
se lo mordi lo scrivi


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


187 comments

  1. andrea_ says:

    alessiaenoemi , ciao :)
    Io comincerei evitando la carota cruda che ha una consistenza molto dura e difficile da spezzettare. 
    Hai letto l’ebook sul soffocamento (quello della newsletter)?

  2. alessiaenoemi says:

    Ciao a tutti. Noemi ha sette mesi e mezzo e abbiamo iniziato timidamente con l’autosvezzamento a sei mesi, perché quando era a tavola con noi voleva sempre assaggiare qualcosa. ho iniziato con un po’ di difficoltà perché i nonni mi hanno fatto un sacco di storie, e il padre all’inizio non mi sosteneva a dovere nella ricerca di informazioni o nella scelta dei cibi da proporre o da evitare. Poi piano piano abbiamo iniziato con broccoli, carote, fusilli, pezzi di pane, ma solo a cena, perché a pranzo sono da sola e…HO UNA PAURA FOLLE!! Soprattutto dopo l’altra sera che con un pezzo di carota ci è mancato poco (secondo me) che si strozzasse. Ha smesso di respirare per qualche secondo, è diventata tutta rossa e mi guardava fissa con gli occhi spalancati. Vi giuro che se ripenso a quella scena ho i brividi. Non ho avuto più il coraggio di darle niente in mano, a parte il pane e il biscotto la mattina. Ho paura di sbagliare le dimensioni e le consistenze, insomma ho paura che si strozzi e di non essere in grado di salvarla. Eppure non mi rassegno a farle le pappe….aiuto!

  3. Gabriella Ferrara says:

    @jennifer Rinaldi era un’accortezza che mi aveva suggerito il pediatra (pediatra a favore dell’autosvezzamento)per non irritare troppo l’intestino. Non l’ho fatto sempre. :P

  4. Paola Cucurnia says:

    Il mio Christian ad esempio, all’inizio, forse per curiosità, infilava il grissino tutto in gola e quindi gli venivano i conati. Ho iniziato quindi a dargli cose più grosse(lo so sembra un controsenso) tipo il pane comune intero. Ha imparato così a gestire tranquillamente i pezzi che si staccavano . Ora che ha 14mesi riesce a mangiarli tranquillamente!

  5. Marta Totaro says:

    Crackers e tarallini. All’inizio glieli davo a pezzetti. Da un po’ (ha compiuto 10 mesi) li afferra da sola e stacca a morsi un pezzo per volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *