Autosvezzamento e latte artificiale: si può



Latte formulatoIl concetto di “a richiesta” di solito si affianca a quello di allattamento al seno. Nell’autosvezzamento, questo concetto scivola lentamente verso il mondo dei solidi, e chi era abituata a offrire il seno a richiesta può trovare più spontaneo offrire anche il cibo secondo la stessa modalità, continuando semplicemente a fare quello che faceva prima, ovvero rispondere ad una richiesta. Ma per chi nutre il proprio bambino con latte artificiale, la cosa può sembrare meno immediata, dato che l’alimentazione con il biberon prevede delle metodiche e – molto spesso – delle abitudini diverse. Così, chi usa il biberon molte volte si pone un interrogativo:

“Vorrei fare autosvezzamento, ma uso il latte artificiale, come mi regolo?”

La risposta a questa domanda è semplice: segui tuo figlio.
Latte artificiale e alimentazione complementare a richiesta sono un binomio che funziona
. Che il bambino sia alimentato a richiesta o a orario, la cosa non cambia.
Inoltre, i bambini che prendono latte in formula tendono in molti casi – anche se non tutti, e non c’è assolutamente niente di anormale in questo! – a prendere dei ritmi piuttosto regolari, ed ecco che un'”allattamento” a richiesta con biberon molto spesso si tramuta in un “allattamento a richiesta prevedibile”. Questa prevedibilità rende certamente le cose un po’ più semplici.

“Non vorrei sprecare una marea di latte…”

Nella mia esperienza, spreco di latte ce n’è poco o niente. Agli inizi dell’autosvezzamento è consigliabile mettere a tavola con i genitori un bambino non affamato, per risparmiargli la frustrazione del sentire lo stimolo della fame senza riuscire a nutrirsi come vorrebbe. Ricordiamoci che per lui/lei riempirsi la pancia = latte, mentre il cibo solido rappresenta solo un gioco bellissimo che vede fare ai suoi genitori e al quale freme di partecipare! Migliorando la manualità e aumentando e la quantità di cibo ingerito, anche questa abitudine si modificherà di conseguenza.

Quindi, dicevamo, il piccolo alimentato al biberon prenderà il suo latte come al solito più o meno prima del pasto dei genitori (o durante, o un po’ prima e poi il resto dopo… non c’è legge, non c’è regola, c’è solo la prassi di famiglia e soprattutto il benessere e il desiderio del tuo bambino a dettare il da farsi!). Così facendo, la quantità di latte artificiale richiesto sarà pressoché sempre la medesima, fino a quando – molto lentamente – le cose prenderanno una piega diversa, per esempio sarete in grado di intuire se quel giorno vostro figlio potrà volere molto latte o ne vorrà di meno, se sarà felice di tuffarsi subito sulla pasta e lasciare il latte per dopo o se (sì, vi prometto che un bel giorno accadrà! :-D) del latte a pranzo o cena non gliene importerà proprio niente!

Per finire, c’è un punto che ritengo molto importante: se è vero che i bambini si autoregolano e che concedere loro la libertà di imparare a conoscersi, a capirsi e a dimostrare le loro necessità è molto importante affinché l’autoregolazione diventi una regola di vita, allora l’alimentazione complementare a richiesta riveste per i bambini alimentati con latte in formula una valenza ancora maggiore. Se la composizione sempre uguale, la diversa digeribilità e la conseguente regolarità del latte formulato sono una nota di “artificialità” nella vita dei nostri bambini, possiamo accompagnarli lungo un percorso più naturale e istintivo lasciando che si autosvezzino.

Insomma, se spreco di latte ci deve essere… è certamente per una buona causa, e non per noncuranza o mancanza di attenzione![hr]

E la vostra esperienza con latte artificiale e autosvezzamento come è stata?
Quali sono stati (o sono, nel caso in cui ancora non abbiate iniziato) i vostri dubbi maggiori?

Scopri l'auto-svezzamento

Iscrivendoti alla newsletter riceverai immediatamente l'ebook

Alimentazione complementare e paura del soffocamento
E se si strozza?

In più potrai scegliere tra:

  • Il minicorso sull'autosvezzamento
  • Le ricette della community
  • L'attività settimanale del blog
  • L'attività settimanale del forum


La tua privacy è importante.
Con noi la tua email è al sicuro!


COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


91 comments

  1. Chiara says:

    Il mio piccolo ha compiuto da pochi giorni i 5 mesi, da un po’ ho questo dubbio: al compimento dei 6 dovrò passare al latte artificiale 2 pur volendo seguire l’autosvezzamento? Grazie mille!

  2. Milena says:

    andrea_ Ciao Andrea, grazie per la risposta (non arriva una notifica?), vado subito a guardare il link che mi hai indicato. Quanto ai seggioloni, abbiamo preso i Tripp Trapp della Stokke..

  3. Milena says:

    Ciao a tutti, ho due bimbe gemelle di cinque mesi e mezzo, allattate con latte artificiale Aptamil sin dalla nascita. La pediatra mi ha dato il foglio con il solito specchietto da seguire per lo svezzamento dai cinque mesi in poi. Nei ritagli di tempo sto leggendo il libro di Piermarini e navigando  su questo meraviglioso sito e, come prima osservazione, mi sono detta: cos’ho da perdere ad aspettare i sei mesi? Nulla. D’altra parte poi non sono ancora neanche arrivati i seggioloni, quindi facciamo le cose con calma. Appena arrivano (a fine mese) pensavo di mettere le bimbe a tavola con noi e vedere come si comportano, se sono curiose e interessate. Come per tutte le mamme – credo – ci sono due cose che mi preoccupano: se la loro crescita continua regolare (non possiedo una bilancia per pesarle) e il fatto che possa andare il cibo di traverso. Sono solo all’inizio dello studio di questo sito e immagino che ci siano tutte le risposte e le rassicurazioni del caso. C’è qualche mamma di gemelli che vuole raccontarmi la sua esperienza con l’autosvezzamento? C’è una qualche forma di imitazione tra i bimbi e si va di pari passo, oppure no? Sono curiosa di sentire altre esperienze. Grazie, Milena.

  4. valemarche says:

    dobbiamo iniziare … lui ha degli orari fissi da un mese circa 8,30/12/15,30/19/22,30
    prende prima il seno e poi il biberon
    se gli do il suo pasto completo alle 12 poi a tavola alle 13,30 è poco interessato al cibo

  5. Francesca666 says:

    Marvy prende LA da quando ha 2 mesi. Ho iniziato lo svezzamento tradizionale quando aveva appena 4 mesi su consiglio della pediatra. All’inizio tutto liscio, sia con la frutta che a pranzo e a cena!Poi all’improvviso ha iniziato a regredire, nel senso che rifiuta le pappe e vuole di nuovo solo latte…Ma se vede i nostri cibi vuole assaggiare tutto!!..La sto assecondando da qualche giorno perchè credo molto nell’autoregolazione e non l’ho mai forzata in nulla (d’altronde, dorme 12 ore nel suo lettino, va al nido tranquilla, fa la cacca e beve molto).
    Ho scoperto da un’amica l’autosvezzamento ma all’inizio (ero ancora incinta) l’avevo vista come un’aliena. Oggi sto leggendo questo sito e mi sembra che Marvy VOGLIA l’autosvezzamento.
    E’molto autonoma in tutto…mi sembra naturale che voglia fare da sola anche con il cibo!!!

  6. Maria Gallone says:

    condivido con Terry , anche per noi e’ stato cosi , dopo il pasto lasciavo libera giulia di prendere un po’ di biberon ad un certo punto da sola che il pasto era sufficiente , e vedrai te ne accorgerai anche tu visto le quantità di solidi che progressivamente aumenteranno , quello che non ha smesso di prendere, anche dopo una cena abbondante e’ il suo bibe prima della nanna serale !! ma non ho intenzione di forzarla io !!

  7. Terry De Luca says:

    io con francesco ho iniziato da poco… fa ancora tutti i suoi pasti di latte magari non lo beve tutto.. e dopo 2 ore dal bibe gli dò la frutta o assaggia da noi… penso che quando mangerà abbastanza solidi mi chiederà meno latte.. fidati saprai quanto a mangiato a tavola e quanto avrà ancora spazio x il latte… mal che vada butterai via 30 o 40 gr di latte…

  8. Francesca d'Ettorre says:

    Non credo che ai fini dello svezzamento di qualunque tipo ci sia grossa differenza tra allattamento a base di LM o LA. Il principio èlo stesso: assecondare la curiosità verso il cibo solido e rispettare i suoi tempi

  9. Gaia Maggioni says:

    Grazie mille a tutto x avermi raccontato le vostre esperienze, mi sento molto più tranquilla adesso. Ora dobbiamo solo aspettare i 6 mesi, ma tanto non abbiamo fretta!!! ;-)

  10. Valentina Settimo says:

    Interessa anche a me il discorso…domani il mio bimbo fa 6 mesi e prende il LA (nello specifico,il Pantolac,visto che ha problemi di stitichezza…)…al momento,però,non mi sembra ancora molto interessato al cibo solido….forse é vero che bisogna solo avere pazienza e non forzarli a fare le cose prima del loro tempo…speriamo in bene!!

  11. Alessandra Torcianti says:

    LA e Autosvezzamento è possibile e anche facile visto che il LA è monotono la mia bimba ha subito preferito il cibo vero.

  12. Caterina Michelini says:

    anche noi LA e autosvezzamento e non ho avuto alcuna difficoltà ad essere sincera. La colazione della mattina continua ad essere LA (il mio ha 8 mesi), a metà mattina e metà pomeriggio frutta, pranzo identico al papà (io lavoro) e cena dipende se ritardiamo un pò allora gli dò il latte, altrimenti “metà e metà”, nel senso che sbocconcella qualcosa dai nostri piatti e poi latte prima di dormire.

  13. Valentina De Martini says:

    Gaia, io sono nella tua situazione.. Margherita farà 6 mesi il 14. Per ora solo la, a tavola con noi arriva già sazia del bibe e comincia un pochino ad interessarsi a quello che mangiamo noi. Ma non posso nemmeno definirli assaggi… Sussa un fusillo o un fagiolino o una strisciolina di pollo (o qualsiasi altra cosa) per un po’, poi un micropezzo lo ingoia e il resto.. Via per terra!! :-D Non dobbiamo avere alcuna fretta, mi sa.. E impareremo a regolarci tra cibo e latte :-D

  14. Francesca Lanza says:

    noi la e autosvezzamento..bisogna avere tanta pazienza!all’inizio le davo prima biberon poi a tavola con noi dove faceva solo assaggini..ma almeno la fame era placata..poi pian piano ha iniziato a voler fare prima gli assaggi e le concludevo il pasto col la(e ti devi regolare in base a quanto ha mangiato..qualcosa andava sempre buttato ma poco), questo fino ai 9 mesi, quando poi ha iniziato a fare pranzo completo, e poi a 10 mesi anche la cena. ora il latte, normale perchè ha 13 mesi, lo beve solo più al mattino. rifarei tutto daccapo perchè mangia di tutto, è autonoma, è di compagnia a tavola ed è un piacere vederla mangiare!

  15. Elisabetta Franzosini says:

    Non riesco a leggere i commenti ti racconto la mia… Filippo soffriva di reflusso quindi latte apposta ma ho sempre fatto e sto continuando a fare auto svezzamento…. Ho iniziato verso gli 8 mesi… Se non mangiava davo il latte e capitava che in una giornata beveva solo latte… Alcune volte glielo davo anche prima e altre volte dopo…. Per me il latte artificiale e rimasto comunque l’alimentazione principe ora che ha 13 mesi mangia abbastanza ma se dopo che ha mangiato vedo che ha ancora fame gli do il latte… Tra l’altro ora quello di riso xe hanno scoperto essere allergico al latte…. Per la mia esperienza si può fare….

  16. Roberta D'Adamo says:

    Il mio ha 8mesi…latte artificiale e autovezzamento!!!
    Ho iniziato a 6 offrendo a pranzo del cibo solido, senza dare subito dopo il LA… Che prendeva solo a colazione, merenda e cena…
    Quando le quantità di cibo son diventate più consistenti ho iniziato a introdurre anche la cena, riducendo a 2 le ciucciate di latte.
    Dopo qualche settimana ho eliminato anche la merenda introducendo frutta, yogurt, pane, torte in casa, a volte, ma non tutti i giorni il biberon di LA.
    Ora lo prende solo la mattina e qualche volta di notte e ha già assaggiato un po’ di tutti i cibi!

  17. Mary Avola says:

    Mio figlio ha 14 mesi e prende solo LA 3 volte al giorno…. eravamo partiti con lo svezzamento tradizionale che lui ha categoricamente rifiutato, poi ho scoperto l’AS e ci abbiamo provato…al momento nonostante proviamo da quando aveva 8 mesi con AS i suoi pasti complementari si riducono al solo pranzo e con quantità ridicole, anzi il più delle volte nn porta nemmeno in bocca il cibo… sono talmente disperata che mi chiedo se la via dell’as sia quella giusta se nn dovevo insistere con il metodo tradizionale o se semplicemente lui proprio nn vuol saperne di mangiare solido….

  18. Sylvie Vierin says:

    Tranquilla si può fare! La mia piccola ha iniziato a 5,5 mesi mentre mangiavamo noi voleva toccare metteva le mani nel piatto ecc… Poi piano piano un pezzo oggi uno domani fino ad arrivare ad un pasto completo e lasciare il bibe !l unica cosa ho cercato di far combaciare i suoi pasti col bibe ai nostri cosi è stato meno difficile abituarla . Ora 10 mesi il bibe lo usiamo al mattino a colazione accompagnato con qualche biscotto/ torta fatta in casa e la sera prima di dormire credo sia più un abitudine che altro!all inizio sei spaesato ma poi vedrai tutto sarà più semplice ! Ascolta il tuo bimbo in primis! Ciao in bocca al lupo.

  19. Michela Michy Michy says:

    Noi LA ma non abbiamo mai avuto alcun tipo di problema…. All’inizio dato che le dosi di cibo erano minime certo voleva anche il bibe ma dopo poco mangiando una buona qta non ha più voluto il bibe infatti ora lo beve solo x colazione e prima della nanna… Ha quasi 11 mesi… Vedrai che lui saprà gestirsi.. Quando riuscirà a saziarsi con il pasto lo sostituirà al bibe senza problemi…

  20. Gaia Maggioni says:

    Grazie…mi siete di grande aiuto!! La mia pediatra credo non sappia molto di as e mi ha già dato tabelle x brodini vari (la mia bimba ha 4 mesi), al telefono le ho accennato dell’idea di fare as e mi ha risposto “ma sì di quello te ne parlerò io più avanti” (!?!?!). Quindi se opto x aspettare i 6 mesi e farlo davvero mi dovrò un po’ gestire per le quantità di LA da darle.
    Voi come facevate?
    Grazie ancora.

  21. Noelia Tognini says:

    Tranquilla!!! Per noi ha funzionato alla grande!! Io ho allattato mia figlia fino al ottavo mese poi non ha più voluto attaccarsi quindi siamo passati al biberon. Piano piano crescendo ha diminuito anche i biberon e ad oggi ( 16 mesi) beve il latte al mattino, uno quando torna dal nido alle 17.30, e uno prima di addormentarsi. Crescita ottima. Detto dalla pediatra anche se non ama molto l’autosvezzamento

  22. Azzurra Barducci says:

    La mia piccola di 6 mesi prende LA 2 volte mattina e merenda e a pranzo e a cena mangia normalmente come noi(è una gran mangiona).

  23. Francesca Cecchini says:

    mio figlio ha 5 mesi e mezzo, allattamento misto, sta iniziando i primissimi microassaggi ora….. continua a bere latte dal seno e dal biberon con la medesima frequenza….. penso che mano a mano diminuirà i biberon …. (lui ora beve 4 bibe piccoli al giorno + seno libero)

  24. Mariangela Guarda says:

    la mia ha 9 mesi,allattamento misto.all’ inizio preparavo sempre il biberon dopo il pasto,e lei lo beveva tutto,perché gli assaggi di cibo erano pochi.ora siamo a 2-3 biberon e mai finiti del tutto.ma se a pranzo non vuole la pasta non importa,non me la sono mai presa,mangia latte.vedrai,è una gioia as,anche passando dal latte artificiale!

  25. Piera Marchione says:

    Ciao, anche io ho cominciato da poco a fare as e la mia bimba beve solo LA. Sono stata assalita dagli stessi tuoi dubbi ma la pediatra mi ha detto che gradualmente si staccherà dal biberon diminuendo le ‘poppate’. Vediamo un po’ :)

  26. Sara Turchetti says:

    noi facevamo allattamento misto ma dai 7/8 mesi Gabri non s’è voluto più attaccare. Credo che fin verso l’anno ha preso il biberon per 2/3 volte al giorno, poi siam passati a latte vaccino e tazza! Non mi sembra abbiamo avuto alcun tipo di problema con l’alimentazione complementare…

  27. Sabrina Maraboli says:

    io ho autosvezzato 3 figli allattati con LA… l’ultimo ha 10 mesi e prende solo 3 biberon… raramente 4… mattino a colazione ma dopo aver mangiato qualche biscotto, merenda sempre dopo aver mangiato qualcosa di solido e la notte verso la mezzanotte.

  28. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Gaia chiede:
    Ciao, vorrei sentire un po’ le esperienze di chi, come me, allatta con LA ed ha scelto autosvezzamento, so che la maggior parte di voi allatta e quindi passa da allattamento a richiesta a cibo a richiesta, ma con il LA il passaggio mi sembra meno semplice. Ho letto il vostro articolo “latte artificiale si può” però leggo sempre di mamme che allattano al seno e mai di chi integra cibi solidi al biberon. E quindi mi domando se la cosa funzioni o meno?Sono un po’ perplessa all’idea di ritrovarmi magari a 10,11,12 mesi con una bimba ancora dipendente dal biberon x 5 pasti. Qualcuno mi può raccontare la sua esperienza con LA per capire come si gestiva con numero di pasti e dosi?
    Grazieeeee…

  29. Caterina Michelini says:

    idem. LA a richiesta, quando vuole latte lo chiede sennò capiamo che gli va bene aspettare il pranzo/cena. Ora a 8 mesi pesa 10kg ed è più che in forma!

  30. Elisabetta Franzosini says:

    Non capisco xe dovrebbe essere impossibile…. Anche io lo sto facendo… E ho sempre dato il latte a Filippo a richiesta proprio come con il seno e anche i primi mesi di auto svezzamento erano più le volte che si beveva il suo biberon che altro…..

  31. IreneCiulli says:

    Anche noi LA, allattamento a richiesta e  autosvezzamaneto. Le “regole” dell’allattamento e dello svezzamento o dell’autosvezzamanto non cambiano che si allatti con LM o con LA. Così come, purtroppo, non cambiano i pregiudizi sull’allattamento che sia con LM o con LA :-(
    Ancora adesso a 10 mesi LA e cibo viaggiano su binari paralleli e non ci sono dubbi su quando vuole l’uno o l’altro!

  32. Giulia Zambonelli says:

    Massimiliano prendeva LA a richiesta. Dai 6 mesi, toccava, prendeva, ciucciava pezzetti dei nostro cibo, sempre mantenendo la sua poppata di latte o subito prima o subito il pranzo. Con le settimane ha iniziato a mangiare sempre di più e a lasciare un fondino nel biberon del pranzo. Poi un giorno, dopo un pasto abbondante ha abbandonato la poppata del pranzo. Mantenendo però quella del mattino, di metà mattino, metà pomeriggio e sera. Passano altre settimane, il cibo che mangia aumenta, anche alla sera inizia a spiluccare qualcosa. Poi di colpo non ha più voluto il latte a merenda. da quando ha visto altri bimbi mangiare frutta e Yogurt, che sono poi diventati la sua merenda. Ora, a 12 mesi, prende ancora il latte alla mattina e alla sera, mangia un pasto completo a pranzo e cena.

  33. Simona Salvadori says:

    Anche io LA a richiesta (imparato sul vs forum…grazie grazie di cuore ) e autosvezzante…. Mi ha aiutato a ritrovare la sensazione di fare le cose più naturalmente possibile… Adesso a 10 mesi mi fa capire benissimo quando vuole latte e quando cibo solido…

  34. Sarah Faltoni Thaler says:

    Allattamento misto fino ai 4 mesi per poi passare solo al LA. Ha subito dimostrato interesse già dal 4 mese ma ho aspettato che stesse seduta per tenerla fra noi (prima mangiavamo con lei in braccio, perchè urlava se non stava al tavolo, se dormiva si svegliava per via dell’odore del cibo – addirittura quando allattavo, lei mangiava quando mangiavo anch’io, infatti sono dimagrita io 15 kg perchè non riuscivo a mangiare…). Dato sempre il latte prima dei pasti e poi sperimentazione, mangiava anche tanto di quello che trovava sul tavolo e pian piano ha voluto sempre meno latte fino a non volerlo più verso il primo anno. Ora lo beve solo la mattina per colazione. Ha 18 mesi

  35. Silvia Selis says:

    Eppure c’è molto la convizione “fosse stato allattato al seno si ma con l’artificiale meglio sostituirlo il prima possibile” e quindi pappe per nnon parlare della richiesta del l’artificiale praticamente sconosciuta!

  36. Sabrina Maraboli says:

    io ho autosvezzato tutti e 3… e tutti e 3 con LA… seguivo le stesse “regole” dell’allattamento al seno… se hanno fame offrivo prima cibo solido e poi se lo rifiutavano passavo al biberon… il piccolo che ha 10 mesi ancora oggi ogni tanto rifiuta il pasto e cerca il biberon, ma appena ha finito col biberon torna volentieri a tavola e assaggia il nostro cibo…

  37. Sofia Manetti says:

    anch’io purtroppo per una mia prolungata assenza( mio marito ebbe un brutto incidente in inghilterra dove era x lavoro) ho allattato la mia seconda fino 3 mesi. Però sinceramente anche con LA cerco di allattare a richiesta. Non aspetto le 3 ore per proporle il biberon, ma aspetto che mi fa capire quando ha fame. E anche la quantità la decide lei, a volte lascia mezzo biberon a volte succede che ne vuole un po’ di più. Comunque a quasi 6 mesi ancora non ho introdotto niente di cibo solido.

  38. Chiara Cerioni says:

    Ho due gemelle, una allattata al seno e una con LA purtroppo… Entrambe però sempre allattamento a richiesta…
    Beh è inutile dire che con il seno è moooolto più semplice… Nn devi stare a sbatterti su quanto latte vorrà? O lo vorrà subito?
    Poi ho trovato un equilibrio… Le poppate se le continua a fare quando vuole (anche se è mezzogiorno e il pranzo nn è ancora pronto), mi tengo sempre l’acqua calda pronta, mangia e poi se vedo che é irrequieta preparo 60/90 ml di latte… Se li prende bene, se ne vuole ancora poco male, tanto ho altra acqua calda e se nn lo vuole lo butto…
    nn sarà quello spreco a fermarci…
    Ma ormai sprechiamo poco perché stanno diventando sempre più brave a manifestare le richieste…

  39. Chiara Cerioni says:

    Ho due gemelle, una allattata al seno e una con LA purtroppo… Entrambe però sempre allattamento a richiesta…
    Beh è inutile dire che con il seno è moooolto più semplice… Nn devi stare a sbatterti su quanto latte vorrà? O lo vorrà subito?
    Poi ho trovato un equilibrio… Le poppate se le continua a fare quando vuole (anche se è mezzogiorno e il pranzo nn è ancora pronto), mi tengo sempre l’acqua calda pronta, mangia e poi se vedo che é irrequieta preparo 60/90 ml di latte… Se li prende bene, se ne vuole ancora poco male, tanto ho altra acqua calda e se nn lo vuole lo butto…
    nn sarà quello spreco a fermarci…
    Ma ormai sprechiamo poco perché stanno diventando sempre più brave a manifestare le richieste…

  40. Chiara Cerioni says:

    Ho due gemelle, una allattata al seno e una con LA purtroppo… Entrambe però sempre allattamento a richiesta…
    Beh è inutile dire che con il seno è moooolto più semplice… Nn devi stare a sbatterti su quanto latte vorrà? O lo vorrà subito?
    Poi ho trovato un equilibrio… Le poppate se le continua a fare quando vuole (anche se è mezzogiorno e il pranzo nn è ancora pronto), mi tengo sempre l’acqua calda pronta, mangia e poi se vedo che é irrequieta preparo 60/90 ml di latte… Se li prende bene, se ne vuole ancora poco male, tanto ho altra acqua calda e se nn lo vuole lo butto…
    nn sarà quello spreco a fermarci…
    Ma ormai sprechiamo poco perché stanno diventando sempre più brave a manifestare le richieste…

  41. SoleLuna13 says:

    Ciao Francesca,posso chiederti il nome del libro di ricette consigliati dalla tua pediatra? Mi accingo ad iniziare l’avventura dell’autosvezzamento e dato che vivo all’estero vorrei non essere colta impreparata. Ti ringrazio in anticipo. Sara

  42. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Tu continua a dargli il latte come al solito con i soliti orari… solidi e latte all’inizio viaggiano su binari paralleli; solo in un secondo momento si incontreranno. /Andrea

  43. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    No, no… per carità… non preparare niente apposta, altrimenti il rischio è proprio quello che descrivi. Comincia come tutti piano piano… mettendolo a tavola con voi e facendolo sperimentare. Dopo un po’, una volta che ci ha preso la mano, potrai cominciare a prevedere quanto vorrà mangiare e da lì il latte comincerà a diminuire. /A.

  44. Anna Bordin Bissi says:

    Guido mangiava ai suoi soliti orari, inizialmente, e durante i nostri pasti lo mettevo sul seggiolone e gli allungavo qualcosina di quello che mangiavamo noi. Poi è successo tutto da solo. Pian piano la pappa è diventata sempre più e il latte sempre meno. E il pediatra voleva lo mettessi a dieta!

  45. Elisabetta Franzosini says:

    Quello no xe l’ho sempre allattato a richiesta…..quello che volevo capire era appunto se il latte anche se artificiale rimaneva l’alimento principale e il cibo solido complementare… non da preparargli un piatto di minestrone e ritrovarmi che non lo mangia….

  46. Anna Bordin Bissi says:

    anche il mio cucciolo ha preso il LA. L’ho autosvezzato senza sapere di farlo perchè a Guido non piaceva quello che il pediatra voleva mangiasse ma voleva assolutamente assaggiare tutto quello che mangiavamo noi. Concordo con Andrea. A giudicare da quello che ho letto in questi mesi, l’iter è stato lo stesso. Certo, i primi mesi il latte è ancora quello che la fa da padrona. Poi dipende dal tuo bimbo, dai suoi gusti, dai suoi tempi.

  47. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Elisabetta, come descritto nel post, non pensare al LA come differente dal LM… tu vedi se/quanto ne vuole e agisci di conseguenza. Meno ci pensi e meno ti sbagli :D /Andrea

  48. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Elisabetta Franzosini chiede:
    Buona sera…. Vorrei capire una cosa…. Il mio bimbo ha 5 mesi e mezzo e lo allatto artificialmente… Dovrei iniziare lo svezzamento ma vorrei auto svezzarlo…. Logicamente non mangierà mega piatti quindi il latte rimane l’alimento principale e a supporto il cibo….. E corretto???? Oppure devo piano piano sostituirlo???? Grazie

  49. vachevale says:

    Margherita ha 5 mesi e abbiamo appena iniziato l’autosvezzamento dandole durante i nostri pasti degli assaggi del nostro cibo “tritato” oppure della frutta a fette e devo dire che a differenza delle pappe classiche si gusta davvero quello che le viene proposto. L’unico dubbio che mi assilla, e di cui la pediatra non mi possa essere d’aiuto in quanto contraria all’autosvezzamento, è quello sulla scelta del latte artificiale dopo i 6 mesi. Continuo con il latte 1 o prendo quello di proseguimento?

    • pulcina75 says:

      ciao, quanto pesa Margherita? la mia ped mi ha fatto passare al latte2 dopo che Elena ha raggiunto i 6,5 kg (a circa 5 mesi e mezzo) e ora che ha quasi 9 mesi mi ha detto di usare quello crescita fino all’anno e poi passare al vaccino :)

      • vachevale says:

        @pulcina75  Margherita pesa già 7,9 kg a 5 mesi e una settimana, però durante l’ultima visita dove pesava 7,2 kg la pediatra non mi ha detto di passare ad altro latte.

  50. Cristina Capitani says:

    Presente, felicemente mamma con LA a orari, con bimba felice di averli…ho seguito i suoi bisogni, e ho capito che lei ci metteva anche 3 ore a digerire il bibe e che i pianti eventuali non erano di fame ma di altro…quindi LA a orari e ACR in perfetta sintonia, a tavola con noi e dopo il “dessert” (che ancora fa sia a pranzo che a cena e va bene così :) )

  51. Sarah Faltoni Thaler says:

    Cmq ho sempre dovuto allattare a orario visto che la piccola ha da sempre avuto una cattiva digestione e se non aspettavo almeno 3 ore stava male di stomaco sempre di più. Anche con il LM ha sempre avuto tantissima aria e anche lì piangeva spesso e io non potevo soddisfarla perchè era sempre peggio :( ora che è cresciuta va molto meglio, ha trovato i suoi ritmi che alla fine sono anche i nostri e stare a tavola all’inizio è stato veramente facile!! Cmq concordo, è più semplice per chi puó tirare fuori la tetta XD

  52. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Linda Eva non sono certa di capire cosa intendi… Io credo che l’AS sia per tutti, anche per chi allatta al seno o al biberon a orario (perche’ c’e’ chi lo fa felice di farlo e con successo :-) perche’ evidentemente anche al bambino sta bene quindi… tutti felici :))) /Gloria

  53. Linda Eva says:

    e il ‘privilegiato’ è riferito solo sul dare il latte, ANCHE ARTIFICIALE a RICHIESTA. E nell’articolo si dice che SI PUÒ.
    Forse era qui il misanderstunding?

  54. Linda Eva says:

    vero. Ma si usa dirlo! Ahahah….
    Comunque mi riferivo a chi allatta con LA, non parlavo di LM.
    Ps.si somministrano persino i test agli esami! Pignolo! :D

  55. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Linda Eva, sì, sarà pure privilegiato, ma ciò non vuol dire che chi non allatta ne sia escluso a priori.
    Ah… ricordiamo che il latte non si “somministra” come se fosse uno sciroppo per la tosse :D:D /Andrea

  56. Linda Eva says:

    Aspetta, non dominio esclusivo, ma privilegiato….e non poco.
    Vi ricordo, però, che nell’articolo non viene messo in discussione l’allattare a richiesta.
    Ma si sottolinea che anche il Latte Artificiale può, anzi dovrebbe, essere somministrato preferibilmente A RICHIESTA.
    Se non è statio fatto prima, si può iniziare anche in concomitanza con l’AS.
    Però, siamo sempre lì: il punto è la Richiesta assecondata=AS.

  57. Veronica Vanini says:

    noi bibe a richiesta (cioè con i suoi orari) e a tavola con noi durante i pasti. Dopo credo almeno un mesetto di esplorazioni ha iniziato ad avanzare il latte e poi ha iniziato a ‘saltare’ i bibe

  58. La Aly says:

    io la mettevo a tavola prima e biberon dopo pranzo.. poi piano piano ho eliminato il biberon.. le primissime volte prima le davo il latte poi la mettevo cn noi a tavola che esplorava solo il cibo..

  59. Sarah Faltoni Thaler says:

    Grazie! Posso sapere dalle mamme che danno LA come muoversi all’inizio? La mia bimba si spazientisce se non le dó l’intero bibe e dopo al tavolo non è più tanto interessata, ma mangerebbe volentieri

  60. pulcina75 says:

    mi aggiungo anche io alla lista :) Elena prende LA praticamente dalla nascita (come la sorella maggiore non si attaccava ma, mentre per la prima ho fatto 6 mesi di tiraggio, con lei, visto che la sorella maggiore non ha neanche 3 anni, non mi son sentita di togliere tempo a entrambe tirando latte e così…) cmq ora ha 6 mesi, abbiamo iniziato da un mesetto abbondante a tenerla a tavola con noi, a proporle della frutta ecc…il fatto della sorella maggiore la stimola tantissimo, c’è già il tentativo di emulazione, tiene già in mano il cucchiaino e cerca di portarlo alla bocca. Tornando al tema in questione noi procediamo così: a tavola con noi, se non ha ancora tanta fame la facciamo partecipare (e quando mangiamo zuppe o riso partecipa di gran gusto spalancando la bocca e aspettando il cucchiaino!) e poi lattone…sulle quantità facile regolarsi, a seconda di quanto ha spiluccato o mangiato prima. Se invece è stanca o molto affamata (spesso succede a pranzo) allora subito lattone, sempre a tavola con noi, poi magari nel mezzo qualche assaggio, o anche no, a seconda di cosa decide lei :) insomma noi ci troviamo un gran bene e io sono decisamente meno stressata che con la prima, perchè non devo cucinare mille cose differenti :)))) 

  61. marta says:

    Che bello leggere tutti questi commenti!! il mio bambino ha 5 mesi e io ho letto tutto il leggibile sull’ AS e non vedo l’ora di metterlo in atto, anche se é difficile perche tutti quelli a cui lo dico mi dicono che é sbagliato e bisogna seguire il pediatra… uff, sto pediatra!!!!!! Sono cosi lanciata soprattutto perche io avrei tanto voluto allattare ma purtroppo non ci sono riuscita e non sono riuscita nemmeno a liberarmi dal senso di colpa che accompagna le mamme che danno il LA ai loro bimbi, e quindi, a modo mio, vorrei lanciarmi in questa avventura per poter ricreare un momento tutto nostro, a tavola, un’avventura!! poi anche io amo mangiar con le mani e sono decisa a migliorare la mia alimentazione!!! Mettendomi ad osservarlo ho seguito il passaggio dall’indifferenza a un vero e proprio interesse per il cibo e per il nostro comportamento a tavola… l’altra sera senza accorgermene ha afferrato una zucchina lessa!!! hahahahahah!!! L’odiosa pediatra della asl mi diede due mesi fa uno schemino che parlava di frutta tra i tre e quattro mesi, poi pappe con carne liofilizzata e io… brrrr… inorridivo!!! ma poi piermarini mi ha aperto un mondo!!!

    • Gloria says:

      Ciao Marta! Bè, hai tutte “le carte in regola” per un autosvezzamento da urlo, allora :-))
      E poi hei… chi ha detto che non segui il pediatra? Non segui le indicazioni della dottoressa della asl, ma quelle di un altro medico! ;-)

  62. Cris says:

    Ciao a tutti!! Passo di qui per un aggiornamento, ora ch eChicco ha compito i 6 mesi. Il nostro AS prosegue… [Piccola parentesi: ho scritto NOSTRO non a caso, perchè da quando il piccolo mangia con noi, l’AS riguarda tutti e tre! Via i fritti, i grassi, attenzione ai condimenti, a salsine e intingoli, ai dolci… Noi stiamo bene, io ritrovo pian piano la mia linea pre-gravidanza ;) mio marito è guarito dalla gastrite, e Chicco è stra felice ogni volta che apparecchiamo la tavola!!]. Ormai l’elenco dei cibi assaggiati è lunghissimo, come sono infiniti i commenti di chi ci guarda, a metà tra l’entusiasmo per questa “pratica moderna” (???) e lo sconcerto per la nostra incompetenza genitoriale (sic). Il terrorismo relativo alle allergie, sostenuto da questa maledetta dermatite che va e viene senza prevedibilità, ci perseguita: non dategli il pomodoro! per carità, niente uovo! i piseeelliii??? ma anche il kiwi?? uff… noi le prime volte ci lanciamo in chiarimenti teorici, ma poi ci limitiamo a sorridere: alla fine, se non vuoi capire, non capirai mai. L’unica cosa che ci affligge è l’ipotesi ventilata dal pediatra di allergia alle proteine del latte vaccino. Non ci ha spiegato perchè sia giunto a questa conclusione, ma ha pensato bene di prescriverci latte ipoallergenico (non c’è bisogno che vi scriva di quale multinazionale :( ) . A questo punto ci siamo ribellati: il latte, per quanto ipoallergenico, era comunque latte vaccino. ma alloraaa???!? Così ora andiamo avanti a latte di capra, di asina e di avena, a rotazione, dati a Chicco ogni volta che cerca il biberon e non la tavola…

    • Andrea says:

      Ciao Cris e piacere di risentirti.

      Bello sentire così tante buone notizie.

      Ti volevo chiedere, se il tuo pediatra dice che tuo figlio è intollerante al latte vaccino (forse pensa che sia quella la causa della dermatite?), ti ha consigliato lui di dare il latte di cara, asina e avena?
      Ti chiedo perché leggevo (non ricordo dove) che i latti animali comunque non sono adatti e quelli vegetali men che meno, a meno che non siano modificati con questo e quello.

      Mi piacerebbe saperne di più sull’argomento:)

    • pulcina75 says:

      ciao! A me la pediatra ha detto che se cresce bene non c’è allergia a latte vaccino e di continuare nonostante la DA. Devo anche dire che da quando ha rinfrescato anche la dermatite è migliorata, non so se ci fosse una combinazione di DA e sudamina. Noi ora proponiamo tutto alla piccola di 6 mesi, la ped mi ha detto di aspettare solo con l’uovo come pietanza principale (tipo uovo strapazzato, mentre ok per la pastina all’uovo che ne contiene tracce), ovviamente la mia ped è pro AS :)

  63. Francesca says:

    Hai ragione! Probabilmente avrebbe mangiato tranquillamente pure le pappette!!
    Si la pediatra mi ha detto le stesse cose riguardo al latte.

  64. Francesca says:

    Devo dire che noi siamo molto fortunati. Il nostro cucciolo ha sempre mangiato taaanto tanto, prima allattamento misto e poi dai 5 mesi circa solo LA. Non è mai stato tanto regolare e anche adesso a 6 mesi e mezzo non rispetta orari rigidi. Abbiamo inziato anche noi a fargli assaggiare le nostre cose e lui mangia e gradisce. La nostra pediatra sostiene l’autosvezzamento (una delle poche mi pare) e ci ha addirittura consigliato un libro di ricette che noi abbiam preso da esempio, così il nostro bimbo si è già mangiato poche cucchiaiate delle pietanze più diverse, dal risotto al radicchio di treviso e salsiccia, alla stracciatella in brodo, frittata con spinaci e stracchino, pasta col sugo di pesce ecc. Però è vero quello che scrivete: è meglio metterlo a tavola quando non è molto affamato perchè altrimenti per lui è una sofferenza, credo che davvero non asoci l’idea della pancia piena al cibo, ma solo al suo amato latte! Devo dire che l’autosvezzamento è una passeggiata se hai un bimbo mangione e che, grazie al cielo, non ha avuto nessun problema nonostante queste scorpacciate.Comunque, ancora latte, tanto, tanto latte! A proposito, cosa ne pensate del fatto di proseguire con il latte 0/6 mesi anche dopo questa età?

    • Andrea says:

      Ciao Francesca e benvenuta.

      un’osservazione rapidissima… dici:

      Devo dire che l’autosvezzamento è una passeggiata se hai un bimbo mangione

      ma è vero esattamente il contrario.
      Se hai un bambino “mangione” che mangia tutto quello che gli metti davanti, probabilmente avrebbe mangiato anche le pappe (chiaramente non è un motivo per dargliele) e forse sarebbe passato dalle pappe al cibo vero senza problemi. Invece è proprio con il bambino “non mangione” che la potenza dell’autosvezzamento viene fuori perché mettendo il bambino al centro, e non le tabelle o le aspettative dei genitori, gli si consente di sviluppare l’interesse verso il cibo in modo autonomo e sicuramente più salutare, si risparmiano le ansie ai genitori e alla fine tutti viranno felici e contenti.
      Se invece si prova a fare come dicono i genitori senza ascoltare il figlio… allora potrebbero essere guai.

      Per quanto riguarda la scelta del latte… il latte 1 è più simile al materno, mentre quello di proseguimento, più simile al vaccino, credo abbia cose in più tipo il fantomatico ferro. Dato che nel tuo caso non avrai problemi di carenze di questo o di quello, puoi senz’altro continuare a dargli quello che preferisce e, soprattutto, quello che costa meno. Mi aspetterei che anche il pediatra ti abbia dato gli stessi consigli.

  65. Anna says:

    Ciao a tutt*!
    Grazie per questo articolo e per la possibilità di confronto che viene offerto!!!
    Anche noi (purtroppo) abbiamo a che fare con il latte artifciale. La bimba, nonostante le migliaia di tentativi, non si mai voluta attaccare al seno ma ha comunque preso per tre mesi e mezzo il mio latte (che mi sono tirata). Anzi, a dir la verità all’età di due mesi, di punto in bianco, ha deciso che il mio seno poteva essere interessante e per due settimane ha mangiato così. poi di punto in bianco mi ha rifiutata. Sentirsi rifiutata dalla propria figlia non è stata una bella esperienza. Non vi dico i sentimenti di rabbia, dispiacere e dolore. Ad un certo punto la mia “produzione” è finita e così abbiamo cominciato con il LA. La bimba non è mai stata un orologio svizzero ne’ per orario, ne’ per quantità. Ad oggi, 6 mesi tondi, abbiamo già cominciato con un po’ di autosvezzamento nonostante la pediatra avesse consigliato di cominciare con lo schemino classico a 4 mesi e mezzo. La bimba ha già sperimentato finocchio bollito, pasta, carote, zucchine, mela, banana, pera, riso, orzo,… Come diceva Cris nel post sopra, le quantità ingerite saranno piccolissime, ma è bello vedere che mangia solo quello che realmente le interessa. con il latte continuiamo con la spessa prassi. quando ha fame lo chiede (il tempo può variare dalle 3 ore e mezza alle 5 o oltre, di notte). anche io preparo la quantità a seconda della contingenza, ma se capita che ne avanzi, lo conservo per un massimo di due ore cercando di buttarne via così il meno possibile. Sappiamo che l’autosvezzamento sarà un percorso lungo, ma siamo sicuri che è la scelta giusta per la bimba: una bella avventura da vivere tutti tre insieme!!

    • Gloria says:

      E’ una bella avventura, sì :) Bellissima! Io dico sempre che l’autosvezzamento è divertente da matti! Ricordo le email che in famiglia ci mandavamo durante il giorno quando ad autosvezzaesi era la nostra prima bambina: “oggi BEN 3 fusilli!” oppure “oggi ha mangiato mezzo bananito!!” che a pensarci adesso ci fa morire dal ridere!

      E grazie a te per aver lasciato qui il tuo racconto, questo blog e l’annesso forum esistono proprio per questo… perché i genitori si confrontino (e confortino) tra loro.

  66. cris says:

    Eccoci! Il nostro bimbo ha 4 mesi e mezzo. già in ospedale ha iniziato a prendere l'”aggiunta” di latte artificiale per una serie di motivi: la montata a me è arrivata dopo 10 giorni dal parto, io ho entrambi i capezzoli ombelicati e il piccoletto si affatticava così tatnto a ciucciare che appena lo attaccavo, dopo due tirate, crollava addormentato. fino al terzo mese mi sono intestardita sul dargli il seno, ma il latte era così poco e lui piangeva così tanto che ora prende solo LA. :( inutile raccontare i miei sensi di colpa nonostante si sia provato di tutto: paracapezzoli, modellatori, tiralatte, massaggi, impacchi…. così è. tutta questa premessa per dire che noi abbiamo scelto l’alimentazione complementare a richiesta, nonostante (o proprio per??) il LA. Il ns bimbo è sempre stato regolare, quindi, per quanto possibile, anche il suo allattamento è stato a richiesta, imponendoci di osservarlo ed ascoltarlo, per capire i segnali di fame e farci trovare propnti col biberon alla giusta temperatura quando lui desidera, senza imporre orari o routine non sue. da un paio di settimane sta a tavola con noi al momento dei pasti (così come sta alla mia scrivania quando studio o leggo) e una settimana fa, mentre c’erano con noi degli amici a cena, si è letteralmente fiondato sul cucchiaino col gelato di uno di loro. :) così piano piano, un giorno sì e 4 no, si “lancia” sui nostri piatti e ha ciucciato del gelato, una mela, una pera, del formaggio di capra, del pollo ai ferri… direi che avrà ingurgitato in tutto qualche molecola, ma crediamo sia la strada migliore per educarlo con autenticità…per trasmettere il rispetto, l’ascolto, per insegnare l’amore per il cibo buono. ora dovremo fare i conti con la dermatite che lo perseguita dalla nascita, quindi, se avevte indicazioni…noi siamo qui. intanto grazie per il post: lo sogno da quando ho letto piermarini la prima volta!!

    • Gloria says:

      Ciao Cris, grazie per le tue parole! Sai che trovo un sacco di simiglianze con la nostra situazione? Concordo al 100% con la tua visione dell’autosvezzamento, e da un paio di settimane anche qui c’è un esserino di 5 mesi e mezzo che letteralmente si lancia su ciò che vede quando si siede a tavola con (o su di!) noi: è una cosa così naturale, così spontanea, così autentica – per prendere in prestito il termine che usi tu – che sembra davvero impossibile che ci sia così tanta sovrastruttura in giro per qual che riguarda l’alimentazione dei piccoli.
      Per la dermatite… ahimè simpatizzo… ma risposte non ne ho. Il legame tra cibo e dermatite pare non sia chiaro, ad ogni modo mi preparo ad osservare bene la piccola Miss, oltre a questo… ho ben poco da fare. Speriamo che questo strazio che prude non duri troppo a lungo.

  67. Corinna says:

    Grazie per avere scritto un articolo su questo argomento.
    Anche i miei figli sono cresciuti con LA a richiesta, e, quando è stata ora, con l’alimentazione complementare a richiesta. Devo dire che quando è stata ora di assaggiare cibi solidi i bambini non erano più piccolissimi, e di conseguenza potevo permettermi di conservare per un po’ il latte in frigorifero. Per esempio se preparavo un biberon da 100ml e ne venuvano bevuti solo 30ml, gli altri 70ml li riponevo in frigo. Alla successiva richiesta, magari due ore dopo, proponevo quelli (e buttavo l’eventuale ulteriore avanzo). Il passaggio dall’alimentazione esclusivamente lattea a quella prevalentemente solida che hanno ora è stato lungo e graduale, ma lo hanno guidato loro facendosi capire benissimo. I tempi in cui io non riuscivo affatto a “prevedere” le loro richieste ci sono stati, ma sono stati ben poca cosa rispetto all’esperienza nel suo insieme. Alla fine devo dire che di latte ne ho buttato via proprio poco (e di cibo niente!).

    • Gloria says:

      Grazie a te Corinna :)
      Noi abbiamo due bambine, entrambe sono state (una lo è ancora) nutrite con latte artificiale: per me la cosa è talmente “normale” che quasi mi sarei posta piuttosto il problema alla rovescia, ossia “ma come fanno le mamme che allattano a gestire l’autosvezzamento?”. Eppure è semplice in entrambi i casi, ognuno conosce il suo pollo, basta tendere bene l’orecchio all’inizio, poi la voce diventa forte e chiara! :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *