Cibi proibiti durante lo svezzamento



Fragola autosvezzamento

  • Ci sono cibi sconsigliati durante lo svezzamento?
  • Quali sono i cibi proibiti quando si svezza?
  • Cosa introdurre prima e cosa dopo?

Queste sono solo alcune delle domande su questo tema che riceviamo con regolarità. Peccato che trovare risposte tali da soddisfare chi le pone non è semplice come sembra. Le raccomandazioni che vengono emesse da organi internazionali che si occupano di nutrizione sono di solito molto, ma molto vaghe. Molte, ad esempio l’OMS, non dicono nulla; altre rimangono solo su criteri molto generali.

Questo è quello che ha detto l’EFSA (European Food Standard Agency) nel 2009:

Se l’alimentazione complementare viene introdotta dopo il completamento del 4° mese, il sistema digestivo sarà sufficientemente maturo da digerire e assorbire amidi, proteine e grassi provenienti da una dieta non lattea. Tuttavia la volume gastrico dei lattanti è estremamente ridotta … essendo limitato a circa 160g – 200g/pasto per bambini di 6-8 mesi.

Basandoci sui dati disponibili, non si ravvisa il bisogno di indicare l’introduzione dell’alimentazione complementare a una determinata età, tuttavia se il cibo viene introdotto dopo il completamento del 4° mese, questo non costituisce un problema per l’apparato digerente e le funzioni renali del bambino.

In parole povere, l’EFSA sostiene che dai 4 mesi finiti il bambino sarebbe in teoria pronto a mangiare di tutto. Chiaramente ci sono altri fattori da prendere in considerazione, quali la presenza o meno del riflesso di estrusione e l’interesse del bambino a mangiare, ecc., ma al momento quello che interessa sottolineare è l’assenza di divieti di alcun genere, lasciando quindi al genitore libertà di azione.*

Per chi vuole qualche informazione (solo apparentemente) un po’ più dettagliata abbiamo le Linee Guida Europee sull’alimentazione da 0 a 3 anni dove vengono esplicitamente menzionati i seguenti alimenti come inadatti per un bambino piccolo:

Le uova crude o non completamente cotte possono veicolare salmonelle; si raccomanda quindi una cottura completa. Nei bambini con storia familiare di allergia alle uova, se ne deve evitare l’uso nei primi 12 mesi; dopo quest’età si può introdurre il tuorlo, seguito dall’albume.

Il latte vaccino scremato (di solito con meno dello 0.5% di grassi) o parzialmente scremato (1.5- 2% di grassi) ha un contenuto di energia e vitamine liposolubili significativamente minore rispetto al latte intero e non è pertanto raccomandato per bambini sotto i due anni. (Nel documento si dà per scontato che il latte vaccino sia stato introdotto dopo i 12 mesi)

Il non è raccomandato per i bambini. Contiene tannino ed altre sostanze che legano il ferro ed altri minerali riducendone la biodisponibilità. Inoltre, spesso vi si aggiunge zucchero, aumentando il rischio di carie. Lo zucchero aggiunto può anche ridurre l’appetito e limitare il consumo di cibi più nutrienti. Le bevande gassate zuccherate devono essere evitate per gli stessi motivi.
Prodotti come la camomilla ed il tè verde hanno gli stessi effetti avversi del tè sull’assorbimento del ferro. Infine, è bene ribadire che mancano dati scientifici sulla sicurezza di questi prodotti.

Il miele può contenere spore di Clostridium botulinum, l’agente causale del botulismo. Dato che lo stomaco e l’intestino dei bambini non contiene acidi in misura sufficiente a distruggere queste spore, si deve evitare di dare miele ai bambini minori di un anno.

I cibi che possono provocare un soffocamento, come le noci, l’uva e pezzi di carota cruda, devono essere evitati.

Insomma i “divieti” sono pochissimi, per cui questo documento, invece di essere prescrittivo con una lunga lista di alimenti sconsigliati durante lo svezzamento, lascia la responsabilità al buon senso dei genitori e si affida alle tradizioni culinarie locali.

Come ulteriore esempio, il Ministero della Salute scozzese (linee guida pubblicate nel 2013) sconsiglia fino a 16 anni lo squalo, il pesce spada e il marlino (un tipo di squalo) a causa degli alti livelli di mercurio presenti. L’unica altra cosa che dicono esplicitamente è, in caso di allergie in famiglia, di introdurre dopo i 6 mesi uno alla volta frutta a guscio, uova, soia, pesce e frutti di mare, grano e latte non materno. Per il resto non si discostano da quanto detto nall’UE.

Di conseguenza è chiaro come i vari calendari di introduzione degli alimenti lascino il tempo che trovano e forse se gli operatori sanitari spiegassero un po’ meglio questo fatto, invece di decidere arbitrariamente che questo alimento è pericoloso e quell’alimento non va introdotto prima di una certa età, i genitori si sentirebbero più sicuri di loro stessi quando arriva il momento che i loro figli decidono svezzarsi.

Se siete a conoscenza di qualche documento autorevole dove si parla esplicitamente di altri alimenti proibiti durante lo svezzamento,  fatecelo sapere che provvederemo a includerlo nella lista.

[hr]

*Un altro dato interessante che emerge leggendo il documento dell’EFSA è la confusione che regna all’interno dei vari paesi europei, in quanto l’inizio dello svezzamento viene consigliato, a seconda del Paese, dai 4 mesi a dopo i 6 (informazioni datate 2009). Solo la Repubblica Ceca, la Finlandia e l’Italia, su 23 nazioni elencate, sono aperte alla possibilità di iniziare prima dei 4 mesi.

Scopri l’autosvezzamento!

Iscrivendoti alla newsletter riceverai immediatamente l'ebook

Alimentazione complementare e paura del soffocamento
E se si strozza?

In più potrai scegliere tra:

  • Il minicorso sull'autosvezzamento
  • Le ricette della community
  • L'attività settimanale del blog
  • L'attività settimanale del forum

La tua privacy è importante.
Con noi la tua email è al sicuro!

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


81 comments

  1. Perla says:

    I funghi? Perché difficilmente gestibili dal fegato dei piccoli. Comunque credo che si debba sottolineare che i neonati non dovrebbero assumere niente che non sia latte materno (o artificiale) prima dei 6 mesi, settimana più settimana meno, ma non certo fino a 4 mesi.

  2. elena serra says:

    Ciao, sono agli inizi, le mie gemelle fanno ancora pasti a latte (mezzo mio mezzo artificiale) e hannor mesi.Da buona genovese mi chiedo, se dessi pasta al pesto, come riconosco eventualmente se abbia disturbato il basilico o l’aglio o i pinoli o il pecorino etc etc?….

  3. RaffaellaMerletti says:

    io l’uva la do a mio figlio: divido gli acini in 4.
    le fragole? tutti mi dicono di non darle… per ora magia lo yogurt con fragole, pesche…

  4. Claudia Caruso says:

    Io nulla ovvero Diego (19 mesi) mangia pollo in tt i.modoi,spafhetti cn vongole nero d seppia e seppie calamari gamberetti tutto va…mai avuto ness probl certo a parte la sua faccia tipo quadro pasticciato:-)

  5. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Hhmmm…., Anna Atzeni Andrea Cirronis, ho provato a fare una ricerca veloce in rete ma non ho trovato niente di sostanziale che avvalori questa tesi della selvaggina (che personalmente, e per quello che conta, non avevo mai sentito). Anche il sito che riporti non cita alcuna fonte e comunque quello che dicono sull’allattamento lascia un po’ perplessi. /Andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *