Cannelloni vegetariani con lenticchie

Da un po’ di tempo a questa parte ho deciso di provare a modificare un po’ la nostra dieta diminuendo la quantità di carne che mangiamo (anche perché è quasi sempre presente a scuola). Non mi risulta proprio facile, visto che continua a piacermi molto, moltissimo… però, aguzzando la fantasia, qualcosina di succulento e soddisfacente sono riuscita a tirarlo fuori, come un paio di settimane fa quando – colta da un’improvvisa e irresistibile ispirazione! – mi sono lanciata nella preparazione di questi cannelloni con lenticchie e siccome sono stata esageratamente contenta del risultato, ve li propino subito! :-D

Ingredienti per 4-5 persone:

250 g di cannelloni pronti (io ho comprato i rotoli di pasta secca già pronti)
200 g di lenticchie
1 cipolla grande
2 carote
Passata di pomodoro
Besciamella (50g di burro, 50g di farina e 500ml di latte + pizzico di sale e spolverata di noce moscata), che chi volesse o dovesse evitare i latticini potrebbe sostituire con questa ricetta, che però non ho provato.
Parmigiano

Mettete a cuocere le lenticchie in acqua salata insieme alla cipolla e alle carote precedentemente tritate molto finemente (io le ho frullate). Questo è il ripieno dei cannelloni, e in quanto tale è bene che i risultato finale sia abbastanza asciutto.

Preparate un sugo di pomodoro semplice: io ho messo a cuocere una bottiglia di passata rustica con un filo d’olio e ho aggiunto un po’ di sale. L’ho voluto fare piuttosto acquoso per fornire liquidi sufficienti alla cottura della pasta dei cannelloni.

Preparate la besciamella.
Io la faccio così: scaldo il burro in pentola e, dopo averla tolta dal fuoco, aggiungo la farina; mescolandolo ottengo una crema a cui aggiungo lentamente il latte (ora la pentola è tornata sul fuoco). Continuo a mescolare con una frusta, aggiungo un pizzico di sale e una spolverata di noce moscata. Una volta portata a ebollizione, lascio cuocere per alcuni minuti.

 

Una volta che avete tutto pronto, bagnate il fondo di una teglia bassa con abbondante sugo, e iniziate riempire i cannelloni utilizzando un cucchiaino da caffè per infilare il ripieno dei tubi di pasta, poi adagiateli uno accanto all’altro su letto di sugo.

Infine ricoprite i cannelloni con altro sugo al pomodoro e condite con abbondanti cucchiaiate di besciamella; una spolverata di parmigiano e sono pronti da infornare!

Per temperatura e tempi di cottura ho seguito le indicazioni della scatola dei cannelloni :-D che nel mio caso erano 180 gradi per mezzora.

E pronto in tavola!

Qui è piaciuta a tutti, e quando dico tutti… intendo proprio tutti tutti!

Inoltre lo stesso condimento di lenticchie si presta benissimo anche per le lasagne, testato proprio ieri!

Fatemi sapere se la provate, eh :-)

Iscriviti alla newsletter e ricevi SUBITO l’ebook sul soffocamento, “E SE SI STROZZA?”

Con noi i tuoi dati sono SEMPRE al sicuro e non verranno condivisi con NESSUNO.

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


10 comments

  1. ChiaraC says:

    Questa la devo provare.. dico sempre che ho poca fantasia coi legumi.. quindi mi confermi anche tu che non cuoci la pasta prima di riempirla? L´ho letto tante volte, ma non ho mai provato..

    • Gloria says:

      Sì sì, confermo! Io, molto semplicemente, ho seguito le istruzioni della pasta pronta (immagino che gli esperti di cucina si staranno strappando i capelli leggendo :-D) così come faccio con le lasagne. L’unico accorgimento è creare un ambiente sufficientemente umido perché ci sia acqua a sufficienza per cuocerla, quindi fondamentalmente usare un sugo liquido. Inoltre io inforno a teglia coperta da un foglio di alluminio e dopo 10-15 minuti lo tolgo, così l’interno ha il tempo di cuocersi bene e la superficie non si brucia ma si comincia a rosolare nella seconda parte della cottura.

Rispondi a Gloria_ Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *