Gemelli e autosvezzamento: a tavola con 3 bambini!

tre gemelli autosvezzamento

Parliamo di gemelli.
Autosvezzamento e gemelli, per essere più precisi :-)
Cercheremo di sviluppare alcuni punti interessanti e toccarne altri, che magari faranno da spunto per continuare la discussione più avanti.

Agli occhi di noi genitori di figli singoli, i genitori di gemelli appaiono quasi come degli eroi, oggi sentiamo da Erika com’è prendersi cura di 3 (avete capito bene, TRE!) gemelli, chiaramente autosvezzanti!

1. Ciao Erika, ci vuoi presentare i tuoi 3 bambini? Parlaci di loro, così li conosciamo un po’.

Ciao Gloria, Filippo, Ilaria e Tommaso son nati a Padova da una gravidanza spontanea bicoriale triamniotica conclusa il 01/06/2011 con taglio cesareo a 31+5 settimane. Dopo lo shock iniziale e dopo mesi passati a riposo e comunque affidandomi al Signore e alla preghiera, i miei tre miracolini son nati alle 13.29, 13.31 e 13.32 e pesavano rispettivamente 1490, 1450 e 1600. Bei pesi considerando l’epoca gestazionale e il tipo di gravidanza. Sono stati ricoverati a Padova nella semintensiva per una decina di giorni, poi per la prima volta vicini vicini nella stessa incubatrice son stati trasferiti a Udine per avvicinarci a casa. Durante la prima settimana di luglio dopo le prove generali in Neonatologia, dove non mandano a casa se non vedono i genitori abbastanza autonomi, ci siamo finalmente riuniti a casa nostra a Fontanafredda (PN).

2. Credo che la domanda che tutti si staranno facendo adesso sia: “Ma come hai fatto???”

Come ho fatto? I primi tempi con 21/22 biberon al giorno e rispettivi cambi pannolini è stata dura, assieme al caldo infernale di luglio-agosto, ma l’adrenalina e la gioia che tutto fosse andato per il meglio senza problemi ci faceva andare avanti. Essenziale è stato (e lo è tuttora) l’aiuto di tutta la nostra rete familiare, in particolare al momento del mio rientro al lavoro.

3. Andiamo al sodo: come è avvenuta la scelta di fare autosvezzamento?

Eh eh! Premetto che molti mi hanno guardato storto o mi hanno dato della pazza, anche se penso che comunque lo avrebbero fatto anche con solo uno! Internet è, fin dalla gravidanza, fonte d’informazione e di confronto e, facendo parte di forum o gruppi Facebook inerenti al “pianeta mamma”, ho avuto modo di conoscere persone che ne parlavano. In particolare due, Stefania e Corinna, mi son state molto d’aiuto e fonte d’ispirazione. Le ho riempite di domande e nel frattempo ho letto “Io mi svezzo da solo” di Piermarini. Mi sono convinta che l’autosvezzamento fosse la scelta migliore per i miei paperotti!

Verso i 6-7 mesi di età corretta, quando il mio pediatra mi ha chiamato in studio per parlarmi dello svezzamento, mi ha dato un foglio scritto a macchina fotocopiato mille volte e ha cominciato a leggere: “a 6 mesi questo”…” poi aggiungi questo”… “poi…”. Mi è venuto male! Invece poi ha cominciato a mettere punti di domanda qua e là, spiegandomi di metterli a tavola con noi e di seguire l’istinto e i gusti del bambino, dicendomi di prestare attenzione all’apporto di proteine e di zucchero. Son uscita felicissima! Mi vedevo già pronta a preparare manicaretti con le verdure fresche dell’orto e a boicottare le aziende multinazionali di prodotti per l’infanzia!

tre gemelli autosvezzamento merenda

4. Raccontaci com’è stato avere 3 bambini autosvezzanti per casa! Come avete gestito i pasti? Come vi siete organizzati?

Devo necessariamente dire che senza l’aiuto e il supporto di mia mamma penso avrei rinunciato, anche perché lei era con me h24! Inizialmente abbiamo iniziato a proporre frutta e verdura fresca e dare minestroni che preparavamo per noi per poi passare a legumi, pasta e riso con le verdure e poi al pesce e alla carne a pezzettini. Non so se son stata fortunata, oppure la scelta dell’autosvezzamento è stata fondamentale, ma Filippo, Ilaria e Tommaso non mi han mai dato problemi nel mangiare, han gusti ben definiti ma mangiano di tutto: cose che neanche io mangio!!!

Da subito han imparato a gestire bene i pezzi: figurati che a Ilaria il primo dentino è uscito a 14 mesi e lei era quella più brava. Per mangiare sono sempre stati a tavola con noi con i mitici seggioloni che si trasformano in sedie e il set pappa di plastica, cucchiaino e forchettina in mano anche se poi in genere, dalla troppa fame, si passava alle mani! Vabbè… poi per terra c’era il disastro e bisognava fare il trattamento total hair body!!!! Ma fa parte del “pacchetto mamma”! Andavamo in bagno a fare il “lava lava struscia struscia” e così hanno pure imparato a lavarsi mani e faccia giocando. Una volta lavati li mettevo nel divano e nella zona gioco e pulivo per terra così poi potevano girare tranquillamente per casa.

5. Che consigli ti senti di dare ad altri genitori di gemelli a proposito di svezzamento?

Di provare! Fondamentale è non avere paura che soffochino e dare fiducia ai vostri bimbi che comunque hanno i loro tempi, e quindi diversi. Il momento del pasto è quello in cui si riunisce la famiglia ed è così bello essere tutti vicini a condividere il piacere della tavola.

Non scoraggiatevi e istruite chi vi sta vicino e vi aiuta! Ed è pure un modo per far mangiare meglio tutta la famiglia!

Filippo, Ilaria e Tommaso dai 15 mesi mangiano da soli quasi tutto con le posatine, imparando a bere da soli con il bicchiere e le rare volte in cui uscivamo da parenti e amici….. ERAN, anzi SONO SODDISFAZIONI!!!

 

Grazie di averci raccontato di voi, Erika, in bocca al lupo a te e tutta la tua bellissima famiglia!

Autosvezzamento e gemelli vanno d’accordo? E’ fattibile? Rende le cose più facili o complica la vita?
Raccontateci le vostre storie e diteci le vostra opinione!

 

Iscriviti alla newsletter e ricevi SUBITO

la NUOVA EDIZIONE dell’ebook sul soffocamento, “E SE SI STROZZA?”

Con noi i tuoi dati sono SEMPRE al sicuro e non verranno condivisi con NESSUNO.

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


SE LO MORDI, LO SCRIVI
Il diario dove registrare
giorno per giorno il VOSTRO autosvezzamento.
se lo mordi lo scrivi


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


13 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.