Lavare il pollo favorisce la diffusione delle infezioni



petto pollo campylobacter
Spesso e volentieri anche io lavo la carne prima di cuocerla. Tuttavia nel Regno Unito stanno facendo una campagna per sensibilizzare la popolazione contro questa abitudine in quanto non porta vantaggi e favorisce la contaminazione crociata, ovvero il passaggio diretto o indiretto di microbi patogeni (che causano malattie) da alimenti contaminati (solitamente crudi) ad altri alimenti.

In particolare il pollo è stato messo in evidenza come la carne più a rischio in quanto vi si trova il campylobacter, il batterio responsabile per il maggior numero di casi di intossicazione da cibo.

Avevate mai sentito nominare il campylobacter? Io no, ma non sono il solo: nel Regno Unito hanno fatto un sondaggio e nonostante ogni anno si registrino circa 280.000 casi di intossicazione causata dal campolybacter, solo il 28% degli intervistati lo conosceva e appena 1/3 di questi era al corrente che il pollame ne è il più comune portatore.
Tanto per dare un senso a questi numeri, la salmonella colpisce meno persone su base annuale, ma nel sondaggio di cui parlavo è venuto fuori che è conosciuta dal 90% della popolazione.

Come abbiamo detto questo batterio si trova prevalentemente nel pollo – l’FSA informa che fino al 59% del pollame in commercio contiene il campylobacter – ma anche in animali da cortile quali anatre e oche, o selvatici come i fagiani. Interessa di meno le carni bovine, ma lo si può trovare nel latte crudo.

In caso di intossicazione, dopo un’incubazione di 2-5 giorni, i sintomi includono diarrea, dolori di stomaco e crampi, febbre e malessere generale.

La maggior parte delle persone ne sarà affetta solo per pochi giorni, ma può in alcuni casi può degenerare in problemi di salute cronici, tra cui a sindrome dell’intestino irritabile e la sindrome di Guillain -Barre, una grave condizione del sistema nervoso. Nei casi più gravi si può arrivare alla morte.
Le categorie più a rischio sono i bambini sotto i 5 anni e gli anziani.

La contaminazione crociata la si ottiene utilizzando le stesse superfici e utensili per lavorare la carne e altri cibi da consumare crudi. Tuttavia la causa prima – e devo confessare che non ci avrei mai pensato – è l’atto stesso di lavare la carne, in quanto gli spruzzi d’acqua finiranno un po’ dovunque portando con se i batteri che poi finiranno su altri cibi o utensili.

Per minimizzare i rischi di contaminazione basta seguire le seguenti semplici norme:

[box type=”note”]

Come conservare e utilizzare il pollo

  • Conserva il pollame crudo coperto in frigorifero
  • Tienilo sempre sul ripiano più basso così da evitare che i liquidi che fuoriescono finiscano per cadere su altri cibi
  • Non lavare il pollame
  • Lava bene tutti gli utensili, taglieri e superfici che sono state utilizzati per preparare la carne cruda
  • Cuoci il pollame completamente: non ci devono essere parti rosa e i succhi saranno trasparenti. Solo in questo modo sarai sicuro di aver eliminato tutti i batteri.[/box]

È possibile inoltre che anche l’esterno delle confezioni, anche se sigillate, risultino contaminate, ma il rischio è basso. In ogni caso si consiglia di separare la busta contenente carni da quella con altri tipi di alimenti.
Se poi dovessero fuoriuscire dei liquidi, non riutilizzare la busta, ma gettarla via anche se sembra pulita.

Qui potete scaricare un factsheet pubblicato dall’EFSA.
[box]Concludo con una specie di siparietto: In televisione ho visto l’intervista a un’esperta la quale ha risposto più o meno così:
Presentatore: Ma se qualcuno vuole lavare il pollo, che precauzioni si possono prendere?
Esperta: Non serve lavare il pollo
Presentatore: Ma se qualcuno lo vuole fare?
Esperta: Non va fatto
Presentatore: Ma se qualcuno desidera proprio farlo?
Esperta: È inutile e rischioso. Non va fatto
Dopo di che il presentatore ha rinunciato :D[/box][box type=”download”]E voi lo lavate il pollo? Usate accorgimenti particolari o lo sciacquate e basta?
Raccontateci nei commenti.[/box]

Scopri l’autosvezzamento!

Iscrivendoti alla newsletter riceverai immediatamente l'ebook

Alimentazione complementare e paura del soffocamento
E se si strozza?

In più potrai scegliere tra:

  • Il minicorso sull'autosvezzamento
  • Le ricette della community
  • L'attività settimanale del blog
  • L'attività settimanale del forum

La tua privacy è importante.
Con noi la tua email è al sicuro!

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


35 comments

  1. Federica Fadda says:

    Andrea, già sapevo che il pollo fosse peggio del maiale, ma leggerlo mi fa impressione :D dal canto mio non l’ho mai lavato proprio perché pensavo che poi il viscidume restasse nel lavandino e mi toccasse poi lavarlo per bene per evitare che i batteri vari si spargessero ovunque! C’è solo da fare un po’ d’attenzione ;)

  2. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Lucita del Sol, veramente a quanto ho capito, il freezer non aiuta con questo batterio. Ci vuole la cottura (normale, ma completa) e basta. /Andrea

  3. Lucita del Sol says:

    Leggevo che anche un passaggio in freezer del pollo a temperatura molto bassa uccide i batteri rendendolo sicuro…. Certo, lo si mangia con un pò di apprensione eh….

  4. Elena Cazzaniga says:

    Avevo letto che è meglio non lavare il pollo. Devo ammettere che faccio molta fatica a non farlo…cercherò di evitare. Devo dire però, che da brava schizzinosa, non ho mai utilizzato gli strumenti con cui ho tagliato il pollo per altre cose….piuttosto sporco più taglieri e più coltelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *