L’autosvezzamento non è una cura miracolosa; ovvero, a cosa serve l’autosvezzamento



Bambino mangione, bambino inappetente, chipmunk, autosvezzamento, svezzamento, non mangia

Nell’immaginario collettivo, ammesso che ce ne sia già uno sull’autosvezzamento, AS=bambino di 6 mesi che, tutto contento, si rotola in un piatto di pasta al sugo. Un po’ come nell’immaginario collettivo dello svezzamento “tradizionale” c’è un bambino che apre la bocca come un uccellino per accogliere sgambettando il cucchiaino di pappa buona.

La verità, però, non è sempre questa.

L’autosvezzamento non crea magicamente bambini mangioni. Autosvezzamento non vuol dire necessariamente bambini interessati alla tavola che mangiano con piacere.

La verità è che ci sono bambini che mangerebbero anche il tavolo con tutte le gambe, e bambini che mangiano meno. Poco. A cui della tavola non importa nulla oppure che volentieri giocherellano con il cibo ma di portarlo alla bocca… campa cavallo.

Ci sono bambini pronti al cibo solido a 5 mesi e mezzo, che a 8 ti si mangiano pure a te, e quelli che fino ad un anno non ne vogliono sapere di niente. Tetta o biberon, please. Cibo solido? No grazie.

Tutto ciò è normale?

Sì. (*in fondo alla pagina leggi le esperienze delle altre famiglie)

Illustra bene il concetto Elena B. (che ringrazio) in questo commento che scrive sulla nostra pagina Facebook in risposta al post di una mamma che annuncia di voler abbandonare l’AS (non dice a favore di cos’altro, però) perché suo figlio di 1 anno non prende altro che latte e un po’ di pane:

Forse quello che non si comprende è che se un bimbo NON MANGIA, non mangia. Potrà accettare latte al posto del seno magari (con un po’ di difficoltà). Ma se per mille motivi pur avendo un anno o più non è pronto ai solidi non li mangerà. E non c’è modo di farglielo fare (a meno di buttarglieli in gola o costringerlo tappandogli il naso o tentare di prenderlo per la fame finchè non si “decide”). Quanti bimbi anche allattati a LA prendono le pappe nel biberon? (abitudine fra l’altro scorrettissima meglio continuare con il LA). Quante mamme senti dire anche se non allattano, “mio figlio spilucca ma prende quasi solo latte e biscotti”? La realtà è che anche se ci si aspetta che all’anno tutti i bimbi mangino in modo completo non vale per tutti. Come ci sono bimbi che camminano a 9 mesi e altri a 18 e oltre, ci sono bambini che saranno pronti a mangiare dopo i 18 mesi e anche oltre. E non è qualcosa che si può cambiare. Non si insegna a mangiare più di quanto si insegni a camminare o parlare. Ci sono i bimbi che parlano tardi pur essendo perfettamente nella norma a livello di sviluppo neurologico e ci sono bimbi che mangiano tardi.

Se il bambino che non mangia le pappe non è pronto per il cibo solido, non c’è autosvezzamento che tenga: bisognerà solo aspettare che pronto prima o poi lo diventi.
La famiglia potrà stimolarlo, se lo ritiene opportuno, valutando dov’è il confine tra stimolare e forzare, ma occhio che il confine è poco netto e cascare dall’altra parte dello specchio di Alice non è per niente difficile…

Qualche settimana fa ho scritto un articolo sull’autosvezzamento per il blog MammaImperfetta.it, riporto questo pezzo perché credo faccia al caso nostro:

Infatti credo che sia fondamentale sottolineare che l’autosvezzamento è prima di tutto una forma mentis, una maniera diversa di vivere l’alimentazione dei propri bambini e di vedere i neonati e il cibo in generale: mangiare è un atto spontaneo che la natura prevede secondo meccanismi collaudati da milioni di anni. Lo svezzamento è un processo anch’esso spontaneo, che non equivale a eliminare il latte in fretta e subito. A noi genitori tocca solamente accompagnare il bambino durante la scoperta del cibo assecondando le sue inclinazioni, i suoi desideri e il suo sviluppo individuale, per favorire un approccio sereno e positivo. In questo senso il bambino non deve essere guidato, ma guidare. Solo il bambino “sa” quando il suo corpo è pronto per affrontare il passo successivo in campo di alimentazione, così come è il solo a sapere se è sazio o se ha fame, se ha sonno o se è riposato, se è il momento di alzarsi in piedi sulle gambine o se è ora di fare i primi passi.
Il bambino è competente sui suoi bisogni primari e sulle tappe del suo sviluppo.

Quindi non parliamo più dei bambini come di mangioni o inappetenti: ognuno di loro è un individuo a sé con le sue necessità specifiche impossibili da incasellare e generalizzare con formule e ricette valide per tutti. Nessuno meglio del bambino sa quanto cibo è sufficiente per lui.

Ma quindi quando possiamo dire che l’autosvezzamento è riuscito?

L’autosvezzamento non può riuscire o non riuscire, non può andare a buon fine oppure fallire, perché alimentazione complementare a richiesta (forse vale la pena di utilizzare più spesso questa definizione, che ci ricorda bene bene di cosa parliamo…) è solo il nome che diamo al processo spontaneo che porta al passaggio dal latte ai solidi, per sottolineare la differenza con la “maniera” – in senso di artificio – che ha imperato negli ultimi decenni. Diremmo mai che il processo per imparare a camminare non è riuscito? Diremo “ha camminato a 10 mesi” oppure “ha camminato a 18 mesi” e le due tappe, una volta raggiunte, saranno totalmente equivalenti.

“Ho provato prima con le pappe, che non voleva, poi sono passata all’AS, ma senza risultati”
L’autosvezzamento non può “non dare risultati”. Se ci si aspetta che l’autosvezzamento generi bambini mangioni, allora – senza peccare in leggerezza e dimenticare di osservare attentamente i nostri figli – sono l’aspettativa e la comprensione di cosa vuol dire lasciare che un bambino si svezzi da solo a dover essere rivisti.

Cosa fa allora l’autosvezzamento?

Stimola le famiglie a diventare consapevoli di quanto i loro figli siano competenti in merito alle loro necessità primarie.

Rossella: Non ti demoralizzare, ricorda che AS è andare incontro alle richieste del bambino. Se preferisce i passati, bene, mangiate tutti passati! Ma non far venir meno quelli che sono i cardini dell’AS: condivisione a tavola e non forzare il pupo. Non tutti possiamo mettere le foto del bambino che strafoga le tagliatelle, ma non per questo la scelta che siamo facendo è sbagliata!

L’autosvezzamento non garantisce che il vostro bambino sarà un mangione, ma aumenta la possibilità che il bambino cresca con un rapporto sano verso il cibo (e ti pare poco…).

Quello su cui si può essere sicuri è che l’autosvezzamento genererà dei genitori meno ansiosi perché vedranno i propri figli come persone competenti.


[toggle title_open=”Solo il mio non mangia?” title_closed=”Solo il mio non mangia? Leggi le esperienze degli altri genitori:” hide=”yes” border=”yes” style=”default” excerpt_length=”0″ read_more_text=”Read More” read_less_text=”Read Less” include_excerpt_html=”no”]

Dalla nostra pagina Facebook


G. chiede conforto:

Abbandono, amareggiata, l’autosvezzamento… Mia figlia compie 1 anno tra due giorni e non tocca niente di niente, mangia solo al seno e prende un bibe al mattino e uno prima di andare a dormire. Mi sono demoralizzata al massimo, ho seguito tutti consigli, l’ho lasciata fare, ma l’unica cosa che mangia con piacere è il pane. Ci sto malissimo.

Le risposte:

Alessia: Anche Fabio era così, dopo l’anno magicamente da un giorno all’altro ha cominciato a mangiare!

Serafina: La mia fino a 13 mesi non ha mai mangiato nulla di che, se non altro ha sperimentato…

Nadia: Oh la mia è andata di sola tetta senza alcun biberon fino a quasi 13 mesi. Ha iniziato pian piano a spizzicare qualcosa e solo un paio di mesi fa ha iniziato con un pasto decente e ha 19 mesi.

Lale: Mio figlio ha 20 mesi, ha iniziato ad assaggiare verso i 10 (dopo uno svezzamento tradizionale andato male) e ha fatto un pasto completo forse 4 volte. Ancora ciuccia la tetta, a volte non mangia, ciuccia e basta.

Simona: Anche il mio ha fatto così!!! Ora ha 14 mesi e da circa un mesetto mangia di tutto oltre alla sua amata tetta!! Idem una sua coetanea (nata due giorni prima), nemmeno il pane fino all’anno poi solo quello e da un paio di settimane ha iniziato con il resto!

Cinzia: Anche il mio fino a 1 anno non toccava cibo… spizzicava, ma pochissimo. Adesso da un mesetto, a 16 mesi, ha cominciato a mangiare di più, ma fino ai 12 proprio nulla.

Elena: Io con la mia ho provato auto svezzamento, ho provato pappe salate, pappe dolci, frutta, LA anche. Fino a 18 mesi non ha mangiato nulla se non latte materno. Ci sono bimbi più tardivi ma iniziano tutti.

Sabrina: Anche la mia bimba 1 anno è solo da poco che ha cominciato a “mangiare” ero anch’io demoralizzata e stanca come te, ora tutto sta andando per il verso giusto!

Gemma: Anche per me è stato un percorso lungo e lo è ancora! Ha compiuto un anno due settimane fa e mangia quando ne ha voglia!

Vivienne: Mio figlio grande non ha aperto bocca fino ai 19 mesi per nessun cibo solo per la tetta,adesso é un divoratore di tutto. Porta pazienza!

Laura: Mia figlia tra tre mesi compirà due anni e, se pure ha sempre mostrato una grande curiosità per il cibo e assaggiato di tutto, le quantità di cibo complementari al latte materno che assume sono ancora scarsissime! Perché preoccuparsi?

Dulcis in fundo:

Brigida: G. leggi questo bellissimo libro e ritroverai la serenità: “Il mio bambino non mi mangia. Consigli per prevenire e risolvere il problema” di Carlos Gonzalez. Ti riporto il consiglio fondamentale che questo bravissimo pediatra spagnolo scrive in quel libro: “Non obbligare tuo figlio a mangiare. Non obbligarlo mai, con nessun metodo, in nessuna circostanza, per nessun motivo“.

Manuela: Con lo svezzemento tradizionale vuol dire forzarla e farle buttar giù le pappe? Fai un regalo a te stessa e a tua figlia: datevi tempo. Ogni bambino è a sè, quando arriverà il suo momento mangerà, tranquilla. Ora non è pronta abbi fiducia e continua ad allattarla, vedrai che ti stupirà!

[/toggle]

 

 

 

Scopri l’autosvezzamento!

Iscrivendoti alla newsletter riceverai immediatamente l'ebook

Alimentazione complementare e paura del soffocamento
E se si strozza?

In più potrai scegliere tra:

  • Il minicorso sull'autosvezzamento
  • Le ricette della community
  • L'attività settimanale del blog
  • L'attività settimanale del forum

La tua privacy è importante.
Con noi la tua email è al sicuro!

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


There are 51 comments

Dicci come la pensi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *