Ci sono bambini… e ci sono bambini

[box]Pochi giorni fa sul New York Times è uscito un bellissimo articolo scritto da una pediatra americana che credo vi interesserà. Ve lo propongo in versione italiana quasi integrale (per brevità ho omesso alcune parti non essenziali). L’originale lo trovate qui, L’autrice si concentra principalmente sul sonno e non nomina il cibo, tuttavia quanto dice è facilmente trasferibile anche alle situazioni che alcuni di noi vivono attorno alla tavola e sono sicuro che aiuterà tanti a vedere con occhi diversi certi problemi che al momento sembrano insormontabili. Nei riquadri ombreggiati ho aggiunto qualche mio commento.[/box]

Neonato che piange è normale
Bambino che piange, da Wikimedia con licenza CC BY-SA 2.0

La mia secondogenita era una dormigliona. Il grande invece non ha dormito tutta la notte con regolarità fino a ben oltre i 2 anni.
[box]Alcuni potrebbero dire che è stata fortunata… Ad esempio, e non prendetela per una lamentela, la mia secondogenita ha cominciato a svegliarsi a 8 mesi circa e ha continuato così fino a verso i tre anni – ma nel nostro caso bastava una coccolina e tornava a dormire.[/box]Dal momento che il mio primogenito insonne è ormai è adulto, inutile discutere sul fatto che forse lo avremmo potuto abituare a dormire – ci abbiamo provato; abbiamo fallito; alla fine ci abbiamo rinunciato.

La dormigliona invece è stata una dormigliona sin dall’inizio. Si comportava proprio come dicono nei libri: dormiva sempre più a lungo tra le poppate, finché non ha dormito tutta la notte, e nonostante fosse ancora piccola, è diventata una dormigliona professionista.
È successo questo perché noi nel frattempo siamo diventati genitori migliori e meno ansiosi, e le abbiamo consentito di imparare a riaddormentarsi da sola? Era perché stavamo vivendo una vita più tranquilla? Beh no; anzi, direi che era vero il contrario; semplicemente, abbiamo avuto due bambini molto diversi.

Il mio lavoro consiste nel supervisionare i medici pediatri tirocinanti mentre imparano a offrire assistenza primaria, per offrire una guida ai genitori mentre cercano di districarsi tra tutte le difficoltà che bambini e lattanti presentano quotidianamente: sonno, mangiare, vasino, capricci, ecc. Insomma tutto ciò che plasma la vita quotidiana di un genitore alle prese con un bambino piccolo; e sto parlando di un bimbo sano e con un normale sviluppo.
L
a cosa più difficile da insegnare, soprattutto a chi non ha figli, è quanto quei bimbi sani e normali possano essere diversi fin dall’inizio.

Con i “miei” pediatri passo in rassegna i punti che aiutano a gestire varie situazioni così da stabilire una buona routine della nanna, a incoraggiare l’adozione di una dieta sana e varia, ecc. Ma a volte sembra che questi suggerimenti funzionino al meglio solo con i bambini e le famiglie che ne hanno meno bisogno.

[box]GRANDE verità. Se ci fate caso i vari metodi tendono a funzionare con i bambini più “accomodanti”, mentre con quelli più difficili spesso diventano fonte di scontro. Lo stesso vale per la tavola. In tanti dicono “ho cominciato con la frutta a 4 mesi e poi le farine ed è andato tutto bene, perché cambiare con il secondo?” Perché non solo non serve, ma se anche servisse non sai come sarà il secondo figlio e se questa routine sarà minimamente adatta; se invece non ne volesse sapere o desiderasse mangiare altre cose o in altri orari?[/box]

Ogni bambino è a sé – e possiamo fare finta di credere a questa frase senza pensarci troppo. La cosa difficile da capire è quanto “a sé”, quanto incredibilmente diversi l’uno dall’altro possano essere i bambini. Rimanendo all’interno della gamma di “normalità” da un punto di vista evolutivo, alcuni genitori dovranno affrontare un compito molto, ma molto più difficile della media: ore faticose, meno gratificazione, imbarazzo in pubblico. Questo è il grande segreto della pediatria – e della genitorialità:

i neonati e i bambini sono diversi;
i compiti dei genitori sono diversi
.

Sprechiamo un sacco di tempo a darci pacche sulle spalle – genitori e pediatri – quando i bambini più “facilmente” gestibili si comportano come viene loro naturale, mentre passiamo un sacco di tempo ad agonizzare e a cercare di incolpare noi stessi o altri quando sono i bambini più “difficili” a comportarsi come viene loro naturale.

[box]Altra GRANDE verità. Anche noi ci siamo cascati con la prima pensando che il fatto che fosse fondamentalmente tranquilla fosse merito nostro, mentre era lei che era fatta così. Ogni figlio rappresenta un compito potenzialmente diverso e due figli normali possono presentare “difficoltà” opposte, ma non per questo vuol dire che uno è normale e l’altro no.
Il primogenito comincia a mangiare voracemente a 5 mesi, mentre il secondo a 7 va ancora solo di latte? Entrambe queste situazioni sono normali.
Il primo mangia da solo da sempre, mentre il secondo vuole essere aiutato? Normale anche questo.  O magari “rifiuta il cucchiaino” o vuol prendere il cibo da sé, o non vuole mangiare proprio… tutte situazioni NORMALI, che spesso causano ansia nel genitore, ma solo perché al genitore nessuno si è premurato di dire che i bambini “normali” possono essere diversissimi tra loro. Così ecco come una situazione normale diventa causa di scontro tra genitore e bambino (dal quale di solito il genitore esce sconfitto).[/box]

Nel mio lavoro si parla molto di “temperamento”. Guardiamo il modo in cui un bambino – o un adulto – si colloca lungo una serie di assi: molto attivo o poco attivo; si adatta facilmente o si adatta con difficoltà; intensità, umore, capacità di rimanere attento. E anche se nessuno sostiene che queste siano caratteristiche fisse e immutabili, è anche vero che – come ogni genitore e insegnante conosce fin troppo bene – non si può trasformare il bambino A nel bambino B. Devi lavorare con il temperamento che ha il tuo bambino – è il tuo compito. E alcuni compiti sono più difficili di altri.
[box]L’autrice di questo articolo, santa subito![/box]
Una madre di due gemelli mi raccontava che uno era un angelo e l’altro un demonio, e poi ha iniziato a piangere. Un padre mi ha chiesto se sono a conoscenza di casi di divorzio perché un bambino non dormiva tutta la notte. Certo, alcuni di questi problemi riflettono determinate abitudini e pratiche genitoriali, il modo in cui quei bambini sono stati cresciuti e come i loro genitori hanno reagito in passato a quello stesso comportamento. Ma chiedete a qualsiasi genitore che si è trovato con due figli con temperamenti completamente diversi: non si scappa che almeno in parte è semplicemente questione di fortuna.

Ci sono bambini il cui livello di attività, o rigidità, o timidezza sfocia nel patologico, e questo complicherà la loro vita molto al di là delle normali variazioni di temperamento. Da pediatra, voglio prima assicurarmi che non ci sia davvero niente che non vada, ma quando vedo che è così faccio presente che il compito di allevare un bambino sano e normale può risultare molto più impegnativo di quanto quei genitori non abbiano sperimentato con il precedente – o sperimenteranno con il successivo.

La mia dormigliona si è poi rivelata una bambina difficile; era quello che potremmo chiamare una bambina “vivace”: incredibilmente ostinata, pronta a combattere fino alla morte su ogni piccola scelta, e soggetta a crisi “isteriche” periodiche e generalmente molto pubbliche – a volte ho pensato che mi avrebbero arrestata. E sì, ora che è adulta, posso vedere che molte di queste caratteristiche si sono tradotte in determinazione e forza di carattere. Ma guardando indietro, non sono sicura che ce l’avremmo fatta se non fossimo stati – almeno questo concedetecelo – ben riposati.

Beh, naturalmente ce l’avremmo fatta…

Da pediatra cerco sempre di aiutare e incoraggiare: anche il bambino più difficile si calmerà; anche i bambini più diffidenti verso nuove esperienze inizieranno a esplorare il mondo. E con il passare del tempo – anni che diventano decenni – la maggior parte di noi, genitori e figli, potranno guardare indietro e sorridere.

[box]Altra GRANDE verità. Quando sei un neogenitore ti sembra di stare dentro un tunnel dal quale non uscirai mai, ma di sicuro prima o poi l’uscita la troverai e poi potrai ripensare ai tempi passati addirittura con nostalgia – specialmente quando il neonato “terribile” sarà diventato un teenager…[/box]

Scopri l’autosvezzamento!

Iscrivendoti alla newsletter riceverai immediatamente l'ebook

Alimentazione complementare e paura del soffocamento
E se si strozza?

In più potrai scegliere tra:

  • Il minicorso sull'autosvezzamento
  • Le ricette della community
  • L'attività settimanale del blog
  • L'attività settimanale del forum

La tua privacy è importante.
Con noi la tua email è al sicuro!

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


There are 5 comments

Dicci come la pensi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *