Polpettine di quinoa, salvia e toma



 

[box style=”0″]

Era da un po’ che la categoria ricette taceva silente in un angolino, eh? Ma qualche tempo fa una mamma “autosvezzante” ci ha chiesto su Facebook se per caso ci serviva una mano per le ricette qui sul blog… Una mano? Ma anche due, guarda! E così a partire da questa settimana ospitiamo con immenso piacere le ricette di Genny Gallo di Al cibo commestibile, con le quali accompagneremo il vero protagonista lungo il suo percorso dal latte al cibo solido!
Il resto ve lo spiega lei… :)
Gloria[/box]

La domanda è: che ci faccio qui?

Ci faccio che qualche mese fa la nostra vita si è arricchita con un piccolo Ciucciolino, che ora si sta incamminando sulla via per diventare Mangiolo. Sta a tavola con noi da quando ha 5 mesi, e un mesetto fa, verso i sei, ha cominciato a sbracciarsi e ululare se non lo rendevamo partecipe. Sta seduto da solo e si fa capire benissimo, per cui abbiamo cominciato.

Insieme a mio marito abbiamo scelto di fargli fare questa strada nel modo più naturale possibile, rispettando i suoi tempi e le sue scelte…

Non è facile. Ogni tanto – lo ammetto, mettetemi alla gogna :D – mi chiedo se non sarebbe più semplice preparare una bella pappa con un bell’omogeneizzato o se mettendomi a fare l’aeroplanino il ragazzo ingurgiterebbe qualche cucchiaio in più dei primi 4 o 5 che gusta con entusiasmo.

Poi sullo sconforto vince la testa, e penso che si, forse ne “ingurgiterebbe” di più…ma intanto quei 4/5 cucchiai per ora li MANGIA, con attenzione voluta ai termini usati :D

Cucino per lui e per noi, con un’attenzione in più che prima non avevo… ci migliora sotto molti punti di vista questo ragazzo!

E cerco espedienti per fare in modo che possa mangiare da solo a volte (altre volte, lo ammetto, viene imboccato, ma è cocciuto e ama fare da solo, quindi ci vogliono tutti i trucchi  per aiutarlo senza che se ne accorga :D se ne conoscete…)

Queste polpettine per esempio. In realtà nascono come ripieno per delle cipolle al forno per noi…e le ho poi adattate alle esigenze delle piccole mani del piccoletto. Gli son piaciute. Una intera!! A nemmeno 7 mesi è stata una gran conquista vederlo sbocconcellarla :D (le altre due erano spiattellate sparse sul pavimento… credo accada anche da voi vero? :D)

Ma ecco la ricetta delle polpettine di quinoa, salvia e toma

5/6 cucchiai di quinoa lessata al dente
1 fetta spessa di pane casereccio semi integrale
circa 50g di toma d’alpeggio
sale
7/8 foglie di erba salvia
olio evo

  • Tritare in un frullatore il pane con la salvia e la quinoa.
  • Unire il formaggio tagliato a cubetti, un cucchiaio di olio, un po’ di pepe e di sale.
  • Unire anche un pochino di acqua, quanta ne basta per ottenere un composto morbido e cremoso (attenzione però, la quinoa difficilmente riuscirete a frullarla tutta, e va bene così, che i semini sotto i denti sono la parte piacevole :)).
  • Formare delle polpettine; se volete le potete rotolare nella farina di mais, ma non è indispensabile.
  • Porle su una teglia da forno e passarle a 180 gradi per circa 10 minuti, finché saranno dorate e croccanti.

[hr_3d]

Hai voglia di condividere le tue ricette con il resto della comunita’ autosvezzante? Contattaci qui o su facebook!

[hr_3d]

[box style=”0″]

Trovate Genny e le sue ricette sul suo blog Al Cibo Commestibile[/box]

.

Scopri l’autosvezzamento!

Iscrivendoti alla newsletter riceverai immediatamente l'ebook

Alimentazione complementare e paura del soffocamento
E se si strozza?

In più potrai scegliere tra:

  • Il minicorso sull'autosvezzamento
  • Le ricette della community
  • L'attività settimanale del blog
  • L'attività settimanale del forum

La tua privacy è importante.
Con noi la tua email è al sicuro!

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


There are 15 comments

Dicci come la pensi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *