Il leone come fa?



[box]R. ci ha inviato questo messaggio in cui racconta la sua preoccupazione per quello che, attraverso sua figlia, le sembra di vedere stia accadendo al nido che la piccola frequenta.
Vogliamo rispondere insieme alla sua richiesta di confronto? Voi che cosa le direste?[/box]

spalanca_la_bocca

Sono mamma di una bimba di quasi 20 mesi che allatta ancora al seno e che ha seguito un percorso di svezzamento naturale iniziato a circa 7 mesi. La bambina ha sempre mangiato di tutto con gioia e non è mai stata forzata in nessun modo a mangiare/finire il cibo proposto, anzi, nel momento stesso in cui dimostrava di non avere più fame o di rifiutare il cibo, io con un sorriso ho sempre portato via il piatto. È cresciuta benissimo anche se a volte, anche per settimane, mangiava poco e niente… Erano fasi e io le ho sempre rispettate. È sempre stata la gioia della pediatra, peso perfetto, anche sul cicciottello diciamo, ma comunque il SUO peso perché gestito da lei.

A 16 mesi decido di mandarla al nido ma proprio per queste (ed altre) mie esigenze specifiche opto per un nido in famiglia (pur dovendo sostenere costi più elevati e dovendo percorrere quasi mezz’ora di strada per raggiungerlo.
Parlo a lungo alla ragazza che lo gestisce di queste nostre convinzioni ripetendo all’infinito che la bambina non deve essere in nessun modo forzata, che non si devono fare giochi per farla mangiare e che il piatto va portato via nel momento in cui lei decide di non mangiare più. Lei mi risponde che condivide tutto e che assolutamente i bimbi non devono essere forzati, ecc…
Ero finalmente tranquilla e felice di aver trovato qualcuno che potesse continuare il nostro percorso.

Un giorno, dopo meno di due mesi di frequentazione del nido da parte di mia figlia, mentre la sto vestendo per portarla via, prende un peluche a forma di leone e me lo mostra sorridendo. La ragazza del nido dice: “Eh si, il leone! Dì alla mamma come fa il leone! Quando mangiamo dobbiamo fare la bocca grande grande come quella del leone così io la posso imboccare perché a volte apre la bocca poco poco che sembra un uccellino!”
Non so se riusciate ad immaginare il mio sgomento. Dopo tutti i discorsi fatti scopro che mia figlia viene “violentata” (passatemi il termine, è volutamente esagerato) in questo modo. In quei momenti mia figlia non aveva più fame (con me magari avrebbe voltato la testa ma con un’estranea ovviamente si faceva qualche remora e si limitava a socchiudere la bocca per cercare di non far entrare il cucchiaio….) e in tutta risposta le veniva fatto fare il leone per poi infilarle a tradimento il cibo in bocca!!!
Cercando di mantenere la calma spiego di nuovo che la piccola non deve essere forzata e che quando dimostra di non avere più fame deve essere lasciata stare. Vengo rassicurata….

Quasi contestualmente sia io che mio marito ci accorgiamo che nostra figlia continua a mangiare anche quando non ha più fame (era molto chiaro che mangiava per forza, tanto più che ce ne siamo accorti separatamente e poi per caso ne abbiamo parlato pensando fosse solo una nostra impressione, ma due impressioni fanno un fatto!), per noi era un’assoluta novità, figuriamoci… Poi inizia a dire “tutto!” indicando il piatto, anche i nostri come per dire che dobbiamo mangiare tutto… Inoltre quando finiva quello che c’era sul piatto diceva “bava!” (brava) e applaudiva ridendo. E se vedevo che non aveva più fame e chiedevo “amore non ne vuoi più?” lei mi stava a guardare come se non sapesse cosa dire (sembra assurdo, ma mi guardava come per dire: cosa devo rispondere mamma?) poi diceva “basta”….e subito dopo: “ancoa!” La mia bambina era confusa!! Altro sgomento!

Vado a parlare con la ragazza spiegando in maniera molto ferma che la situazione non mi piace e lei continua a dire che la bimba non viene forzata. Io spiego che ci sono tanti modi per forzare, ad esempio convincendola che chi mangia tutto è bravo! Lei mi rassicura e dice che forse vede come fa con gli altri bimbi visto gli altri genitori le dicono che deve insistere per farli mangiare (!!!). Io chiedo di cercare di invertire la tendenza, di darmi una mano, di non far vedere a mia figlia queste cose, anche se sono convinta le facesse ancora anche con lei. Vengo rassicurata…

A distanza di più di un mese mia figlia da un po’ di tempo quando non ha più fame inizia a spalancare la bocca e a mettere in bocca il cibo facendo “aaahhhmmmm” e ieri alla mia domanda “ma amore cosa fai?” la risposta è stata “bocca gande!” e io “ma perché?” e lei ha detto il nome dell’educatrice.
Interpellata si è come al solito innervosita dicendo che lei non fa nessun gioco e non la forza.

Vi prego ditemi se la situazione è irrecuperabile e cosa dovrei fare. Ho l’impressione che tutti i miei sforzi siano stati vanificati e che mia figlia abbia perso per sempre la capacità di autoregolarsi perché convinta che la cosa giusta sia sempre e comunque mangiare tutto.

Mi dispiace perché per tutto il resto la ragazza del nido è molto brava e dolce e mia figlia le vuole bene, ma è come se lei avesse le sue convinzioni e non rispettasse le mie anche se mi dice di farlo. Ma tanto nessuno può sapere cosa succede davvero e i segnali di mia figlia sono chiari.

Ditemi: sono pazza?? (se me lo dice chi fa aerei e danze tribali per far mangiare i propri figli non conta, ma se me lo dite voi ci credo e corro alla neuro!)

Scusate la lungaggine e grazie per qualsiasi consiglio mi potrete dare.

 

Scopri l’autosvezzamento!

Iscrivendoti alla newsletter riceverai immediatamente l'ebook

Alimentazione complementare e paura del soffocamento
E se si strozza?

In più potrai scegliere tra:

  • Il minicorso sull'autosvezzamento
  • Le ricette della community
  • L'attività settimanale del blog
  • L'attività settimanale del forum

La tua privacy è importante.
Con noi la tua email è al sicuro!

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


22 comments

  1. alexaleaia says:

    Sinceramente, a me sembra effettivamente alterato il rapporto della bimba col cibo, visto che a casa si sforza per mangiare quando non ha più fame, fa la bocca grande, e non sa se dire “basta” o “ancora”. Non vedo colpa dell’educatrice, probabilmente è vero che fa quello solo con gli altri bimbi i cui genitori sono di quell’idea, ma comunque viene immersa in un ambiente in cui vige il “bravo che hai finito tutto” ecc.
    Probabilmente nuoce proprio il fatto che siano pochi bimbi e che siano seguiti in modo ravvicinato secondo gli ordini dei genitori, se fosse un nido normale con tanti bimbi, non avrebbero forse né tempo né voglia.
    Comunque, se il nido va bene per tutto il resto, per le tue esigenze e per la bimba, stai tranquilla, non credo che questo la possa traumatizzare sul lungo termine. Non andare in guerra contro l’educatrice, semmai quando vedi gli altri genitori prova a capire come sono fatti e se si possa influire su di loro.

  2. Autosvezzamento - La pagina ufficiale di www.autos says:

    Maita Bonazzi, capisco il tuo punto di vista, ma devo ammettere che anche a me l'”apri la bocca, ecc. ecc” darebbe un po’ fastidio. Inoltre, non dimentichiamo che è possibile che i bambini non mangino perché hanno fame, ma per compiacere chi gli dà da mangiare (ovvero mangiano più di quello di cui hanno bisogno); per questo è importante mantenere un atteggiamento “neutro”. /Andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *