La ricetta del minestrone perfetto

Minestrone di verdure e legumi nel piatto
Buon appetito!

Questa è la ricetta del minestrone più buono dell’universo.
OK, diciamo il più buono dell’universo PER ME.
È la ricetta che fa mio padre, che a più di ottant’anni ancora lavora e cerca anche d’industriarsi per riuscire a prepararsi cose buone da mangiare (no, non ho preso da lui…).

Questo minestrone ce lo mangiamo con gusto ogni volta che andiamo a trovarlo; anche noi ci dilettiamo a cucinare zuppe di verdure, ma niente… questo non c’è mai stato verso di rifarlo uguale. Un fallimento dietro l’altro.
Ma nei giorni scorsi il nonno ci è venuto a trovare dall’Italia e alla fine della sua visita siamo riusciti a carpirgli il segreto: abbiamo cucinato insieme il suo mitico minestrone, che da oggi dichiaro chiamarsi ufficialmente

Il minestrone di nonno Fulvio

Tagliare le verdure per il minestrone
Mani che hanno lavorato tanto

(non è vero, non vedeva l’ora di insegnarmi come si fa, stavo solo cercando di creare un po’ di patetica suspense :D)

Gli ingredienti sono rigorosamente 12

  1. Fagioli borlotti (freschi o congelati 500 g, se secchi un po’ meno, da precuocere. No in scatola)
  2. Fave (come sopra)
  3. Piselli (300 g)
  4. Spinaci (un mazzetto)
  5. Bietola (4-5 foglione)
  6. Carota (2 o 3)
  7. Cipolla (2)
  8. Sedano (4 gambi)
  9. Fagiolini (2-300g)
  10. Zucchina (2)
  11. Pomodori (4 o 5 pomodorini piccoli)
  12. Patate (4 patate piccole o equivalente)

Io i fagioli borlotti quassù non li trovo, dopo tanto vagare quindi abbiamo usato i fagioli marroni, secchi, cotti in pentola a pressione mentre tagliavamo le verdure, e poi abbiamo buttato l’acqua di cottura – che altrimenti avremmo potuto usare – solo per non avere un minestrone marrone.

Le bietole sembrano proprio introvabili, quindi – a beneficio di quelli che come me vivono nel Regno Unito o in posti dove la bietola col piffero che la trovi – vi racconto che abbiamo usato delle verdure a foglia verde, larga e dolce (green leaves, le chiamano qui. Molto esplicativo, vero?) e si sono rivelate perfette.

Il segreto è tagliare le verdure in pezzi molto piccoli.

Tagliare le verdure per il minestrone in pezzo molto piccoli
E quando dico piccoli, intendo proprio piccoli

Questo era uno dei punti in cui sbagliavamo noi. Piccolo equivale a 4 mm di lato, non al nostro cm e mezzo! Insieme alla scelta degli ingredienti, la dimensione dei pezzi fa davvero tutta la differenza.

Procedimento

Mettere in pentola abbondante olio. Papà usa un trito di sedano carota e cipolla, che prepara e tiene congelato sempre pronto, ma noi non l’avevamo, quindi abbiamo buttato nell’olio caldo direttamente i prodotti congelati: fave e piselli, nel nostro caso. In questo modo li si scalda subito portandoli alla temperatura degli altri ingredienti. Si lasciano andare un po’, poi si buttano le verdure tagliate e precedentemente mescolate tra loro.

Verdure mescolate prima di cuocere il minestrone
Si mescola tutto lasciando insaporire le verdure con l’olio per alcuni minuti.

Dopodiché si aggiunge acqua. E qui sta l’altro segreto: aggiungerne POCA. Quanto basta per riempire gli interstizi tra un pezzetto di verdura e l’altra, deve essere a filo con la massa di verdure e legumi.

Salare e piacere e coprire. Potete aggiungere un pizzico di peperoncino se siete degli appassionati pure voi.
Lasciate cuocere in pentola a pressione per mezzora, o per un’oretta nella pentola normale.

Se proprio volete godervelo al meglio, lasciatelo ad insaporirsi almeno fino al giorno dopo.

Buon godimento da parte nostra e da nonno Fulvio :-)

Iscriviti alla newsletter e ricevi SUBITO

la NUOVA EDIZIONE dell’ebook sul soffocamento, “E SE SI STROZZA?”

Con noi i tuoi dati sono SEMPRE al sicuro e non verranno condivisi con NESSUNO.

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


SE LO MORDI, LO SCRIVI
Il diario dove registrare
giorno per giorno il VOSTRO autosvezzamento.
se lo mordi lo scrivi


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


11 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *