Lo yogurt fatto in casa



Lo yogurt fatto in casa

Spesso sul forum si è parlato di yogurt fatto in casa… altrettanto spesso si legge di insuccessi, di yogurt che non si coagulano, di attese oceaniche e così via.

Senza farmene un vanto, posso dire che lo yogurt a me riesce sempre e senza molte difficoltà; ecco quindi la ricetta per lo yogurt fatto in casa senza yogurtiera che uso da anni e che ho perfezionato con l’esperienza.

Fatemi sapere come viene!

1) Per preparare lo yogurt fatto in casa serve dello yogurt… Nel gergo formaggesco questo si chiama “starter” ed è molto importante scegliere quello giusto in quanto bisogna trovare i batteri più adatti. Ho provato a fare lo yogurt con diversi tipi di starter e vi consiglio senza ombra di dubbio lo yogurt greco (la marca non credo abbia importanza); ne basta veramente poco: 1-2 cucchiaini per 1-2 litri di latte sono più che sufficienti. Nel tempo ho sperimentato con diversi tipi di yogurt di marche diverse, ma i risultati ottenuti non sono stati ugualmente soddisfacenti e riproducibili nel tempo se confrontati a quelli ottenuti con il greco.

2) Scegliere un contenitore in plastica trasparente con un coperchio a chiusura grossomodo ermetica che avrete lavato molto bene (ad esempio in lavastoviglie) e dove metterete a fermentare lo yogurt. Un contenitore di quelli che si usano per conservare il cibo (tipo tupperware) va benissimo.

Siccome abbiamo a che fare con la riproduzione dei batteri è fondamentale
tenere tutto ben pulito per evitare che si moltiplichino anche i batteri “cattivi”.

3) Bollire il latte. La cottura del latte è un altro fattore importante. Ho notato che se non lo si fa i tempi di realizzazione dello yogurt si allungano a dismisura (vedi aggiornamento del 19-06-14 in basso). Di solito metto il latte sul fuoco in una pentola abbastanza grande (per evitare che esca) e da quando sta per uscire lo faccio “cuocere” per circa 10-15 minuti (ma anche 20-25 se non avete fretta e volete uno yogurt davvero cremoso). Non preoccupatevi; non dovete stare sempre lì a guardarlo… per non farlo andare fuori basta abbassare il fuoco e magari soffiarci sopra quando comincia a fare la schiuma. Il momento critico è proprio quando comincia a bollire; una volta superato questo momento cruciale abbassate il fuoco e vedrete che il latte bollirà piano piano senza creare alcun problema.

4) Raffreddare rapidamente il latte. Di solito riempo il lavandino di acqua fredda e ci metto la pentola dove ho fatto bollire il latte. Per sapere se ha raggiunto la temperatura giusta basta immergerci il dito mignolo e contare fino a 5; se non vi scottate, allora avete raggiunto la temperatura giusta, intorno ai 40 gradi, ma anche se lo lasciate freddare troppo si può utilizzare tranquillamente.

5) Stemperare lo starter in un paio di cucchiai di latte bollito, continuando ad aggiungere latte un poco alla volta fino a ottenere un miscuglio di latte e yogurt ben liquido (circa un bicchiere è sufficiente). Successivamente mettetelo nel contenitore prescelto e, utilizzando un colino per togliere la “panna”, aggiungete il resto del latte. Agitate bene con un cucchiaio per circa un minuto (attenzione: un minuto dura più a lungo di quanto non si pensi:)) e chiudete con il coperchio.

6) Mettere in forno che avrete preriscaldato a circa 40 gradi*. Dato che è difficile controllare la temperatura del forno quando è appena tiepido come serve a noi, metteteci anche un termometro di quelli che si usano per misurare la temperatura ambiente o, come faccio io, quello comprato a suo tempo (ah, beata innocenza:)) per misurare l’acqua del bagnetto. Fluttuazioni di temperatura sono, credo, inevitabili per cui provate a tenere il forno tra, diciamo, 30 e 50 gradi. Dopo un paio di volte ci avrete preso la mano e saprete come funziona il vostro forno per cui sarà tutto più semplice.

7) Mettete il timer o una sveglia a 3 ore e mezza. Quando suona andate a controllare lo yogurt. Senza toglierlo dal forno muovetelo leggermente e se vedete che la consistenza è ancora liquida, lasciatelo lì per altri 30 minuti prima di ricontrollarlo. Continuate così fino a che si è “solidificato”, ovvero notate che la consistenza è chiaramente più densa. A questo punto toglietelo dal forno. In caso ve lo dimentichiate non succede niente; al massimo avrà fatto più siero che poi potrete, volendo, scolare.

8) Lo yogurt fatto in casa è quasi pronto. Ora basta girarlo con un cucchiaio così da renderlo più cremoso e omogeneo. Non siate pigri e giratelo parecchio: aiuta ad addensarlo ed evita che continui a formarsi il siero. Di solito a questo punto ho ottenuto uno yogurt molto filante. Se volete potete consumarlo immediatamente altrimenti mettetelo in frigo. Il giorno dopo si sarà stabilizzato addensandosi ulteriormente (come si vede chiaramente nella prima foto… notare lo stecchino che rimane dritto!).

Yogurt fatto in casa9) Quando lo yogurt sta per finire, mettetene da parte 1-2 cucchiaini per farne di nuovo. Quante volte si possa ripetere il ciclo non lo so… personalmente sono andato avanti mesi senza dover ricomprare lo yogurt e quando è successo avevo fatto qualcosa di stupido io :)

Lo yogurt fatto in casa dura in frigo… non saprei… diciamo 1-2 settimane. Credo che in tutto sia successo una volta che l’ho dovuto buttare perché andato a male.

Forse a una prima lettura questa ricetta per lo yogurt fatto in casa senza yogurtiera potrà sembrarvi complessa e macchinosa, ma vi assicuro che è facilissima e si fa quasi senza pensarci.

I risultati sono ottimi, di fatti la (timida) assaggiatrice ufficiale, di cui vedete la mano, non si è mai lamentata nei due anni in cui l’ha provato :)

* Se il forno non consente di essere regolato a basse temperatura, potete usare una lampadina ad incandescenza da 40W, usando magari uno di quelle lampade da letto/scrivania con attacco a molletta. La mia costa circa €4.

PS (19-10-12)

Ho notato che è meglio se il latte “cotto” non lo fate freddare troppo. Se rimane intorno ai 40 gradi lo yogurt si fa molto prima e viene meglio.
Se invece il latte cotto si fredda fino a temperatura ambiente, c’è il rischio che lo yogurt fatto in casa non si rassodi, in quanto comincia a fare troppo siero. In ogni caso è perfettamente commestibile e, una volta finito, lo potete riutilizzare comunque per la volta successiva, ottenendo questa volta uno yogurt fatto in casa perfetto:)

Aggiornamento (19-06-14):
Per caso mi sono imbattuto in questa pagina dove in sostanza spiegano che per fare lo yogurt la bollitura del latte è indispensabile così da eliminare i batteri che non ci interessano e favorire la moltiplicazione di quelli che invece andranno a formare il nuovo yogurt e provenienti dallo starter. Se il latte non si bolle ci sarà invece una competizione tra vari batteri e si verrà quindi a creare un prodotto diverso dallo yogurt.
Interessante anche l’osservazione che non bisogna fare l’errore di vedere lo yogurt come fonte di vitamine (che con la bollitura vengono in gran parte eliminate) in quanto nessuno yogurt lo è. Cito dal suddetto articolo:

Alcuni penseranno che le vitamine, in questo modo, vengono distrutte: è vero, ma questo accade anche nello yogurt commerciale, inoltre le vitamine distrutte sono solo quelle termolabili, ma soprattutto bisogna capire che bisogna sempre scendere a compromessi quando si parla di alimentazione. Lo yogurt non è una fonte importante di vitamine, lo sono altri alimenti, quindi è inutile salvare poche vitamine ottenendo un prodotto più scadente! Il calcio e l’elevato indice di sazietà, i veri plus dello yogurt, rimangono intatti anche dopo trattamento termico (anzi, la sazietà è esaltata perché lo yogurt è più cremoso).

Tutto ciò collima con le mie osservazioni sperimentali. Quindi quando facciamo lo yogurt ricordiamoci di far bollire bene il latte!! :D

Aggiornamento 25-06-15

A proposito ancora della bollitura del latte, ho notato che se il latte bolle vigorosamente per almeno qualche minuto, alla fine ottengo uno yogurt ancora più cremoso e dolce in circa 3 ore. Per questo ora uso una pentola molto capiente, così il latte non esce fuori (beh, diciamo che non esce quasi mai…).

Quindi adesso faccio bollire il latte a fuoco vivace per 2-3 minuti e poi abbasso la fiamma e lo lascio a sobbollire per altri 10-12 minuti o giù di lì.

Scopri l’autosvezzamento!

Iscrivendoti alla newsletter riceverai immediatamente l'ebook

Alimentazione complementare e paura del soffocamento
E se si strozza?

In più potrai scegliere tra:

  • Il minicorso sull'autosvezzamento
  • Le ricette della community
  • L'attività settimanale del blog
  • L'attività settimanale del forum

La tua privacy è importante.
Con noi la tua email è al sicuro!

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


92 comments

  1. Eljona Dalipi says:

    A me mi ha sempre venuto bene solo con yogurt, un litro di latte con un yogurt piccolo. La mia domanda è:-i gemelli hanno 8 mesi e mezzo di vita, di latte posso usare quella fresca intera della mukki? Di yogurt ho preso vivi verde della Coop x provare, grazie!

  2. raffa says:

    L’ho fatto e le prime due-tre volte é venuto benissimo. L’ultima vinta, invece, pieno di piccoli grumetti. Da cosa dipenderà? É buono uguale, ma spiacevole alla vista.

    • andrea says:

      Non lo so di sicuro… Anche a me lo ha fatto per un periodo e potrebbe essere che lo starter sia “invecchiato” per cui bisogna ricominciare da capo oppure che il latte non è stato fatto bollire abbastanza.
      La prossima volta ricomincia da capo con dello yogurt fresco, ma ricordati di far bollire bene il latte così da eliminare tutti i batteri che non vuoi. Secondo me così puoi fare molte più iterazioni :)

      • Andrea says:

        Che vuol dire “nuovo”? Intendi dire che hai ricominciato da capo?
        Potrebbe essere che lo starter non era adatto oppure che non hai fatto bollire abbastanza il latte, così si sono moltiplicati anche altri batteri :)

  3. andrea_ says:

    anna bovo , onestamente non lo so… Non tutti i latti si comportano allo stesso modo. Ad esempio quello di capra ti darà uno yogurt meno denso e più filante. Puoi solo provare e vedere che succede, tuttavia non so se ne valga davvero la pena:)

  4. ElenaTonevaIvanova says:

    Ciao mamme! Io sono bulgara e da noi lo yogurt è un must di tutti i giorni, poi come sapore è anche diverso sia dal greco che da quello italiano. Noi l’abbiamo sempre fatto a casa, anche mia madre spesso lo faceva. Io ognitanto ma seguo un metodo mooolto più rapido e facile. Si fa bollire lo yogurt (io non lo lascio bollire, basta che comincia e lo spengo). Lo lascio freddare a temp. ambiente fino a quando diventi tiepido (la prova del dito). Poi lo metto nel contenitore (l’ultima volta ho usato uno in vetro con coperchio), aggiungo direttamente dentro 1-2 cucchiai di yogurt, giro tutto e dopo… d’inverno lo avvolgo in una o più coperte e lo lascio vicino ai termosifoni (se sono accesi). d’estate basta anche solo la coperta… e poi vado a dormire. La mattina dopo ho lo yogurt. Sicuramente non viene densissimo in questo modo ma dopo si può fare lo yogurt “scolato”, lo si mette in un canovaccio e si appende sopra il lavandino, così l’acqua va via e voilà! :D L’ultimo passaggio io non lo faccio mai ma mia madre spesso perché dopo può anche essere usato come panna acida ;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *