Le bugie nel carrello



Recensione di: Le bugie nel carrello
Scritto da:
Dario Bressanini
Price:
€10,71

Recensione di:
Valutazione:
4
Pubblicata il 17 luglio 2014
Ultima modifica: 17 luglio 2014

In breve:

Una rapida carrellata tra alcuni prodotti di uso comune e che spesso compriamo senza pensarci sopra, o semplicemente affidandoci a quello che ci dice il marketing

Le bugie nel carrello, autosvezzamento
Le bugie nel carrello è l’ultimo libro di Dario Bressanini, famoso blogger e autore del best seller Pane e bugie (che non ho letto, ma che dalle recensioni sembra essere migliore di questo).

Se vi interessa scoprire alcuni trucchi del marketing e fare chiarezza su certe leggende metropolitane che furoreggiano, specialmente in rete, allora questo è il libro che fa per voi.
Faccio un paio di esempi a caso:

  • Comprate la pasta fatta con la farina Senatore Cappelli perché si fa con un grano antico e autoctono, ritenendo che “antico” e “autoctono” siano necessariamente virtù? Pensatene un’altra, in quanto il grano Senatore Cappelli è stato creato utilizzando grani non locali all’inizio del XX secolo allo scopo di aumentare la resa. All’epoca è stato proprio questo nuovo ibrido a soppiantare specie pre-esistenti, ma poi con l’avanzare della tecnica è stato lui stesso sostituito da da grani più redditizi.
  • Vi piacciono i prodotti biodinamici? Pensate che il vino biodinamico sia migliore? Gli studi mostrano chiaramente come non ci sia alcuna differenza tra un prodotto biologico e biodinamico, eccetto che nel prezzo, naturalmente.

Il libro, diviso in due sezioni, contiene 14 capitoli: nei primi sette vengono smascherati altrettanti trucchi del marketing; negli ultimi sette invece ci vengono date alcune dritte per effettuare la spesa in modo più consapevole, anche se la differenza di impostazione tra le due sezioni è molto tenue.

Le bugie nel carrello è utile anche ai genitori in quanto risponde ad alcune domande classiche. Quella alla quale io non ero mai riuscito a trovare una risposta soddisfacente riguarda il tonno, a cui è dedicato un breve capitolo. Fa male o non fa male? Chi lo può mangiare e chi non dovrebbe? Senza rovinarvi la lettura del libro, vi posso anticipare che il suo consiglio è di mangiare sì tonno, ma di non abusarne – hhhmmm dove ho già sentito una frase così? :D.
Un’altra cosa di cui non sapevo niente è come mai il burro è di un certo colore e quali sono le differenze tra i vari tipi di burro. Queste sono considerazioni che tornano utili per scegliere con maggiore cognizione di causa quando ci troviamo davanti a uno scaffale pieno di burri di tutte le marche, prezzi e colori.
Altri capitoli che possono interessare in particolare i genitori sono quello sulla classificazione e le differenze sostanziali tra i vari tipi di uova di gallina e quello sull’intolleranza da lattosio.

Ovviamente leggere questo libro non fornisce il sapere assoluto su tutti i prodotti che mettiamo nel carrello della spesa – dopo tutto ne analizza solo 14. Il suo scopo, invece, è di mettere la pulce nell’orecchio del consumatore così che quando si troverà al supermercato, abbagliato da etichette multicolori corredate da claim quasi fantascientifici, si fermerà due secondi a riflettere su quello che ha di fronte e magari darà anche un’occhiata fugace al retro della confezione per vedere se c’è scritto qualcosa in piccolo. Di fatti sulla quarta di copertina leggo che in questo libro si scopre, tra le altre cose…

[…] che l’equazione “naturale=buono” è uno dei pregiudizi più radicati e più usati dalla pubblicità, che in un prodotto che l’etichetta descrive come “a chimica zero” i conservanti li contiene, che il prezzo di una bottiglia di vino ne influenza l’apprezzamento e che il tonno più buono non si taglia con un grissino”.

Il motivo per cui ho assegnato a questo libro “solo” quattro stelle e non cinque è perché diverse parti sono state già trattate nel suo blog (la cui lettura a mio avviso dovrebbe essere resa obbligatoria a tutti coloro a cui interessa saperne di più su quello che mangiano). Niente di male in tutto ciò, dopo tutto ci sono moltissimi approfondimenti che non si trovano in rete, ma forse mi sarebbe piaciuto leggere un numero maggiore di argomenti non già pubblicati su internet. Se non avessi conosciuto il blog, allora gli avrei dato senz’altro cinque stelle. Ciononostante direi che anche per chi è un lettore di Bressanini in rete Le bugie nel carrello valga in ogni caso i soldi che costa, quanto meno per avere un riferimento a portata di mano su determinati argomenti.

Scopri l’autosvezzamento!

Iscrivendoti alla newsletter riceverai immediatamente l'ebook

Alimentazione complementare e paura del soffocamento
E se si strozza?

In più potrai scegliere tra:

  • Il minicorso sull'autosvezzamento
  • Le ricette della community
  • L'attività settimanale del blog
  • L'attività settimanale del forum

La tua privacy è importante.
Con noi la tua email è al sicuro!

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


There are no comments

Dicci come la pensi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *