Fidati di me, sono un dottore!



Le pubblicità costano molti soldi

Mi sono spesso chiesto come un medico possa accettare di fare da testimonial per una qualche ditta o prodotto garantendone la qualità e, soprattutto, la necessità. Come fa il Dr. Tal de Tali, le cui conoscenze mediche sono chiaramente superiori alle mie, ad accettare di comparire in pubblico nella sua veste professionale per consigliare l’elisir Tuttobel che vi renderà i gomiti più lisci e vellutati di quelli delle vostre amiche? E soprattutto, come fa a farlo sapendo bene che quello che asserisce è a dir poco… una licenza poetica? Chiaramente viene pagato bene; cos’altro potrebbe essere? Dopo tutto l’attività è lecita, e se uno è tanto fesso da credere che l’elisir Tuttobel ti alliscia i gomiti, sono fatti tuoi. In fondo è solo pubblicità, no?

Fin tanto che si parla di cosmesi ci si può anche stare (forse…), ma come la mettiamo se si presenta davanti a noi una schiera di dottori che ci dicono che per crescere un bambino devi fare necessariamente X, Y e Z? Se poi questi medici compaiono su un immagine pubblicitaria con tanto di camice bianco, ancora meglio… Chi avrebbe mai il coraggio di dire che non hanno ragione? Per farlo non basta il fegato, ma anche una buona dose di incoscienza. Cosa stanno facendo questi medici, pubblicità o informazione?

I medici, anche i più scalcagnati, guadagnano bene, ma come per tutti noi, i soldi non sono mai abbastanza, per cui se ci capita di farne di più (e in modo perfettamente legale), chi siamo noi a dire che non dovrebbero farlo? Certo da un medico uno si aspetterebbe un modo di comportarsi ineccepibile – dopo tutto ha votato la sua vita ad alleviare le sofferenze e a curare il prossimo (e guadagna già bene) – ma forse questo modo di pensare è ingiusto nei suoi confronti: in fondo è un uomo come tutti gli altri, per cui se gli offrono una somma a cinque o SEI cifre non ci si può aspettare che la rifiuti (dopo tutto, concedetemi, si parla dell’Italia…).

Lasciando da parte la fetta di pubblico che è il target della campagna pubblicitaria, mi rivolgo al dottore vestito di bianco che con fare ammiccante e dall’alto di una foto con un bel logo al posto del sole, mi dice di fare questo o quello o di comprare una cosa piuttosto che un’altra. Come fa, caro dottore, sapendo che quello che consiglia altro non è che una pubblicità, ad avere il coraggio di presentarsi a noi nella veste di quello-che-si-prende-cura-del-prossimo? Se il messaggio che vuole trasmettere è così vero, non avrà problemi a trovare altri medici pronti a sostenerla a titolo gratuito nella sua opera di sensibilizzazione. Ma se non riesce a mettere insieme una tale dotta compagine, forse è segno che in quello che dice c’è qualcosa che non va… In questo caso non si sta facendo informazione, ma pubblicità.

Il pubblico si deve sempre ricordare che se qualcuno fa il testimonial per un’azienda, questi non dirà necessariamente ciò in cui crede, ma seguirà la “linea di partito”, quindi se è lui, il medico, a parlare o Miss Piggy dei Muppets, fa poca differenza. Che informazioni pensate di ricavare chiedendo a un portavoce di un produttore cosa pensa dei prodotti che vendono? Di certo non vi verrà a dire che non servono. È un po’ come chiedere al Dott. Tal de Tali di cui sopra se l’elisir Tuttobel vale gli euroni che costa…

C’è chi dice, “ma è solo una pubblicità” e forse ha ragione, ma come vi sentireste se a fare da testimonial ci fosse, presentandosi nell’esercizio delle proprie funzioni, che so, un sacerdote, un generale dell’esercito, un politico di grido o una qualunque altra persona in una posizione di responsabilità che lavora a servizio degli altri? Non so voi, ma io lo troverei di cattivo gusto.

Scopri l’autosvezzamento!

Iscrivendoti alla newsletter riceverai immediatamente l'ebook

Alimentazione complementare e paura del soffocamento
E se si strozza?

In più potrai scegliere tra:

  • Il minicorso sull'autosvezzamento
  • Le ricette della community
  • L'attività settimanale del blog
  • L'attività settimanale del forum

La tua privacy è importante.
Con noi la tua email è al sicuro!

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


25 comments

  1. LauraFracassi says:

    io sono d’accordo solo in parte. per quanto riguarda i medici in televisione il fatto che siano veri medici è tanto incredibile quanto l’efficacia del prodotto che vendono e quindi non mi spingono a comprare il prodotto. Per quanto riguarda i medici che nel loro studio consigliano un prodotto al posto di un altro io non ci vedo niente di male…il problema certo è la mala fede ma quella è ovunque: dal pescivendolo che ti da il pesce d’allevamento dicendo che è pescato o dal contadino che ti da le sue uova ed invece sono categoria 3 ma nessuno direbbe che il contadino non può vendere le sue uova. Tutto si riassume nella solita fiducia nel proprio medico e nella valutazione personale. Anni fa la ginecologa mi consigliò una crema idratante intima (non un farmaco) e si rivelò favolosa, il pediatra mi ha dato i probiotici per mio figlio ma mi ha illustrato lo studio scientifico che vi era dietro (e mio marito che è ricercatore ha detto che era valido), mi ha consigliato anche una crema per la sudamina di una marca famosa ma non pubblicizzata che non mi è piaciuta e non la uso più (mi aveva dato il campioncino e quindi non ho neanche speso soldi). I medici, se in buona fede, raccolgono informazioni sulla validità dei prodotti e condividono questa informazione….magari facendo “pubblicità” a quei prodotti realmente buoni ma meno conosciuti perchè non hanno reclame in tv.  E credo che questo sia molto utile se supportato dal senso critico dei genitori.

    • andrea_ says:

      @LauraFracassi Sì, indubbiamente hai ragione. Diciamo io mi riferivo a quei casi (dei quali si sente parlare spesso sia qui che sul forum) di genitori che vanno dal pediatra il quale ha sul muro il poster arancione e il mobiletto con il campionario… Certo, alla fin fine tutto si riduce alla domanda se hai fiducia o meno nella persona che hai davanti. Tu daresti un soldo di fiducia al tipo la cui foto è qui sotto?

      • LauraFracassi says:

        @andrea_ no, non gli darei fiducia…ma non do fiducia neanche a Banderas che mi giura che il pane della mulino bianco lo fa lui con le sue manine! (forse non lo sai ma in Italia la pubblicità della mulino bianco adesso ha come testimonial Banderas che fa il mugnaio e vive con una gallina?!?!). La domanda è: quando i medici non davano consigli, interessati o meno, sui prodotti la gente non aveva forse bisogno di essere indirizzata nella giungla di prodotti e quindi si diceva: ” ma guarda quel cane del mio medico, non mi consiglia mai un prodotto!”….insomma nasce prima il bisogno del medico di promuovere per interesse o l’interesse del paziente perchè gli si consigli un prodotto? nasce prima l’uovo o la gallina? (non quella di banderas…)

  2. Fede Riot says:

    No Andrea, sono poco più che pomate di bellezza :) ormai la farmacia è piena per 3/4 di orpelli perfettamente inutili, o acqua fresca. che però ti prescrive il medico con tanto di ricetta e tu, povera gnurante, ti fidi. quella ricetta per me vale quanto un volantino pubblicitario, né più né meno. ma d’altra parte ho visto con i miei occhi l’informatore portare i cornetti alla mia dottoressa… che gi ha risposto acida “ma guarda te dove arriva il marketing!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *