Il marketing del baby food



Vi siete mai chiesti come fossero le pubblicità del baby food di una volta? È proprio vero che le nostre nonne (o bisnonne) allattavano a lungo, senza tanti problemi e davano ai bambini il cibo della famiglia? Se queste pubblicità esistevano, come erano costruite? Su cosa facevano leva?

Io ogni tanto mi faccio un giretto su Google a curiosare, ma qualche settimana fa ero a casa di mio padre e ho iniziato ad aprire scatole e cassapanche alla ricerca di qualcosa; sono saltate fuori un bel po’ di vecchie riviste di cucito e ritagli che le donne di casa hanno collezionato in abbondanza nel tempo. Le ho sfogliate e mi sono divertita un sacco, indovinate un po’ dove m’è cascato l’occhio? :-)

Di strategie di marketing io non so niente, ma è vero che certe cose sono proprio lampanti…

Le cose su cui puntano oggi le pubblicità del baby food sono le stesse su cui puntavano 50 o 100 anni fa: le debolezze, la sensibilità e le ansie delle mamme: il sonno, la pancia piena, “il meglio per il tuo bambino”, l’enorme responsabilità di far crescere (e sopravvivere…) tuo figlio.

il meglio per il bambino, anni 60, pubblicità, marketing

Anche allora usavano nomi accattivanti, che richiamavano la cura, la mamma, che volevano dare l’impressione che usare quel determinato prodotto equivaleva ad essere buone madri. A comportarsi da vere madri.

pubblicità, baby food, anni 30

Puntavano sul rigoglio fisico, con immagini di bimbi paffuti e dall’aspetto sano (la morte perinatale e la malnutrizione erano affari seri cent’anni fa)…

pubblicità, baby food, anni 30

pubblicità, baby food, mellin, anni 30

…e sul successo nella vita. Tutte cose che desideriamo anche oggi, del resto…

“Eccolo… è vostro figlio, è già grande, è già famoso… Grazie anche a Mellin. Sono generazioni che i Prodotti Mellin preparano alla vita generazioni di persone, nel modo più sano, completo e nutriente e scientificamente più aggiornato. Date oggi a Vostro Figlio tutti i prodotti Mellin, gli daranno forza, capacità ed intelligenza per superare le prove e le difficoltà di domani.”

Ammappete!

pubblicità, baby food, mellin anni 60

Puntavano su quanto questi cibi fossero più ricchi/nutrienti/assimilabili/digeribili/bla bla bla, per crescere bambini migliori: con più cervello, con un corpo più sano, più performanti.

pubblicità, baby food, 1971

Puntavano sulla sicurezza. Oh, quante ce ne dicono ancora oggi su questa sicurezza! :)))) Le oasi del baby food si sprecano!

omogeneizzati, baby food, pubblicità, nestlè

E sottolineavano l’esperienza del produttore. Sono o non sono decenni… centinaia di anni che produciamo cibo per  bambini? Se non lo sappiamo noi cosa devono mangiare, chi altri?

baby food, pubblicità, nipiol, anni 60

E la modernità, lo stare al passo con i tempi. “Alimenti moderni e… razionali!” Razionali, eh! Guai a fare le cose a occhio, senza bilancino!

plasmon, baby food, anni 60

Infine, last but not least :-) mi raccomando… niente fai da te, affidiamoci agli esperti!
La vedete qui sotto a sinistra la figura importante e autoritaria del medico di famiglia, ben vestito e grondante d’esperienza? (non c’hanno mica messo il neolaureato…). Se lo dice lui che questa roba ci vuole, è di certo vero. Se non lo sa il dottore, chi lo deve sapere?

E adesso facciamo un bel giochino :-D

Trova le 10 piccole differenze:

pubblicità mellin, anni 30,

Non è cambiato granché, eh? :-D

He… certe ditte la sanno lunga, non per niente loro hanno fatto i miliardi e noi siamo qui a pettinare le bambole: se oggi organizzano i Lab della Nutrizione e della Crescita coinvolgendo i blog, 80 anni fa non erano da meno e distribuivano opuscoli che venivano pubblicizzati sulle riviste per signore.

pubblicità, baby food, mellin, anni 30

Questo metodo promozionale, insieme alla distribuzione di campioni gratuiti ai lettori delle riviste, era in voga già nella seconda metà del 1800. Anche qui… non è cambiato nulla.

Vi traduco un piccolo estratto dal libro Revolution at the Table: The Transformation of the American Diet, Harvey Levenstein [Oxford University Press:New York] 1988 (p.124) che ho trovato qui e che fa anche al caso nostro.

Gli opuscoli illustravano la chimica del latte e dell’alimentazione con un linguaggio chiaro ma piuttosto sofisticato, circondando il cibo che essi promuovevano di un’aura di scienza. Si dimostrarono efficaci nel convincere della validità dei cibi dell’infanzia di loro distibuzione non solo le madri, ma anche molti medici… Così, giunti negli anni ’80, diverse fonti hanno diffuso la crescente impressione che l’alimentazione artificiale sia sia scientifica che moderna.

Anche oggi la maggior parte dell’informazione che i genitori ricevono su come allevare i propri figli avviene attraverso gli allegati alle riviste, le ricerche sponsorizzate, le pubblicazioni che affiancano campagne promozionali.

Ci sarebbero un sacco di cose divertenti e interessanti da raccontare e leggere sul baby food nel corso dei decenni (se non dei secoli…), ma per ora ci limitiamo a frugare nel baule della nonna e a sospirare al pensiero che così com’è efficace oggi, il marketing degli alimenti per l’infanzia era efficace ieri e probabilmente lo sarà domani, basta andare a toccare  i punti giusti. Il benessere, la crescita florida, il sonno tranquillo, la visione del futuro, insomma la salute. E come dargli torto, alle mamme di oggi come a quelle di allora e di domani?
Ho scoperto l’acqua calda, lo so :))

La rete è piena di immagini e video di vecchie pubblicità, divertitevi anche voi a scovarle  ;)

Nel frattempo, se vi interessa una panoramica sul baby food e i sostituti del latte materno, leggetevi questo articolo, ne vale la pena.

P.S. Lo so che non c’entra niente, ma se pensavate che le pubblicità che fanno promesse impossibili siano una cosa di oggi, mi sa che vi dovete ricredere! Lollissimo!

pubblicità

 

Scopri l’autosvezzamento!

Iscrivendoti alla newsletter riceverai immediatamente l'ebook

Alimentazione complementare e paura del soffocamento
E se si strozza?

In più potrai scegliere tra:

  • Il minicorso sull'autosvezzamento
  • Le ricette della community
  • L'attività settimanale del blog
  • L'attività settimanale del forum

La tua privacy è importante.
Con noi la tua email è al sicuro!

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


47 comments

  1. Nicole Fontana says:

    Invece le pubblicità di oggi seguono le ultime tecnologie… Ieri mi è capitato di vedere l’app di una nota marca di baby food che da le ricette per pranzi e cene dei pupi in svezzamento utilizzando, ovviamente tutti i loro prodotti.

  2. Filippo Crostella says:

    dio mio…”meglio fingere di mangiare la sua stessa pappa…” “attenzione alla frutta secca” “evitare di seguire i ritmi dei grandi” (che vuol dire falli mangiare da soli e non con te a tavola). caspita. il dottor salari la sa lunga.

  3. Fede Riot says:

    sto Natale è una calamità! LOL PS incredibile come basti aggiungere “frutta e verdura” per acquistare credibilità anche se stai affermendo che pane e Nutella è una colazione sanissima

  4. Michela Baezzato says:

    Si si Noemi confermo anch’io…quest’estate al parco giochi: Emma gioca con un’altra bambina della sua stessa età (quasi due anni), la mamma della bimba seduta vicino a me esclama “che bene che sta sua figlia, intendo di corporatura! La mia invece è decisamente grassoccia” e io le rispondo “sa è anche questione di corporatura, la mia poi cammina da qua do ha 9 mesi e non sta ferma nemmeno quando dorme!” La conversazione continua e lei mi confida “ma penso anch’io, anche perché da quando mangia anche lei con noi faccio solo cose buone, pensi che ho iniziato a prendere tutto bio” intanto la figlia arriva e chiede la merenda….magia esce una merendina confezionata dalla borsa. Ovviamente anche la mia arriva a reclamare la merenda, ma dalla mia borsa esce una nocepesca o una carota a scelta… Il giorno dopo incontriamo di nuovo la stessa bimba…per merenda biscotti con tavoletta di cioccolata sopra… E così tutte le altre volte che l’abbiamo incontrata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *