Liofilizzati: 10 fatti e alcune considerazioni

Un approfondimento sui liofilizzati di carne per l’infanzia.

Questo è un esempio scelto a random di prodotto tra quelli trovati in rete.

10 Fatti

1) La liofilizzazione è un procedimento davvero complesso; è un mix tra congelamento a basse temperature ed essiccazione, e il prodotto finito è una polverina più o meno granulosa.

Gli alimenti che vengono generalmente sottoposti ad un processo di liofilizzazione sono: caffè, camomilla, succhi di frutta, tè, patate, frutta esotica, farmaci, alimenti per bambini e l’infanzia, oppure prodotti dietetici.

Esempi di utilizzazione sono il caffè istantaneo, il mangime per pesci, gli ingredienti per la preparazione di zuppe e piatti pronti, ecc.

2) Poiché gli alimenti liofilizzati occupano poco spazio, sono a lunga conservazione e mantengono intatte le loro proprietà nutritive e organolettiche, vengono anche utilizzati dagli astronauti in missione, le quali possono durare anche per molti mesi durante i quali non possono ricevere approvvigionamenti.

3) In Italia i liofilizzati per lo svezzamento vengono prodotti dalla Mellin (controllata dalla Danone Francese) e dalla Plasmon (controllata dalla Heinz tedesca). Non ho trovato altri produttori sul mercato.

4) Mellin e Plasmon sono marchi esclusivamente italiani, ma come ho detto sono controllate da due multinazionali. Guardando agli altri brand di proprietà della Danone e della Heinz (sono in tutto il mondo e vendono di tutto) nessuno sembra avere baby food liofilizzato in catalogo.

Per quanto abbia cercato (ma sono pronto ad essere smentito) non ho trovato altri paesi al mondo dove venga venduto il baby food in forma liofilizzata. Chiaramente non ho controllato tutti i paesi e tutte le marche e sottomarche. Ho controllato a random (e a seconda della lingua) in Europa, Nord America, Sud America, Australia e non ne ho trovato traccia. Non sono neanche riuscito a trovare una traduzione inglese del termine “liofilizzato” riferito alla prima infanzia. Ho chiesto anche a persone di lingua inglese che sono vissute in Italia, ma non lo sapevano.

5) Le varietà:

Mellin: agnello, coniglio, tacchino, manzo, vitello, pollo

Plasmon: agnello, coniglio, pollo, tacchino, vitello

(La Mellin fa anche il liofilizzato di cavallo e di struzzo, ma sono andati fuori catalogo)

6) I costi:

Entrambe le marche vendono solo confezioni contenti tre vasetti da 10g l’uno.

Ho trovato i liofilizzati Plasmon solo in un supermercato di un paesino marchigiano; costavano €3,79

La Mellin sembra essere più diffusa (ma potrebbe semplicemente essere che sono andato nei negozi “sbagliati”); i prezzi variano da €4,99 (in un supermercato di Roma) a €5,67 (in una farmacia del centro di Roma).

Facendo il conto, il liofilizzato della Plasmon costa circa €126/Kg

Il liofilizzato della Mellin una media di circa €178/Kg

Per praticità diciamo che i liofilizzati in generale costano circa €150/Kg (approssimato molto per difetto).

7) Cosa vogliono dire questi prezzi?

Sul sito della Plasmon dicono che 100 grammi del loro prodotto equivalgono a 220g di carne fresca di agnello e coniglio, a 230g di tacchino e vitello e 240g di il pollo.

La Mellin invece dice che 100g dei loro liofilizzati equivalgono a 220g di prodotto fresco per agnello, pollo, vitello e coniglio; per tacchino, e manzo la proporzione è 240g.

Per semplificarci la vita diciamo che 100 di liofilizzato equivalgono a 230g di carne fresca. Ciò vuol dire che comprando un liofilizzato acquistiamo carne che costa al consumatore più o meno €65/Kg.

Un filetto di bovino bio (non che il bio faccia molta differenza all’atto pratico, ma costa sicuramente di più) costa attorno ai €25-30/Kg.

8) Non sono riuscito a scoprire quali pezzi di carne vengano utilizzati. Ad esempio un manzo è un bel bestione… per fare il liofilizzato scelgono il filetto, il girello, la carne che useremmo per il brodo, un misto di tutto ciò o gli scarti? Chi lo sa…

Da dove viene la carne?

La Mellin non sembra dire nulla in merito, eccetto che la carne proviene da allevamenti italiani.

La Plasmon dice:

Cerchiamo strutture di allevamento con condizioni adeguate alla produzione di carni di alta qualità. Negli allevamenti ci prendiamo cura degli animali, nutrendoli con mangimi controllati e selezionati accuratamente per ogni specie animale, senza mai utilizzare scarti delle industrie alimentari in genere, anche se non stabilito dalla legge.

9) I grassi e il sale nei liofilizzati

I liofilizzati non sono esenti da grassi. C’è anche un pochino di sale, ma questo viene detto che è naturalmente presente ed è comunque molto poco. Dai loro siti web si scopre che questi contengono (per 100g di prodotto):

Tanto per dare un po’ di contesto, in questa normativa europea viene detto che la “carne macinata magra” per essere tale deve contenere un contenuto di grasso inferiore al 7% (ci sono molte altre normative, anche più recenti, ma dicono più o meno tutte la stessa cosa. Ho scelto questa perché più “facile” da leggere).

È interessante notare come i Plasmon abbiano molti più grassi, specialmente nelle varietà agnello e vitello. Queste hanno anche molti grassi saturi; in particolare l’agnello ha quasi il 50% di grassi saturi, il coniglio il 40% circa e il vitello un po’ meno del 30%.
La Mellin ha percentuali di grassi saturi inferiori e partono da livelli di grassi totali più bassi, in alcuni casi di parecchio.

10) Dal sito della Plasmon fino a poco tempo fa si leggeva (mia enfasi):

Grazie al processo di liofilizzazione, hanno un’elevata concentrazione di principi nutritivi in un volume ridotto. Per questo sono ideali se il tuo bambino ha delle piccole difficoltà ad abituarsi alle prime pappe o in caso di scarso appetito.

Per fortuna questa frase non c’è più, ma se la cercate trovate ancora diversi siti dove si vendono prodotti Plasmon che la citano.


Considerazioni

a) Al punto (2) ho detto che tipico dei liofilizzati è il mantenimento delle “proprietà organolettiche“, ma chiedo a chi ha provato il caffè liofilizzato… secondo voi è uguale al caffè preso al bar o a quello che fa la moka?

La Plasmon parlando degli omogeneizzati che produce dice che hanno tutti un “gusto delicato“. Non posso non chiedermi come la carne di agnello o coniglio possano essere ugualmente delicati di quella di pollo.

La Mellin invece ci dice che i suoi liofilizzati “Preservano il sapore” della carne.

b) Non sappiamo veramente da dove venga la carne, né che taglio di carne venga utilizzato. Tempo fa c’è stato un gran parlare del famoso pink slime americano; non voglio insinuare che il baby food venga preparato così o che contenga pink slime, ma sta di fatto che i produttori sono molto reticenti sulle modalità di preparazione e sulla scelta delle carni. Ho chiesto a diversi produttori di baby food e ho ricevuto solo risposte educate, ma fondamentalmente evasive.

L’immagine che ci vogliono vendere di oasi in cui gli animali pascolano liberamente al suono di musica celestiale e di processi quasi artigianali dove solo ed esclusivamente i pezzi migliori di carne vengono scelti individualmente per assicurarci che solo il meglio finisca sul piatto dei nostri bambini… è solo frutto della nostra immaginazione. Certo non dico che ci sia nulla di non sano in questi prodotti, ma se vedessimo i processi produttivi per quelli che sono (probabilmente fabbriche dove tutto è meccanizzato; pezzi di carne random che finiscono nei vasetti; processi di lavorazione della carne meccaniche che non hanno nulla a che fare con l’idea del macellaio di fiducia che ti dà la carne) non credo che le vendite salirebbero.

c) A cosa servono i liofilizzati? Dicono che vadano usati all’inizio dello svezzamento perché più digeribili, ma, se anche così fosse, servono per davvero?

Ad esempio questo articolo molto autorevole pubblicato sul JPGN afferma che

dall’età di 4 mesi le funzioni renali e gastrointestinali sono sufficientemente sviluppate per metabolizzare i nutrienti dei cibi complementari.

Nell’articolo non si dice da nessuna parte che gli alimenti devono essere preparati in modo speciale, né che debbano essere “facilmente digeribili”. Piuttosto si concentra sulle varie tappe dello sviluppo motorio e masticatorio del bambino dai 6 ai 12 mesi. Non viene data alcuna indicazione di cosa sia adatto o inadatto mangiare anche avviando lo svezzamento intorno ai 4 mesi.

Chiaramente, prima si inizia e più difficile sarà che il bambino possa nutrirsi da solo, quindi sarà necessario dargli cibo semi-liquidi (se non altro per aggirare il riflesso di estrusione), ma cercando in letteratura, per quanto abbia letto, non viene mai consigliato di dare qualcosa di industriale, né tanto meno qualcosa di “facilmente digeribile” come i liofilizzati. Se poi si vuole cominciare a 3 mesi, ovvero quando il bambino sicuramente non è pronto, allora forse il discorso cambia.

d) L’articolo di cui sopra prosegue dicendo che

“è improbabile che i lattanti europei siano afflitti da deficienze di macronutrienti durante il periodo dell’alimentazione complementare. Piuttosto c’è il pericolo che ne prendano troppi, e questo è un fattore potenzialmente preoccupante, visto anche l’aumento nel tasso di obesità infantile.”

Da notare come questa frase cozzi con il punto 10 della mia lista, dove invece di consigliare di assecondare il bambino, si insiste sulla quantità e l'”abituarsi” alle pappe, perpetuando l’errore/orrore di uno svezzamento medicalizzato in cui, di ciascun “principio nutritivo”, si deve ingerire una determinata quantità.

e) Di solito si dice che i liofilizzati si danno per “andare per gradi”, ma basta ricordarsi che per andare per gradi è sufficiente lasciare che il bambino si avvicini al cibo autonomamente, iniziando a mangiare un pochino alla volta perché pronto. L’autosvezzamento, infatti, è un processo orizzontale, non verticale come quello “tradizionale”. Comunque, anche in caso di svezzamento “medicalizzato” e “tabellare”, liofilizzati (e omogeneizzati) comunque non servono (vedi punto b).

Alla fin fine con i liofilizzati, ancora di più che con gli omogeneizzati, siamo di fronte a un’attività di marketing che fa, tanto per cambiare, leva sulle insicurezze e sulle paure dei genitori. Dopo tutto il genitore “inesperto” penserà: “cosa sono €5 davanti alla salute di mio figlio?” e “per i figli si fa questo e altro”, ma la rassicurazione che danno i liofilizzati è puramente opera di fantasia che i produttori (aiutati in questo da molti pediatri) ci vendono in confezioni da 10g cadauna. Insomma, comprando un liofilizzato, non garantiamo la salute dei nostri figli, ma compriamo un sogno. Pensate che carne di lusso super bio, extra magra e di animali che vivono in prati a 5 stelle si potrebbe comprare per €65/Kg. Altro che fettina di filetto…

Degli omogeneizzati si parla in quest’altro post.

Disclaimer: chi scrive ha fatto del suo meglio per cercare le informazioni rilevanti a questo articolo usando come fonte i siti web ufficiali delle varie case produttrici. Se qualcuno dovesse notare un’omissione o un’imprecisione, ce lo faccia sapere che provvederemo a correggere il testo.

.

Iscriviti alla newsletter e ricevi SUBITO

la NUOVA EDIZIONE dell’ebook sul soffocamento, “E SE SI STROZZA?”

Con noi i tuoi dati sono SEMPRE al sicuro e non verranno condivisi con NESSUNO.

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


SE LO MORDI, LO SCRIVI
Il diario dove registrare
giorno per giorno il VOSTRO autosvezzamento.
se lo mordi lo scrivi


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma


109 comments

  1. Viviana says:

    Non capisco come si faccia a proporre ad un bebe di “masticare” quando madre natura non ha ancora provveduto a fornirgli gli strumenti per farlo. Non mi si venga a dire che le gengive sono idonee alla masticazione di carne, pastasciutta, pezzi di frutta ecc. ecc. Questo potrebbe valere per un anziano che ha perso i suoi denti, ma non può valere di certo per un cuccioletto che

    ha le gengive grosse e gonfie, magari spezzate dalla prima dentizione. Io ho settant’anni e il tempo mi ha fatto perdere i molari e i premolari. Per quanto le mie gengive siano diventate dure, esse non possono masticare un bel nulla. L’unico scampo sono stati i ponti dentali inseriti dal dentista e adesso viaggio verso la dentiera, anzi i medici dentisti insistono per impianti endossei perché…”è necessario masticare bene, cara la mia signora!”. In effetti, in attesa di decidermi a sedermi sulla odiata poltrona odontoiatrica, il medico internista mi ha intimato di omogeneizzare le fettine di carne o di assumerla tramite il liofilizzato. Tanto, per evitare di ricadere nel giro di due mesi in una micidiale anemia da carenza di B12 come mi accadde qualche anno fa, proprio perché le mie gengive durissime ma sdentate non riuscivano a processare correttamente la carne che pur abbontantemente trangugiavo. E le verdure come le mangio? Frullate nel minestrone! E la frutta? Frullata! Ho imparato a consolarmi concedendomi qualche gelato variopinto e variegato in più. E l’ ematologo è contento. Però questa ridicola storiella dell’autosvezzamento che ho letto ormai in lungo e in largo, che ho visto praticare col risultato di vedere solo arresti di incremento ponderale o conflittualità generalizzata dovrebbe a mio modestissimo avviso darsi una pausa di riflessione. Ma siete tanto sicuri dei risultati nel lungo termine? Siete tanto convinti di seguire il normale andamento dello sviluppo naturale dell’essere umano? La dentatura da latte si completa generalmente entro il secondo anno di vita e il cucciolo di uomo sarà allora pronto per la sua buffa ma pressoché sicura masticazione e masticherà come ha fatto homo sino a qui. Intanto andrebbe lasciato crescere ché ogni programma è già inscritto nei suoi geni e circuiti cerebrali. O si pensa magari che” la funzione crea l’ organo” e che se non mastichi come l’orso entro l’anno di vita non masticherai più? Se così fosse penso che il povero Darwin stia rivoltandosi nella tomba pensando d’ aver tanto osservato e riflettuto per niente. Mah! Penso anche alle mie nonne e bisnonne che nutrivano i loro figli masticando per loro e poggiando con infinita cura ed amore il bolo nella bocca dei loro cuccioli.Non mi permetto neanche per tutto l’oro del mondo di pensare che sbagliavano! Nessun edotto convinto assertore della masticazione precoce, dei “tagli sicuri” mi convincerà mai che le donne che ho visto piangere ricordando quei momenti della loro durissima maternità in cui rinunciavano al loro boccone per far crescere come dovuto i loro figli erano in torto. No! Sarebbe un insulto insopportabile a tutti coloro che ci hanno preceduti patendone di ogni colore. Io mi chiedo se non ci sia una strisciante visione del bambino come “piccolo adulto” così come fanno pure molti mercanti di abbigliamento per bambini, molti giocattolai. Diffondere idee personali sarà pure lecito, ma bisognerebbe adottare atteggiamenti molto prudenziali quando si trattano argomenti delicati come il cibo e la nutrizione. Già questo ambito conta troppe vittime dei disturbi alimentari. Perché tessere altre ragnatele? Tutti abbiamo mangiato latte, farine lattee magari cotte in casa, pancotto, pan morbido, carne sminuzzata finissima con la mitica mezzaluna da madri che crescevano comunque tre, quattro figli e lavorano nei campi e nelle fabbriche che non abbiamo più. Una volta tanto che magari il nostro tribolato paese ne fa una giusta come quella della liofilizzazione, dai che gli si dà contro. Perché invece non invitare gli altri a fare come noi? Modestamente penso che anziani sdentati e cuccioletti d’ uomo perplessi e magari indeboliti dai “bocconi delle meraglie” sarebbero un po’ più rassicurati e felici. Io da mamma non ho mai pensato che ” devo farmi il corso della protezione civile per affrontare il rischio soffocamento”; da nonna non ci dormo la notte col pensiero del boccone di traverso, col pensiero di dissimulare l’ ansia “da boccone”. Boccone peraltro non proprio gradito se non lo prepara il ristoratore dell’agriturismo che sa ben farsi gli affari suoi, mica è fesso. Come si può d’altronde pretendere che madri che rincorrono luminose carriere, che hanno passato la vita precedente a studiare, a seguire master di ogni sorta, a passar spensierate vacanze in giro per tutto il pianeta, a tirar l’alba in discoteca, a sgomitare per affermarsi come donne capaci di essere più in gamba dei colleghi maschi e via dicendo possano d’ un tratto diventare cuoche di ricettine sane, semplici, valide per tutta la famigliola. Quale ” pasto assieme ” se il piccolo lo vedono solo a sera? E subito dopo hanno una gran voglia di uscire a ” vedere un po’ di gente”?
    Penso con tristezza immensa e gelida disperazione a quanto sono dannose le “mode”, le “culture” correnti che di acculturato hanno ben poco; penso che troppi sono gli innocenti che ne pagano le conseguenze, penso che non s’è mai vista la faccia di coloro che pensano lontano, e da molto lontano, al lauto ritorno nelle loro abominevoli tasche che “innovazioni” d’ogni sorta procurano; penso alla stolidita’ di chi segue ciò che è alogico, penso alla fredda cattività di chi tira le fila, penso alla vergognosa inconsistenza di chi nasconde dietro a parole frammentarie prive di aderenza la poca voglia d’ impegnarsi, di amare, di dedicarsi.

    • Andrea says:

      Viviana, la differenza fondamentale è che un bambino si nutre ancora di latte. Il cibo solido è un di più. È poi, perché dovergli dare una fettina che è difficile per gli adulti? Se deve mangiare un po’ di carne cose come spezzatino o un po’ di coscio di pollo vanno benissimo. ;)

  2. NICOLETTA says:

    buongiorno,
    sono contenta che si inizi a parlare dei liofilizzati.
    Lavoro per Lyo Italia, azienda leader in Europa ed unica in Italia per la produzione degli alimenti liofilizzati.
    Devo correggerla quando parla di CHIMICA perché nel processo di liofilizzazione di CHIMICO non c’è proprio nulla!!!
    l’alimento passa dallo stato solido a quello gassoso tramite la sublimazione che permette alle sostanze organolettiche, al colore, al sapore, di rimanere inalterate.

    Perché dare ai neonati i liofilizzati?
    -perché i valori nutrizionali ed organolettici sono pari al fresco; ma senza coloranti, senza conservanti né aromi …. Vi sembra poco????? il vostro macellaio di fiducia vi dà le stesse garanzie???

    il costo della liofilizzazione è alto perché la materia prima usata deve essere di ottima qualità ed inoltre il processo di liofilizzazione ha un costo molto elevato di energia elettrica.

    per info non esiti a contattarmi
    Nicoletta Bonza
    sales manager
    Lyo Italia srl

    • Andrea says:

      Cara Nicoletta, ho provveduto a togliere la parola “chimico” che effettivamente è può risultare fuorviante nel contesto (anche se la chimica è dappertutto, compresa la sublimazione).

      Comunque, se la carne che utilizzate è così buona, perché non me la vendete fresca così me la compro e me la cuocio come mi pare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *