Pane dolce al cioccolato e frutta secca

pasta madre, pane dolce, pane colazione, pane cioccolato, lievito madre
Da un annetto a questa parte siamo stati contagiati pure noi, e qui a casa siamo completamente entrati nel loop della pasta madre.
Complice il fatto che il pane da queste parti non è che sia un granché (questa la nostra ricetta del pane con pasta madre), che la pizza come si deve te la puoi proprio scordare e che ogni tanto veniamo colti da attacchi di nostalgia canaglia dei buoni dolci italici (mmmh…), in questa casa non si fa altro che sfornare. Da una parte c’è il precisino con le ricette studiate, le percentuali precise, le dosi matematiche… e dall’altra ci sono io, più stile:

“Che fai?”
“Mboh… qualcosa, poi vedi…”
“E la ricetta?”
“Mah, niente, me la invento… un po’ di questo, un po’ di quello… firulì firulà”
Mani nei capelli!

Sì, OK, in effetti può accadere che il risultato dei miei esperimenti non sia proprio da ripetere, diciamo così, ma stavolta ce l’ho fatta, evviva! Dopo ripetute prove, con sommo gaudio vi presento il mio pane dolce con farcitura al cioccolato e frutta secca!

Per l’impasto:

  • 100g pasta madre solida
  • 200g farina per pane
  • 100g farina manitoba
  • 100g acqua
  • 125g latte
  • 50g zucchero
  • un pizzico di sale

Per la farcitura io ho usato:

  • 30-40g cioccolato fondente 70% tagliato a tocchetti
  • 30g albicocche secche a cubetti
  • 20g mandorle sbucciate
  • una manciatina di semi di zucca
  • una manciatina di mirtilli rossi secchi
  • frutta candita (quantità non pervenuta! Diciamo “un po’” :-D)

Procedimento

Impastare gli ingredienti tra loro; in genere prima ammorbidisco un po’ la pasta madre con l’acqua tiepida, poi aggiungo circa metà della farina e lo zucchero, impasto un po’ alla buona e solo poi aggiungo il resto della farina e il sale (dicono che il sale non debba mai venire a diretto contatto con il lievito, e io eseguo). Quando l’impasto ha incordato bene – uso il frullino elettrico e mi ci vogliono circa 10-15 minuti – aggiungo la farcitura e finisco impastando a mano. Sulla farcitura vi potete sbizzarrire come meglio credete, è proprio qui il bello! Il cioccolato comunque ci sta una meraviglia.
Dare le pieghe e lasciare riposare per una mezzoretta, poi mettere l’impasto in una ciotola (io la copro con la pellicola) a lievitare in frigo per 18-20 ore. Tirare fuori dal frigo un paio d’ore prima di infornare e lasciare riposare a temperatura ambiente, dare la forma alla pagnotta, inciderla a piacere e poi infornare a 220-240 per 35-40 minuti. Questo dipende molto dal vostro forno, il nostro è molto aggressivo e tende a bruciare sempre nello stesso punto, per cui lascio il pane cuocere 10 minuti circa e poi lo copro con l’alluminio per il resto del tempo. Si potrebbe anche fare il contrario, cioè coprirlo e poi scoprirlo gli ultimi 10 minuti, ma non ho ancora provato. Vedete un po’ voi come vi ispira di più.

In questo modo, se preparo l’impasto il venerdì sera, posso infornare il sabato sera, lasciar raffreddare tutta la notte e avere la colazione pronta per la domenica mattina! Mezza fetta di questa bomba di energia ti tira avanti per buona parte della mattina se non tutta.

Fatemi sapere come vi viene, mi raccomando. La ricetta è in divenire e si può modificare nel tempo per renderla sempre migliore, quindi se avete suggerimenti per migliorare il procedimento o osservazioni di ogni tipo, fatevi sotto che qui c’è bisogno di affinare la tecnica! :-D

 

Scopri l’autosvezzamento!

Iscrivendoti alla newsletter riceverai immediatamente l'ebook

Alimentazione complementare e paura del soffocamento
E se si strozza?

In più potrai scegliere tra:

  • Il minicorso sull'autosvezzamento
  • Le ricette della community
  • L'attività settimanale del blog
  • L'attività settimanale del forum

La tua privacy è importante.
Con noi la tua email è al sicuro!

COS'È L'AUTOSVEZZAMENTO E PERCHÉ È DAVVERO PER TUTTI.
Con oltre 140 ricette per TUTTA la famiglia


autosvezamento per tutti


BABY FOOD, BIOLOGICO O CONVENZIONALE?
Per aiutare a districarci c'è...
la questione cibo


IL LIBRO CHE TUTTI I GENITORI DOVREBBERO LEGGERE
Nella RECENSIONE vi dico perché...
amarli senza se e senza ma




There are 20 comments

Dicci come la pensi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *